Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Testimoni per Cristo degli ultimi giorni

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultato della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

`

12. Cosa s’intende con “lasciarsi tutto alle spalle e seguire Dio”?

seguire Dio

Parole di Dio attinenti:

Puoi dedicare il tuo cuore e il tuo corpo e tutto il tuo autentico amore a Dio, porli dinanzi a Lui, essere completamente obbediente nei Suoi confronti e totalmente riguardoso nei confronti del Suo volere. Non per la carne, non per la famiglia e non per i tuoi desideri personali, ma per gli interessi della casa di Dio. In ogni cosa puoi accettare la parola di Dio come principio, come fondamento. In questo modo, le tue intenzioni e le tue prospettive saranno tutte al posto giusto e sarai una persona che conquista la lode di Dio in Sua presenza.

da “Coloro che sanno essere assolutamente obbedienti alla concretezza di Dio sono coloro che veramente amano Dio” in La Parola appare nella carne

Tu credi in Dio e segui Dio e così nel tuo cuore devi amare Dio. È necessario mettere da parte la tua indole corrotta, devi cercare di soddisfare il desiderio di Dio e devi eseguire il dovere di una creatura di Dio. Dal momento in cui credi e segui Dio, così dovresti offrire tutto a Lui e non dovresti fare scelte o richieste personali e dovresti raggiungere il compimento della volontà di Dio. Dal momento che sei stato creato, dovresti obbedire al Signore che ti ha creato, perché non hai intrinsecamente il dominio su te stesso e non hai alcuna capacità di controllare il tuo destino. Dal momento che sei una persona che crede in Dio, dovresti cercare la santità e il cambiamento. Dal momento che sei una creatura di Dio, dovresti aderire al tuo dovere e mantenere il tuo posto e non devi oltrepassare il tuo dovere. Questo non vuol dire limitarti o sopprimerti attraverso la dottrina, ma è il percorso attraverso il quale è possibile eseguire il tuo dovere che può essere raggiunto – e che dovrebbe essere raggiunto – da parte di tutti coloro che agiscono con giustizia.

da “Il successo o il fallimento dipendono dal cammino che l’uomo compie” in La Parola appare nella carne

9. I tuoi pensieri devono essere dedicati al lavoro della Chiesa. Dovresti mettere da parte le prospettive della tua propria carne, essere determinato riguardo alle questioni familiari, dedicarti con tutto te stesso all’opera di Dio, e mettere l’opera di Dio al primo posto e la tua propria vita al secondo. Questo è ciò che fa onore a un santo.

da “I dieci decreti amministrativi cui gli eletti di Dio devono obbedire nell’Età del Regno” in La Parola appare nella carne

Devi soffrire il disagio per la verità, devi dare te stesso alla verità, è necessario sopportare umiliazioni per la verità e, per ottenere più verità, è necessario sottoporsi a ulteriori sofferenze. Questo è ciò che dovresti fare. Non devi buttare via la verità per una vita pacifica in famiglia e non devi perdere la dignità e l’integrità della tua vita per un momentaneo godimento. Dovresti perseguire tutto ciò che è bello e buono, e dovresti perseguire un percorso di vita più significativo. Se conduci una vita così volgare e non persegui alcun obiettivo, non stai sprecando la tua vita? Che cosa puoi guadagnare da una vita del genere? Dovresti abbandonare tutti i piaceri della carne per il bene di una verità e non dovresti buttare via tutte le verità per il bene di un po’ di divertimento. Persone simili non hanno alcuna integrità né dignità; non vi è alcun significato nella loro esistenza!

da “Le esperienze di Pietro: la sua conoscenza del castigo e del giudizio” in La Parola appare nella carne

La condivisione dell’uomo:

Dio ha la seguente prescrizione per tutti coloro che credono in Lui: seguire Dio con totale abbandono. Dall’Età della Grazia all’Età del Regno, vi sono state tante persone che hanno abbandonato tutto per seguire Dio. Solo queste persone sono degne del nome di “santi”, che costituiscono il popolo di Dio durante l’Età del Regno. Che cosa significa “abbandonare tutto e seguire Dio”? Significa offrire l’intero proprio cuore, donare l’intero proprio essere a Dio e immergersi completamente nell’opera di Dio e spendersi per Dio. Questo è il vero significato di “abbandonare tutto per seguire Dio”. Alcuni credono che solo quanti non hanno famiglia e non hanno preoccupazioni possano abbandonare tutto, mentre quanti hanno famiglia, sono sposati, hanno genitori, moglie e figli non possano abbandonare tutto e seguire Dio. Questo modo di pensare è errato. In primo luogo, le persone devono sapere che le richieste di Dio alle persone sono eque e ragionevoli. Egli non ha richiesto che tutti quanti hanno famiglia, genitori, moglie e figli abbandonino la propria famiglia. Invece richiede che le persone donino il cuore e offrano sé stesse. Devono compiere il loro dovere fino in fondo, non essere dominate da alcun’altra persona, evento o cosa. Ciò equivale ad abbandonare tutto e seguire Dio. Dio non cerca di indurre le persone a fare cose che non sono disposte a fare. È sufficiente che una persona profonda tutto il suo impegno nel soddisfare Dio. È del tutto naturale che uno debba mettere da parte ciò che va messo da parte. Se, per adesso, uno non può abbandonare una certa cosa, è necessario soltanto che non sia dominato da quella cosa. Se il cuore è ancora limitato e uno non può compiere pienamente il suo dovere, questo non equivale ad abbandonare tutto. Nell’ambito di questo abbandonare tutto vi è la questione della lealtà verso Dio. Se veramente sei una persona che è leale verso Dio, il tuo cuore sarà in grado di non essere limitato dalla tua famiglia, da tua moglie (o tuo marito) o dai figli. Molti fratelli e sorelle hanno impegni familiari, ma il loro cuore non è limitato dalla loro famiglia, ed essi compiono benissimo il loro dovere. Anche se occasionalmente si allontanano per aver cura della famiglia, sostanzialmente non ritardano il compimento del loro dovere. Si può forse dire che non abbandonano tutto per seguire Dio? Veramente è una difficoltà avere famiglia, e nessuno può negarlo. Tuttavia, se il cuore è in grado di essere leale verso Dio, ci si potrà scrollare di dosso tutti i vincoli familiari. Anche se la carne subisce certi patimenti, si ricevono da Dio grandi benedizioni per il progresso della propria vita. E che cosa ottengono quelle persone che si aggrappano alle gioie della carne? In definitiva, non ottengono nulla. E come si affrontano i patimenti della carne? Si può dire che qualsiasi patimento sopportato dalla carne sia una cosa buona. Purché Dio possa essere soddisfatto, il proprio spirito può essere gioioso. Il dolore più grande di tutti sarebbe offendere Dio per aggrapparsi ai piaceri della carne. Tutti coloro che abbandonano tutto e donano a Dio riceveranno gratificazione, perché hanno compiuto pienamente il loro dovere umano e hanno soddisfatto Dio. Inoltre conseguiranno la lode di Dio, poiché Dio impartisce grandi benedizioni a tutti coloro che si spendono sinceramente per Lui. Coloro che si aggrappano alle gioie della famiglia e della carne e non sanno abbandonare tutto e seguire Dio sono tutti coloro che sono leali verso il diavolo Satana, che certamente non saranno salvati da Dio e tanto meno riceveranno la benedizione di Dio.

dalla condivisione del Fratello

Dedicare tutto il proprio essere a spendersi per Dio dovrebbe fondarsi su una scelta personale. Alcuni si dedicano a divulgare il Vangelo, altri prestano servizio nelle Chiese. Alcuni dedicano tutto il loro essere a spendersi per Dio a tempo pieno. Altri possono spendersi per Dio soltanto per una parte del tempo. Tutto dipende dalle scelte che le persone sono disposte a compiere; la famiglia di Dio non costringe le persone a fare le cose. Se siete adatti a svolgere un’attività per la casa di Dio, la famiglia di Dio vi inviterà; essere disposti o meno a rispondere all’invito dipende da voi. Se c’è qualcuno disposto a dedicarsi, deve tener conto delle disposizioni della famiglia di Dio. La famiglia di Dio può disporre l’attività di una persona a seconda dei suoi punti di forza. Se quella persona fa un buon lavoro, può continuare a svolgerlo. Se una persona non è all’altezza del proprio compito, la famiglia di Dio può assegnarle un’altra attività. La famiglia di Dio dispone l’attività per ciascuna persona secondo la sua formazione e i suoi punti di forza. La famiglia di Dio non assegnerà compiti agli incompetenti. Le persone devono imparare a obbedire e a sottomettersi all’orchestrazione di Dio.

da “I principi per istituire una Chiesa e la gestione della vita della Chiesa” in Selezione di annali sulle disposizioni per attività della Chiesa di Dio Onnipotente

Pagina precedente:Qual è la differenza tra fare il proprio dovere e prestare servizio?

Pagina successiva:Qual è la differenza tra comprendere la verità e comprendere la dottrina?

Potrebbero interessarti anche