Brani classici della parola di Dio sul Vangelo del Regno (Selezioni)

Contenuti

Solo chi conosce Dio e la Sua opera è in grado di soddisfare Dio

L’opera di Dio incarnato comprende due parti. La prima volta che Egli Si è fatto carne, la gente non ha creduto in Lui o non Lo ha conosciuto e ha inchiodato Gesù alla croce. Anche la seconda volta, la gente non ha creduto in Lui e tanto meno Lo ha conosciuto e ancora una volta ha inchiodato Cristo alla croce. L’uomo non è il nemico di Dio? Se l’uomo non Lo conosceva, come potrebbe essere stato l’uomo intimo di Dio? E come poteva essere qualificato per rendere testimonianza a Dio? Amare Dio, servire Dio, glorificare Dio, non sono queste ingannevoli bugie? Se dedichi la tua vita a queste cose poco pratiche non realistiche, non lavori invano? Come puoi essere intimo di Dio quando non sai nemmeno chi è Dio? Non è tale ricerca vaga e astratta? Non è ingannevole? Come puoi essere intimo di Dio? Qual è il significato pratico di essere intimo di Dio? Puoi essere intimo dello Spirito di Dio? Puoi vedere quanto lo Spirito sia grande ed esaltato? Essere intimo di un Dio invisibile, intangibile — non è vago e astratto? Qual è il significato pratico di tale ricerca? Non sono forse tutte ingannevoli bugie? La cosa che persegui è quella di diventare intimo di Dio, ma in realtà sei un cagnolino di Satana, non conosci Dio e persegui l’inesistente “Dio di tutte le cose”, che è invisibile, intangibile e frutto delle tue proprie nozioni. Vagamente parlando, una tale “Dio” è Satana e, in pratica, si tratta di te stesso. Tu cerchi di essere intimo di te stesso, ma sostieni ancora di perseguire l’intimità con Dio — non è una bestemmia? Qual è il valore di tale ricerca? Se lo Spirito di Dio non diventa carne, allora la sostanza di Dio è semplicemente uno Spirito invisibile e intangibile della vita, senza forma e amorfo, del tipo immateriale, inavvicinabile e incomprensibile per l’uomo. Come potrebbe l’uomo essere intimo di un incorporeo, meraviglioso, ineffabile Spirito come questo? Non è questo uno scherzo? Tale ragionamento assurdo non è valido ed è poco pratico. L’uomo creato è intrinsecamente di tipo diverso dallo Spirito di Dio, così come potrebbero loro due essere intimi? Se lo Spirito di Dio non fosse stato realizzato in carne, se Dio non fosse diventato carne e non Si fosse umiliato diventando una creatura, allora l’uomo creato sarebbe stato sia incompetente sia incapace di essere Suo intimo e, a parte quei credenti devoti che possono avere la possibilità di essere intimi di Dio, dopo che le loro anime sono entrate in cielo, la maggior parte delle persone non sarebbero stati in grado di diventare intimi dello Spirito di Dio. E se l’uomo vuole diventare intimo di Dio in cielo sotto la guida di Dio incarnato, non è egli un incredibilmente stupido non-umano? L’uomo persegue solo la “fedeltà” a un Dio invisibile e paga senza la minima attenzione al Dio che si vede, perché un Dio invisibile è così facile da perseguire — l’uomo può farlo, però gli piace. Ma la ricerca del Dio visibile non è così facile. L’uomo che cerca un Dio vago non è assolutamente in grado di guadagnare Dio, le cose che sono vaghe e astratte sono tutte immaginate dall’uomo e incapaci di essere acquisite dall’uomo. Se il Dio che è venuto in mezzo a voi fosse un Dio nobile ed esaltato che vi fosse inaccessibile, allora come si potrebbe cercare la Sua volontà? E come si farebbe a conoscerLo e comprenderLo? Se Egli ha compiuto solo la Sua opera e non ha avuto contatti normali con l’uomo o non è stato in possesso di alcuna umanità normale e inaccessibile ai comuni mortali, quindi, anche se ha fatto molto lavoro per voi, ma voi non avete avuto alcun contatto con Lui, e non siete stati in grado di vederLo, come potreste conoscerLo? Se non fosse per il possesso di umanità normale di questa carne, l’uomo non avrebbe modo di conoscere Dio; è solo a causa dell’incarnazione di Dio che l’uomo è qualificato per essere intimo di questo Dio nella carne. L’uomo diventa intimo di Dio perché l’uomo entra in contatto con Lui, perché l’uomo vive insieme a Lui e mantiene la Sua compagnia, e così a poco a poco viene a conoscerLo. Se non fosse così, la ricerca dell’uomo non sarebbe vana? Vale a dire, non è tutto a causa del lavoro di Dio che l’uomo è in grado di essere intimo di Dio, ma a causa della realtà e della normalità di Dio incarnato. È solo perché Dio Si fa carne che l’uomo ha la possibilità di compiere il proprio dovere e la possibilità di adorare il vero Dio. Non è forse questa la verità più reale e pratica? Ora, avete ancora desiderio di essere intimi di Dio in cielo? Solo quando Dio Stesso Si umilia fino ad un certo punto, vale a dire, solo quando Dio Si fa carne, l’uomo può essere il Suo confidente intimo. Dio è dello Spirito: come è qualificato l’uomo ad essere intimo di questo Spirito, che è così esaltato e insondabile? Solo quando lo Spirito di Dio discende nella carne e diventa una creatura con la stessa esteriorità dell’uomo, l’uomo può capire la Sua volontà e essere realmente guadagnato da Lui. Parla e lavora nella carne, condivide gioie, dolori e tribolazioni dell’uomo, vive nello stesso mondo dell’uomo, protegge l’uomo e lo guida, ed è attraverso questo che Egli purifica l’uomo e permette all’uomo di guadagnare la Sua salvezza e la Sua benedizione. Dopo aver ottenuto queste cose, l’uomo capisce veramente la volontà di Dio e solo allora egli può essere un intimo di Dio. Solo questo è pratico. Se Dio fosse invisibile e intangibile per l’uomo, come potrebbe l’uomo essere Suo intimo? Non è questa una dottrina vuota?

Nella loro fede in Dio oggi, molte persone ancora perseguono ciò che è vago e astratto. Non hanno conoscenza della realtà dell’opera di Dio oggi e vivono ancora tra lettere e dottrine. Inoltre, la maggior parte deve ancora entrare nella realtà di nuove frasi come “la nuova generazione di coloro che amano Dio”, “l’intimo di Dio”, “una figura e un modello nell’amore di Dio”, “lo stile di Pietro”; invece, la loro ricerca è ancora vaga e astratta, tanto che ancora brancolano nella dottrina e non hanno comprensione della realtà di queste parole. Quando lo Spirito di Dio Si fa carne, puoi vedere e toccare la Sua opera nella carne. Eppure, se non sei ancora in grado di diventare Suo intimo, se non sei ancora in grado di essere il Suo confidente, allora come puoi essere il confidente dello Spirito di Dio? Se non conosci il Dio di oggi, come puoi essere uno della nuova generazione di coloro che amano Dio? Non sono forse queste lettere e le dottrine vuote? Sei in grado di vedere lo Spirito e percepire la Sua volontà? Non sono queste parole vuote? Non è sufficiente per te pronunciare semplicemente queste frasi e termini, né è possibile realizzare la soddisfazione di Dio solo attraverso la risoluzione. Sei soddisfatto di dire solo queste parole e fai in modo di soddisfare i tuoi desideri, per soddisfare i tuoi ideali irrealistici e per soddisfare le tue nozioni e i tuoi pensieri. Se non conosci il Dio di oggi, indipendentemente da ciò che fai, non sarai in grado di soddisfare il desiderio del cuore di Dio. Che cosa significa essere un confidente di Dio? Non lo hai ancora capito? Dal momento che l’uomo è intimo di Dio, così Dio è anche uomo, vale a dire, Dio Si è fatto carne, è diventato uomo. Solo coloro che sono dello stesso tipo possono chiamare l’altro confidente, solo allora essi possono essere considerati intimi. Se Dio fosse fatto di Spirito, l’uomo, in quanto creato, potrebbe diventare Suo intimo?

La tua fede in Dio, la tua ricerca della verità e anche il modo in cui ti comporti, tutto deve essere basato sulla realtà: tutto quello che fai deve essere pratico e non devi perseguire queste cose fantasiose e illusorie. Non esiste un valore nel comportarsi in questo modo e inoltre non c’è alcun significato in questo genere di vita. Poiché la tua ricerca e la tua vita sono spese in mezzo a niente di più che in mezzo alla falsità e all’inganno, e non persegui le cose che hanno valore e significato, l’unica cosa che guadagni è un ragionamento assurdo e una dottrina che non ha niente della verità. Queste cose non hanno alcuna relazione con il significato e il valore della tua esistenza e possono solo portare ad un regno vuoto. In questo modo, tutta la tua vita sarà priva di qualsiasi valore o significato — e se non persegui una vita piena di significato, allora potresti vivere un centinaio di anni e tutto sarebbe per niente. Come potrebbe questa essere chiamata vita umana? Non è in realtà la vita di un animale? Allo stesso modo, se tentate di seguire il percorso di fede in Dio, ma non fate alcun tentativo di perseguire il Dio che può essere visto e invece adorate un Dio invisibile e intangibile, non è forse tale ricerca ancora più inutile? Alla fine, la tua ricerca diventerà un cumulo di rovine. Di quale beneficio è per te un tale perseguimento? Il problema più grande dell’uomo è che ama solo le cose che non può vedere o toccare, cose che sono estremamente misteriose e meravigliose e che sono inimmaginabili per l’uomo ed irraggiungibili dai comuni mortali. Più irrealistiche sono queste cose, tanto più esse vengono analizzate dall’uomo, che le insegue, addirittura incurante di tutto il resto e si illude di essere in grado di ottenerle. Più irrealistiche esse sono, più da vicino l’uomo le scruta e le analizza, arrivando anche al punto di compensare le proprie idee esaurienti su di loro. Al contrario, più le cose sono realistiche, più l’uomo è indifferente nei loro confronti; egli semplicemente le guarda dall’alto in basso e con atteggiamento sprezzante. Non è forse proprio questo il vostro atteggiamento verso l’opera realistica che compio oggi? Più realistiche sono queste cose, tanto più pregiudizi avete nei loro confronti. Voi non vi prendete nessun momento per esaminarle, ma semplicemente le ignorate; le guardate dall’alto in basso, queste richieste semplici e realistiche, e nutrite anche numerose convinzioni su questo Dio che è più reale, e siete semplicemente incapaci di accettare la Sua realtà e la Sua normalità. In questo modo, non credete forse al vacuo? Avete una fede incrollabile nel Dio vago dei tempi passati e nessun interesse nel Dio vero di oggi. Ciò non è perché il Dio di ieri e il Dio di oggi sono di due epoche differenti? Non è forse anche perché il Dio di ieri è il Dio esaltato del cielo, mentre il Dio di oggi è un uomo molto piccolo sulla terra? Non è, del resto, perché il Dio adorato da parte dell’uomo è quello prodotto dalla sua convinzione, mentre il Dio di oggi è carne reale, prodotta sulla terra? Quando tutto è detto e fatto, non è forse perché il Dio di oggi è così reale che l’uomo non Lo insegue? Perché ciò che il Dio di oggi chiede all’uomo è proprio ciò che l’uomo non è minimamente disposto a fare e che gli fa provare vergogna. Non è questo che rende le cose difficili per l’uomo? Non è questo che mette a nudo le sue cicatrici? In questo modo, molti di coloro che non perseguono la realtà diventano i nemici di Dio incarnato, diventando anticristi. Non è questo un fatto ovvio? In passato, quando Dio doveva ancora farSi carne, potresti essere stato una figura religiosa o un devoto credente. Dopo che Dio Si è fatto carne, molti di questi credenti devoti sono diventati involontariamente l’anticristo. Sai cosa sta succedendo? Nella tua fede in Dio, non sei concentrato sulla realtà o non persegui la verità, ma sei ossessionato dalla falsità — non è questa la più chiara fonte della tua ostilità nei confronti del Dio incarnato? Il Dio incarnato è chiamato Cristo, e così non sono tutti quelli che non credono nel Dio incarnato l’anticristo? E dunque quello in cui credi e ami è davvero il Dio nella carne? È davvero questo Dio vivente, che respira, il più realistico e straordinariamente normale? Qual è esattamente l’obiettivo della tua ricerca? È esso in cielo o in terra? È una convinzione o è la verità? È Dio o un essere soprannaturale? In realtà, la verità è il più reale degli aforismi della vita e il più alto di tali aforismi tra tutti gli uomini. Poiché è il requisito che Dio chiede all’uomo ed è il lavoro personalmente fatto da Dio, pertanto è chiamato “l’aforisma della vita”. Esso non è un aforisma riassunto da qualcosa, né è una citazione famosa di una grande figura; invece, è l’espressione all’umanità da parte del Maestro dei cieli e della terra e di tutte le cose, e non qualche parola riassunta da un uomo, ma la vita intrinseca di Dio. E così è chiamato “Il più alto aforisma di tutta la vita”. La ricerca dell’uomo di mettere la verità in pratica è la prestazione del suo dovere, che è la ricerca di soddisfare le richieste di Dio. L’essenza di queste richieste è la più reale di tutte le verità, piuttosto che la dottrina vuota non ottenibile da parte di nessun uomo. Se la tua ricerca non è altro che la dottrina e non contiene la realtà, non ti ribelli forse contro la verità? Non sei uno che attacca la verità? Come potrebbe una persona perseguire l’amore per Dio? Le persone che sono senza realtà sono quelle che tradiscono la verità e sono tutte intrinsecamente ribelli!

Indipendentemente da come persegui, tu devi, prima di tutto, capire l’opera che Dio svolge oggi, e devi conoscere il significato di questa opera. Devi capire e sapere che cosa l’opera di Dio porta, quando verrà negli ultimi giorni, che indole Egli porta e ciò che sarà reso completo nell’uomo. Se non sai o non capisci l’opera che Egli è venuto a svolgere nella carne, allora come puoi cercare la Sua volontà e come puoi diventare Suo intimo? Infatti, essere intimo di Dio non è complicato, ma non è nemmeno semplice. Se l’uomo può percepire, allora può realizzare e quindi non è complicato; se l’uomo non può percepire, allora è molto più difficile e, inoltre, l’uomo diventa incline a perseguire il vacuo. Se, nella ricerca di Dio, l’uomo non ha una propria salda posizione e non sa quale verità dovrebbe sostenere, allora vuol dire che non ha alcun fondamento, e quindi non è facile per lui mantenersi saldo. Oggi, ci sono così tanti che non capiscono la verità, che non riescono a distinguere tra il bene e il male o dire che cosa amare o odiare. Tali persone possono a malapena mantenersi salde. La chiave per la fede in Dio è essere in grado di mettere in pratica la verità, aver cura della volontà di Dio, conoscere l’opera di Dio nei confronti dell’uomo quando Egli verrà nella carne e dei principi attraverso cui Egli parla; non bisogna seguire le masse e bisogna avere principi riguardo a ciò in cui si entra, e bisogna attenervisi. Sostenere fermamente queste cose dentro di te, illuminato da Dio, ti aiuterà. Se non lo fai, oggi vivrai in un modo, domani in un altro, e non guadagnerai mai qualcosa di reale. Essere così non è di alcun beneficio per la tua vita. Coloro che non capiscono la verità seguono sempre gli altri: se la gente dice che questa è l’opera dello Spirito Santo, allora anche tu dirai che è l’opera dello Spirito Santo; se la gente dice che è l’opera di uno spirito maligno, allora anche tu ne dubiterai o anche tu dirai che è l’opera di uno spirito maligno. Ripeti costantemente le parole degli altri, senza essere capace di distinguere nulla da solo, di pensare con la tua testa. Questo è qualcuno senza una posizione, che non è in grado di distinguere — una tale persona è un inutile miserabile! Tali persone ripetono sempre le parole di altri: oggi si dice che questa è l’opera dello Spirito Santo, ma è probabile che un giorno qualcuno dirà che non si tratta dell’opera dello Spirito Santo, bensì di nient’altro che di azioni dell’uomo — eppure non puoi leggere attraverso questo e, quando testimoni ciò che è detto da altri, dici le stesse cose. In realtà si tratta dell’opera dello Spirito Santo, ma tu dici che è l’opera dell’uomo; non sei diventato uno di quelli che bestemmiano contro l’opera dello Spirito Santo? In questo, non ti sei opposto a Dio perché non sei in gradi di discriminare? Chi lo sa, magari un giorno apparirà qualche stolto, che dirà: “questa è l’opera di uno spirito maligno” e quando sentirai queste parole sarai in perdita e ancora una volta legato alle parole degli altri. Ogni volta che qualcuno suscita un disordine, tu sei incapace di restare saldo nella tua posizione e tutto questo accade perché non possiedi la verità. Credere in Dio e perseguire la conoscenza di Dio non è cosa semplice. Esse non possono essere raggiunte semplicemente raccogliendo e ascoltando la predicazione, e non possono essere perfezionate dalla sola passione. Tu devi sperimentare e conoscere, ed essere un uomo di principi nelle tue azioni, e guadagnare l’opera dello Spirito Santo. Quando disporrai di esperienze, sarai in grado di distinguere molte cose, sarai in grado di distinguere tra il bene e il male, tra la giustizia e la malvagità, tra ciò che è fatto di carne ed ossa e ciò che è fatto di verità. Dovresti essere in grado di distinguere tra tutte queste cose e, così facendo, indipendentemente dalle circostanze, non sarai mai perso. Solo questa è la tua vera statura morale. Conoscere l’opera di Dio non è semplice: dovresti avere un criterio e un obiettivo nella tua ricerca, dovresti sapere come cercare la vera via e come misurare se essa sia o meno la vera via e se sia o meno l’opera di Dio. Qual è il principio di base nel cercare la vera via? Bisogna guardare se c’è o non c’è l’opera dello Spirito Santo, se queste parole sono l’espressione della verità, a cui è resa testimonianza e che cosa essa può portarti. Distinguere tra la vera via e la falsa via, richiede diversi aspetti della conoscenza di base, il più fondamentale dei quali è quello di dire se c’è o non c’è l’opera dello Spirito Santo. La sostanza della fede dell’uomo in Dio è la fede nello Spirito di Dio. Anche la sua fede in Dio incarnato è perché questa carne è l’incarnazione dello Spirito di Dio, il che significa che tale fede è ancora la fede nello Spirito. Ci sono differenze tra lo spirito e la carne, ma poiché questa carne viene dallo Spirito ed è la Parola fatta carne, di conseguenza ciò che l’uomo crede è ancora la sostanza intrinseca di Dio. E così, nel distinguere se sia o non sia la vera via, soprattutto si deve guardare se c’è o non c’è l’opera dello Spirito Santo, dopo di che si deve guardare se c’è o non c’è la verità in questa via. Questa verità è l’indole della vita dell’umanità normale, vale a dire, quello che è stato richiesto all’uomo quando Dio, in principio, ha creato l’uomo, vale a dire, tutta l’umanità normale (tra cui ragione umana, intuizione, saggezza e conoscenza di base dell’essere uomo). Cioè, è necessario vedere se questa via porti o meno l’uomo in una vita di umanità normale, se la verità di cui si parla sia necessaria o meno, secondo la realtà dell’umanità normale, se questa verità è pratica e reale e se è più attuale o meno. Se vi è verità, allora ciò è in grado di condurre l’uomo a esperienze normali e reali; l’uomo, inoltre, diventa sempre più normale, la ragione umana dell’uomo diventa sempre più completa, la vita dell’uomo nella carne e la sua vita spirituale diventano sempre più ordinate e le emozioni dell’uomo diventano sempre più normali. Questo è il secondo principio. C’è un altro principio, secondo cui l’uomo ha, o meno, una conoscenza sempre maggiore di Dio, lo sperimentare tale opera e verità può, o meno ispirare l’amore per Dio in lui e portarlo sempre più verso Dio. In questo può essere misurato se sia, o meno, la vera via. La parte più essenziale è se questa via sia realistica, piuttosto che soprannaturale e se sia in grado o meno di fornire la vita all’uomo. Se è conforme a questi principi, la conclusione che si può trarre è che questa via è la vera via. Dico queste parole non per fare accettare altre vie nelle vostre esperienze future, né come previsione che ci sarà l’opera di un’altra nuova era nel futuro. Io vi dico ciò, in modo che voi possiate essere certi che la via di oggi è la vera via, affinché non siate solo sicuri a metà nella vostra fede verso l’opera di oggi e non siate in grado di avere discernimento a questo riguardo. Ci sono anche molti che, pur essendo certi, comunque seguono in uno stato di confusione; tale certezza non ha alcun principio e costoro devono essere eliminati, prima o poi. Anche coloro che sono particolarmente ardenti nella loro sequela, sono per tre parti sicuri e per cinque parti insicuri, il che dimostra che non hanno alcun fondamento. Perché il vostro calibro è troppo povero e le vostre fondamenta sono troppo superficiali, non avete alcuna comprensione della differenziazione. Dio non ripete la Sua opera, non compie un’opera che non sia realistica, Egli non fa richieste eccessive all’uomo e non compie alcuna opera che sia al di là della ragione dell’uomo. Tutta l’opera che Egli compie è nell’ambito della normale ragione dell’uomo e non supera la ragione di un’umanità normale e la Sua opera è in accordo ai requisiti normali dell’uomo. Se è l’opera dello Spirito Santo, l’uomo diventa sempre più normale e la sua umanità diventa sempre più normale. L’uomo ha una conoscenza crescente della propria indole, che è stata corrotta da Satana, e dell’essenza dell’uomo, ed avrà un sempre maggiore desiderio della verità. Vale a dire, la vita dell’uomo crescerà sempre più, e l’indole corrotta dell’uomo diventerà capace di cambiamenti sempre maggiori - ognuno dei quali sarà il significato di Dio che diviene la vita dell’uomo. Se una via non è in grado di rivelare quelle cose che sono l’essenza dell’uomo, allora non è in grado di cambiare l’indole dell’uomo, e inoltre non è in grado di portarlo davanti a Dio o di dargli una vera comprensione di Dio, e sarà la causa per cui la sua umanità diventerà sempre più piccola e la sua ragione sempre più anormale, e pertanto, la vera via non deve essere in questo modo e può essere l’opera di uno spirito maligno o la vecchia via. In breve, non può essere l’attuale opera dello Spirito Santo. Avete creduto in Dio per tutti questi anni, eppure ancora non avete la benché minima idea dei principi mediante i quali riconoscere la vera via dalla via falsa o per cercare la vera via. La maggior parte delle persone non sono nemmeno interessate a tali questioni; non fanno che andare dove si dirige la maggioranza e ripetere ciò che dice la maggioranza. Come può una persona simile essere qualcuno che cerca la vera via? E come possono queste persone trovare la vera via? Se afferri questi diversi principi chiave, qualunque cosa accada, non sarai ingannato. Oggi, è fondamentale che l’uomo sia in grado di fare distinzioni; questo è ciò che dovrebbe essere posseduto dall’umanità normale, e ciò che l’uomo deve possedere nella sua esperienza. Se, ancora oggi, l’uomo non distingue ancora niente nella propria sequela, e la sua ragione umana non è ancora cresciuta, allora l’uomo è troppo stupido e la sua ricerca è errata e deviata. Non c’è la minima differenza nella tua ricerca di oggi e, se è vero, come dici tu, che hai trovato la vera via, l’hai guadagnata? Sei stato in grado di distinguere qualcosa? Qual è la sostanza della vera via? Nella vera via, non hai guadagnato la vera via, non hai ottenuto nulla della verità, vale a dire, non hai raggiunto quello che Dio richiede da te e, quindi, non c’è stato alcun cambiamento nella tua corruzione. Se continui a perseguire questa via, sarai in ultima analisi eliminato. Avendo seguito fino ad oggi, dovresti essere certo che la via che hai intrapreso sia la strada giusta e non dovresti avere ulteriori dubbi. Molte persone sono sempre incerte e smettono di perseguire la verità a causa di alcune piccole cose. Tali persone sono coloro che non hanno alcuna conoscenza dell’opera di Dio, sono coloro che seguono Dio in uno stato di confusione. Le persone che non conoscono l’opera di Dio non sono in grado di essere Suoi intimi o di portarGli testimonianza. Io consiglio a quelli che cercano solo benedizione e che perseguono solo ciò che è vago e astratto di perseguire la verità al più presto possibile, in modo che la loro vita possa avere un significato. Non ingannate più voi stessi!