L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Il libro aperto dall'Agnello

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultati della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

Capitolo 29

Velocità

Capitolo 29

Nel giorno in cui tutte le cose furono risuscitate, Io scesi tra gli uomini e trascorsi splendidi giorni e splendide notti con loro. Solo a questo punto l’uomo percepì una piccola parte della Mia vicinanza, e man mano che la sua interazione con Me diventava più frequente, egli riusciva a vedere qualcosa di ciò che Io ho e sono – e di conseguenza, egli riuscì a raggiungere qualche conoscenza di Me. Fra tutti i popoli, alzo la testa e guardo, e tutti Mi vedono. Eppure, quando la calamità si abbatte sul mondo, diventano immediatamente ansiosi e la Mia immagine svanisce dai loro cuori; presi dal panico all’arrivo della catastrofe, non prestano attenzione alle Mie esortazioni. Ho trascorso molti anni con l’uomo, nondimeno egli è sempre rimasto inconsapevole e non Mi ha mai conosciuto. Oggi gli parlo con la Mia bocca ed esorto tutte le persone a venire dinanzi a Me per ricevere qualcosa da Me, ciononostante si tengono ancora a distanza e così non Mi conoscono. Quando i Miei passi calpesteranno le estremità dell’universo, l’uomo inizierà a riflettere su se stesso e tutta la gente verrà da Me e si inginocchierà di fronte a Me adorandoMi. Questo sarà il giorno della Mia glorificazione, il giorno del Mio ritorno e anche il giorno della Mia partenza. Ora ho iniziato la Mia opera in mezzo all’umanità, Mi sono formalmente impegnato, attraverso l’intero universo, nella parte finale del Mio piano di gestione. Da questo momento in poi, chiunque non sia prudente rischia di finire in qualsiasi momento nel castigo spietato. Questo non perché Io sia senza cuore, ma perché si tratta di un passo del Mio piano di gestione; tutto deve procedere secondo le fasi del Mio piano e nessun uomo può cambiare le cose. Quando inizio ufficialmente la Mia opera, tutta la gente esegue i Miei Stessi movimenti, cosicché le persone nell’intero universo occupano il loro tempo al passo con Me, c’è “esultanza” in tutto l’universo e l’uomo è spronato ulteriormente da Me. Di conseguenza, anche il gran dragone rosso viene sottomesso da Me in uno stato di delirio e confusione, è al servizio della Mia opera e, anche se riluttante, non riesce a seguire i suoi desideri e non gli rimane altra scelta che quella di sottomettersi al Mio controllo. In tutti i Miei piani, il gran dragone rosso è il Mio complemento, il Mio nemico e anche il Mio servo; come tale, non ho mai allentato le Mie “richieste” verso di lui. Quindi, la parte finale della Mia opera di incarnazione viene completata nella sua dimora. In questo modo il gran dragone rosso è maggiormente in grado di servirMi in maniera appropriata e tramite questo Io lo conquisterò e completerò il Mio piano. Mentre Io opero, tutti gli angeli intraprendono con Me la battaglia decisiva e decidono di esaudire i Miei desideri nella fase finale, affinché la gente sulla terra si arrenda a Me come gli angeli, non abbia alcun desiderio di osteggiarMi e non faccia nulla per ribellarsi contro di Me. Queste sono le dinamiche della Mia opera in tutto l’universo.

Lo scopo ed il significato della Mia venuta fra gli uomini, è salvare tutta l’umanità, riportare tutto il genere umano nella Mia casa, riunire il cielo con la terra e far trasmettere all’uomo i “segnali” tra cielo e terra, poiché tale è la funzione intrinseca dell’uomo. Quando Io creai l’umanità, le resi disponibili tutte le cose e, in seguito, permisi all’umanità di beneficiare delle ricchezze che le concedetti in base alle Mie esigenze. Pertanto, Io affermo che è sotto la Mia guida che tutta l’umanità è giunta al giorno d’oggi. E tutto questo è il Mio piano. In tutta l’umanità, un numero incalcolabile di persone vive sotto la protezione del Mio amore e un’infinità di persone vive sotto il castigo del Mio odio. Anche se tutti Mi pregano, sono nondimeno incapaci di modificare le loro situazioni attuali; una volta che hanno perduto la speranza, possono solamente lasciare che la natura faccia il proprio corso e smettere di disobbedirMi, poiché questo è tutto ciò che può essere realizzato dall’uomo. Per quanto riguarda le condizioni della vita dell’uomo, egli deve ancora trovare la vera vita, non è ancora riuscito a vedere attraverso l’ingiustizia, la desolazione e le miserabili condizioni del mondo – e così, se non fosse stato per l’arrivo della catastrofe, la maggior parte delle persone si affiderebbe ancora a Madre Natura e si lascerebbe ancora trasportare dal sapore della “vita”. Non è questa la realtà del mondo? Non è questa la voce della salvezza che Io pronuncio davanti agli uomini? Perché, tra tutta l’umanità, nessuno Mi ha mai amato veramente? Perché l’uomo Mi ama soltanto nel mezzo del castigo e delle prove e invece nessuno Mi ama sotto la Mia protezione? Io ho elargito molte volte il Mio castigo sul genere umano. Gli danno un’occhiata ma poi lo ignorano, invece di studiarlo e contemplarlo in questo frangente e così tutto ciò che si abbatte sull’uomo è un giudizio impietoso. Questo è soltanto uno dei Miei metodi di operare, ma ha comunque lo scopo di cambiare l’uomo e di far sì che egli Mi ami.

Io governo sul Regno e, per di più, Io regno su tutto l’universo; Io sono sia il Re del Regno sia il Capo dell’universo. Da questo momento in poi radunerò tutti coloro che non sono i prescelti e inizierò la Mia opera tra i Gentili, annuncerò i Miei decreti amministrativi all’intero universo, per poter intraprendere con successo la prossima fase della Mia opera. Userò il castigo per diffondere la Mia opera tra i Gentili, vale a dire userò la forza contro tutti coloro che sono Gentili. Ovviamente questa opera verrà portata avanti contemporaneamente alla Mia opera tra gli eletti. Il tempo in cui la Mia gente governerà ed eserciterà il potere sulla terra, sarà anche il tempo in cui tutti gli uomini sulla terra saranno stati conquistati, e inoltre sarà il tempo in cui Io Mi riposerò – e soltanto allora apparirò a tutti quelli che sono stati conquistati. Appaio al regno santo e Mi nascondo dalla terra immonda. Tutti coloro che sono stati conquistati e sono divenuti obbedienti al Mio cospetto, sono in grado di vedere il Mio volto con i loro occhi e sono capaci di udire la Mia voce con le loro orecchie. Questa è la benedizione di coloro che nascono durante gli ultimi giorni, questa è la benedizione da Me predestinata, e ciò è inviolabile da parte di qualsiasi uomo. Oggi opero in questo modo per il bene dell’opera futura. Tutta la Mia opera è interconnessa, in tutta l’opera esiste uno stimolo e una reazione: nessun passo si è mai fermato bruscamente e nessuna fase è stata mai portata avanti indipendentemente da qualsiasi altra. Non è forse così? L’opera del passato non è la base dell’opera di oggi? Le parole del passato non precorrono le parole attuali? I passi dell’antichità non rappresentano l’origine dei passi odierni? Il giorno in cui Io apro ufficialmente il libro, è quando le persone in tutto l’universo vengono castigate, quando le persone in tutto il mondo sono sottoposte a delle prove ed è il culmine della Mia opera; tutta la gente vive in una terra priva di luce e tutti vivono tra le minacce del loro ambiente. In altre parole, si tratta della vita che l’uomo non ha mai sperimentato dal momento della creazione fino ai giorni nostri e nessuno nel corso dei secoli ha mai “apprezzato” questo tipo di vita, quindi Io affermo che svolgo l’opera che non è mai stata realizzata prima. Questo è il vero stato delle cose e questo è il significato nascosto. Dato che il Mio giorno si avvicina a tutta l’umanità, visto che non appare distante, ma si trova proprio di fronte agli occhi degli uomini, chi non ne sarebbe conseguentemente impaurito? E chi non ne sarebbe deliziato? La sporca città di Babilonia è finalmente giunta alla sua fine; l’uomo si trova di fronte a un mondo tutto nuovo e il cielo e la terra sono stati cambiati e rinnovati.

Quando Io appaio a tutte le nazioni e a tutti i popoli, le nuvole bianche si agitano nel cielo e Mi avvolgono. Allo stesso modo fanno gli uccelli sulla terra, cantando e danzando per Me con gioia, valorizzando l’atmosfera sulla terra e facendo così in modo che tutte le cose ritornino vive, non “sedimentando” più, ma vivendo invece immerse in un’atmosfera di vitalità. Quando sono tra le nuvole, l’uomo percepisce solo vagamente il Mio volto e i Miei occhi, e in quel momento si sente un po’ intimorito. Egli in passato ha udito documentazioni storiche su di Me nelle leggende e in seguito a questo in parte crede e in parte dubita di Me. Egli non sa dove Mi trovo o quanto sia grande il Mio volto – è vasto come il mare o infinito come i verdi pascoli? Nessuno conosce queste cose. Soltanto quando l’uomo vede il Mio volto tra le nuvole oggi sente che il Me Stesso della leggenda è reale e così diventa un po’ più ben disposto nei Miei confronti, ed è unicamente a causa delle Mie azioni che la sua ammirazione nei Miei confronti diventa un po’ più grande. L’uomo, tuttavia, ancora non Mi conosce, e vede solo una parte di Me tra le nuvole. In seguito, Io allungo le Mie braccia e le mostro all’uomo. Egli è sbalordito e si batte le mani sulla bocca, estremamente timoroso di essere colpito dalla Mia mano e così aggiunge un po’ di reverenza alla sua ammirazione. L’uomo fissa i suoi occhi su ogni Mio movimento, profondamente preoccupato di venire colpito da Me quando non sta prestando attenzione – tuttavia, essere osservato dall’uomo non Mi limita e continuo a svolgere la Mia opera sulle Mie mani. È solamente nelle azioni che compio che l’uomo ha una certa predilezione verso di Me e così gradualmente viene al Mio cospetto per associarsi a Me. Quando la Mia totalità verrà svelata all’uomo, l’uomo vedrà il Mio volto e da quel momento in poi non Mi nasconderò e non Mi occulterò più da lui. Apparirò pubblicamente in tutto l’universo a tutti i popoli e tutti coloro che sono fatti di carne e sangue ammireranno le Mie opere. Tutti coloro che sono fatti di spirito abiteranno sicuramente in pace nella Mia casa e godranno senza dubbio di splendide benedizioni insieme a Me. Tutti coloro ai quali tengo eviteranno senz’altro il castigo e si sottrarranno certamente al dolore dello spirito e all’agonia della carne. Apparirò pubblicamente a tutti i popoli e governerò ed eserciterò il Mio potere, in modo che l’odore dei cadaveri non pervada più l’universo; invece, la Mia fresca fragranza si diffonderà nel mondo intero, poiché il Mio giorno si avvicina, l’uomo sta per risvegliarsi, tutto è in ordine sulla terra, e i giorni della sopravvivenza della terra sono finiti, poiché Io sono arrivato!

6 aprile 1992

Pagina precedente:Capitolo 28

Pagina successiva:L’apparizione di Dio ha introdotto una nuova età

Potrebbero interessarti anche