Il giudizio di Dio ha come obiettivo la purificazione e la salvezza o la condanna e l’annientamento?

09 Dicembre 2021

Mentre i disastri si diffondono in tutto il mondo, i credenti nel Signore aspettano con il fiato sospeso che il Signore Gesù venga su una nuvola e li porti in cielo per incontrarLo e sfuggire ai disastri. Tuttavia, non hanno ancora visto il Signore Gesù scendere su una nuvola, mentre il Lampo da Levante testimonia costantemente che Egli è tornato come Dio Onnipotente incarnato, esprimendo verità per compiere l’opera di giudizio degli ultimi giorni per purificare e salvare completamente l’uomo. Molti lo trovano sorprendente. Pensano: “Il Signore deve prima portare i credenti in cielo. È importante che ci salvi prima dai disastri. Perché Dio dovrebbe esprimere verità per compiere l’opera di giudizio negli ultimi giorni? Siamo stati tutti perdonati dei nostri peccati e ritenuti giusti da Dio, quindi c’è davvero bisogno del Suo giudizio?” La maggior parte crede che, negli ultimi giorni, il giudizio di Dio prenderà di mira i non credenti, che il giudizio sia condanna e distruzione, e quelli di noi che sono perdonati dei peccati non avranno bisogno di essere giudicati. Allora, il giudizio di Dio serve a purificare e salvare l’umanità, o a condannarla e annientarla? Oggi parliamo di questo.

Ma, prima di addentrarci nell’argomento, vediamo se il giudizio di Dio negli ultimi giorni trova un fondamento biblico. In effetti, se ne parla in molte profezie nella Bibbia, e, cosa più importante, in quelle espresse dal Signore Stesso: “Chi Mi respinge e non riceve le Mie parole ha chi lo giudica; la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” (Giovanni 12:48). “Il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio, […] e Gli ha dato autorità di giudicare, perché è il Figlio dell’uomo” (Giovanni 5:22, 27). “Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità” (Giovanni 16:12-13). “Santificali nella verità: la Tua parola è verità” (Giovanni 17:17). E l’Apocalisse dice anche: “Poi vidi un altro angelo che volava in mezzo al cielo, recante il vangelo eterno per annunciarlo a quelli che abitano sulla terra, a ogni nazione, tribù, lingua e popolo. Egli diceva con voce forte: ‘Temete Dio e dateGli gloria, perché è giunta l’ora del Suo giudizio’” (Apocalisse 14:6-7). Questi passi sono molto chiari, vero? Il Signore ritorna nella carne come Figlio dell’uomo, esprimendo verità per compiere l’opera di giudizio negli ultimi giorni. Non c’è alcun dubbio al riguardo. Tali profezie menzionano “la parola che ho annunciata è quella che lo giudicherà nell’ultimo giorno” e “Egli vi guiderà in tutta la verità”, così la gente può vedere chiaramente che Dio usa la verità per giudicare e purificare l’uomo negli ultimi giorni, per guidarci in tutte le verità, permettendoci di sfuggire al peccato e di essere pienamente salvati da Dio. 1 Pietro 4:17 dice: “Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio”. Significa che, negli ultimi giorni, Dio compie la Sua opera di giudizio a partire dalla Sua casa, cominciando con tutti quelli che hanno accettato il giudizio di Dio degli ultimi giorni. Ecco perché il giudizio inizia presso la casa di Dio. Tutti coloro che accettano Dio Onnipotente devono accettare il giudizio delle parole di Dio, e possono entrare nel Suo Regno solo dopo essere stati purificati. Chi afferma di accettare Dio Onnipotente, ma non viene purificato attraverso il giudizio verrà infine eliminato