Tutto viene compiuto dalla parola di Dio (Estratto V)

Dio realizza la Sua opera in tutto l’universo. Tutti coloro che credono in Lui devono accettare e nutrirsi della Sua parola; nessuno può essere guadagnato da Dio attraverso l’osservazione dei segni e dei prodigi da Lui mostrati. Nel corso dei secoli, Dio ha sempre usato la parola per rendere perfetto l’uomo, quindi non dovete dedicare tutta la vostra attenzione ai segni e ai prodigi, ma Lo dovreste seguire essendo resi perfetti da Dio. Nell’Età della Legge veterotestamentaria, Dio proferì delle parole, come fece Gesù nell’Età della Grazia. Dopo che Gesù ebbe finito di dire molte parole, gli apostoli e i profeti che vennero in seguito fecero sì che gli uomini mettessero in pratica le leggi e i comandamenti stabiliti da Gesù, sperimentando secondo i principi espressi da Gesù. Il Dio degli ultimi giorni utilizza soprattutto la parola per rendere perfetto l’uomo. Non ricorre a segni e prodigi per opprimerlo o per convincerlo; ciò non può palesare la potenza di Dio. Se Dio mostrasse soltanto segni e prodigi, sarebbe impossibile rendere manifesta la realtà di Dio, e in tal modo Gli sarebbe impossibile perfezionare l’uomo. Dio non rende perfetto l’uomo tramite segni e prodigi, ma usa la parola per dissetarlo e pasturarlo, dopo che ha ottenuto assoluta obbedienza dall’uomo e questi ha raggiunto la conoscenza di Dio. Ecco lo scopo dell’opera che Dio compie e delle parole che proferisce. Dio non Si avvale di segni e prodigi per rendere perfetto l’uomo, impiega parole e usa diversi modi di operare per perfezionarlo. Che si tratti di raffinamento, trattamento, potatura o provvidenza delle parole, Dio parla da molti punti di vista diversi per rendere perfetto l’uomo, e per fornirgli una maggiore conoscenza dell’opera, della saggezza e della meraviglia di Dio. Quando l’uomo ha raggiunto la perfezione, nel momento in cui Dio conclude l’età negli ultimi giorni, sarà autorizzato a considerare segni e prodigi. Quando disponi della conoscenza di Dio e sei in grado di obbedirGli, a prescindere da ciò che fa, vedrai segni e prodigi poiché non avrai concezioni sulla realtà di Dio. Al momento, la tua natura è corrotta e non sei capace di ubbidire in tutto a Dio, sei all’altezza di vedere segni e prodigi? Il momento in cui Dio mostra segni e prodigi è quando punisce l’uomo, e anche quando cambia e si conclude l’età. Quando viene svolta normalmente l’opera di Dio, Egli non mostra segni e prodigi. Mostrare segni e prodigi è estremamente facile, ma non è il principio dell’opera divina, né è l’obiettivo della gestione di Dio per l’uomo. Se l’uomo vedesse segni e prodigi, e se il corpo spirituale di Dio dovesse essere mostrato all’uomo, non crederebbero tutti in Dio? Ho già detto che un gruppo di vincitori è stato guadagnato dall’Oriente, vincitori provenienti dalla grande tribolazione. Qual è il significato di queste parole? Esse intendono dire che tali individui sono stati guadagnati solo con la vera ubbidienza, dopo aver subito il giudizio e il castigo, il trattamento, la potatura e ogni tipo di raffinamento. La fede di tali persone non è vaga e astratta, ma reale. Non hanno visto alcun segno, prodigio o miracolo; non parlano di norme e dottrine astruse, o intuizioni profonde; piuttosto, possiedono la realtà, le parole di Dio e una vera conoscenza della realtà divina. Tale gruppo non è forse capace di palesare la potenza di Dio? L’opera di Dio negli ultimi giorni è un’opera reale. Nell’epoca di Gesù, Egli non venne a rendere perfetto l’uomo, ma a redimerlo, e così ha mostrò alcuni miracoli per consentire alle persone di seguirLo. Egli, infatti, venne principalmente a completare l’opera della crocifissione e mostrare segni non faceva parte dell’opera del Suo ministero. Tali segni e prodigi rappresentavano ciò che andava fatto per rendere efficace la Sua opera; erano un qualcosa in più e non rappresentavano l’opera di tutta l’epoca. Durante l’Età della Legge veterotestamentaria, anche Dio mostrò alcuni segni e prodigi, ma l’opera che Dio realizza oggi è un’opera reale, nella quale non mostrerà di certo segni e prodigi per ora. Non appena mostrasse segni e prodigi, la Sua opera pratica finirebbe nel caos, ed Egli non sarebbe in grado di fare nient’altro. Se Dio dicesse che la parola è stata utilizzata per rendere perfetto l’uomo, ma mostrasse anche segni e prodigi, ciò chiarirebbe se l’uomo creda in Lui veramente o meno? Dio non fa quindi tali cose. C’è troppa religiosità nell’uomo; Dio è venuto negli ultimi giorni per allontanare tutte le concezioni religiose e le cose soprannaturali dall’uomo e per fargli conoscere la realtà di Dio. Egli è venuto per eliminare l’immagine di un Dio che è astratta e fantasiosa, l’immagine di un Dio che, in altre parole, non esiste affatto. Dunque, l’unica cosa preziosa per te in questo momento è conoscere la realtà! La verità non presta attenzione a nulla. Quanta verità possiedi oggi? Tutto ciò che mostra segni e miracoli è Dio? Anche gli spiriti maligni possono mostrare segni e prodigi; sono tutti Dio? Nella sua fede in Dio, l’uomo ricerca la verità, ciò che persegue è la vita, anziché segni e prodigi. Tale dovrebbe essere l’obiettivo di tutti coloro che credono in Dio.

Tratto da “La Parola appare nella carne

La gente conosce meglio Dio attraverso il lavoro delle parole

I

Il Dio degli ultimi giorni usa soprattutto la parola per perfezionare l’uomo, niente segni o prodigi per reprimerlo o convincerlo, perché questi non possono spiegare il potere di Dio. Se Dio mostrasse all’uomo solamente i Suoi segni e i Suoi prodigi, non si potrebbe rendere chiara la Sua realtà per questo è impossibile perfezionare l’uomo. Dio non perfeziona l’uomo attraverso i segni e i prodigi, ma lo disseta e lo guida usando le parole, per ottenere la sua obbedienza, la conoscenza di Dio. Questo è il fine del Suo lavoro e delle Sue parole. Dio non usa segni né prodigi per perfezionare l’uomo. Usa invece le parole e diversi tipi di lavoro, come il raffinarlo, sfrondarlo o fornirgli le parole. Dio parla da diverse prospettive per rendere l’uomo perfetto e per dargli una conoscenza più grande del lavoro, della saggezza e della meraviglia di Dio.

II

Il lavoro fatto da Dio oggi è realtà, non ha segni né prodigi ora, perché il Suo concreto lavoro finirebbe nel disordine. Egli non riuscirebbe a fare altro lavoro per l’umanità. Se Dio dicesse di usare la parola per perfezionare l’uomo e poi mostrasse lui anche i Suoi segni e i Suoi prodigi potrebbe dimostrare all’uomo se la fede in Dio è pura verità: questo è il motivo per cui Lui né un segno né un prodigio all’uomo mostrerà. Dio non usa segni né prodigi per perfezionare l’uomo. Usa invece le parole e diversi tipi di lavoro, come il raffinarlo, sfrondarlo o fornirgli le parole. Dio parla da diverse prospettive per rendere l’uomo perfetto e per dargli una conoscenza più grande del lavoro, della saggezza e della meraviglia di Dio.

III

C’è troppa religione nell’uomo. Dio è venuto all’uomo durante gli ultimi giorni per cancellare le nozioni religiose, le cose irreali e far conoscere all’uomo la realtà di Dio. È venuto per bandire l’immagine di un Dio che è astratto, fantasioso e non esiste. La conoscenza della realtà ora è la cosa più preziosa al mondo. Cercare la verità in chi crede in Dio e inseguire la vita anziché i segni e i prodigi, è il solo scopo di chiunque creda in Dio. Dio non usa segni né prodigi per perfezionare l’uomo. Usa invece le parole e diversi tipi di lavoro, come il raffinarlo, sfrondarlo o fornirgli le parole. Dio parla da diverse prospettive per rendere l’uomo perfetto e per dargli una conoscenza più grande del lavoro, della saggezza e della meraviglia di Dio.

da “Seguire l’Agnello e cantare dei canti nuovi”

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati