Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Continuazione di La Parola appare nella carne (Selezioni)

Recital-latest-expression-2
Continuazione di La Parola appare nella carne (Selezioni)

Categorie

Discorsi-di-Cristo-degli-Ultimi-giorni
Discorsi di Cristo degli ultimi giorni (Selezioni)

3. Dio fa dell’arcobaleno un simbolo del Suo patto con l’uomo

(Genesi 9:11-13) “Io stabilisco il mio patto con voi, e nessuna carne sarà più sterminata dalle acque del diluvio, e non ci sarà più diluvio per distruggere la terra”. E Dio disse: “Ecco il segno del patto che io fo tra me e voi e tutti gli esseri viventi che sono con voi, per tutte le generazioni a venire. Io pongo il mio arco nella nuvola, e servirà di segno del patto fra me e la terra”.

Ora diamo un’occhiata a questa parte delle Scritture, che racconta come Dio abbia fatto dell’arcobaleno un simbolo del Suo patto con l’uomo.

Quasi tutti sanno cos’è un arcobaleno e hanno sentito alcune storie al riguardo. Per quanto concerne la storia dell’arcobaleno nella Bibbia, alcuni ci credono, altri la considerano una leggenda, mentre altri ancora non la ritengono affatto credibile. Sia come sia, tutte le cose che accaddero in relazione all’arcobaleno sono azioni che Dio compì in passato e che ebbero luogo durante lo svolgimento della Sua gestione dell’uomo. Sono state documentate accuratamente nella Bibbia. Queste testimonianze non ci dicono di che umore fosse Dio a quel tempo o quali fossero le intenzioni dietro le parole che pronunciò. Inoltre, nessuno è in grado di capire cosa abbia provato quando le disse. Tuttavia, il Suo stato d’animo riguardo all’intera questione viene rivelato tra le righe del testo. È come se i Suoi pensieri di quel momento balzassero fuori dalla pagina attraverso ogni Sua parola e frase.

I pensieri di Dio sono ciò di cui le persone dovrebbero preoccuparsi e ciò che dovrebbero cercare di conoscere maggiormente. Questo, perché sono strettamente legati alla comprensione di Dio da parte dell’uomo, ed essa è un anello indispensabile per l’ingresso dell’essere umano nella vita. Dunque, a cosa pensava Dio nel momento in cui accaddero queste cose?

In origine creò un’umanità che ai Suoi occhi era molto buona e vicina a Lui, ma che venne distrutta dal diluvio dopo essersi ribellata alla Sua volontà. Dio fu addolorato dalla scomparsa improvvisa di tale umanità? Naturalmente sì! Allora quale fu la Sua espressione di questo dolore? Come fu documentata nella Bibbia? Ecco cosa leggiamo: “Io stabilisco il mio patto con voi, e nessuna carne sarà più sterminata dalle acque del diluvio, e non ci sarà più diluvio per distruggere la terra”. Questa semplice frase rivela i pensieri di Dio. La distruzione del mondo Lo addolorò moltissimo. Per usare parole umane, Egli era molto triste. Possiamo provare a immaginare quale aspetto avesse la terra, un tempo piena di vita e di esseri umani, dopo essere stata distrutta dal diluvio. Nessun insediamento umano, nessuna creatura vivente, acqua ovunque e una confusione totale sulla superficie delle acque. Una simile scena era l’intenzione originaria di Dio quando creò il mondo? Certo che no! La Sua intenzione originaria era vedere la vita su tutta la terra, essere adorato dagli esseri umani che aveva creato, e non solo constatare che Noè era l’unico a adorarLo o l’unico in grado di rispondere al Suo invito di portare a termine ciò che gli era stato affidato. Quando l’umanità scomparve, Dio non vide ciò che aveva immaginato in origine, bensì l’esatto contrario. Come avrebbe potuto il Suo cuore non soffrire? Così, mentre Dio rivelava la Sua indole ed esprimeva le Sue emozioni, prese una decisione. Quale? Creare un arcobaleno tra le nuvole (nota: l’arcobaleno che vediamo) come simbolo di un patto con l’uomo, della promessa che Egli non avrebbe più distrutto l’umanità con un diluvio. Allo stesso tempo, esso serviva anche a informare gli uomini che un tempo Dio aveva compiuto quell’azione, a rammentare loro per sempre il motivo di una simile iniziativa.

Questa volta la distruzione del mondo fu qualcosa che Dio aveva voluto? Assolutamente no. Forse riusciamo a figurarci vagamente le condizioni pietose della terra dopo la distruzione del mondo, ma non possiamo neanche lontanamente immaginare come apparisse la scena in quel momento agli occhi di Dio. Possiamo dire che né le persone di oggi né quelle di allora sono in grado di intuire o di comprendere quali sentimenti abbia provato Dio quando vide quella scena, quell’immagine del mondo dopo essere stato distrutto dal diluvio. Dio fu costretto ad agire così per colpa della disobbedienza degli uomini, ma il dolore patito dal Suo cuore per questa distruzione del mondo mediante il diluvio è una realtà che nessuno può sondare o capire. Fu per questa ragione che Dio fece un patto con l’umanità, ossia dire agli uomini di ricordare che in passato Egli aveva fatto una cosa simile e giurare loro che non avrebbe mai più distrutto il mondo in quel modo. In questo patto vediamo il cuore di Dio, vediamo che esso soffrì quando Egli distrusse l’umanità. Nel linguaggio dell’uomo, quando Dio distrusse l’umanità e la vide scomparire, il Suo cuore pianse e sanguinò. Non è il modo migliore in cui possiamo descrivere la situazione? Queste parole vengono usate dagli uomini per illustrare le emozioni umane ma, poiché il linguaggio dell’uomo è assai carente, utilizzarle per descrivere i sentimenti e le emozioni di Dio non Mi sembra disdicevole né eccessivo. Se non altro vi danno una comprensione molto vivida e appropriata dello stato d’animo di Dio in quel momento. A cosa penserete ora quando rivedrete un arcobaleno? Quantomeno ricorderete quanto Dio fosse addolorato per aver distrutto il mondo tramite il diluvio. Rammenterete che – anche se Egli odiava questo mondo e disprezzava questa umanità –, quando distrusse gli esseri umani che aveva creato con le Sue Stesse mani, il Suo cuore soffrì, faticò a dimenticare, si sentì riluttante e trovò difficile sopportare tutto ciò. Dio trasse il Suo unico conforto dagli otto membri della famiglia di Noè. Fu la collaborazione di Noè a rendere proficui i Suoi sforzi scrupolosi per creare tutte le cose. In un momento in cui Dio stava soffrendo, questa fu l’unica cosa che riuscì a lenire il Suo dolore. Da allora in poi, Egli ripose tutte le Sue aspettative sull’umanità nella famiglia di Noè, sperando che quelle persone potessero vivere sotto la Sua benedizione e non sotto la Sua maledizione, che non rivedessero mai più Dio distruggere il mondo con un diluvio e anche che non venissero distrutte.

