L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Registrazione dei discorsi di Cristo

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultati della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

Non delineare l’opera di Dio

Il libro “La Parola appare nella carne” è molto ricco di contenuti. Alcune parole di questo libro sono profetiche e preannunciano come saranno le età future. Le profezie sono in realtà soltanto un quadro generale, e la maggior parte del libro esamina l’ingresso dell’uomo nella vita, rivela la natura umana e parla del capire Dio e la Sua indole. Riguardo a quali età, a quante età e in che genere di regno l’umanità entrerà in futuro, non ci sono programmi concreti, né riferimenti specifici e nemmeno periodi di tempo. Ossia, le età future non ti riguardano. Adesso non è ancora il momento e ne sei troppo lontano. Non capiresti nemmeno se te lo dicessi. Inoltre gli esseri umani non devono capire adesso queste cose. In questo momento devono capire soltanto le parole che rivelano la natura umana. Se alcuni di nuovo fanno domande sui misteri, puoi rispondere come segue: “Queste cose non hanno molto a che fare con la trasformazione dell’indole di vita dell’uomo. Capisci tutto quello che puoi, ma se davvero non lo capisci, pensane quello che vuoi!”. In passato sono state fatte delle profezie, come quella sul Regno millenario, Dio e l’uomo che entrano insieme nel riposo, e anche a proposito dell’Età della Parola. Le parole profetiche riguardano tutte i tempi prossimi a venire; quelle che non vengono menzionate sono cose molto lontane. Non dovete studiare ciò che è molto distante; quello che non dovreste sapere non vi sarà detto; quello che dovreste sapere è tutta la verità che proviene da Dio – per esempio, l’indole di Dio che si è espressa nei confronti dell’uomo; ciò che Dio ha ed è e che viene rivelato dalle Sue parole, e la rivelazione della natura umana attraverso il giudizio e il castigo, come pure l’orientamento di vita dato alle persone, poiché il nucleo dell’opera di salvezza dell’umanità include questi aspetti. Lo scopo di Dio nel pronunciare tali parole quando compie l’opera di gestire l’umanità è soprattutto conquistare e salvare gli uomini e cambiarne l’indole. Al momento l’Età della Parola è un’età concreta, è l’età della verità che conquista e salva l’uomo; altre parole seguiranno, poiché c’è molto che non è stato ancora detto. Alcuni credono che queste siano tutte le parole pronunciate da Dio – si tratta di un’interpretazione profondamente errata, poiché l’opera dell’Età della Parola è appena all’inizio in Cina, ma altre parole seguiranno dopo che Dio sarà apparso e avrà operato manifestamente in futuro. Come sarà l’Età del Regno, a quale tipo di destinazione avrà accesso l’umanità, che cosa accadrà quando vi accederà; come sarà allora la vita degli uomini; quale livello può raggiungere l’istinto umano, quale tipo di guida e di provvedimenti saranno necessari, e via di seguito…, tutto ciò è incluso nell’opera dell’Età della Parola. L’onnicomprensività di Dio non è come la immagini soltanto nel libro “La Parola appare nella carne”. Possono l’espressione dell’indole di Dio e la Sua opera essere semplici come tu le immagini? L’onnicomprensività, l’onnipresenza, l’onnipotenza e l’essere supremo di Dio non sono parole vuote – se le parole di Dio in questo grosso libro rappresentano ogni aspetto di Dio, e se esse concludono l’intera Sua gestione, allora hai osservato Dio in maniera troppo limitata; questo non significa forse delineare Dio ancora una volta? Devi sapere che tali parole rappresentano una parte minima del Dio onnicomprensivo. Tutti i circoli religiosi hanno delineato Dio nella Bibbia. E oggi Lo state delineando anche voi? Non sapete che ciò equivale a svilirLo? Che significa condannarLo e bestemmiarLo?

Al momento, la maggior parte delle persone pensa: “Ciò che Dio ha detto negli ultimi giorni è tutto racchiuso nel libro ‘La Parola appare nella carne’. Non esistono altre parole di Dio; questo è tutto ciò che ha detto”. Si tratta di un grande errore! Il libro rivela soltanto che in Cina l’opera di conquista da parte di Dio è giunta alla fine e si è conclusa, ma ciò non significa che l’intera gestione di Dio sia terminata. Quando l’opera dell’intero universo sarà finita, si potrà solo affermare che il piano di gestione di seimila anni è terminato; quando tale progetto sarà concluso, Dio non continuerà forse a esistere in questo universo e così le persone? Finché c’è vita, finché l’umanità esiste, la gestione di Dio sarà in atto. Proprio come in una fabbrica, il semplice fatto che un unico prodotto abbia concluso il proprio ciclo di produzione non significa che la fabbrica chiuderà; fino a quando questa deve esistere, proseguirà la propria attività: la fabbrica dovrà produrre nuovi prodotti, ma in un’altra maniera. Quando il piano di gestione di seimila anni sarà ultimato, fino a quando vi saranno umanità, vita, esistenza e questo universo, allora Dio gestirà ancora ogni cosa, ma questo non verrà più definito il piano di gestione di seimila anni. Oggi ci riferiamo a esso come gestione di Dio. Forse in futuro sarà chiamato con un nome diverso e sarà una vita diversa per l’umanità e Dio; Egli non potrà continuare a usare le parole odierne per guidare l’uomo, poiché esse sono adatte solo per questo periodo di tempo. Pertanto, non delineare l’opera di Dio in qualsiasi momento. Alcuni affermano che Dio offra solo queste parole alle persone e nient’altro; che Egli può pronunciare solamente tali parole – e anche questo significa confinare Dio entro un certo ambito. È come se oggi, nell’Età del Regno, si utilizzassero le espressioni dell’epoca di Gesù. Sarebbe appropriato? Alcune parole si applicherebbero e altre dovrebbero essere abolite, quindi non puoi sostenere che le parole di Dio non possano essere mai distrutte. Le persone delineano le cose con facilità? Sì, in alcuni campi. Forse un giorno leggerai “La Parola appare nella carne” proprio come oggi si legge la Bibbia, senza tenere il passo con Dio. Adesso è il momento giusto per leggere “La Parola appare nella carne”; se lo farai in seguito, sarà come guardare un vecchio calendario ingiallito, poiché allora il nuovo avrà rimpiazzato il vecchio. Le necessità delle persone si producono e si sviluppano conformemente all’opera di Dio. A quel punto, la natura umana, gli istinti e gli attributi che dovrebbero essere propri degli individui si saranno in qualche modo trasformati; una volta che il mondo sarà cambiato, le esigenze dell’umanità saranno diverse. Alcuni chiedono: “Dio parlerà in seguito?”. Altri giungeranno alla conclusione che: “Dio non parlerà, poiché la Sua opera è compiuta, e quando l’opera dell’Età della Parola è conclusa nient’altro può essere detto e ogni altra parola sarà falsa”. Non è sbagliato anche questo? È facile per l’umanità commettere l’errore di delineare Dio; le persone sono propense a rimanere aggrappate al passato e a demarcare Dio. È evidente che non conoscono Dio e tuttavia continuano senza ragione a delimitarNe l’opera. La loro natura è così arrogante! Desiderano sempre rimanere aggrappate alle vecchie concezioni del passato, conservano le cose dei giorni andati riponendole nel loro cuore e le usano come capitale, comportandosi in modo arrogante e presuntuoso, pensando di capire tutto e avendo la sfrontatezza di delineare l’opera di Dio. Così facendo, non esprimono un giudizio su Dio? Inoltre, non prendono in considerazione la Sua nuova opera, il che dimostra che è difficile per loro accettare il nuovo, e tuttavia continuano a delineare ciecamente Dio; sono così presuntuose da essere prive di ragione, non ascoltano nessuno e non accettano nemmeno le parole di Dio. Tale è la natura umana: assolutamente arrogante e certa di essere nel giusto, e senza la minima obbedienza. Quando condannarono Gesù, i farisei si espressero così: “Anche se Tu fossi giusto, comunque non ti seguirei – solo Jahvè è il vero Dio”. Oggi, non vi è forse chi dice: “È Cristo? Non Lo seguirei nemmeno se Lo fosse veramente!”. Esistono individui simili? Sì, ci sono molte persone religiose così. Ciò dimostra che l’indole umana è troppo corrotta, che l’uomo è al di là della salvezza.

Fra i santi che hanno vissuto nei secoli, Mosè e Pietro furono gli unici che conobbero davvero Dio e da Lui furono lodati; tuttavia, riuscirono a sondare pienamente Dio? Quello che colsero è altresì limitato ed essi stessi non osavano affermare di conoscere Dio. Coloro che conoscono veramente Dio non Lo delineano, poiché si rendono conto che Egli è immenso e incommensurabile. Coloro che non conoscono Dio sono quelli inclini a delinearLo e a definire ciò che Egli ha ed è, sono pieni di immaginazione nei Suoi riguardi, producono facilmente concezioni su tutto quello che Dio ha fatto. Dunque, coloro che credono di conoscere Dio sono quelli che più Gli resistono e che sono in maggior pericolo.

Pagina precedente:Capire caratteristiche comuni e differenze nella natura umana

Pagina successiva:Sperimentare ambienti di ogni tipo è utile per la crescita personale

Potrebbero interessarti anche