La sostanziale differenza tra il Dio incarnato e le persone utilizzate da Dio (Estratto I)

Quando Dio viene sulla terra, Egli compie soltanto la Propria opera nella divinità. Questo è ciò che lo Spirito celeste ha affidato al Dio incarnato. Quando Egli viene, va unicamente a parlare ovunque, a dare voce ai Suoi discorsi con metodi diversi e da diverse prospettive. Egli prende innanzitutto come Suoi obiettivi e principio operativo il provvedere e l’istruire l’uomo, e non Si preoccupa di cose come le relazioni interpersonali o i dettagli della vita delle persone. Il Suo principale ministero è di parlare per lo Spirito. Quando lo Spirito di Dio appare tangibilmente nella carne, Egli Si limita a provvedere alla vita dell’uomo e a proclamare la verità. Non Si interessa delle questioni umane, cioè non partecipa al lavoro dell’umanità. Gli esseri umani non possono svolgere l’opera divina e Dio non prende parte al lavoro umano. In tutti gli anni da quando Dio è venuto su questa terra a compiere la Sua opera, Egli l’ha sempre svolta tramite le persone. Ma queste persone non possono essere considerate Dio incarnato, sono solo persone che vengono utilizzate da Dio. Ma il Dio di oggi può parlare direttamente dal punto di vista della divinità, diffondendo la voce dello Spirito e operando per conto dello Spirito. Tutte quelle persone che Dio ha usato nel corso dei secoli erano, allo stesso modo, esempi dello Spirito di Dio che operava all’interno di un corpo carnale; allora perché non possono essere chiamate Dio? Tuttavia, il Dio di oggi è anche lo Spirito di Dio che opera direttamente nella carne, e anche Gesù era lo Spirito di Dio all’opera nella carne; entrambi sono chiamati Dio. Qual è allora la differenza? Nel corso dei secoli, le persone che Dio ha utilizzato sono tutte capaci di pensare e ragionare in modo normale. Tutte conoscono i principi della condotta umana. Possiedono idee umane normali e sono dotate di tutto ciò che le persone comuni dovrebbero avere. La maggior parte di loro possiede eccezionale talento e un’intelligenza innata. Nell’operare su queste persone, lo Spirito di Dio sfrutta i loro talenti, che sono i doni dati loro da Dio. Lo Spirito di Dio mette in gioco i loro talenti, usando i loro punti di forza al servizio di Dio. L’essenza di Dio, tuttavia, è libera da idee e opinioni, non adulterata dalle intenzioni umane, e manca persino di ciò di cui gli esseri umani normali sono dotati. Vale a dire che Egli non è nemmeno al corrente dei principi della condotta umana. Questo è il modo in cui stanno le cose quando il Dio di oggi viene sulla terra. La Sua opera e le Sue parole non sono adulterate dalle intenzioni o dal pensiero dell’uomo, ma sono una manifestazione diretta delle intenzioni dello Spirito, ed Egli opera direttamente per conto di Dio. Ciò significa che lo Spirito Si presenta per operare, senza avere minimamente a che fare con le intenzioni umane. Cioè, il Dio incarnato personifica direttamente la divinità, è privo di pensiero o di idee dell’uomo, e non ha alcuna comprensione dei principi del comportamento umano. Se fosse all’opera soltanto la divinità (vale a dire, se solo Dio Stesso fosse all’opera) in nessun modo l’opera di Dio potrebbe essere realizzata sulla terra. Pertanto, quando Dio viene sulla terra, deve avere a disposizione un piccolo numero di persone da utilizzare per operare nell’umanità, in accordo con l’opera che Dio svolge nella divinità. In altre parole, Egli usa l’opera umana per supportare la Sua opera divina. Altrimenti, per l’uomo non ci sarebbe modo di venire a contatto diretto con l’opera divina. Così è come stavano le cose tra Gesù e i Suoi discepoli. Durante il tempo che trascorse nel mondo, Gesù abolì le vecchie leggi e stabilì nuovi comandamenti. Proferì anche molte parole. Tutta questa opera fu svolta nella divinità. Gli altri, come Pietro, Paolo e Giovanni, basarono il loro successivo lavoro sul fondamento delle parole di Gesù. Vale a dire che Dio stava avviando la Sua opera in quell’età, dando inizio all’Età della Grazia. Egli, cioè, introdusse una nuova era, abolendo quella vecchia e adempiendo inoltre le parole: “Dio è il Principio e la Fine”. In altri termini, l’uomo deve svolgere il lavoro umano sul fondamento dell’opera divina. Dopo che Gesù ebbe detto tutto ciò che doveva dire ed ebbe completato la Propria opera sulla terra, lasciò gli uomini. Dopo di che tutte le persone, nell’operare, agirono secondo i principi espressi nelle Sue parole e praticarono secondo le verità da Lui proclamate. Erano tutte persone che lavoravano per Gesù. Se fosse stato Gesù solo a svolgere l’opera, per quante parole Egli avesse proferito, le persone non sarebbero state comunque in grado di venire a contatto con la Sua parola, poiché Egli operava nella divinità e poteva pronunciare solo parole di divinità, e sarebbe stato impossibile per Lui spiegare le cose al punto che le Sue parole risultassero comprensibili a persone comuni. Così, Egli dovette ricorrere ad apostoli e profeti che vennero dopo di Lui a potenziare la Sua opera. Questo è il principio di come il Dio incarnato svolga la Sua opera – usando il corpo incarnato per parlare e agire in modo da portare a termine l’opera della divinità, e poi usando alcune, o forse più, persone in sintonia con il cuore stesso di Dio, per continuarNe l’opera. Vale a dire, Dio usa le persone in sintonia con il Suo cuore per pascere e annaffiare nell’umanità, così che ogni persona possa raggiungere la verità.

Se, venendo nella carne, Dio Si limitasse a svolgere l’opera della divinità senza avere in aggiunta alcune persone in sintonia con il cuore di Dio che lavorino di concerto con Lui, per l’uomo non ci sarebbe modo di comprendere la volontà di Dio o di venire in contatto con Lui. Dio deve usare persone normali in sintonia con il Suo cuore per completare questa opera, per vegliare e pascere le Chiese, per raggiungere il livello che i processi cognitivi dell’uomo e il suo cervello sono in grado di concepire. In altre parole, Dio usa un piccolo numero di persone in sintonia con il Suo cuore per “tradurre” l’opera che Egli compie nella divinità in modo che risulti accessibile, cioè per trasformare il linguaggio divino in linguaggio umano, facendo sì che tutte le persone lo possano comprendere e tutte lo capiscano. Se Dio non facesse così, nessuno capirebbe il linguaggio divino di Dio, poiché le persone in sintonia con il cuore di Dio sono, dopo tutto, una piccola minoranza, e la capacità dell’uomo di comprenderlo è limitata. Questo è il motivo per cui Dio sceglie questo metodo solo quando opera in un corpo incarnato. Se ci fosse solo l’opera divina, per l’uomo non ci sarebbe modo di conoscere o di entrare in contatto con Dio, poiché egli non comprende il linguaggio di Dio. L’uomo è in grado di comprendere questo linguaggio solo attraverso la mediazione delle persone in sintonia con il cuore di Dio che chiariscano le Sue parole. Tuttavia, se ci fossero solo simili persone che lavorano nell’umanità, ciò potrebbe solo mantenere la vita normale dell’uomo, non trasformarne l’indole. In tal caso l’opera di Dio non potrebbe avere un nuovo punto di partenza; ci sarebbero solo le solite vecchie storie, i soliti vecchi luoghi comuni. Soltanto tramite l’intervento del Dio incarnato, che dice tutto ciò che deve esser detto e fa tutto ciò che deve essere fatto durante il periodo della Sua incarnazione, dopo il quale le persone lavorano e fanno esperienza secondo le Sue parole, soltanto così la loro indole di vita sarà in grado di cambiare ed esse riusciranno a stare al passo con i tempi. Colui che opera nella divinità rappresenta Dio, mentre coloro che lavorano nell’umanità sono persone utilizzate da Dio. Vale a dire, il Dio incarnato è sostanzialmente differente dalle persone utilizzate da Dio. Il Dio incarnato è in grado di svolgere l’opera della divinità, mentre le persone usate da Dio non lo sono. Al principio di ciascuna età, lo Spirito di Dio parla di persona per inaugurare la nuova era e condurre l’uomo a un nuovo inizio. Quando Egli ha finito di parlare, significa che l’opera di Dio nella Sua divinità è conclusa. Da quel momento in poi, tutte le persone si affidano alla guida di coloro usati da Dio per entrare nella loro esperienza di vita. Allo stesso modo, questa è anche la fase in cui Dio porta l’uomo dentro una nuova età e dà a ciascuno un nuovo punto di partenza. Con questo si conclude l’opera di Dio nella carne.

Tratto da “La Parola appare nella carne

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati