Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Testimonianze di esperienze del giudizio di Cristo

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Array

La ricerca non ha prodotto risultati

`

79. Correggere sé stessi prima di correggere gli altri

Chongxin Provincia di Shanxi

In una comunione viene detto: “Leader e operai devono avere un cuore amorevole, pazienza, comprensione e trattare le persone correttamente. Devono condurre i loro affari secondo i principi della verità e trattare la gente equamente” (“Dodici problemi che tutte le Chiese hanno bisogno di risolvere con urgenza” in Annali scelti delle disposizioni operative della Chiesa di Dio Onnipotente). In passato, non avevo mai prestato molta attenzione ai passaggi sulla comunione riguardanti il comportamento umano di dirigenti e lavoratori, il lavoro secondo i principi della verità e trattamento equo delle persone, perché ho sempre creduto di essere abbastanza umana. Non ero come la maggior parte della gente doppiogiochista e falsa del mondo secolare. Inoltre, da quando ero diventata leader, non avevo represso le opinioni degli altri o escluso alcuno dal dialogo. Essendo questo il caso, mi vantavo di essere onesta, giusta ed equa. Ogni volta che sentivo parlare di leader falsi e di operai che non trattavano le persone in modo equo o facevano favoritismi, reprimendo ed escludendo gli altri nel contempo, storcevo sempre il naso. Pensavo che tali leader e operai dovevano essere veramente disumani e, quindi, non qualificati a servire come tali. Solo dopo alcune esperienze recenti che hanno esposto la mia vera natura e mi hanno consentito di comprendere me stessa, mi sono resa conto di non essere la persona onesta e giusta che pensavo di essere. Ho scoperto invece che stavo trattando la gente in base a emozioni e preferenze. Alla ricerca del mio tornaconto personale, ero altrettanto furba, astuta, egoista e maliziosa come chiunque altro. Solo attraverso il giudizio e il castigo della parola di Dio mi sono resa conto che il modo più vantaggioso, più equo e giusto di trattare le persone è agendo secondo i principi della verità. Inoltre, ho capito l’importanza fondamentale, in qualità di leader, di trattare le persone equamente.

Nel giugno del 2013 viaggiai in un’altra provincia per collaborare su alcuni lavori della Chiesa. In questo distretto, uno dei due dirigenti era una sorella della mia città natale, “sorella A”. In passato, avevamo collaborato insieme in varie opere e avevamo un ottimo rapporto. Come potete immaginare, ero felicissima di rivederla così lontano da casa e dopo tanto tempo. L’altra leader, “sorella B”, era stata appena eletta come tale ed era più introversa ed equilibrata. Era stata promossa proprio quando noi leader stavamo andando in ritiro per la meditazione spirituale. Successe che io e le due sorelle ci ritrovammo a trascorrere il nostro ritiro presso la stessa famiglia ospitante. Dato il nostro passato, io e la sorella A eravamo naturalmente un po’ più in confidenza fin dall’inizio. Abbiamo personalità simili, cioè siamo entrambe completamente estroverse, quindi per natura mi piaceva molto ed ero molto disposta a collaborare in caso di problemi. In seguito, cominciai a rendermi conto che questa relazione confidenziale che avevamo non era l’ideale per la nostra opera e non era reciprocamente vantaggiosa, così iniziai a trattenermi intenzionalmente, a ribellarmi contro la mia carne. A quel tempo, ero molto preoccupata perché le due sorelle non lavoravano bene insieme; entrambe avevano i loro pregiudizi. Ogni volta che la sorella B si assoggettava a limitazioni, facevo in modo di comunicare con lei e darle incoraggiamento e guida. Inoltre, trascorrevo intenzionalmente meno tempo con la sorella A per paura che la sorella B si sentisse esclusa o infelice. Ogni volta in cui notavo che la sorella A esibiva la sua indole arrogante e presuntuosa, mi occupavo di lei correggendola senza la minima esitazione. Non la favorivo, né la proteggevo solo perché noi due eravamo amiche intime. … Così facendo, pensavo di trattare le mie sorelle equamente e in linea con il proposito di Dio. Non capivo me stessa, ma Dio capiva le mie intenzioni. Nei giorni successivi, Egli avrebbe svelato la mia vera natura satanica, scacciando la mia oscurità interiore alla luce del giudizio.

All’inizio del nostro ritiro, per assicurarci di finire il nostro lavoro rapidamente per dedicarci alla meditazione spirituale, distribuimmo il lavoro tra noi tre, in parti uguali: la sorella A sarebbe stata responsabile dell’organizzazione e dell’esecuzione di tutti gli affari esterni, mentre io e la sorella B saremmo state responsabili di occuparci di eventuali problemi all’interno delle chiese. Su un progetto, avevo trascurato i miei doveri, omettendo di comunicare i particolari del progetto alla sorella e lasciando che si arrangiasse da sola. Dopo che lei ebbe completato il progetto, omisi anche di riesaminare il suo lavoro e, di conseguenza, vi furono alcuni problemi con il progetto. Nel periodo immediatamente seguente, il nostro dirigente ci scrisse una lettera che indicava i nostri errori e le nostre intenzioni. Ero molto addolorata e pensavo: “Dopo essere appena arrivata qui, ho già fatto un errore così elementare; sono una buona a nulla e mi sono comportata da perfetta idiota! Cosa penserà ora di me il leader? Dirà forse che mi manca la verità e sono incapace di eseguire il lavoro?” Mentre pensavo a tutto questo, provai improvvisamente un profondo rancore verso la sorella. Non sopportavo che mi avesse fatto fare la figura della stupida. In questo nuovo ambiente, avevo trascurato di imparare dai miei errori e non ne avevo preso nota per correggerli. Inoltre, non ero disposta ad addossarmi la responsabilità e, per preservare il mio status e reputazione, andai contro la mia buona coscienza e commisi un atto spregevole, ovvero addossai tutta la responsabilità sulla sorella. Non potevo credere di aver commesso tali atti vili, che razza di persona ero? A questo punto, potevo sentire il rimprovero dello Spirito Santo e la condanna nella mia coscienza. Tuttavia, il mio cuore s’induriva nel pensare a come la sorella aveva danneggiato la mia reputazione e la mia posizione. Non solo non riuscivo a mettermi a nudo davanti alla sorella, ma la disprezzavo segretamente e mi dedicavo ai miei secondi fini nella nostra comunione della parola di Dio. Se non incolpavo palesemente la sorella, mi sottraevo subdolamente a ogni responsabilità incolpando la sorella in modo che tutti pensassero che il problema era il risultato delle sue malefatte. Giudicai persino la sorella a sua insaputa, mettendo in discussione che lo Spirito Santo operasse su di lei e che fosse in grado di svolgere questa opera. Alla fine, successe quello che doveva succedere: Dio mi disciplinò e cominciai a soffrire di afte. Tuttavia non cambiai atteggiamento, restando incrollabile nella mia ribellione contro Dio e disprezzo per la sorella. Non praticavo la verità e divenni una persona ingiusta, completamente incapace di trattare la sorella in modo equo. Guardavo con disapprovazione tutto il suo lavoro; mi sembrava che non potesse fare niente di giusto. Avevo perso ormai da tanto il mio spirito iniziale di sostegno amorevole e la trattavo con un atteggiamento tiepido. Sapevo che c’era qualcosa di sbagliato nel mio atteggiamento, ma la mia natura satanica mi rese incapace di affrontare i fatti e assumermi la responsabilità dei miei errori. Invece usavo la mia posizione per manipolare e disciplinare i miei inferiori, vivendo con la regola che “si fa quello che dice il capo”; questa massima velenosa certamente scaturiva dalla bocca dello stesso gran dragone rosso. Il modo in cui trattavo la sorella non era diverso dall’autoritarismo tirannico del gran dragone rosso. Nelle mie azioni, si poteva vedere la completa rivelazione del brutto volto spettrale di Satana. In un primo momento, la sorella non reagì negativamente. Nonostante il trattamento, cercò di vedere il proposito di Dio e di diventare proattiva. Tuttavia, non riuscivo a lasciar perdere: ogni volta che qualcosa mi ricordava dell’“incidente” nell’opera che svolgevamo, dovevo sempre menzionarlo per affrontarla. Gradualmente, la sorella divenne meno proattiva nel suo lavoro. Era titubante all’idea di fare qualcosa per conto suo e non era in grado di collaborare completamente. Quando vidi come si comportava, mi arrabbiai moltissimo. Poi, quando divenne chiaro che le due sorelle stavano avendo problemi di collaborazione, persi completamente la pazienza. Pensavo tra me e me: “Sono venuta qui per sostenere le due sorelle nel loro lavoro, ma in tutto questo tempo non sono stata in grado di risolvere i loro problemi; tutto ciò non mi rende una persona totalmente inutile?” Continuavo a occuparmi di loro due e sentivo che ero piena di responsabilità, ma tutto era stato completamente inefficace. Non importa quanto comunicassi con loro due, non riuscivo a sistemare le cose. Non ero stata capace di risolvere i loro problemi e, peggio ancora, entrambe avevano pregiudizi contro di me e si lamentavano dei miei favoritismi. Di fronte a questa situazione, non sapevo proprio cosa fare. Avevo esaurito la mia capacità e non c’era niente che potessi fare. Inoltre, mi ero stufata di loro due e pensavo che fosse un problema loro, perché non erano disposte a mettere in pratica la verità e apportare cambiamenti positivi.

Sentendomi completamente disperata, pregai Dio, cercando una guida. Durante la preghiera, ricordai un passaggio nella condivisione dal sopra riportata in cui c’è scritto: “Nel passato c’erano due detti: ‘Correggete voi stessi prima di correggere gli altri’ e ‘Come può chi è nell’errore correggere gli altri?’ Parlate della vostra esperienza. Parlando della vostra esperienza, state aiutando gli altri e correggendo voi stessi. State aiutando gli altri correggendo voi stessi e, durante il processo, potete anche correggere gli altri. Questo è il modo migliore per fare il vostro lavoro. […] Più siete integri, più avete un senso di giustizia e parlate in modo equo e giusto, e più la gente vi amerà, amerà ascoltare la vostra comunione e confermerà le vostre parole. Faranno ciò che direte. Dovrete solo dire una parola ed esaudiranno i vostri desideri. Non importa ciò che direte, nessuno si lamenterà, anche se parlerete duramente. […] Se vi manterrete integri, se tratterete tutti equamente e aiuterete sempre le persone con un cuore amorevole, alla fine potrete condurle alla verità. Sarete completamente capaci di condurre le persone nella realtà della parola di Dio e della Sua salvezza” (“Come dirigenti e lavoratori devono guidare e lavorare” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita (I)). Poi pensai al seguente passaggio della parola di Dio: “Senza Dio, i rapporti tra gli esseri umani non sono altro che rapporti carnali. Non sono corretti, ma inclini alla passione; sono rapporti che Dio detesta e odia. […] non hai affatto un rapporto adeguato con Dio. Stai cercando di ingannare Dio e di nascondere la tua abiezione. Se anche sei in possesso di un po’ di comprensione ma sei animato da intenzioni sbagliate, tutto ciò che fai va bene solo secondo gli standard umani. Dio non ti apprezzerà: stai agendo unicamente secondo la carne e non secondo il fardello di Dio. Solo se sei capace di placare il tuo cuore davanti a Dio e hai interazioni rette con tutti coloro che amano Dio, sei adatto a essere usato da Lui. In tal modo, a prescindere da come socializzi con il prossimo, non lo farai in nome di una filosofia di vita ma vivendo alla presenza di Dio, attento al Suo fardello” (“È molto importante stabilire un rapporto adeguato con Dio” in La Parola appare nella carne). Attraverso la parola di Dio e la condivisione dell’uomo, mi sono improvvisamente resa conto che se si desidera avere successo nel lavoro di dirigente o lavoratore, bisogna prima di tutto essere nel giusto, in grado di trattare gli altri allo stesso modo e avere un normale rapporto con Dio. Nella comunione con gli altri, bisogna condividere le proprie esperienze personali senza secondi fini, per aiutare gli altri. Questo modo di agire adempierà il proposito di Dio e conquisterà il consenso degli altri. Con la guida dello Spirito Santo, calmai il mio cuore e riflettei sul mio atteggiamento nei confronti delle due sorelle: in un primo momento, potevo dare il sostegno amorevole alla sorella da poco promossa, ma era solo perché la nostra situazione non incideva direttamente sul mio profitto personale. Quando la sorella commise un errore che rovinò la mia reputazione e posizione, si rivelò la mia vera natura, come la “strega cattiva” del 75° sermone che, maneggiando un bastone o un pugnale, elimina tutto ciò che la ostacola. In superficie, sembrava che stessi semplicemente affrontando i problemi relativi al lavoro della sorella, ma in realtà stavo sfogando le mie frustrazioni personali. Di conseguenza, parlavo alla sorella in un modo sgarbato e pungente che la faceva sentire come se la stessi guardando con un’aria di superiorità e la stessi insultando. Quando vidi quanto la sorella ricevette negativamente un tale trattamento, non solo non sentii compassione per lei, ma la considerai con disprezzo e disgusto. Quando per la prima volta fui promossa per adempiere al mio dovere, vi erano anche molte cose che non comprendevo immediatamente. Costretta dalla mia reputazione e posizione, anch’io esitavo molto ad agire e il mio rendimento ne fu influenzato. La situazione peggiorò così tanto che spesso sgattaiolavo via per piangere in privato; arrivai al punto che lo Spirito Santo smise di operare su di me. Tuttavia, il mio dirigente e i collaboratori non mi disprezzarono mai, lavorando instancabilmente per sostenermi e incoraggiarmi, finché non mi liberai dalla mia situazione difficile e mi sentii emergere di nuovo. Tuttavia, quando la sorella stava attraversando lo stesso tipo di situazione, chiusi un occhio sul mio passato. Non solo non riuscii a condividere le mie esperienze in comunione per sostenere la sorella, ma le addossai anche la colpa, attaccandola quando era giù e compiacendomi per le disgrazie altrui. Solo allora capii la mia natura vile e che il presunto “sostegno” della sorella in passato era stato del tutto ipocrita e illusorio. Poiché avevo pregiudizi nel mio cuore, indipendentemente da quanto la trattassi calorosamente, o da quanto fosse grande il mio fardello, non agii con un cuore realmente amorevole e non la trattai equamente. Dopo averla trattata in questo modo, come mi aspettavo che la sorella riponesse la sua fiducia in me? Per quanto riguarda la sorella a cui ero più vicina, nonostante il fatto che le imponevo regole severe, c’era ancora una componente emotiva sul nostro rapporto. Recitavo con lei il ruolo della sorella maggiore. A volte la rimproveravo come un genitore riprende suo figlio: mi preoccupai quando rivelò la sua corruzione, ma una tale preoccupazione emergeva a causa di un legame emotivo. Stavo agendo secondo la mia natura e rivelando la mia corruzione, ma non perché mi consideravo un fardello per Dio. Più agivo in questo modo nei confronti della sorella e più profondo era il nostro legame emotivo carnale. Questo non era per niente utile o vantaggioso per la sorella. Fu allora che individuai la causa principale del mio mancato successo nel lavoro: non avevo un normale rapporto con Dio. Nonostante comunicassi la parola di Dio quando aiutavo le sorelle a risolvere i loro problemi, covavo comunque pregiudizi e lavoravo per proteggere i miei interessi carnali, invece di dirigere il mio cuore verso Dio e adoperarmi a esaudire i desideri di Dio. Dall’esterno, poteva sembrare che stessi portando il mio fardello, ma in realtà stavo ingannando Dio e nascondendo la mia natura grottesca. Dio non approva coloro che non hanno le giuste intenzioni, così non riuscii ad avere successo e fui anche controproducente. Attraverso la riflessione, mi resi conto che non sono una persona così umana, giusta o retta. Davvero, sono una miserabile egoista, subdola e meschina. A questo punto, pensai a un’altra condivisione dal sopra riportata: “Nelle epistole successive, Paolo era pronto a sminuire Pietro. Una volta, criticò persino Pietro davanti a una folla. Non cedeva. Questo è un episodio ben noto. […] Ora, Pietro come descrisse Paolo? Egli disse: ‘Il fratello Paolo ha ricevuto la rivelazione di Dio, ascoltate la sua testimonianza del Vangelo a Dio. Egli ha ricevuto la rivelazione di Dio’. Non solo Pietro non insultò Paolo, lo chiamò persino fratello. Il trattamento di Pietro per Paolo era equo e giusto? Lo trattò equamente. La sua valutazione di Paolo era giusta ed equa. Perché Pietro menzionò i punti di forza di Paolo? Pietro era un uomo che aveva migliorato la sua indole di vita, conosceva Dio e poteva trattare le persone equamente. Paolo, al contrario, era arrogante ed egocentrico, non inchinandosi ad alcuno nella sua megalomania” (“Che tipo di persona sarà perfezionata da Dio” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita (VII)). Quando confrontai le mie azioni con quelle di Pietro e Paolo, mi sembrava che fossi persino peggiore di Paolo da tutti i punti di vista. In qualità di dirigente che affrontava la gestione dei problemi che si erano verificati nel nostro lavoro, non solo fallii nell’assumermi attivamente la responsabilità dei problemi, nel fare da guida per mettere in pratica la verità, nel ricercare la verità con le sorelle, nel risolvere i problemi all’occorrenza e proteggere gli interessi della famiglia di Dio, ma insultai e ferii anche la sorella, alla ricerca del mio vantaggio personale. Sinceramente non avevo migliorato affatto la mia indole. Guardando la sorella: dall’inizio alla fine rimase in tacita accettazione, non provando mai a creare problemi con me. Il suo comportamento fu un giudizio per me: una rivelazione della mia bruttezza simile a quella dei ratti. Le mie azioni erano meno che umane; non c’era nulla di umano in quello che avevo fatto. Di certo, il mio comportamento non era consono a una dirigente.

Riflettendo su tutto questo, mi sentii particolarmente giù. Prima, avevo sempre pensato di essere abbastanza umana e di aver trattato le persone molto equamente. Dopo aver fatto cose così vergognose, diventai sempre più spaventata. Se qualcuno dipingesse un quadro della mia brutta anima, assomiglierebbe sicuramente a una bestia spregevole dai denti aguzzi con il sangue gocciolante dalla bocca. Un giorno lessi il seguente passaggio da “Come scrivere un buon sermone” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita IX: “Coloro che non amano la verità sono disumani, coloro che odiano la verità sono malvagi”. Mi sentii compunta nel cuore, come se questa riga fosse il giudizio di Dio su di me. Cristo e lo Spirito Santo governano la famiglia di Dio in giustizia ed equità: come potevano tollerare l’esistenza di qualcosa che non rispettasse la verità? Tutti gli atti satanici di ingiustizia devono ricevere il giusto giudizio di Dio. Quando pensavo al mio male e alla mia disumanità, la mia coscienza era oppressa dall’accusa. Vivendo nell’oscurità e nel dolore senza alcuno sfogo, ero incerta in merito a come affrontare le sorelle. Tutto ciò che potevo fare era recarmi davanti a Dio e cercare la Sua guida attraverso la preghiera: “Caro Dio, sono così confusa e angosciata, ho perso la retta via. Non so come affrontare le sorelle e non ho neanche la più pallida idea in merito a come adempiere ai miei doveri. Ti supplico di illuminarmi questo aspetto della verità”. Dopo aver completato la mia preghiera, aprì il 42° dei 162 principi: “Il principio di trattare le persone con equità” e lessi quanto riportato di seguito della parola di Dio: “Che cosa richiede la parola di Dio quale principio per trattare gli altri? Ama ciò che Dio ama, odia ciò che Dio odia. Ossia, le persone amate da Dio che veramente ricercano la verità e attuano la volontà di Dio sono coloro che devi amare. Coloro che non attuano la volontà di Dio, odiano Dio, disobbediscono a Dio e sono disprezzati da Dio sono persone che noi dobbiamo disprezzare e respingere. Questo è ciò che richiede la parola di Dio” (“Conoscere se stesso richiede di conoscere i propri pensieri e modi di vedere più radicati” in Registrazione dei discorsi di Cristo). “In merito alle situazioni delle persone, alcune hanno resistito, altre si sono ribellate, altre ancora hanno pronunciato parole di denuncia, si sono impegnate in comportamenti scorretti, hanno commesso azioni contro la chiesa o fatto cose che hanno danneggiato la famiglia di Dio. I loro risultati saranno stabiliti in base alla loro natura e alla portata totale del loro comportamento. […] Il comportamento di ciascuna persona è diverso, dunque ognuna dovrebbe essere considerata globalmente in base alla propria natura e al proprio comportamento” (“Quale tipo di persona verrà punito” in Registrazione dei discorsi di Cristo). “[…] simili rapporti non sono fondati sulla carne, ma sull’amore di Dio. Non vi è pressoché nessuna interazione basata sulla carne, ma nello spirito vi sono sia comunione che amore, consolazione e reciproco sostegno. Tutto ciò si compie a partire da un cuore che risponde pienamente a Dio. Simili rapporti non si mantengono confidando in una filosofia di vita umana, ma si formano molto naturalmente facendosi carico di Dio. Non richiedono sforzi umani, ma si praticano tramite i principi della parola di Dio. […] Un rapporto adeguato tra persone lo si crea se esse donano a Dio i loro cuori, non lo si ottiene mediante sforzi umani” (“È molto importante stabilire un rapporto adeguato con Dio” in La Parola appare nella carne). Nella condivisione dell’uomo, c’è scritto: “Dovremmo trattare i nostri fratelli e sorelle come membri della famiglia di Dio. Dovremmo manifestare accettazione, pazienza e amore. Non dovremmo ingannare e avere pregiudizi, ma trattare tutti allo stesso modo ed equamente” (“Come servire in conformità con la volontà di Dio e i prerequisiti che devono soddisfare coloro che servono Dio” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita (II)). Attraverso la parola di Dio e la condivisione dell’uomo mi resi conto che il vero modo di trattare gli altri equamente è di amare ciò che Dio ama e odiare ciò che Dio odia. Coloro che ricercano la verità, amano la verità e possono compiere la volontà di Dio, sono i miei fratelli e sorelle, e quelli che dovrei amare. Anche se fossero corrotti, contrari o avessero fatto del male alla famiglia di Dio, dovrebbero comunque essere trattati correttamente. Dovrebbero essere valutati in funzione della loro natura, dell’intera portata delle loro azioni e della situazione in cui hanno agito. Non dovrebbero essere giudicati in base a un incidente isolato. Questo è il principio con cui dobbiamo trattare gli altri equamente. Inoltre, le sorelle e i fratelli dovrebbero essere trattati allo stesso modo e senza discriminazione. Indipendentemente dal fatto che siamo affezionati o meno alla sorella o al fratello, dobbiamo attenerci a questo principio. Solo così agiremo secondo la verità e la volontà di Dio. Attraverso questa esperienza, mi resi conto che trattare le persone equamente non è così semplice come pensavo. In passato, pensavo che il trattamento ingiusto significasse essere severi e manifestare un atteggiamento duro nei confronti degli altri. Pensavo che il trattamento cordiale e amorevole delle persone fosse equo. Oggi, attraverso la parola di Dio, mi sono resa conto che solo valutando le situazioni secondo la verità e trattando le persone in base ai principi di verità, trattiamo la gente in modo equo e personalizzato. Non importa se adottiamo un atteggiamento severo o cordiale, fintantoché agiamo secondo la verità, staremo osservando il proposito di Dio. Altrimenti, ci procureremo l’avversione di Dio e le nostre azioni non avranno alcun beneficio per nessuno. In questo modo, mi resi conto che non avevo trattato gli altri equamente, mentre compivo tutte quelle “buone azioni” d’accordo con il mio carattere naturale. Anzi, avevo agito in linea con le mie opinioni, preferenze e filosofie secolari. Stavo semplicemente proteggendo la mia posizione tra gli uomini e coltivando la mia immagine. Mi resi anche conto che per trattare le persone equamente, si deve prima avere un normale rapporto con Dio. In questo modo, indipendentemente se si supporta o meno amorevolmente un fratello o una sorella, o se si correggono, le proprie azioni nei loro confronti saranno fondate sull’amore di Dio. Il proprio cuore è rivolto a Dio e determinato a praticare la verità, seguendo il Suo proposito ed esaudendo i Suoi desideri. Il cuore è disposto ad accettare l’esame di Dio. Quando l’amore del cuore non viene impiegato per mantenere i rapporti tra le persone, è privo di ipocrisia, fascino falso, secondi fini o emozioni carnali. Un tale amore rappresenta un vero legame spirituale, un’amorevole acquiescenza reciproca. Solo trattando le persone in questo modo ci allineiamo al principio della verità e tutti ne beneficiano.

In seguito, ho letto quanto segue da un’altra condivisione: “Trattare gli altri correttamente è un principio che ogni leader dovrebbe possedere. Tradire questo principio proverebbe che non sei umano. […] Sei malintenzionato e di bassa levatura morale. Queste cose rivelano l’origine del problema. Non sono disposto a impiegare persone del genere” (“Sermoni e condivisione sulla parola di Dio ‘Dovreste prendere in considerazione le vostre azioni’ (II)” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita (VII)). “Come si determina se un leader è qualificato? Primo, parla in modo corretto? Secondo, tratta le persone con imparzialità? Questi due principi sono la chiave assoluta. Se egli è in grado di soddisfare questi due principi, è certamente un uomo integro e in armonia con il proposito di Dio. Se possiede anche una certa comprensione della verità e sa come praticarla, puoi star certo che avrà successo nel suo lavoro” (“Sintesi su come essere una persona onesta: dieci problemi che ogni persona deve risolvere per diventare onesta e l’importanza di essere onesti” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita (V)). Grazie alla lettura di questi passi sono giunto a capire che trattare imparzialmente gli altri è un principio che ogni leader deve sostenere. Solo coloro che manifestano umanità e amano la verità avranno intenzioni corrette, avranno Dio nel cuore, ameranno i prescelti di Dio e tratteranno gli altri con imparzialità e in modo giusto. Solo le persone di questo tipo sono capaci di servire la giustizia, di conformarsi alla verità in ogni loro azione e di guadagnare l’ammirazione degli altri. Naturalmente, le persone di questo tipo hanno successo nel lavoro. Per quanto riguarda i leader disumani e malintenzionati, spesso essi agiscono come un ufficiale giudiziario che ti pugnala alle spalle: non si preoccupano affatto di proteggere gli interessi della famiglia di Dio o di trattare i prescelti di Dio con cuore amorevole. Tutto ciò che fanno è portare disgrazie alla famiglia di Dio. Proprio come i malfattori, i sobillatori del risentimento popolare, i falsi leader e gli anticristi, non solo non riescono a compiere nessun vero lavoro, ma trattano anche i loro fratelli e sorelle come servi di basso rango, da maledire e angariare. Senza esitazione, sopprimono, castigano e addirittura isolano ed espellono i loro fratelli e sorelle. Promuovono adulatori di bassa lega mentre sopprimono veri talenti. Spingono l’intera Chiesa allo sconvolgimento. Sotto l’austerità di queste potenze oscure, i fratelli e le sorelle arrancano nella sofferenza e nella disperazione. Non solo non ricevono educazione e nutrimento, ma le loro vite sono devastate e i loro cuori feriti in profondità. Più ci penso, più inorridisco. Mi sono reso conto che se i dirigenti non trattano gli altri in modo imparziale, il danno è enorme. Se un normale membro dei prescelti di Dio è incapace di trattare gli altri in modo imparziale, può provocare pregiudizio e disaffezioni reciproci. Influirà solo sulla condizione e sull’ingresso nella verità di pochi individui. Invece, se i leader non sono capaci di trattare le persone in modo imparziale, danneggiano e rovinano la gente, interferiscono direttamente con l’opera della famiglia di Dio e sono dannosi per gli interessi di quest’ultima. In una condivisione è stato detto: “Per essere all’altezza del ruolo di leader o di operaio del popolo eletto di Dio, devi dare importanza alla risoluzione dei veri problemi dei prescelti di Dio in conformità con la verità della Sua opera. Dovresti essere in grado di risolvere giustamente tutti i tipi di problemi che la Chiesa affronta, trattare le persone in modo equo e astenerti dal reprimere e mantenere il dominio sui prescelti da Dio. Questo è il minimo che deve essere raggiunto dai leader e operai di tutti i livelli della chiesa. Se una persona sta veramente ricercando la verità, le sue azioni otterranno certamente l’approvazione e il sostegno del popolo scelto da Dio. Se una persona possiede veramente la realtà di una parte di verità, non manifesterà la sua arroganza in ogni occasione e non adotterà assolutamente un atteggiamento tracotante. Sicuramente non pronuncerà frasi esaltate, non tenterà di dominare, di vincolare, ostacolare o accusare a caso gli altri. Invece, aiuterà i prescelti di Dio con cuore calmo e amorevole. Consiglierà, incoraggerà e guiderà gli altri nella loro comprensione e pratica della verità. Con bontà amorevole, condividerà la verità per risolvere problemi e ottenere risultati. Ecco cosa significa essere un buon leader od operaio. Ai nostri giorni, ci sono alcuni leader e operai che sembra non abbiano la minima idea della verità. Tuttavia, si crogiolano nella loro arroganza, parlano di assurdità e, nel loro cuore, non hanno rispetto per Dio e non concedono spazio per i Suoi prescelti. Non servono i prescelti di Dio e non svolgono il proprio compito per ricambiare l’amore di Dio. Procedono in acque pericolose e hanno già messo un piede sul cammino dell’anticristo. Se non cambiano il loro atteggiamento, saranno abbandonati ed eliminati da Dio”. “Solo coloro che amano veramente Dio tratteranno i Suoi prescelti con cuore amorevole. Questo è un dato di fatto. Coloro che non amano i prescelti di Dio e sono incapaci di trattarli con imparzialità e in conformità con i principi della verità sicuramente non amano Dio. Solo coloro che amano veramente Dio possono amare gli altri come amano sé stessi. Coloro che non nutrono amore per Dio sono sicuramente incapaci di amare gli altri. Coloro che amano i prescelti di Dio sono certamente capaci di amare Dio, non c’è dubbio” (“Devi sperimentare e entrare nella realtà della verità della parola di Dio per ottenere la perfezione di Dio” in Sermoni per la fornitura della vita). Vedendo queste condivisioni, il mio cuore si è sentito rimproverato. Mi sono resa conto di essere sempre stata in un territorio pericoloso, che camminavo sulla via dell’anticristo. Ho anche capito che ero incapace di trattare i miei fratelli e sorelle con imparzialità e con cuore amorevole. Questa non era solo un’esibizione di corruzione, ma piuttosto un segno della mia natura malvagia e ingannevole. Alla radice, il mio problema era che non amavo Dio nel mio cuore. In tutti i miei anni da credente, non avevo ancora raggiunto la minima realtà della verità e dovevo ancora incamminarmi sul cammino della perfezione di Dio. Solo coloro che amano Dio sono in grado di preoccuparsi del Suo proposito e di sapere di cosa sia più preoccupato e interessato. Solo coloro che amano Dio si preoccupano delle Sue preoccupazioni e pensano i Suoi pensieri, cercando, con tutte le forze, di portare i prescelti di Dio sul giusto cammino della fede. Solo coloro che amano Dio sono in grado di seguire l’esempio di Cristo nel coltivare un cuore compassionevole e pietoso, nel tollerare gli altri con un cuore paziente e amorevole. Solo coloro che amano Dio possono compiere la missione che Egli ha loro affidato; si sentono inquieti se non hanno servito la famiglia di Dio e sono incapaci di affrontarLo fino a quando non hanno risolto i problemi dei Suoi prescelti. In senso stretto, sono coscienti di quello che manca ai loro fratelli e sorelle e di ciò di cui hanno bisogno. Sono in grado di provare empatia per le sofferenze dei loro fratelli e sorelle e si impegnano totalmente per sistemare tutto. Per ciò che mi riguarda, non avevo l’amore di Dio nel mio cuore e, quindi, ero incapace di amare i miei fratelli e sorelle. Amavo solo il mio tornaconto personale. Mi preoccupavo solo della mia reputazione e del mio status. Come risultato, trattavo i miei fratelli e sorelle con freddezza. Quando erano in gioco i miei interessi, mi spingevo fino a castigare, sopprimere, punire e cercare vendetta sugli altri per scaricare la mia rabbia. Mi sono resa conto di essere una malfattrice inveterata. In passato, ho riferito quanto appreso in condivisione, cioè che più elevata è la posizione di un leader od operaio, più egli dovrebbe dimostrarsi disposto a essere la persona più modesta. Più grande è il compito di un individuo, più questo dovrebbe offrire sé stesso come servitore dei prescelti di Dio. Tuttavia, non solo non offrivo me stessa come servitrice, come leader del gran dragone rosso, accettavo e approvavo coloro che servivano i miei interessi e condividevano le miei opinioni, mentre invece sopprimevo ed escludevo chiunque percepissi come pericoloso. Come un mostro malvagio, andavo in giro a eliminare tutti gli anticonformisti. Ripensando alla mia condizione di quel tempo, provavo un profondo senso di vergogna. Solo allora mi sono resa conto di quanto fosse spregevole la mia natura. Se avessi continuato a svolgere i miei compiti con quell’indole satanica, alla fine sarei stata sicuramente smascherata e abbandonata a causa di tutte le mie malefatte.

Grazie a Dio per il Suo dono di grazia. Se non fosse stato per la rivelazione di Dio, non avrei mai riflettuto sulle mie azioni e forse avrei continuato a compiere atti malvagi. Ho sperimentato anche l’immensità dell’amore e della compassione di Dio. Egli non mi ha punito per ciò che avevo fatto e questo significa che mi sta ancora salvando. Ho giurato di cercare la verità con fervore, di riflettere sulle mie trasgressione passate e impiegare un rinnovato sforzo nella comprensione della mia natura, per portare alla luce gli aspetti non compatibili con Dio. Attraverso la rivelazione e la guida dello Spirito Santo, e spinta dal senso di colpa nella mia coscienza, ho finalmente messo da parte la mia vanità e mi sono liberata dalle catene dell’influsso oscuro di Satana. Io e le mie sorelle ci siamo messe a nudo con innocenza, indicando gli elementi satanici di ognuna di noi e giungendo a una più profonda comprensione le une delle altre. Sentivo come se fossi improvvisamente passata dalle tenebre alla luce. Avevo sperimentato la felicità che proveniva dalla pratica della verità e dall’umiliazione di Satana. Mi sentivo molto più a mio agio, il mio cuore era più leggero e non provavo più nessun senso di colpa nella coscienza. Nella condivisione con le mie sorelle nessuna si sentiva più costretta. Ognuna poteva mettersi a nudo senza inibizioni. Improvvisamente ho intonato un inno di esperienza di vita: “Nella famiglia di Dio, ci incontriamo tutti”: “Nella famiglia di Dio, ci incontriamo; un’assemblea di persone che amano Dio. Imparziali, vicini e stretti, felicità e dolcezza riempiono i cuori. Ieri abbandonammo il rimpianto e la colpa; oggi ci capiamo e viviamo nell’amore di Dio. […] Nella famiglia di Dio, tutti ci incontriamo; ma presto noi saremo separati. Oberati dal mandato e dalla volontà di Dio, ci lasceremo per amore del lavoro di Dio. Quando ci riuniamo, ridiamo e parliamo con gioia; quando ci lasciamo, incoraggiamo l’un l’altro. L’amore di Dio, la fonte di fedeltà fino alla fine. Per un futuro migliore, faremo quello che potremo”. Mentre cantavo l’inno, delle lacrime mi rigavano il viso. Essendo stata interiormente preda della natura corrotta di Satana, ero soffocata da un profondo rammarico. Il fatto che oggi io e le mie sorelle possiamo giungere alla comprensione reciproca, alla presenza dell’amore di Dio e ad amarci le une le altre come una famiglia è una testimonianza dell’opera di Dio dentro di noi. Il Suo giudizio e il Suo castigo ci hanno conquistato e salvato dalla nostra profonda corruzione. Quando sono arrivata alla strofa che dice: “ma presto noi saremo separati. Oberati dal mandato e dalla volontà di Dio, ci lasceremo per amore del lavoro di Dio”, il mio cuore si è afflitto e non riuscivo più a cantare. Provavo un rimorso ancora più profondo per essere stata corrotta da Satana e, con malvagie intenzioni, aver insultato ed evitato le mie sorelle, causando loro un danno irreparabile. Avevo anche interrotto il lavoro della famiglia di Dio… Speravo solo che la diatriba del rimorso si impiantasse nel mio cuore e che il dolore potesse trasformarsi in potenza e determinazione di rimediare agli errori del passato tramite lo svolgimento dei miei compiti. Una volta invertita la mia condizione, mi sono resa conto che c’era molto da imparare da quella mia sorella. Lei è molto umana e si assume il fardello di tutti i suoi compiti. Questi sono i suoi punti di forza, gli aspetti nei quali lei mi supera. Ripensavo a un passo di una condivisione: quando le persone sono unite, possono trasformare il sudiciume in oro. Giuro di ripartire da capo con le mie sorelle, attingendo dai loro punti di forza e compensando le loro debolezze. Entrerò nella verità con loro e ci caricheremo sulle spalle i nostri compiti per completare la missione di Dio. Credo che, se siamo di un cuore solo e di una sola mente, e combiniamo i nostri sforzi, nemmeno i peggiori ostacoli e le peggiori calamità ci scoraggeranno e noi guadagneremo le benedizioni di Dio in tutto il lavoro che compiremo.

Attraverso questa esperienza, non solo sono giunta a capire veramente la mia umanità e la mia natura, ma ho anche visto in che modo il mio comportamento indicava che stavo percorrendo il cammino sbagliato. Ho capito la solenne importanza, per i leader, di avere timore di Dio e fuggire il male, cercando la verità e riconoscendo l’opera di Dio, vivendo umanamente e trattando le persone con imparzialità. Queste azioni determinano la strada che una persona intraprende nel servizio di Dio. D’ora in poi, mi impegno a cercare solo la verità e a comportarmi in conformità con la verità e i principi, in modo da poter presto essere compatibile con Dio.

Pagina precedente:Solo l’amore di Dio è reale

Pagina successiva:Si conosce realmente sé stessi solo comprendendo la verità

Potrebbero interessarti anche