Dio e l’uomo entreranno nel riposo insieme (Estratto VI)

Coloro che portano i propri figli e familiari totalmente miscredenti in Chiesa sono troppo egoisti e ostentano la loro sollecitudine. Tali persone mettono l’accento solo sull’amore, senza considerare se credano o meno, o se quella sia la volontà di Dio. C’è chi porta la propria moglie davanti a Dio o porta i propri genitori davanti a Dio e, indipendentemente dal fatto che lo Spirito Santo sia d’accordo o compia la Sua opera, ciecamente “recluta persone di talento” per Dio. Che beneficio si può mai ottenere dall’estendere la propria sollecitudine nei confronti di tali persone che non credono? Seppure tali miscredenti, che sono privi della presenza dello Spirito Santo, seguissero Dio a malincuore, non potrebbero comunque, contrariamente a quanto si creda, essere salvati. Coloro che ricevono la salvezza non sono di fatto così facili da trovare. Coloro che non sono fatti oggetto dell’opera e delle prove dello Spirito Santo e non sono stati perfezionati dal Dio incarnato non possono affatto essere resi completi. Tali persone, pertanto, mancano della presenza dello Spirito Santo dal momento stesso in cui, di nome, cominciano a seguire Dio. In accordo con la loro condizione ed effettivo stato, essi semplicemente non possono essere resi completi. Così, lo Spirito Santo non decide di spendere molta energia nei loro confronti, né fornisce loro illuminazione o guida di alcun tipo; Egli permette loro, semplicemente, di seguirLo e alla fine rivela il loro esito – questo è tutto. L’entusiasmo e le intenzioni dell’uomo vengono da Satana, ed in nessun modo possono completare l’opera dello Spirito Santo. Indipendentemente dal tipo di persona che uno è, è necessario avere l’opera dello Spirito Santo – può forse una persona completare un’altra persona? Perché un marito ama la propria moglie? E perché una moglie ama il proprio marito? Perché i bambini rispettano i propri genitori? E perché i genitori amano svisceratamente i propri figli? Che tipo di intenzioni nutrono effettivamente le persone? Non sono forse finalizzate a soddisfare i propri piani ed egoistici desideri? Mirano davvero al piano di gestione di Dio? All’opera di Dio? Sono finalizzate a compiere il proprio dovere di creatura? Coloro che prima hanno creduto in Dio, ma non hanno ottenuto la presenza dello Spirito Santo non potranno mai ottenere l’opera dello Spirito Santo; è stato deciso che tali persone vengano distrutte. Indipendentemente da quanto amore si provi per loro, esso non può sostituire l’opera dello Spirito Santo. L’entusiasmo e l’amore dell’uomo rappresentano le intenzioni dell’uomo, ma non possono rappresentare le intenzioni di Dio né sostituire la Sua opera. E coloro che credono nominalmente in Dio e pretendono di seguirLo, ma, non sanno che cosa sia credere in Dio, se anche sono oggetto della maggiore quantità possibile di amore e di pietà da parte di qualcuno, non ottengono comunque la simpatia di Dio né l’opera dello Spirito Santo. Anche se le persone che sinceramente seguono Dio sono persone di scarsa levatura e non sono in grado di comprendere molte verità, esse possono ancora occasionalmente ottenere l’opera dello Spirito Santo, mentre coloro che sono di discreta levatura ma non credono con sincerità, semplicemente non possono ottenere la presenza dello Spirito Santo. Semplicemente non c’è alcuna possibilità di salvezza per tali persone. E anche se leggono o occasionalmente ascoltano il messaggio o cantano lodi a Dio, alla fine non saranno in grado di restare durante il tempo del riposo. Il fatto che cerchino con sincerità non è determinato da come gli altri li giudichino o da come le persone attorno a loro li considerino, ma dall’eventualità che lo Spirito Santo operi su di loro ed essi abbiano la Sua presenza, ed è ancor più determinato dall’eventualità che la loro indole cambi o abbiano conoscenza di Dio dopo essere stati oggetto per un certo periodo dell’opera dello Spirito Santo; se lo Spirito Santo opera su di una persona, l’indole di tale persona gradualmente cambia e la sua visione di fede in Dio gradualmente si fa più pura. Non importa da quanto tempo le persone seguono Dio: se sono cambiate, ciò significa che lo Spirito Santo opera su di loro. Se non v’è stato alcun cambiamento, ciò significa che lo Spirito Santo non agisce su di loro. Anche se tali persone rendono un qualche servizio, esse sono mosse dall’intenzione di ottenere una buona sorte. Il servizio occasionale non può sostituire un cambiamento della loro indole. Alla fine saranno comunque distrutti, poiché non c’è bisogno che rendano servizio nel Regno, così come non c’è bisogno che alcuno, la cui indole non sia cambiata, sia di servizio per coloro che sono stati resi perfetti e che sono fedeli a Dio. Queste parole dal passato: “Con la fede nel Signore, la fortuna arride alla famiglia intera” sono adatte all’Età della Grazia ma non hanno alcuna relazione con la destinazione dell’uomo. Erano appropriate esclusivamente per una fase dell’Età della Grazia. Il messaggio che tali parole intendevano trasmettere era riferito alla pace e alle benedizioni materiali di cui la gente gode; non significa affatto che l’intera famiglia di chi crede nel Signore verrà salvata, né significano che quando si ottiene una buona sorte, tutta la propria famiglia verrà introdotta nel riposo. Il fatto che si ricevano benedizioni o si subiscano avversità è determinato in base alla propria essenza e non in base alla comune essenza che si condivide con gli altri. Il Regno semplicemente non possiede questo tipo di detti né questo tipo di regole. Se alla fine si sarà in grado di sopravvivere, è perché si sono soddisfatte le richieste di Dio, e se alla fine non si sarà in grado di rimanere nel tempo del riposo, è perché tale persona è disobbediente a Dio e non ha soddisfatto le Sue richieste. Tutti hanno un’adeguata destinazione. Tali destinazioni sono determinate in base all’essenza di ciascuna persona e non hanno alcuna relazione con gli altri. Il comportamento malvagio di un bambino non può ricadere sui suoi genitori e la rettitudine di un bambino non può essere condivisa con i suoi genitori. La condotta malvagia di un genitore non può ricadere sui suoi figli e la rettitudine di un genitore non può essere condivisa con i suoi figli. Ognuno porta i propri rispettivi peccati e ognuno gode della propria rispettiva sorte. Nessuno può prendere il posto di un altro. Questa è giustizia. Dal punto di vista dell’uomo, se i genitori ottengono una buona sorte, altrettanto accade ai loro figli, e se i figli compiono il male, anche i genitori ne devono espiare i peccati. Questa è la prospettiva dell’uomo e il modo dell’uomo di fare le cose. Non è la prospettiva di Dio. L’esito di ciascuno è determinato in base all’essenza che si manifesta attraverso la propria condotta, ed è sempre determinato in modo pertinente. Nessuno può farsi carico dei peccati di un altro; e, a maggior ragione, nessuno può essere punito al posto di un altro. È qualcosa di assoluto. La cura amorevole di un genitore per i propri figli non significa che possa farsi operatore di giustizia al posto dei propri figli, né il rispettoso affetto di un figlio nei confronti dei propri genitori significa che il figlio possa farsi operatore di giustizia al posto dei propri genitori. Questo è l’autentico significato celato nelle parole: “Allora due saranno nel campo; l’uno sarà preso e l’altro lasciato; due donne macineranno al mulino: l’una sarà presa e l’altra lasciata”. Nessuno può far entrare nel riposo i propri figli operatori di iniquità in virtù dell’amore che ha per loro, né si può far entrare nel riposo la propria moglie (o il proprio marito) in virtù della propria condotta giusta. Si tratta di una regola amministrativa; non ci possono essere eccezioni per nessuno. Gli operatori di giustizia sono operatori di giustizia, e gli operatori di iniquità sono operatori di iniquità. Gli operatori di giustizia potranno sopravvivere, mentre gli operatori di iniquità verranno distrutti. I santi sono santi; non sono corrotti. I corrotti sono corrotti, e non vi è in loro una sola particella di santità. Tutti i malvagi saranno distrutti e tutti i giusti sopravvivranno, anche se i figli di un operatore di iniquità compiono azioni giuste, e anche se i genitori di un operatore di giustizia commettano atti malvagi. Non c’è relazione tra un marito credente e una moglie non credente, come non c’è alcuna relazione tra figli credenti e genitori non credenti. Si tratta di due categorie incompatibili. Prima di entrare nel riposo, si possiedono parenti fisici, ma una volta entrati nel riposo, non si ha più alcun parente fisico di qualche importanza. Coloro che compiono il proprio dovere e coloro che non lo compiono sono nemici; coloro che amano Dio e coloro che Lo odiano sono opposti gli uni agli altri. Coloro che entrano nel riposo e coloro che sono stati distrutti sono due tipi di creature incompatibili. Le creature che compiono il proprio dovere potranno sopravvivere, mentre le creature che non compiono il proprio dovere verranno distrutte; inoltre, ciò durerà per l’eternità. Ami forse tuo marito per compiere il tuo dovere di creatura? Ami forse tua moglie per compiere il tuo dovere di creatura? Sei rispettoso nei confronti dei tuoi genitori non credenti per compiere il tuo dovere di creatura? La visione di fede in Dio dell’uomo è giusta o no? Perché credi in Dio? Che cosa desideri guadagnare? In quale modo ami Dio? Coloro che non sanno compiere il proprio dovere di creature né fare uno sforzo completo saranno distrutti. Le persone oggi hanno relazioni fisiche le une con le altre, così come hanno parentele di sangue, ma in seguito tutto ciò andrà in frantumi. I credenti e i non credenti non sono compatibili, bensì opposti gli uni agli altri. Coloro che sono nel riposo credono che ci sia un Dio e sono obbedienti a Dio. Coloro che disobbediscono a Dio saranno stati tutti distrutti. Non ci saranno più famiglie sulla terra; come potrebbero esserci genitori o figli o relazioni tra moglie e marito? L’incompatibilità stessa di fede e miscredenza avrà reciso tali relazioni fisiche!