e distrutto nei disastri. I miscredenti saranno trattati attraverso le calamità perché coloro che rifiutano il giudizio di Dio non potranno mai essere purificati o raggiungere la salvezza. Saranno condannati e poi distrutti. Perciò è evidente che l’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni salva l’uomo nella misura più grande possibile. Che siano credenti nel Signore o no, se accettano il giudizio di Dio Onnipotente e sono purificati, sono loro quelli che Dio salva pienamente. Tutti coloro che rifiutano l’opera di giudizio di Dio Onnipotente saranno condannati ed eliminati, e possono solo cadere nei disastri. Guardando l’esito dell’opera di giudizio di Dio, è corretto equipararla alla condanna e all’annientamento? No, è un grosso errore. L’opera di Dio per portare i credenti nel Regno viene compiuta tramite la piena salvezza attraverso il giudizio e la purificazione. Non è incredibilmente significativo? Allora perché in tanti non riescono a capirlo? Se il giudizio di Dio consistesse nel condannare e punire le persone, quale sarebbe il significato di quell’opera? Dio potrebbe far piovere direttamente disastri, spazzare via tutti, e basta. Perché prendersi un disturbo in più? Molti sentono parlare dell’opera di giudizio di Dio Onnipotente e nemmeno la approfondiscono, anzi la giudicano e la condannano direttamente. Non sono arroganti? Tutti i credenti nel Signore adorano la Bibbia e su di essa basano ogni cosa. Perché non vedono che l’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorni è completamente in linea con le Scritture? Ci sono così tante profezie bibliche su Dio che compie l’opera di giudizio negli ultimi giorni. Perché non notano queste profezie? In qualsiasi modo la si guardi, chiunque non riconosca l’opera di Dio degli ultimi giorni è cieco e sciocco e non capisce la Bibbia. Sono tutti arroganti e irragionevoli. Non hanno accettato l’opera di Dio degli ultimi giorni, e hanno già perso la possibilità di essere rapiti prima dei disastri. Ciò adempie la profezia del Signore Gesù: “Poiché a chiunque ha, sarà dato ed egli sovrabbonderà; ma a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha. E quel servo inutile, gettatelo nelle tenebre di fuori. Lì ci sarà pianto e stridor di denti” (Matteo 25:29-30).

Perché i credenti dovrebbero passare attraverso il giudizio e il castigo di Dio? Si tratta di un altro mistero che tanti non capiscono, quindi vediamo cosa dice Dio Onnipotente al riguardo. Dio Onnipotente dice: “Benché Gesù abbia compiuto molte opere tra gli uomini, ha soltanto completato la redenzione di tutta l’umanità e ne è diventato il sacrificio espiatorio; Egli, però, non ha liberato l’uomo da tutta la sua indole corrotta. Salvare pienamente l’uomo dall’influenza di Satana ha richiesto non solo che Gesù diventasse il sacrificio espiatorio e Si facesse carico dei peccati dell’uomo, ma ha anche richiesto che Dio compisse un’opera ancora maggiore per liberare completamente l’uomo dalla sua indole diabolicamente corrotta. E così, dopo che all’uomo sono stati perdonati i peccati, Dio Si è fatto di nuovo carne per condurlo verso l’età nuova, e ha iniziato l’opera di castigo e giudizio, opera che ha introdotto l’uomo in un regno più elevato. Tutti coloro che si sottomettono al Suo dominio godranno di una verità superiore e riceveranno maggiori benedizioni. Vivranno realmente nella luce e otterranno la verità, la via e la vita” (Prefazione a “La Parola appare nella carne”).

