I princìpi fondamentali di come i lavoratori svolgono il proprio lavoro

Nello svolgere il proprio lavoro, i lavoratori devono prestare attenzione a due aspetti, il primo dei quali è operare esattamente secondo i princìpi stabiliti dalle disposizioni di lavoro. I lavoratori non devono violare questi princìpi, non devono agire secondo le proprie fantasie e la propria volontà; dovrebbero preoccuparsi dell’opera della famiglia di Dio e anteporre gli interessi della casa di Dio a tutto ciò che fanno. Il secondo aspetto è altrettanto irrinunciabile, ossia in ogni loro attività, essi devono prestare attenzione a attenersi alla guida dello Spirito Santo e agire rigorosamente secondo la parola di Dio. Se disubbidisci alla guida del Santo Spirito o rincorri con ostinazione i tuoi pensieri e operi secondo la tua immaginazione, ciò costituisce una decisa opposizione a Dio. Disubbidire di frequente all’illuminazione e alla guida dello Spirito Santo porta a un vicolo cieco; non vi è modo di proseguire il lavoro se si è perduta la Sua opera e, pur adoperandosi, nulla viene completato. Sono questi i due princìpi fondamentali da rispettare durante il lavoro: l’uno è lavorare esattamente secondo quanto le disposizioni di cui sopra e svolgere i compiti secondo i princìpi stabiliti prima; l’altro è attenersi alla guida interiore dello Spirito Santo. Una volta afferrato questo, è molto improbabile che l’opera non giunga a buon fine. Per voi che avete un’esperienza ancora limitata in questo campo, il vostro lavoro verrà inficiato dalla vostra stessa volontà. A volte potreste non comprendere l’illuminazione o la guida interiore dello Spirito Santo; altre volte sembrerà che la capiate, ma è probabile che la ignoriate. Immagini o intuisci sempre in maniera umana, agendo come ritieni opportuno, senza preoccuparti affatto dell’intenzione dello Spirito Santo; svolgi il tuo lavoro solamente secondo le tue idee, trascurando l’illuminazione dello Spirito Santo. Situazioni simili accadono di frequente. La guida interiore dello Spirito Santo non è affatto trascendentale, è anzi molto usuale: le distese interiori della tua anima sanno che questo è il modo giusto di agire, che questo è il modo migliore. Un’idea simile è molto chiara, non è il risultato della riflessione e talvolta non comprendi appieno perché procedere in siffatta maniera. Spesso si tratta solo dell’illuminazione dello Spirito Santo. Una situazione simile è quella che ricorre più di frequente nella maggioranza delle persone: lo Spirito Santo ti guida di agire nella maniera più appropriata e non è l’esito della tua riflessione, piuttosto avverti una sensazione nel cuore e intuisci che è la maniera migliore di agire. Forse questo proviene dallo Spirito Santo. La volontà dell’individuo è spesso il risultato del processo di pensiero e si colora delle sue idee: “Che cosa mi riserva, come ne beneficerò…” – queste idee sono parte di qualsiasi cosa le persone stabiliscono di fare da sé. La guida dello Spirito Santo non contiene affatto simili sofisticazioni. È necessario prestare particolare attenzione alla Sua guida o illuminazione; devi essere attento a coglierla soprattutto nelle questioni fondamentali. È molto probabile che le persone che pensano troppo, e a cui piace agire secondo le proprie idee, non la percepiscano. I bravi lavoratori, i lavoratori promettenti, prestano attenzione all’opera dello Spirito Santo e le persone che Gli ubbidiscono temono Dio e cercano instancabilmente la verità. Per soddisfare Dio e darNe testimonianza, si dovrebbero individuare gli elementi di sofisticazione e le intenzioni del lavoro del singolo e tentare di sapere quanto è motivato da desideri personali, quanto è frutto dell’illuminazione dello Spirito Santo e quanto è aderente alla parola di Dio. Devi costantemente e in tutte le circostanze esaminare le tue parole e le tue azioni. Praticare spesso in questa maniera ti metterà sulla giusta via per servire Dio: è infatti necessario padroneggiare molte verità per servirLo secondo il Suo cuore. Le persone possono compiere delle distinzioni solo dopo aver compreso la Sua parola e possono riconoscere ciò che emerge dalla loro stessa volontà e quanto indica la loro motivazione; sono capaci di riconoscere l’impurità umana e che cosa significa agire secondo la verità. Solo allora saprai come obbedire in modo più puro. Senza verità è impossibile fare delle distinzioni. Una persona mentalmente confusa potrebbe credere in Dio per tutta la vita senza sapere che cosa significa rivelare le corruzioni o contrastare l’Onnipotente, poiché ella non possiede la verità, questo pensiero non esiste nella sua mente. È come riparare un elettrodomestico. Come si può effettuare una riparazione se si ignora quale circuito è difettoso? Dentro di voi ci sono molti circuiti. Talvolta il malfunzionamento è nelle vostre intenzioni o laddove è coinvolta la vostra volontà; talvolta è una distorsione della vostra comprensione o della vostra conoscenza. Oppure potrebbe essere dovuto al fatto che ascoltate la vostra volontà o credete e siete traviati da altri. Talvolta seguite la carne tentando proteggere la vostra reputazione o il vostro stato. Simili malfunzionamenti si verificano di frequente, deviando perciò il lavoro e provocando una perdita all’opera della famiglia di Dio e alla vita dei fratelli e delle sorelle. Che valore ha questo tipo di lavoro? È soltanto interruzione, disturbo e distruzione. Per realizzare il compito affidato dall’Onnipotente è necessario comprendere questi due princìpi. Dovete aderire rigorosamente alle disposizioni di lavoro di cui sopra e prestare attenzione a ubbidire alla guida dello Spirito Santo. Solo una volta afferrati questi due princìpi il vostro lavoro può essere efficace e la volontà di Dio soddisfatta.