Quale parte dell’indole di Dio dovremmo dedurre da tutto ciò? Dio aveva disprezzato l’uomo perché Gli era ostile, ma nel Suo cuore la Sua premura, sollecitudine, e misericordia per l’umanità rimasero immutate. Persino quando la distrusse, il Suo cuore restò identico. Quando l’umanità raggiunse un certo livello di corruzione e di disobbedienza verso Dio, Egli dovette distruggerla per via della Sua indole e della Sua essenza, e in conformità ai Suoi principi. Grazie alla Sua essenza, tuttavia, continuò a compatirla e volle addirittura usare diversi modi per redimerla, cosicché potesse restare in vita. Invece, gli uomini si opposero a Dio, continuarono a disobbedirGli e si rifiutarono di accettare la Sua salvezza, cioè le Sue buone intenzioni. Per quanto Dio li esortasse, rammentasse loro, li sostentasse, li aiutasse o li tollerasse, essi non compresero e non colsero tutto questo, né vi prestarono attenzione. Nonostante il dolore, Dio non dimenticò di concedere loro la massima tolleranza, aspettando che si ravvedessero. Dopo aver raggiunto il Suo limite, Egli fece ciò che doveva fare senza la minima esitazione. In altre parole, ci furono un periodo e un processo specifici dal momento in cui Dio pianificò di distruggere l’umanità all’inizio ufficiale della Sua opera di distruzione. Questo processo ebbe luogo per permettere all’uomo di ravvedersi e fu l’ultima possibilità che Dio gli diede. Dunque cosa fece Dio in questo periodo precedente la distruzione dell’umanità? Svolse un’opera notevole sull’uomo per far sì che non dimenticasse e per esortarlo. Per quanto il Suo cuore fosse in preda al dolore e alla sofferenza, Egli continuò a esercitare la Sua premura, sollecitudine ed enorme misericordia sull’umanità. Che cosa deduciamo da questo? Indubbiamente vediamo che l’amore di Dio per gli uomini è reale, e non puramente formale. È concreto, tangibile e percepibile, non fasullo, artefatto, ingannevole o pretenzioso. Dio non usa mai raggiri né crea immagini finte per far vedere alle persone quanto sia amorevole. Non utilizza mai false testimonianze per mostrare la Sua amabilità o per ostentare la Sua amorevolezza e santità. Questi aspetti della Sua indole non sono degni dell’amore dell’uomo? Non meritano di essere adorati? Di essere tenuti in gran conto? A questo punto voglio chiedervi una cosa: dopo aver ascoltato questo discorso, pensate che la grandezza di Dio consista solo di parole su un foglio di carta? La Sua amabilità è fatta soltanto di parole vuote? No! Certo che no! La supremazia, la grandezza, la santità, la tolleranza e l’amore di Dio – tutti questi vari aspetti della Sua indole e della Sua essenza – vengono messi in atto ogni volta che Egli svolge la Sua opera, concretizzati nella Sua volontà verso gli uomini, e anche compiuti e rispecchiati in ogni persona. A prescindere dal fatto che tu l’abbia percepito in passato, Dio Si preoccupa di ogni individuo in ogni modo possibile, usando il Suo cuore sincero, la Sua saggezza e vari metodi per riscaldare il cuore di ciascuno e per risvegliarne lo spirito. Questo è un fatto indiscutibile. Qualunque sia il numero delle persone qui sedute, ciascuna ha avuto esperienze diverse della tolleranza, della pazienza e dell’amabilità di Dio, e ha provato sentimenti diversi al riguardo. Queste esperienze di Dio e questi sentimenti o riscontri nei Suoi confronti – in breve, tutte queste cose positive – vengono da Lui. Così, integrando le esperienze e la conoscenza di Dio acquisite da tutti e unendole alle nostre letture odierne di questi passi della Bibbia, avete ora una comprensione di Dio più reale e più adeguata?

Dopo aver letto questa storia e aver capito alcuni aspetti dell’indole di Dio rivelati attraverso questo evento, che tipo di nuova percezione avete di Lui? Questa discussione vi ha trasmesso una comprensione più profonda di Dio e del Suo cuore? Ora vi sentite diversi quando rileggete la storia di Noè? Secondo voi, sarebbe stato superfluo comunicare questi versetti della Bibbia? Ora che li abbiamo comunicati, pensate che sia stato superfluo? Invece è stato proficuo, vero? Anche se ciò che leggiamo è una storia, è una testimonianza fedele dell’opera che Dio svolse in passato. Il Mio obiettivo non era farvi comprendere i dettagli di queste storie o di questo personaggio, né esortarvi a studiare quest’ultimo, né tantomeno invitarvi a tornare a studiare la Bibbia. Capite? Dunque queste storie hanno agevolato la vostra conoscenza di Dio? Che cosa ha aggiunto questa storia alla vostra comprensione di Lui? Dite pure, fratelli e sorelle delle Chiese di Hong Kong. (Abbiamo visto che l’amore di Dio è qualcosa che nessuno di noi umani corrotti possiede.) Dite pure, fratelli e sorelle delle Chiese coreane. (L’amore di Dio per l’uomo è reale. Veicola la Sua indole e la Sua grandezza, santità, supremazia e tolleranza. Attraverso una storia simile possiamo capire meglio che tutti questi elementi fanno parte dell’indole di Dio, e che vale la pena provare a comprenderla più a fondo.) (Attraverso la comunicazione di poco fa, da un lato riesco a vedere l’indole giusta e santa di Dio, e anche la Sua sollecitudine e misericordia verso l’umanità, e dall’altro capisco che ogni cosa che Egli fa, ogni Suo pensiero e ogni Sua idea, rivelano il Suo amore e la Sua sollecitudine per gli uomini.) (In passato credevo che Dio avesse usato un diluvio per distruggere il mondo perché l’umanità era diventata malvagia in una certa misura, ed era come se Egli l’avesse distrutta perché ne era disgustato. Solo dopo che Dio ha parlato della storia di Noè oggi e ha detto che il Suo cuore sanguinava mi sono reso conto che era veramente restio a dimenticare questa umanità. Fu solo a causa dell’eccessiva disobbedienza degli uomini che Egli non ebbe altra scelta se non distruggerli. In realtà, in quel momento il Suo cuore era molto triste. Da questo vedo nella Sua indole la premura e la sollecitudine per l’umanità. È una cosa che prima non sapevo. Pensavo che Dio avesse distrutto l’umanità perché era troppo malvagia. La mia comprensione era superficiale fino a questo punto.) Molto bene! Ora tocca a voi. (Sono rimasto molto colpito dopo aver ascoltato queste parole. Avevo letto la Bibbia in passato, ma non avevo mai vissuto un’esperienza come quella di oggi, durante la quale Dio esamina direttamente queste cose affinché possiamo arrivare a conoscerLo. Il fatto che Dio ci guidi in questo modo nell’interpretazione della Bibbia mi ha fatto capire che la Sua essenza di fronte alla corruzione umana consisteva di amore e di premura per l’umanità. Dal momento in cui l’uomo diventò corrotto fino agli attuali ultimi giorni, anche se Dio ha un’indole giusta, il Suo amore e la Sua premura rimangono immutati. Ciò dimostra che la sostanza del Suo amore, dalla creazione fino ad ora, non cambia mai, indipendentemente dalla corruzione dell’uomo.) (Oggi ho capito che l’essenza di Dio non muterà a causa di un cambiamento del tempo o del luogo della Sua opera. Ho compreso anche che, a prescindere che Egli crei o distrugga il mondo dopo che l’uomo è diventato corrotto, ogni Sua azione ha un significato e contiene la Sua indole. Pertanto ho capito che il Suo amore è infinito e incommensurabile e, come hanno osservato gli altri fratelli e sorelle, ho anche riscontrato la Sua premura e misericordia verso l’umanità quando distrusse il mondo.) (In effetti, prima non sapevo queste cose. Dopo averle ascoltate oggi, sento che Dio è davvero credibile e degno di fiducia e di fede, e che esiste veramente. In cuor mio percepisco con chiarezza che la Sua indole e il Suo amore sono davvero molto concreti. Questa è la sensazione che provo dopo aver ascoltato queste parole oggi). Eccellente! Sembra che abbiate fatto tesoro di tutto ciò che avete sentito.

Avete notato un fatto particolare in tutti i versetti della Bibbia, comprese tutte le storie che abbiamo comunicato oggi? Dio ha mai usato il Suo linguaggio per esprimere i Suoi pensieri o spiegare il Suo amore e la Sua premura per l’umanità? C’è qualche testimonianza del fatto che Egli abbia utilizzato il semplice linguaggio per dire quanto fosse preoccupato per l’umanità o quanto la amasse? No! Non è così? Molti di voi hanno letto la Bibbia o altri libri. Qualcuno di voi si è imbattuto in tali parole? La risposta è assolutamente no! Cioè, nelle testimonianze della Bibbia, comprese le parole di Dio o gli episodi che documentano la Sua opera, Egli non ha mai usato, in nessuna era o in nessun periodo, i Suoi metodi per descrivere i Suoi sentimenti o per esprimere il Suo amore e la Sua premura per l’umanità, né ha mai utilizzato discorsi o azioni per trasmettere i Suoi sentimenti e le Sue emozioni. Questo non è un dato di fatto? Perché lo dico? Perché devo menzionarlo? Perché anche questo riflette l’amorevolezza e l’indole di Dio.

Dio ha creato gli uomini; a prescindere dal fatto che siano diventati corrotti o che Lo seguano, li tratta come se fossero la Sua famiglia – o, come direbbero gli esseri umani, i Suoi cari –, e non come giocattoli. Sebbene dica che Egli è il Creatore e che l’uomo è la Sua creazione, cosa che potrebbe indurre a credere che ci sia una certa differenza di rango, la realtà è che tutto ciò che Dio ha fatto per l’uomo va ben oltre una relazione di questa natura. Dio ama l’umanità, le vuole bene, mostra sollecitudine nei suoi confronti e provvede a essa costantemente e incessantemente. In cuor Suo non ha mai la sensazione che questo sia un aggravio dell’opera o qualcosa che meriti un gran credito. Non ritiene nemmeno che salvare gli uomini, sostentarli e concedere loro ogni cosa equivalga a dare loro un enorme contributo. Si limita a provvedere all’umanità tranquillamente e silenziosamente, a Suo modo e attraverso la Sua essenza e attraverso ciò che Egli ha ed è. A prescindere da quanto provveda agli uomini e li aiuti, Dio non pensa e non prova mai a prenderSi il merito. Ciò dipende dalla Sua essenza, ed è precisamente anche una vera espressione della Sua indole. Per questo motivo, né nella Bibbia né in altri libri troviamo mai un Dio che manifesti i Suoi pensieri, che spieghi o esponga agli uomini perché fa queste cose o perché tiene così tanto all’umanità, con l’intento di ottenerne la gratitudine o gli elogi. Anche quando soffre, quando il Suo cuore è in preda a un estremo dolore, non dimentica mai la Sua responsabilità o sollecitudine verso l’umanità, sopportando al contempo questa sofferenza e questo patimento da solo e in silenzio. Anzi, continua a provvedere agli uomini come sempre. Anche se spesso essi Lo lodano o Gli rendono testimonianza, Egli non pretende nessuno di questi comportamenti. Questo, perché Dio non fa cose buone per gli uomini con l’intento di ricevere in cambio la loro gratitudine o di esserne ripagato. D’altro canto, coloro che temono Dio e fuggono il male, che Lo seguono davvero, che Lo ascoltano e Gli sono leali, e coloro che Gli obbediscono sono le persone che riceveranno spesso le Sue benedizioni, ed Egli le concederà loro senza riserva. Non di rado, inoltre, le benedizioni che le persone ricevono da Lui vanno al di là della loro immaginazione, e anche di qualunque cosa gli esseri umani possano barattare con ciò che hanno fatto o con il prezzo che hanno pagato. Quando l’umanità riceve le benedizioni di Dio, qualcuno si interessa a ciò che Egli sta facendo? Si preoccupa di come Si sente? Cerca di capire il Suo dolore? La risposta esatta a queste domande è: no! Gli uomini, incluso Noè, comprendono il dolore che Dio provò in quel momento? Qualcuno riesce a capire perché Egli fece un simile patto? No! L’umanità non comprende il dolore di Dio non perché non ne sia in grado, né per colpa del divario tra Dio e l’uomo o della loro diversa condizione; piuttosto, la causa è il totale disinteresse degli uomini per i sentimenti di Dio. L’umanità pensa che Egli sia indipendente, che non abbia bisogno del suo interessamento, della sua comprensione o considerazione. Dio è Dio, perciò non prova dolore né emozioni; non è triste, non prova sofferenza, non piange nemmeno. Dio è Dio, perciò non necessita di alcuno sfogo e di alcun conforto emotivi. Se ne avesse bisogno in determinate circostanze, risolverebbe il problema da solo e non chiederebbe aiuto all’umanità. Al contrario, sono gli esseri umani deboli e immaturi a necessitare della consolazione, del Suo provvedere e del Suo incoraggiamento, e ad avere bisogno persino che Egli li conforti nelle loro emozioni, sempre e ovunque. Nel profondo del cuore umano si cela un pensiero di questo tipo: l’uomo è la parte debole; ha bisogno che Dio Si prenda cura di lui in ogni modo, merita tutta la premura che riceve da Lui e ha il diritto di chiederGli tutto ciò che ritiene debba essere suo. Dio è la parte forte; possiede ogni cosa e deve essere il guardiano dell’umanità e il dispensatore di benedizioni. Poiché è già Dio, è onnipotente e non necessita mai di nulla da parte degli uomini.

Siccome l’uomo non presta alcuna attenzione alle rivelazioni di Dio, non ha mai provato la Sua sofferenza, il Suo dolore o la Sua gioia. Viceversa, Dio conosce tutte le espressioni degli uomini come il palmo della Sua mano. Soddisfa le esigenze di ciascuno in qualunque momento e ovunque, osservando i pensieri mutevoli di ognuno, confortandolo, esortandolo, guidandolo e illuminandolo. Considerando tutte le cose che Dio ha fatto per l’umanità e tutti i prezzi che ha pagato a causa sua, le persone riescono a trovare un passo della Bibbia o delle frasi pronunciate da Dio finora in cui si affermi chiaramente che Egli pretenderà qualcosa dall’uomo? No! Viceversa, per quanto gli uomini ignorino il Suo pensiero, Dio continua a guidarli, a sostentarli e ad aiutarli ripetutamente, affinché seguano la Sua via e ricevano così la magnifica destinazione che Egli ha preparato per loro. Quando si tratta di Dio, ciò che Egli ha ed è, la Sua grazia, la Sua misericordia e tutte le Sue ricompense saranno concesse senza riserve a coloro che Lo amano e Lo seguono. Egli, tuttavia, non rivela mai a nessuno il dolore che ha provato o il Suo stato d’animo, e non Si lamenta mai se qualcuno non è premuroso nei Suoi confronti o non conosce la Sua volontà. Semplicemente sopporta tutto questo in silenzio, aspettando il giorno in cui l’umanità sarà in grado di capire.

Perché qui dico queste cose? Che cosa deducete da ciò che ho detto? Nella essenza e nell’indole di Dio c’è qualcosa che è molto facile lasciarsi sfuggire, qualcosa che possiede soltanto Lui e non le persone, comprese quelle che gli altri considerano grandi e buone o in cui addirittura vedono il Dio della loro immaginazione. Che cos’è questa cosa? L’altruismo di Dio. Quando si parla di altruismo, potresti pensare di essere anche tu molto altruista perché, quando si tratta dei tuoi figli, non mercanteggi mai con loro e sei generoso, oppure ritieni di essere molto altruista anche con i tuoi genitori. A prescindere da cosa pensi, quantomeno hai un’idea della parola “altruista” e credi che sia un termine positivo e che essere una persona altruista sia molto nobile. Quando sei altruista, pensi di essere grande. Però nessuno è in grado di vedere l’altruismo di Dio tra tutte le cose, tra le persone, gli eventi e gli oggetti, e attraverso la Sua opera. Perché? Perché l’uomo è troppo egoista! Perché dico questo? L’umanità vive in un mondo materiale. Forse segui Dio, ma non vedi né capisci mai come Egli ti sostenti, ti ami e Si preoccupi per te. Dunque cosa comprendi? Vedi i tuoi consanguinei che ti amano o stravedono per te. Vedi le cose che danno beneficio alla tua carne, tieni alle persone e alle cose che ami. Questo è il cosiddetto altruismo degli uomini. Tali persone “altruiste”, tuttavia, non si interessano mai al Dio che dà loro la vita. Al contrario dell’altruismo di Dio, quello dell’uomo diventa egoista e spregevole. L’altruismo in cui crede l’uomo è vuoto e irrealistico, artefatto, incompatibile con Dio e a Lui estraneo. L’altruismo dell’uomo è rivolto all’uomo stesso, mentre quello di Dio è una vera rivelazione della Sua essenza. È proprio grazie all’altruismo di Dio che l’uomo riceve una corrente costante di sostentamento da parte Sua. Forse non siete troppo colpiti dall’argomento di cui parlo oggi e vi limitate ad annuire in segno di approvazione ma, quando tenterai di capire il cuore di Dio nel tuo cuore, scoprirai involontariamente una cosa: tra tutte le persone, le questioni e le cose che riesci a percepire in questo mondo, soltanto l’altruismo di Dio è reale e concreto, perché solo il Suo amore per te è incondizionato e irreprensibile. Tranne quello di Dio, il cosiddetto altruismo di chiunque altro è tutto finto, superficiale, insincero; ha uno scopo, determinate intenzioni, implica un compromesso e non sopporta di essere messo alla prova. Potreste persino dire che è turpe e disprezzabile. Siete d’accordo?

So che non conoscete affatto questi argomenti e che avete bisogno di un po’ di tempo per assimilarli prima di poterli comprendere davvero. Meno conoscete queste questioni e questi temi, e più dimostrate che essi sono assenti dal vostro cuore. Se non li avessi mai menzionati, qualcuno di voi ne saprebbe qualcosa? Credo proprio di no. Questo è poco ma sicuro. In breve, a prescindere da quanto comprendiate o capiate, gli argomenti di cui parlo costituiscono l’ambito in cui le persone sono più carenti e quello che dovrebbero conoscere meglio. Questi temi sono molto importanti per tutti; sono preziosi e rappresentano la vita, sono cose che dovete possedere per il cammino futuro. Senza queste parole a farvi da guida, senza la tua comprensione dell’indole e dell’essenza di Dio, ti resterà sempre un punto interrogativo su di Lui. Come puoi credere correttamente in Dio, se neppure Lo capisci? Non sai niente delle Sue emozioni, della Sua volontà, del Suo stato d’animo, di ciò che pensa, di ciò che Lo rattrista e che Lo rende felice, dunque come puoi essere premuroso verso il Suo cuore?

Ogni volta che Dio è turbato, Si trova di fronte un’umanità che non Gli presta alcuna attenzione, che Lo segue e afferma di amarLo, ma che trascura totalmente i Suoi sentimenti. Come può il Suo cuore non soffrire? Nella Sua gestione, Dio svolge apertamente la Sua opera su ciascuna persona e parla con lei, affrontandola senza riserve o reticenze, ma al contrario ogni persona che Lo segue è chiusa nei Suoi confronti, e nessuno è disposto ad avvicinarsi attivamente a Lui, a capire il Suo cuore o a prestare attenzione ai Suoi sentimenti. Nemmeno coloro che desiderano diventare Suoi confidenti vogliono avvicinarsi a Lui, essere premurosi verso il Suo cuore o provare a comprenderLo. Quando Dio è gioioso e felice, non c’è nessuno a condividere la Sua felicità. Quando viene frainteso dalle persone, non c’è nessuno a confortare il Suo cuore ferito. Quando il Suo cuore soffre, non c’è nemmeno una persona disposta ad ascoltare le Sue confidenze. In questi millenni della Sua opera di gestione, non c’è nessuno che comprenda le Sue emozioni, che le capisca o le percepisca, né tantomeno che possa starGli accanto per condividere le Sue gioie e i Suoi dolori. Dio è solo. Solo! Non soltanto perché l’umanità corrotta Gli si oppone, ma soprattutto perché coloro che cercano di essere spirituali, di conoscere Dio e di comprenderLo, e persino coloro che sono disposti a dedicarGli tutta la vita, in realtà non conoscono i Suoi pensieri e non capiscono la Sua indole e le Sue emozioni.

Alla fine della storia di Noè vediamo che Dio usò un metodo insolito per esprimere i Suoi sentimenti in quel momento. Esso è molto speciale e consiste nel fare un patto con l’uomo. È un metodo che dichiara la fine dell’utilizzo del diluvio da parte di Dio per distruggere il mondo. Dall’esterno, fare un patto sembra qualcosa di molto ordinario. Non è altro che usare le parole per impedire a entrambe le parti di commettere azioni illecite, in modo da raggiungere lo scopo di proteggere i loro interessi. Nella forma è una cosa molto ordinaria ma, considerando le motivazioni e il significato con cui Dio compie questa azione, essa è una vera rivelazione della Sua indole e del Suo stato d’animo. Se ti limiti ad accantonare queste parole e a ignorarle, se non vi parlo mai della verità delle cose, l’umanità non conoscerà mai veramente il pensiero di Dio. Forse, nella tua immaginazione, Dio sorride quando fa questo patto, o forse ha una faccia seria, ma a prescindere da quale sia l’espressione assunta più frequentemente da Dio nell’immaginazione degli uomini, nessuno riesce a vedere il Suo cuore o il Suo dolore, né tantomeno la Sua solitudine. Nessuno può costringere Dio a fidarSi di lui o essere degno della Sua fiducia, oppure essere la persona cui Egli espone i Suoi pensieri o confida il Suo dolore. È per questo motivo che Dio non ebbe altra scelta. In apparenza, fece una cosa facile per dire addio all’umanità precedente, chiudendo con il passato e tracciando una conclusione perfetta per la Sua distruzione del mondo tramite il diluvio. Tuttavia aveva sepolto la sofferenza di quel momento nel profondo del Suo cuore. In un’occasione in cui non aveva nessuno con cui confidarSi, fece un patto con gli uomini, dicendo loro che non avrebbe più distrutto il mondo con un diluvio. Quando compare l’arcobaleno, esso serve a ricordare alle persone che in passato è accaduta una cosa simile, ad avvertirle di non compiere azioni malvagie. Dio non Si è dimenticato degli uomini nemmeno in una condizione così dolorosa e ha mostrato ancora molta sollecitudine nei loro confronti. Questa non è una dimostrazione del Suo amore e altruismo? Ma a cosa pensano le persone quando soffrono? Non è il momento in cui hanno più bisogno di Dio? In occasioni di questo tipo, coinvolgono sempre Dio cosicché possa confortarle. Egli non le pianterà mai e poi mai in asso, e farà sempre in modo che escano dalle loro situazioni difficili e che vivano nella luce. Sebbene Dio sostenti l’umanità in questo modo, nel cuore degli uomini Egli è soltanto un tranquillante, un ricostituente. Quando Dio soffre, quando il Suo cuore è ferito, avere un essere creato o una persona che Gli tenga compagnia o che Lo conforti è indubbiamente solo un desiderio esagerato per Lui. L’uomo non presta mai attenzione ai sentimenti di Dio, quindi Egli non chiede mai, né Si aspetta, che ci sia qualcuno in grado di confortarLo. Si limita a usare i Suoi metodi per esprimere il Suo umore. Le persone pensano che per Dio sia un’inezia sopportare un po’ di sofferenza, ma soltanto quando provi davvero a comprenderLo, quando riesci a cogliere veramente le Sue intenzioni serie in tutto ciò che fa, sei in grado di sentire la Sua grandezza e il Suo altruismo. Anche se Dio fece un patto con l’umanità usando l’arcobaleno, non ha mai detto a nessuno perché l’abbia fatto, perché abbia stretto questa alleanza, ossia non ha mai rivelato a nessuno i Suoi veri pensieri. Questo, perché non c’è nessuno in grado di comprendere la profondità del Suo amore per gli uomini che Egli ha creato con le Sue mani, e nemmeno di capire quanto dolore provò il Suo cuore quando Egli distrusse l’umanità. Pertanto, anche se dice alle persone come Si sente, esse non sono in grado di ricevere queste confidenze. Pur soffrendo, Dio procede con la fase successiva della Sua opera. Dà sempre all’umanità il Suo lato e le cose migliori, mentre sopporta da solo tutta la sofferenza senza darlo a vedere. Non rivela mai apertamente questi patimenti. Invece li sopporta e aspetta in silenzio. La Sua tolleranza non è fredda, insensibile o impotente, né è un segno di debolezza. Il fatto è che l’amore e l’essenza di Dio sono sempre stati altruisti. Questa è una rivelazione naturale della Sua essenza e indole, nonché un’autentica personificazione della Sua identità di vero Creatore.

Detto questo, alcuni potrebbero equivocare ciò che voglio dire. Descrivendo i sentimenti di Dio in modo così dettagliato, in termini così sbalorditivi, volevo far sì che le persone si dispiacessero per Lui? C’era una simile intenzione? (No!) Ho detto queste cose solo per farvi conoscere meglio Dio, per farvi comprendere ogni parte di Lui e le Sue emozioni, per farvi capire che la Sua essenza e la Sua indole vengono espresse, concretamente e a poco a poco, attraverso la Sua opera, anziché essere descritte dalle parole vuote dell’uomo, dalle sue lettere e dottrine o dalla sua immaginazione. Vale a dire che Dio e la Sua essenza esistono davvero: non sono quadri, non sono cose immaginate, costruite, né tantomeno inventate dagli uomini. Ora ve ne rendete conto? Se sì, le Mie parole di oggi hanno centrato il bersaglio.

Oggi abbiamo discusso di tre argomenti. Confido nel fatto che tutti abbiate imparato molto dalla condivisione su questi temi. Posso dire con certezza che, attraverso di essi, i pensieri di Dio da Me descritti o la Sua indole e la Sua essenza da Me menzionate hanno ribaltato le idee delle persone e la loro comprensione di Dio, capovolgendo persino la loro fede in Lui e l’immagine di Lui che ammirano in cuor loro. Sia come sia, spero che ciò che avete imparato sull’indole di Dio in queste due parti della Bibbia vi rechi beneficio e che, dopo essere rientrati, proverete a rifletterci meglio. L’incontro di oggi si conclude qui. Arrivederci!

00:00
00:00

0Risultato della ricerca