Prima che l’uomo fosse redento erano già stati insinuati in lui molti dei veleni di Satana e, dopo millenni di corruzione satanica, in lui si è consolidata una natura che resiste a Dio. Pertanto, quando è stato redento, non è stato altro che un caso di redenzione dell’uomo pagata a caro prezzo, ma senza che la natura velenosa che alberga in lui sia stata eliminata. L’uomo contaminato a quel modo deve subire un cambiamento prima di diventare degno di servire Dio. Attraverso quest’opera di giudizio e di castigo, l’uomo arriverà a conoscere appieno la sostanza sudicia e corrotta dentro di sé e sarà in grado di cambiare completamente e di diventare puro. Solo in questo modo può essere degno di tornare davanti al trono di Dio. Tutta l’opera compiuta in questo giorno serve a fare in modo che l’uomo possa essere mondato e cambiato; attraverso il giudizio e il castigo tramite la parola, e attraverso il raffinamento, egli può mondare la propria corruzione ed essere reso puro. Anziché considerare questa fase dell’opera la fase della salvezza, sarebbe più appropriato dire che è l’opera di purificazione. In verità, questa fase è anche quella della conquista, oltre ad essere la seconda fase dell’opera di salvezza. È attraverso il giudizio e il castigo della parola che l’uomo giunge ad essere guadagnato da Dio, ed è attraverso l’uso della parola per raffinare, giudicare e svelare che vengono rivelate in tutto e per tutto le impurità, le nozioni, le motivazioni e le aspirazioni individuali che albergano nel cuore dell’uomo. Per quanto l’uomo possa essere stato redento e perdonato per i suoi peccati, si può solo ritenere che Dio non Si sia ricordato le trasgressioni dell’uomo e non lo abbia trattato in base ad esse. Tuttavia, quando l’uomo, il quale vive in un corpo fatto di carne, non è stato liberato dal peccato, può solo continuare a peccare, rivelando all’infinito la sua indole satanica corrotta. Questa è la vita che conduce, un ciclo infinito di peccato e perdono. La maggior parte degli uomini non fa che peccare durante il giorno per confessarsi la sera. In questo modo, anche se il sacrificio per il peccato è eternamente efficace per l’uomo, non sarà in grado di salvarlo dal peccato. Solo metà dell’opera di salvezza è stata portata a termine, poiché l’uomo ha ancora un’indole corrotta. […] scorre più in profondità del peccato, instillata da Satana e profondamente radicata nell’uomo. Non è facile per l’uomo acquisire consapevolezza dei suoi peccati; egli è incapace di riconoscere la sua natura profondamente radicata, e deve fare affidamento al giudizio della parola per ottenere questo risultato. Solo così è possibile che l’uomo cambi, a poco a poco, a partire da questo momento” (“Il mistero dell’incarnazione (4)” in “La Parola appare nella carne”).

Le parole di Dio Onnipotente sono chiare. Nell’Età della Grazia, il Signore Gesù compì l’opera di redenzione, completando solo la prima metà della Sua opera di salvezza. La fede nel Signore significa che i peccati degli uomini sono stati perdonati e non saranno più condannati in base alla legge, e hanno il permesso di venire davanti al Signore per pregare ed essere in comunione con Lui, per godere della Sua grazia e delle Sue benedizioni. Ecco l’esito dell’opera di redenzione. Ma pur avendo i peccati perdonati, le persone continuano inevitabilmente a mentire e peccare, a lottare per il guadagno personale, tra invidie e lotte intestine, critiche e odio. Vogliono mettere in pratica le parole del Signore, però non ci riescono. Vivono in un circolo vizioso di peccato, confessione e di nuovo peccato, completamente incapaci di sfuggirvi. Ciò dimostra che anche se il Signore ha perdonato i peccati dell’uomo, la nostra natura peccaminosa rimane in noi. Ecco la nostra natura e indole satanica che ci spinge a peccare. Se la radice del peccato non viene eliminata, è impossibile sfuggire al peccato e diventare santi, indipendentemente da quante volte i peccati vengono perdonati. Ed è impossibile evitare di peccare e resistere a Dio. Pensate ai farisei. Adoravano Dio nel tempio e offrivano sempre sacrifici, però si rifiutarono di accettare il Signore Gesù quando apparve e operò. Gli resistettero follemente e Lo condannarono, e Lo fecero persino crocifiggere, commettendo un peccato efferato. Cosa ci mostra questo? Se abbiamo una natura satanica, non importa quanti sacrifici espiatori facciamo per ottenere il perdono, continuiamo a fare il male. Dio Onnipotente è apparso e ha espresso milioni di parole di verità, compiendo l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio. Ha completato un gruppo di vincitori prima dei disastri, mostrando pienamente l’autorità e il potere di Dio, e scuotendo il mondo intero. Tante persone religiose non cercano e non approfondiscono affatto, ma si aggrappano alle loro nozioni, facendo tutto il possibile per condannare e bestemmiare la nuova opera di Dio, resistendole, morendo dalla voglia di crocifiggere Cristo che esprime di nuovo la verità. Ciò dimostra che, sebbene i peccati degli uomini siano perdonati, a causa della loro natura satanica, essi continuano a resistere follemente a Dio e Lo vedono come un nemico, loro opposto. L’indole giusta e santa di Dio non tollera alcuna offesa, perciò Egli accetterebbe nel Suo Regno qualcuno che è stato assolto, ma continua a peccare e a resisterGli? Assolutamente no. Proprio come disse il Signore Gesù: “In verità, in verità vi dico che chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. Ora lo schiavo non dimora per sempre nella casa: il figlio vi dimora per sempre” (Giovanni 8:34-35). “Siate dunque santi, perché Io sono santo” (Levitico 11:45). La Bibbia poi dice: “Senza la santificazione nessuno vedrà il Signore” (Ebrei 12:14). “Infatti, se persistiamo nel peccare volontariamente dopo aver ricevuto la conoscenza della verità, non rimane più alcun sacrificio per i peccati” (Ebrei 10:26). L’indole santa e giusta di Dio è inviolabile. Coloro che Gli resistono saranno puniti e distrutti, e mai ammessi nel Suo Regno. Ecco perché, quando il Signore Gesù promise che sarebbe tornato negli ultimi giorni, non era per portarci in cielo, né per condannare direttamente e distruggere i miscredenti con i disastri. Era per esprimere la verità e compiere l’opera di giudizio per la natura e l’indole satanica dell’uomo, per salvare prima l’umanità dal male e dalle forze di Satana, così potremo volgerci interamente verso Dio ed essere conquistati da Lui, e poi essere presi nel Suo Regno. Allora l’opera di salvezza di Dio sarà completa. Se il Suo giudizio servisse solo a condannare e distruggere il genere umano, come la gente immagina, allora chi rimarrebbe, dell’umanità corrotta? Non finirebbero tutti spazzati via da Dio per aver peccato e essersi opposti a Lui? Se fosse così, il Suo piano per la salvezza dell’uomo non verrebbe meno? Ecco perché Egli Si è incarnato di nuovo negli ultimi giorni secondo il Suo piano per salvare l’umanità. Dio Onnipotente Si è nascosto umilmente tra gli uomini e ha espresso così tante verità, compiendo l’opera di giudizio a partire dalla casa di Dio per purificare e salvare tutti coloro che accettano il giudizio di Dio degli ultimi giorni. Così possiamo sfuggire al male ed essere purificati, diventando degni di essere condotti nel Regno di Dio. L’opera di giudizio compiuta da Dio negli ultimi giorni non implica assolutamente la condanna o la distruzione delle persone, ma riguarda esclusivamente la purificazione e la salvezza. È importante capire la Sua volontà. La Sua opera di giudizio degli ultimi giorni per la salvezza dell’uomo è il Suo passo più importante, e accettare il giudizio di Dio Onnipotente è l’unico modo per sfuggire alla corruzione, essere purificati e salvati dai disastri.

Qualcuno potrebbe porre una domanda: come fa Dio Onnipotente a purificare e salvare l’umanità attraverso la Sua opera di giudizio? Possiamo trovare le risposte nelle parole di Dio Onnipotente. Dio Onnipotente dice: “Cristo degli ultimi giorni utilizza una serie di verità per insegnare all’uomo, rivelarne l’essenza e analizzarne le parole e le azioni. Queste parole comprendono diverse verità, quali il dovere dell’uomo, come l’uomo dovrebbe obbedire a Dio, come dovrebbe esserGli fedele, come dovrebbe vivere la normale umanità, così come la saggezza e l’indole di Dio, e così via. Queste parole sono tutte dirette all’essenza dell’uomo e alla sua indole corrotta. In particolare, le parole che rivelano come l’uomo rifiuta Dio vengono pronunciate a proposito di come l’uomo sia la personificazione di Satana e una forza nemica di Dio. Quando Dio comincia l’opera di giudizio, Egli non Si limita semplicemente a chiarire la natura dell’uomo con poche parole, ma compie la rivelazione, il trattamento e la potatura a lungo termine. Tale metodo di rivelazione, di trattamento e di potatura non può essere sostituito con parole ordinarie, ma con la verità che l’uomo non possiede affatto. Solo tale modo di lavoro viene considerato giudizio; solamente attraverso tale giudizio l’uomo può essere assoggettato, pienamente convinto a sottomettersi a Dio e inoltre può ottenere la vera conoscenza di Dio. Ciò che l’opera di giudizio realizza è la comprensione da parte dell’uomo del vero volto di Dio e la verità riguardo alla sua ribellione. L’opera di giudizio permette all’uomo di ottenere molta comprensione della volontà di Dio, dello scopo della Sua opera e dei misteri che per l’uomo sono incomprensibili. Inoltre, consente all’uomo di individuare e conoscere la sua sostanza corrotta e le radici della sua corruzione, come pure di scoprire la sua bruttezza. Questi effetti si realizzano tutti tramite l’opera di giudizio, perché la sua sostanza è di fatto l’opera di svelare la verità, la via e la vita di Dio a tutti coloro che hanno fede in Lui. Quest’opera è l’opera di giudizio svolta da Dio” (“Cristo compie l’opera di giudizio attraverso la verità” in “La Parola appare nella carne”).

Attraverso cosa viene conseguito il perfezionamento dell’uomo da parte di Dio? Esso viene conseguito attraverso la Sua indole giusta. L’indole di Dio consta principalmente di giustizia, ira, maestà, giudizio e maledizione, ed Egli perfeziona l’uomo principalmente attraverso il Suo giudizio. Alcune persone non comprendono e si chiedono come mai Dio sia in grado di rendere perfetto l’uomo solo attraverso il Suo giudizio e la Sua maledizione. Affermano: ‘Se Dio dovesse maledire l’uomo, questo non morirebbe? Se Dio dovesse giudicare l’uomo, quest’ultimo non sarebbe condannato? Allora, come può essere reso comunque perfetto?’ Queste sono le parole delle persone che non conoscono l’opera di Dio. Ciò che Egli maledice è la disobbedienza dell’uomo e ciò che giudica sono i suoi peccati. Anche se parla con severità e implacabilmente, Egli rivela tutto ciò che si trova nell’uomo, rivelando con queste severe parole ciò che è essenziale nell’uomo; tuttavia, attraverso tale giudizio gli dona una conoscenza profonda dell’essenza della carne, e perciò l’uomo si sottomette al cospetto di Dio” (“Solamente affrontando prove dolorose puoi conoscere l’amabilità di Dio” in “La Parola appare nella carne”).

Egli è venuto a operare sulla terra al fine di salvare l’umanità corrotta; non c’è niente di falso in questo, altrimenti, Egli non sarebbe venuto a svolgere la Sua opera di persona. In passato, i Suoi strumenti di salvezza consistettero nel mostrare il più grande amore e la più profonda compassione, al punto da consegnare tutto quel che era Suo a Satana in cambio dell’intero genere umano. Oggi non è affatto come in passato: oggi, la vostra salvezza avviene al tempo degli ultimi giorni, durante la classificazione di ciascuno a seconda del proprio genere; ciò significa che gli strumenti della vostra salvezza non sono amore e compassione, bensì castigo e giudizio, così che l’uomo possa essere salvato più approfonditamente. Perciò, tutto quello che ricevete sono castigo, giudizio e colpi senza pietà, ma sappiate che in questo duro accanimento non c’è la benché minima punizione, sappiate che, per quanto aspre siano le Mie parole, quelle che vi riguardano sono quelle poche che a voi sembrano particolarmente spietate, e sappiate che, per quanto grande sia la Mia ira, quelle che ricadono su di voi non sono che parole di insegnamento, e non c’è in Me alcuna intenzione di farvi del male, né di darvi la morte. Questo non è un dato di fatto? Sappiate che oggi, sia che si tratti di giudizio giusto, sia che si tratti di raffinamento e castigo spietati, tutto ha come fine la vostra salvezza. Indipendentemente dal fatto che oggi ognuno sia classificato in base al tipo di persona che è, o che le categorie dell’uomo siano rese palesi, tutte le affermazioni e l’opera di Dio hanno come fine la salvezza di coloro che Lo amano veramente. Il giusto giudizio ha come scopo la purificazione dell’uomo mentre lo spietato raffinamento viene praticato al fine di mondare l’uomo; le dure parole e il castigo hanno entrambi il fine di purificare l’uomo e di condurlo alla salvezza” (“Dovreste mettere da parte i benefici della posizione e comprendere la volontà di Dio di dare la salvezza all’uomo” in “La Parola appare nella carne”).

Dopo aver letto le parole di Dio, non ci è forse più chiaro come Egli svolge la Sua opera di giudizio? Molti non la comprendono e, di fronte alle parole “giudizio” e “castigo”, pensano alla condanna e al castigo di Dio. Non potrebbe essere più sbagliato. Secondo la legge, il giudizio serviva solo a limitare il comportamento attraverso la punizione, ma non si rivolgeva alla natura peccaminosa delle persone. Invece, il giudizio di Dio consiste principalmente nell’esprimere la verità per giudicare e rivelare la natura e indole satanica insita in noi, e poi usare tutti i tipi di modi, come trattare, disciplinare, e metterci alla prova, per smascherarci. È così che possiamo veramente vedere la nostra essenza corrotta, la realtà della nostra corruzione, e allora odiamo noi stessi, voltiamo le spalle alla carne, pratichiamo la verità e ci pentiamo davvero. Le parole di Dio Onnipotente rivelano incisivamente le manifestazioni dell’indole satanica umana, le nostre vili motivazioni, le impurità corrotte, e i ridicoli punti di vista. Di fronte al giudizio delle parole di Dio, vediamo che siamo solo affamati di benedizioni nella nostra fede senza alcuna sincerità verso di Lui. Ci sacrifichiamo un po’, paghiamo un piccolo prezzo e pensiamo di avere diritto alla grazia di Dio e all’ingresso nel Regno. Tuttavia, di fronte alle prove, incolpiamo Dio e ragioniamo con Lui, e non vogliamo nemmeno più lavorare per Lui. Non abbiamo obbedienza verso di Lui. Ci manca chiaramente la realtà della verità, e continuiamo a parlare di dottrine solo per metterci in mostra e ottenere ammirazione. Proteggiamo sempre la nostra reputazione e il nostro prestigio, e ci rifiutiamo di essere d’accordo con gli altri anche quando sappiamo che le loro opinioni sono in linea con la verità. Siamo arroganti, testardi e privi di ogni umanità e ragione. Attraverso il giudizio delle parole di Dio, vediamo quanto profondamente Satana ci ha corrotti, che siamo arroganti, astuti e malvagi, manifestazioni viventi del diavolo. Non sappiamo dove nasconderci e ci vergogniamo. Pieni di rammarico, preghiamo e ci malediciamo, e vogliamo smettere di vivere nella nostra corruzione satanica. Sperimentiamo anche la giustizia e la santità di Dio, che Egli esaminerà e smaschererà ogni nostra corruzione, che la Sua indole è inviolabile, e saremo sicuramente puniti se non ci pentiamo e non cambiamo. Allora sviluppiamo riverenza per Dio. Dopo essere stati più volte giudicati, castigati, potati, trattati, messi alla prova e affinati, la nostra indole corrotta viene gradualmente purificata e cambiata. Diventiamo assai più umili, più ragionevoli nelle parole e nelle azioni. Accettiamo e ci sottomettiamo a qualsiasi cosa secondo verità, da chiunque provenga, e abbiamo molte meno corruzioni nel nostro dovere. Con o senza le benedizioni di Dio, e indipendentemente dal nostro esito finale e dalla nostra destinazione, siamo felici di sottometterci a Lui e fare il dovere di un essere creato. Attraverso il giudizio di Dio Onnipotente, possiamo finalmente essere liberati dal peccato, vivere una reale parvenza umana e ottenere la vera libertà. Il giudizio e il castigo di Dio sono davvero il Suo più grande amore e la Sua salvezza per l’umanità! Senza questo, non conosceremmo mai noi stessi, e non saremmo mai in grado di vedere la verità della nostra corruzione. Continueremmo a vivere nei nostri sogni, pensando di avere diritto al Regno perché i peccati ci sono stati perdonati, aspettando che il Signore ci rapisca per crogiolarci nelle Sue benedizioni. Ciò è segno di grande ignoranza e spudoratezza. Abbiamo veramente sperimentato che il giudizio e il castigo di Dio Onnipotente sono l’unico modo per scacciare la corruzione, essere purificati ed entrare nel Regno. Si potrebbe dire che il giudizio di Dio Onnipotente è l’unico modo per essere liberati dal peccato, essere completamente salvati da Dio e poi entrare nel Regno. Proprio come dice la parola di Dio Onnipotente: “Nella sua vita, se l’uomo desidera essere purificato e ottenere cambiamenti nella propria indole, se vuole vivere una vita piena di significato e compiere il proprio dovere di creatura, allora deve accettare il castigo e il giudizio di Dio e non deve permettere che la disciplina e le percosse di Dio si allontanino da lui, così da potersi liberare dalla manipolazione e dall’influenza di Satana e vivere nella luce di Dio. Sappi che il castigo e il giudizio di Dio sono la luce, la luce della salvezza dell’uomo, e che per lui non esiste migliore benedizione, grazia o protezione” (“Le esperienze di Pietro: la sua conoscenza del castigo e del giudizio” in “La Parola appare nella carne”).

Sono passati tre decenni da quando Dio Onnipotente ha iniziato l’opera di giudizio negli ultimi giorni. Molti degli eletti da Dio vi sono sottoposti, gradualmente liberati dalla corruzione e purificati, e un gruppo di vincitori è stato completato prima dei disastri. Essi hanno la bella testimonianza di essere sfuggiti al peccato e di essere stati salvati, come sconfiggere Satana nella persecuzione e nelle difficoltà, pentirsi veramente attraverso il giudizio e il castigo delle parole di Dio, praticare la verità e diventare onesti, sottomettersi a Dio attraverso prove e affinamenti, e altro ancora. Queste testimonianze sono state trasformate in video ora disponibili online, mostrando al mondo l’opera di Dio degli ultimi giorni, in modo che tutti possano aprire gli occhi ed essere pienamente convinti. Sempre più persone che amano la verità e provengono da ogni Paese e denominazione riconoscono la voce di Dio nelle parole di Dio Onnipotente e stanno venendo davanti al trono di Dio. Il Vangelo del Regno gira il mondo e sta per giungere a compimento in modo spettacolare. Chiaramente, il giudizio di Dio degli ultimi giorni a partire dalla Sua casa si sta adempiendo. Le calamità stanno già piombando, e chiunque abbia gli occhi aperti può vedere che i grandi disastri sono iniziati. Coloro che accettano il giudizio di Dio Onnipotente e vengono purificati dalla loro corruzione saranno protetti dai disastri ed entreranno nel Regno di Dio. Coloro che pensano solo alle benedizioni e ad entrare nel Regno senza accettare la verità, e il giudizio o la purificazione di Dio, sono la tara, i non credenti smascherati dall’opera di Dio degli ultimi giorni. Egli li ha già condannati, e scenderanno all’inferno e saranno puniti quando verranno i disastri. Ciò adempie le parole di Dio Onnipotente: “Nel momento in cui vedrete Gesù discendere dai cieli su di una nuvola bianca con i vostri stessi occhi, assisterete all’apparizione pubblica del Sole di giustizia. Forse per te quello sarà un momento di grande entusiasmo, ma dovresti sapere che quando vedrai Gesù discendere dai cieli, tu scenderai contemporaneamente all’inferno per essere punito. Quello sarà il momento della fine del piano di gestione di Dio, e il momento in cui Dio ricompenserà i buoni e punirà i cattivi. Il giudizio di Dio si sarà concluso prima che l’uomo possa vedere i segni, quando ci sarà soltanto l’espressione della verità. Coloro che accettano la verità e non cercano segni, essendo stati così purificati, saranno tornati davanti al trono di Dio ed entrati nell’abbraccio del Creatore. Soltanto coloro che insistono nel credere che ‘il Gesù che non giunge su una nuvola bianca è un falso cristo’ saranno soggetti a una punizione perpetua, perché credono soltanto nel Gesù che mostra i segni, ma non riconoscono il Gesù che esprime giudizi severi e rivela la vera via e la vera vita. Pertanto, secondo queste persone, può accadere solo che Gesù tratti con loro quando ritorna apertamente su di una nuvola bianca. Sono particolarmente ostinate e arroganti, e hanno un’eccessiva fiducia in sé stesse. Come potrebbero essere ricompensati da Gesù individui così degenerati?” (“Quando contemplerai il corpo spirituale di Gesù, Dio avrà creato nuovi cieli e nuova terra” in “La Parola appare nella carne”).

Coloro che sono in grado di rimanere saldi durante l’opera di giudizio e di castigo di Dio negli ultimi giorni – cioè, durante l’opera finale di purificazione – saranno coloro che entreranno nel riposo finale insieme a Dio; pertanto, tutti coloro che entrano nel riposo saranno stati liberati dall’influenza di Satana e guadagnati da Dio dopo aver subito la Sua opera finale di purificazione. Queste persone, che alla fine saranno state guadagnate da Dio, entreranno nel riposo finale. Lo scopo essenziale dell’opera di castigo e di giudizio operati da Dio è purificare l’umanità e prepararla al riposo finale; senza tale purificazione, nessun individuo potrebbe essere classificato in categorie diverse a seconda del tipo o entrare nel riposo. Quest’opera è il solo percorso che l’umanità ha per entrare nel riposo. Solo l’opera di purificazione di Dio monderà l’umanità dalla sua ingiustizia, e solo la Sua opera di castigo e di giudizio porterà alla luce quanti sono disobbedienti all’interno dell’umanità, separando così coloro che possono essere salvati da coloro che non possono esserlo, e coloro che rimarranno da coloro che non rimarranno. Quando quest’opera sarà compiuta, le persone a cui sarà consentito di rimanere verranno tutte purificate ed entreranno in una condizione più elevata di umanità in cui godranno di una seconda e più splendida vita umana sulla terra; in altre parole, cominceranno il loro giorno del riposo umano e vivranno insieme a Dio. Quanto a coloro che non possono rimanere, dopo essere stati sottoposti al castigo e al giudizio, la loro vera natura verrà interamente rivelata, dopo di che saranno interamente distrutti e, al pari di Satana, non sarà più concesso loro di continuare a vivere sulla terra. L’umanità del futuro non conterrà più alcuna traccia di questo tipo di persone; simili persone non sono adatte a entrare nella terra del riposo finale, né sono adatte a partecipare al giorno del riposo che Dio e l’umanità condivideranno, poiché sono oggetto della punizione e sono persone malvagie e ingiuste. […] L’intero scopo dietro all’opera finale di Dio di punire il male e di ricompensare il bene è quello di purificare completamente tutti gli esseri umani, così che Egli possa condurre nel riposo eterno un’umanità interamente santa. Questa fase della Sua opera è la più cruciale; è la fase finale dell’intera Sua opera di gestione” (“Dio e l’uomo entreranno nel riposo insieme” in “La Parola appare nella carne”).

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Rispondi

Connettiti con noi su Messenger