Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Array

La ricerca non ha prodotto risultati

`

Chi ha salvato il suo matrimonio?

Yang Zi, Hubei

Giorno del matrimonio. Sposo mettendo un anello sul dito della sposa

(Fonte: Shutterstock)

Aveva appena compiuto vent’anni, era di bell’aspetto, bella come un fiore, e c’erano molti pretendenti che le stavano dietro. Ma lei non ci faceva attenzione, fino al giorno in cui una sua amica la invitò ad uscire e, per caso, conobbe Lin. Lin era alto circa 1,80 m., alto e bello, con un portamento elegante. Parlava con umorismo e arguzia, e riuscì ad affascinarla in un attimo. Anche Lin era attratto da lei. Ben presto iniziarono ad uscire insieme e, pochi mesi dopo, si sposarono. Poco dopo ebbero un figlio e questo la faceva sentire molto fortunata. Ma le cose belle non durano per sempre. Proprio quando lei stava iniziando a gustare la gioia sotto ogni aspetto e a desiderare un futuro fantastico, scoprì che Lin non faceva un lavoro onesto tutti i giorni. Oziava tutto il giorno e, inoltre, usciva spesso per dedicarsi a combattimenti e scommesse. Tornato a casa, le attribuiva delle colpe, a prescindere dal fatto che ci fosse, o meno, qualcosa che non andava. Non si curava assolutamente di lei né del figlio. Lei non capiva perché Lin agisse in quel modo. Molte volte, con le lacrime agli occhi, gli chiedeva di rimettersi sulla retta via, ma lui non soltanto non l’ascoltava, ma la picchiava anche e, una volta, arrivò fin quasi al punto di strozzarla. Lei aveva perso tutte le speranze riguardo a Lin. Poco dopo, Lin fu condannato a una pena detentiva per aver violato la legge e lei dovette mantenere se stessa e il suo bambino di un anno e mezzo da sola. Viveva una vita piena di difficoltà e di speranze infrante. Pose fine a questo doloroso matrimonio soltanto nel 2003, quando Lin finì di scontare la sua pena e fu rilasciato.

Dopodiché, portò suo figlio a casa dei suoi genitori. Non avendo un lavoro, lei e suo figlio dovevano appoggiarsi ai parenti per un aiuto economico; questo la imbarazzava e la faceva sentire impotente. I suoi vicini, nel vedere che aveva difficoltà a prendersi cura di suo figlio da sola, si impegnarono nella ricerca di un compagno da presentarle. All’inizio pensava di voler solo un uomo medio, bastava che trattasse bene suo figlio; ma poi pensò: “Sono ancora piuttosto giovane e, anche se sono divorziata, non posso accontentarmi di uno qualunque”. Con sua sorpresa, i suoi vicini le facevano conoscere uomini che erano molto bassi o che non erano affatto belli o non avevano un portamento elegante; alcuni di questi, addirittura, non la contattarono più perché aveva un figlio; nessuno degli uomini che aveva incontrato erano adatti a lei, e questo la faceva sentire molto delusa. In seguito conobbe Jun, che aveva otto anni più di lei, era divorziato e aveva una figlia. Aveva una carnagione scura e un aspetto normale, e non era molto alto. In cuor suo, non nutriva affatto una grande considerazione per Jun, ma lui era onesto e gentile ed era molto affettuoso con lei e con suo figlio. Così, ci pensò su e decise che, per il bene di suo figlio, doveva venire a un compromesso e sposarlo. Dopo il matrimonio, lui era rimasto tanto affettuoso nei loro confronti quanto lo era stato prima. Si prendeva cura di loro, era molto premuroso e aiutava perfino in casa, cucinando e lavando i panni. Ma lei non riusciva a evitare la trappola della propria vanità e, quindi, non riusciva ancora ad accettare completamente Jun nel suo cuore. Ce l’aveva con lui per il suo brutto aspetto e pensava che lui non la meritasse. Per questo motivo, non voleva mai uscire insieme a suo marito. Una volta, per strada, vide un vestito nella vetrina di un negozio che le sarebbe veramente piaciuto provare ma, guardando suo marito dietro di lei, vecchio e scuro, pensò che, se lo avesse fatto entrare al suo fianco, le commesse del negozio si sarebbero prese gioco di lei, l’avrebbero presa in giro e avrebbero riso del fatto che lei non aveva un buon gusto per le cose. Perché aveva un marito così vecchio? Non riusciva a liberarsi di questa sua vanità; quindi lo fece aspettare fuori, all’entrata del negozio. In quel momento, vide un’espressione delusa balenare sul volto del marito, ma poi lui sorrise e disse: “Vai a provarlo; io ti aspetto qui”. Nel sentire queste parole, lei provò un po’ di vergogna e imbarazzo. Dopo questo fatto, per poter entrare nel cuore di lei, Jun si fece carico di tutti i lavori domestici, facendoli come meglio poteva; ma, nonostante tutto quello che lui faceva, lei non riusciva ad accettarlo del tutto.

una sorella si sento triste

(Fonte: Shutterstock)

Nel 2010 lei avviò un’attività di vendita di cosmetici e, da quando ciò ebbe inizio, gli abiti e il trucco indossati diventarono sempre più eleganti e alla moda, facendola apparire ancora più giovane e bella. Quando stava davanti allo specchio accanto a suo marito, lui sembrava ancora di più un contadino, in confronto a lei: non aveva un bell’aspetto né la giusta personalità. La differenza tra loro era aumentata e adesso lei si sentiva ancora peggio, in cuor suo. Inoltre, frequentava molte persone e vedeva che i mariti erano belli ed eleganti; quindi, quando tornava a casa e vedeva il suo, si sentiva sempre più insoddisfatta e non riusciva a non vederne i difetti. In realtà, si sentiva persa, perché sapeva che suo marito aveva sempre fatto del suo meglio per conquistarsi il suo favore e che non doveva trattarlo in quel modo, ma, poiché sentiva sempre uno squilibrio nel suo cuore, non riusciva a controllare i suoi sentimenti. Con il passare del tempo, Jun non riuscì più a sopportare quel genere di vita; i due litigavano spesso e vivevano nella sofferenza. Lei ripensava a un pomeriggio in cui Jun era andato a prenderla in ufficio. Sarebbe stato meglio che non fosse andato, perché nessuno dei suoi colleghi sapeva che aspetto avesse. Ma, quel giorno, lui era andato a prenderla e, il giorno dopo, i colleghi la circondarono e le chiesero: “Chi era quello che è venuto a prenderti ieri? Sembrava tanto un contadino…”. Subito ebbe la sensazione di aver perso la faccia. Era arrabbiata perché pensava che suo marito non sarebbe dovuto venire a prenderla. Allo stesso tempo, si chiedeva anche come avesse potuto trovare un marito così deludente con cui non voleva che la vedessero, che veniva preso in giro e guardato dall’alto in basso dalle altre persone. Non ce la faceva più a vivere in quel modo. In quel momento, le venne un’idea spudorata: avrebbe di nuovo cercato qualcuno del sesso opposto che le piacesse. Per quanto riguardava il suo matrimonio con Jun, se davvero non avesse funzionato, lei vi avrebbe posto fine. Da allora, cominciò ad accompagnare i suoi colleghi ogni volta che la invitavano ad andare a cantare alla KTV; tutto ciò che voleva era trovare una persona del sesso opposto che lei ammirasse. Durante quel periodo, poiché veniva spesso evitato e ignorato, Jun iniziò a soffrirci e anche lui iniziò a provare indifferenza nei confronti di lei. Erano giunti al punto che anche lui, a volte, finito di lavorare, non rientrava a casa. In questo modo, il loro matrimonio entrò in crisi…

Fu in questo periodo che una compagna di corso le fece conoscere la salvezza di Dio negli ultimi giorni. Si accorse che la parola di Dio è molto pratica e che ogni frase la toccava nel profondo del cuore. Non solo rivelava la verità e la sostanza dell’umanità corrotta da Satana, ma indicava anche la giusta via da seguire nella propria vita. Quindi, accettò con gioia l’opera di Dio negli ultimi giorni. Quando si riuniva con i fratelli e le sorelle, vedeva che erano tutti molto puri e che si amavano reciprocamente e che, ogni volta che si riunivano, non parlavano mai di quello che indossavano o mangiavano o di altri piaceri. Non si paragonavano mai l’uno all’altro per vedere chi fosse il più bello o chi avesse più soldi; tutti si concentravano solo sulla ricerca della verità e, ogni volta che succedeva loro qualcosa, pregavano sempre Dio per cercarla. Meditavano su se stessi nella parola di Dio per arrivare a conoscersi meglio e cercavano di metterla in pratica e di comportarsi come persone oneste. Era un qualcosa che lei non aveva mai visto prima. Inoltre, vedeva anche che, quando i fratelli e le sorelle erano con i propri coniugi, mettevano comunque in pratica la parola di Dio. In particolare, c’era una sorella più giovane e più carina di lei, il cui marito aveva un aspetto persino peggiore di quello di Jun, ma la sorella non lo evitava affatto. Tra i due c’era una grande armonia. Lei non riusciva a capire; non riusciva a comprendere perché quella sorella non evitasse suo marito. In seguito, la sorella ebbe un incontro con lei e le disse: “Il matrimonio di ogni persona è stato predestinato molto tempo fa da Dio; così, indipendentemente dal tipo di matrimonio, dietro c’è sempre un’attenta disposizione divina e, in particolare, quando il marito che Dio ha predisposto per noi non ha alcuna bellezza e non è conforme alle nostre aspettative, questa è, in realtà, la cosa migliore possibile per noi, perché in ciò vi è la benevola volontà di Dio. È solo perché siamo stati profondamente corrotti da Satana che abbiamo sempre desideri, scelte e richieste stravaganti, che non ci fanno capire qual è l’intenzione di Dio ogni volta che impartisce le Sue disposizioni, così guardiamo sempre con arroganza nostro marito e pensiamo che il nostro matrimonio non sia ciò che desideravamo, e questo ci fa vivere nella sofferenza. Ma quando cerchiamo la volontà di Dio e giungiamo a comprendere la verità e siamo disposti a lasciar perdere le nostre preferenze e i nostri desideri personali, allora vediamo che la disposizione che Dio ci ha impartito è la migliore e la più adatta a noi e che, in realtà, è una protezione per noi. Se riusciremo a sottometterci naturalmente a questo, non volteremo più le spalle ai nostri mariti”. In quel momento, poiché aveva appena iniziato a credere in Dio, lei non era ancora consapevole della verità; sembrava capire ciò che le comunicava la sorella, ma non lo comprendeva davvero. Però ammirava molto il modo in cui la sorella si comportava alla presenza del marito.

Poi, un giorno, nella parola di Dio lesse: “Desideriamo solo parlare delle idee che le tendenze sociali apportano alle persone, il modo in cui fanno sì che le persone si comportino nel mondo, gli scopi di vita e la visione che producono nelle persone. Sono di estrema importanza; possono controllare e influenzare lo stato mentale dell’uomo. […] Quando il vento di una tendenza comincia a soffiare, forse solo un esiguo numero di persone ne diventerà il portavoce. Cominciano con il fare questo tipo di cose, accettando questo tipo di idea o di prospettiva. La maggioranza delle persone, tuttavia, in totale inconsapevolezza, sarà ancora continuamente infettata, assimilata e attratta da questo tipo di tendenza, finché tutti quanti inconsapevolmente e involontariamente non l’accetteranno e non ne saranno sommersi e controllati. Per l’uomo che non è del tutto sano nel corpo e nella mente, che non sa mai cosa sia la verità, che non sa riconoscere la differenza tra cose positive e negative, questi tipi di tendenze, una dopo l’altra, fanno sì che tutti accettino volentieri tali tendenze, la concezione della vita, le filosofie e i valori di vita, che vengono da Satana. Accettano ciò che Satana dice loro su come accostarsi alla vita e al modo di vivere che Satana ‘concede’ loro. Non hanno né la forza né la capacità e men che meno la consapevolezza per opporre resistenza” (“Dio Stesso, l’Unico VI” in La Parola appare nella carne). Finito di leggere la parola di Dio, finalmente capì. In effetti, tutta la sofferenza degli anni passati era stata causata dalla corruzione di Satana. Satana inculca nell’uomo l’idea che solo gli uomini che cercano donne “con una bella pelle, ricche e belle” e solo le donne che cercano uomini “alti, ricchi e belli” possano avere un matrimonio felice e beato. Sotto l’influenza di questo tipo di tendenza sociale, i punti di vista delle persone sul matrimonio si sono distorti. Oggi, quando le persone cercano la loro altra metà, non si preoccupano affatto dell’umanità dei propri compagni, né se sono adatti a loro oppure no; invece, danno particolare importanza all’aspetto del partner, al fatto se sono alti e belli o con una bella pelle e carine, se la loro famiglia è benestante o se soddisfano gli standard che loro si sono posti per il coniuge, e così via. Pensano che, se riusciranno a trovare un coniuge bello con i soldi, avranno una vita meravigliosa e piacevole che certamente non sarà vissuta invano. Anche lei aveva involontariamente accettato questo punto di vista al momento di scegliersi un marito. Nella sua mente aveva sempre sperato di trovare un marito alto e bello, con un portamento elegante, con cui condividere la vita, e credeva che questo da solo l’avrebbe resa felice. Pensateci: il primo marito che aveva scelto con attenzione, Lin, aveva tutte le qualifiche secondo gli standard da lei richiesti al momento di scegliersi un coniuge; lui aveva davvero soddisfatto la sua vanità; ma, dopo il matrimonio, si era resa conto che lui non era buono, che il suo comportamento era testardo e ostinato e che aveva innumerevoli cattive abitudini. Non solo non aveva avuto un matrimonio felice, ma, al contrario, era stata trascurata da Lin, che le aveva reso le cose difficili e, addirittura, l’aveva picchiata. Infine, era anche stata costretta a crescere da sola suo figlio. Quando viveva insieme a Lin, soffriva nel corpo e nell’anima e, alla fine, benché con dolore, aveva dovuto porre fine a quel primo matrimonio. Ora, ogni volta che pensa a quel periodo della sua vita, prova paura. Ma il suo attuale marito – Jun – anche se non è bello o alto, benché sia poco sofisticato, ha comunque una buona moralità. Ha un buon cuore, fa la sua parte e si occupa davvero della sua famiglia. Si prende cura di lei e di suo figlio ed è molto premuroso nei loro confronti. Cerca sempre di trovare dei modi affinché lei gli voglia bene e tratta il figlio di lei come fosse suo. Ma poiché l’aspetto di Jun non era bello come lei desiderava, sentiva sempre uno squilibrio nel suo cuore e sentiva sempre che Jun non la meritava. Riteneva di aver perso la faccia e abbassato il suo status sociale con un marito così; lo guardava sempre con occhi sfavorevoli. Per tutto quel tempo non era riuscita ad accettarlo ed era arrivata al punto di voler rinunciare completamente al suo matrimonio con Jun e, ancora una volta, trovare qualcuno del sesso opposto che fosse alto e bello, in modo da poter soddisfare la sua vanità. Fu in quell’istante che, finalmente, giunse a una sorta di consapevolezza. Poiché le erano state inculcate le idee di Satana e i suoi punti di vista sul matrimonio erano distorti, non sapeva di che tipo di matrimonio avesse bisogno; quindi, non era in grado di accettare Jun, e lo aveva completamente ignorato e trascurato, causando ad entrambi molta sofferenza. Era per questo motivo che il loro matrimonio stava andando a rotoli. In quell’istante, grazie alla sua esperienza, riuscì a capire veramente. Se non si crede in Dio, non si possiede la verità e così non si è in grado di discernere le idee sbagliate e le bugie di Satana. Si seguono le tendenze malvagie della società e si vive sulla base dei pensieri e dei punti di vista erronei di Satana, ingannati e obbligati da lui, e vivendo nella sofferenza. Com’è triste tutto questo!

Chi ha salvato il suo matrimonio

(Fonte: Shutterstock)

Dopo aver compreso queste cose, si sentiva disposta ad allontanarsi dai suoi punti di vista sbagliati e a vedere il suo matrimonio da un punto di vista diverso. Era anche pienamente consapevole di essere cristiana e che doveva vivere in maniera cristiana per svergognare Satana. A quel punto smise di pensare di cercare qualcuno che si conformasse ai suoi desideri e iniziò invece a prendersi cura di Jun. Lentamente, iniziava ad accertarlo in cuor suo. Anche Jun aveva notato il cambiamento che era avvenuto in lei e questo lo rese molto felice. A poco a poco si avvicinarono molto più di quanto lo fossero mai stati, quando erano indifferenti uno all’altro. L’atmosfera a casa loro non era più così tesa.

Un giorno, una sua amica venne a trovarla a casa. Quando la vide arrivare, Jun corse in cucina a preparare il pranzo. Mentre parlavano da sole, la sua amica le disse: “Il marito della nostra compagna Pan Lin è bello e ricco. È il vice presidente di una società e ha diverse proprietà a Hangzhou…”. Mentre l’ascoltava, le si strinse il cuore e immediatamente pensò al suo sogno di ragazza, provando un vago sentimento di delusione… Ma si rese conto che quella situazione non era giusta, così si mise immediatamente a pregare Dio, affinché proteggesse il suo cuore. In quel momento, pensò alla parola di Dio che dice: “Che cosa promuovono tutte le tendenze malvagie del mondo? Bellissime signore ricche dalla carnagione chiara e uomini alti, ricchi e belli. Provo disgusto non appena sento queste parole! Una bellissima signora ricca dalla carnagione chiara vale forse qualcosa? Basta viverci assieme per alcuni giorni per averne abbastanza e provare disgusto per queste bellissime signore ricche dalla carnagione chiara: sono malvagie, maleducate, cattive, velenose, infide, false e incompatibili con le persone normali. E che dire di questi uomini alti, ricchi e belli? Sono incostanti, perfidi, falsi, insolenti, dediti ai piaceri, stupidamente arroganti, volgari, spudorati, privi di onore, senza alcuna traccia di coscienza o ragione possedute dalla normale umanità. Scioccamente fanno sfoggio del denaro che hanno, sono del tutto incompatibili con le persone normali e non hanno la minima espressione della normale umanità. […] Coloro che autenticamente possiedono un po’ di normale umanità possono forse vivere felicemente assieme a persone così? No, vero? Persone così non hanno sembianze umane, nemmeno un po’. Pertanto che cos’è davvero importante? L’umanità è davvero importante!” (“Solo una persona sincera può essere veramente felice” in Registrazione dei discorsi di Cristo). La parola di Dio l’aveva risvegliata: “È giusto! Quando guardiamo le persone, non possiamo enfatizzare l’aspetto esteriore, e la cosa più importante è vedere che tipo di umanità ha una persona. Alcune persone, benché abbiano ‘una bella pelle’ e siano ‘ricche e belle’ o ‘alte, ricche e belle’, hanno un’umanità molto inferiore o, addirittura, non hanno alcuna umanità. Non soffriremmo forse se vivessimo con una persona del genere? Poiché ciò che cercavo dal mio punto di vista non era la cosa giusta, alla fine non sono stata felice. Al contrario, ho sofferto molto. Ancora oggi, non mi sono risvegliata; come posso voler ripetere una tale azione disastrosa? Il marito che Dio ha preparato per me ora è il più adatto e quello che mi dà maggior beneficio; perché dovrei andare a cercare altri guai?” L’illuminazione e la guida della parola di Dio l’aveva protetta in tempo e lei non fu toccata dalle parole della sua amica. Anzi, sorrise e le disse: “Ognuno di noi ha la propria vita. Qualsiasi tipo di famiglia e di matrimonio abbiamo è predisposto da Dio. Inoltre, le persone ricche e belle hanno sempre più desideri, ma non è necessariamente questa la felicità. Io volevo trovare un marito alto, bello e con un portamento elegante, ma alla fine Lin non faceva un lavoro onesto e io ho sofferto molto! Ora ho Jun. Benché abbia qualche anno più di me e non sia bello come Lin, è di buona moralità, non ha cattive abitudini e so che mi ama teneramente ed è attento alle mie necessità. Benché la nostra vita non abbia nulla di speciale, c’è molta armonia e io sono davvero felice”. In quel momento giunse Jun e questa volta lei non lo evitò né cercò di farlo nascondere; invece, con calma, lo presentò alla sua amica. La sua amica le disse: “Si vede subito che tuo marito è un uomo onesto e lavoratore, ed è molto buono con te; sei veramente fortunata!” Lei annuì gioiosamente e ringraziò Dio in silenzio, nel suo cuore, perché era pienamente cosciente che quello era Dio che Si prendeva cura di lei e che la proteggeva. Se non fosse stato per l’illuminazione e la guida delle parole di Dio, lei e Jun forse si sarebbero separati da tempo. Come avrebbe, allora, potuto godere di una vita tanto beata come quella che ha oggi? Questa è tutta una benedizione di Dio! Quando Jun vide che lei non cercava più di evitarlo, un gran sorriso apparve sul suo volto, come non aveva mai avuto prima.

Dopo questo, la sua relazione con Jun divenne ancora più armoniosa. Ogni volta che lei tornava a casa, Jun l’aspettava sempre con un pasto pronto; inoltre, le era di grande supporto nella sua fede in Dio. Ogni volta, il vedere queste cose le procurava un’intensa commozione. Sentiva veramente che Dio le aveva dato il meglio e che solo sottomettendosi ai Suoi piani e alle Sue disposizioni si può essere veramente felici. Aveva una comprensione più profonda del fatto che doveva godere del matrimonio che Dio le aveva donato e, nel suo cuore, si sentiva sempre più libera. Ringraziava Dio dal profondo del suo cuore per aver salvato il suo matrimonio, che stava per cadere a pezzi. Tutta la gloria sia per Dio Onnipotente!

Pagina precedente:La mamma di “campagna” e la nuora di “città”

Pagina successiva:Breve discorso sulla fonte dell’oscurità e del male del mondo

Potrebbero interessarti anche