Tratto da “La Parola appare nella carne

Dio decide la fine delle persone secondo la loro essenza

Se qualcuno alla fine è in grado di sopravvivere è perché ha soddisfatto le richieste di Dio. Ma se uno non sa vivere nel riposo finale è perché disobbedisce e non sa compiacere Dio. Né gli atti malvagi né la rettitudine di un bambino si possono riflettere sui suoi genitori. E la malvagità o rettitudine dei genitori non si condivide con nessuno dei loro figli. C’è una destinazione che ogni persona merita, che è decisa in base alla sua essenza. La destinazione di un uomo non ha nulla a che fare con gli altri uomini.

A ognuno i suoi peccati e benedizioni, nessuno può sostituirsi a un altro. Chi fa del bene è una persona retta, e chi fa del male è una persona malvagia. Chi fa del bene sopravviverà, la distruzione attende chi fa il male. Chi è santo non ha macchia su di sé. Chi è sporco non avrà nulla di santo. C’è una destinazione che ogni persona merita, che è decisa in base alla sua essenza. La destinazione di un uomo non ha nulla a che fare con gli altri uomini.

I malvagi saranno distrutti, la sopravvivenza attende invece i giusti, anche se il figlio di un malvagio è retto o i genitori di un uomo retto sono malvagi. No, non c’è alcuna relazione se un marito crede e la moglie no, o se un figlio crede e non credono i suoi genitori. Sono tipi di persone che non funzionano insieme. C’è una destinazione che ogni persona merita, che è decisa in base alla sua essenza. La destinazione di un uomo non ha nulla a che fare con gli altri uomini.

Quindi prima che qualcuno raggiunga il riposo è circondato fisicamente dai parenti suoi. Ma una volta raggiunto il riposo, queste relazioni fisiche, non ci saranno più. Chi fa il proprio dovere è nemico di chi non lo fa. Chi ama Dio è nemico di chi Lo odia. E chi entra nel riposo non si concilia con chi è distrutto. C’è una destinazione che ogni persona merita, che è decisa in base alla sua essenza. La destinazione di un uomo non ha nulla a che fare con gli altri uomini.

da “Seguire l’Agnello e cantare dei canti nuovi”

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati