Testimonianze di esperienze del giudizio di Cristo

Contenuti

26. Lo Spirito Santo opera secondo dei principi

Qin Shuting Città di Linyi, Provincia di Shandong

Per un certo tempo, anche se non avevo smesso di nutrirmi e dissetarmi della parola di Dio, non avevo mai percepito la luce. Avevo pregato Dio per questo ma, ciononostante, non ero stata ancora illuminata. Così ho pensato: “Mi sono nutrita e dissetata con quello che dovevo e Dio non mi illumina. Non posso farci niente, non ho la facoltà di ricevere la parola di Dio. Dio illumina ogni persona a Suo tempo, perciò è inutile cercare di affrettare le cose”. Poi ho continuato a seguire le regole e a nutrirmi e dissetarmi della parola di Dio senza ansia, attendendo “pazientemente” che Egli mi illuminasse.

Finché un giorno ho letto questo brano della parola di Dio: “Solo se il tuo cuore è in pace al cospetto di Dio, la tua ricerca della verità e della trasformazione della tua indole porterà frutto. Infatti, ti presenti a Dio gravato di fardelli e ti senti sempre fortemente manchevole, senti che ci sono molte verità che dovresti conoscere, molta realtà che avresti bisogno di sperimentare, e che dovresti prestare la massima attenzione alla volontà di Dio. Queste cose sono costantemente nella tua mente ed è come se ti opprimessero fino quasi a non lasciarti respirare: per questo avverti un gran peso nel cuore (ma non ti senti in una condizione negativa). Solo persone di questo genere sono qualificate ad accogliere l’illuminazione delle parole di Dio e a essere mosse dal Suo Spirito. È a motivo del loro fardello, del fatto che hanno il cuore pesante e, si può dire, a causa del prezzo che hanno pagato e dei tormenti che hanno patito dinanzi a Dio, che Ne hanno ricevuto intuizione e illuminazione, poiché Dio non riserva a nessuno un trattamento speciale. Nel Suo modo di trattare la gente Egli è sempre giusto, ma per contro non provvede a caso alle persone e non dà loro incondizionatamente. È uno dei tratti della Sua indole giusta” (“È molto importante stabilire un rapporto adeguato con Dio” in La Parola appare nella carne). Riflettendo su queste parole di Dio, ho capito: Dio è un Dio giusto. Non provvede mai all’uomo in maniera arbitraria né gli dona alcunché in maniera incondizionata. Per ricevere la Sua illuminazione e il Suo splendore, bisogna acquietare il proprio animo davanti a Lui e avere un cuore che brama e ricerca la Sua parola. Bisogna portare il fardello della propria vita e ricercare nella parola di Dio le proprie manchevolezze. Portando il proprio fardello, bisogna intenzionalmente nutrirsi e dissetarsi della parola di Dio per tenere nella massima considerazione la Sua volontà ed entrare sempre più in profondità nella verità. Solo pagando in concreto un simile prezzo per lavorare con Dio si può ottenere la Sua illuminazione. In retrospettiva, io non portavo alcun fardello né avevo un cuore bramoso di nutrirsi e dissetarsi della parola di Dio. Ogni volta che prendevo in mano il libro della parola di Dio lo sfogliavo e vedevo che avevo letto questo e quel brano, pensando di avere un’idea di massima di ciascun passo. Poi ne cercavo uno qualsiasi, lo leggevo frettolosamente, e la cosa finiva lì. Quando mi nutrivo e mi dissetavo della parola di Dio, riuscivo solo a capire il significato letterale delle parole e mi concentravo unicamente sul rispetto di alcune regole e pratiche. Di certo non capivo granché della verità a cui dovevo accedere, né soddisfacevo il cuore di Dio. Non portavo affatto alcun fardello nella vita, né mi preoccupavo per non essermi dotata di una verità sufficiente; mi limitavo a gestire con indifferenza il mio nutrirmi e dissetarmi della parola di Dio. Con un atteggiamento così sprezzante verso la parola di Dio, come avrei potuto ottenere la Sua illuminazione e il Suo splendore? Non stavo davvero lavorando con Dio e utilizzavo l’espressione “Dio illumina ogni persona a Suo tempo” come scusa per attendere ciecamente la Sua illuminazione. Ero davvero tanto ignorante! Solo adesso riconosco che, anche se Dio illumina ogni persona a Suo tempo, questo è vero, ma c’è un principio alla base dell’opera dello Spirito Santo sull’uomo: l’uomo stesso deve avere un cuore bramoso e dedito alla ricerca per poter lavorare in maniera positiva e attiva con Dio e solo allora lo Spirito Santo potrà operare su di lui e illuminare e fare risplendere la sua conoscenza della volontà di Dio, facendogli capire la verità della parola di Dio.

Oh Dio! Io rendo grazie per la Tua tempestiva illuminazione che mi ha permesso di riconoscere la deviazione insita nella mia esperienza. Adesso io desidero tornare indietro per lavorare in maniera positiva e attiva con Te, per mantenere un cuore bramoso e dedito alla ricerca, per portare il mio fardello e nutrirmi e dissetarmi della Tua parola, per perseguire un’ulteriore illuminazione ottenuta mediante la Tua parola e far sì che io possa approfondire la mia conoscenza della verità, e che la mia vita diventi sempre migliore.