Cento domande e risposte su come investigare la vera via

Contenuti

74. Perché l’opera di Dio negli ultimi giorni non è fatta con i mezzi dello Spirito? Perché Dio è venuto a compiere la Sua opera nella carne?

La risposta viene dalla parola di Dio:

La salvezza dell’uomo da parte di Dio non avviene direttamente attraverso il mezzo dello Spirito o in quanto Spirito, poiché il Suo Spirito non può essere né toccato, né visto e neanche avvicinato dall’uomo. Se Dio avesse cercato di salvare l’uomo direttamente tramite lo Spirito, l’uomo non avrebbe potuto ricevere la Sua salvezza. Se Dio non avesse indossato la forma esteriore di un essere umano, gli uomini non sarebbero stati in grado di ricevere questa salvezza. L’uomo, infatti, non può in alcun modo avvicinarsi a Dio, così come nessuno poteva andare vicino alla nuvola di Jahvè. Solo diventando uomo della creatura terrestre, ovvero mettendo la Sua Parola nella carne che Egli diventerà, Egli può personalmente lavorare con la Parola in tutti quelli che Lo seguono. Unicamente in questo modo l’uomo può udire la Sua Parola, vedere la Sua Parola e accogliere la Sua Parola, e, attraverso di essa, essere salvato completamente. Se Dio non Si fosse fatto carne, nessun uomo carnale avrebbe potuto ricevere una salvezza così grande e nessun uomo sarebbe salvato. Se lo Spirito di Dio avesse lavorato direttamente con l’uomo, l’uomo sarebbe stato distrutto o tenuto prigioniero da Satana, in quanto l’uomo non è in grado di relazionarsi direttamente con Dio. …

… Se lo Spirito di Dio parlasse direttamente all’uomo, tutti ubbidirebbero alla Sua voce, cadrebbero a terra senza parole di rivelazione, come Paolo cadde a terra accecato mentre era in viaggio verso Damasco. Se Dio continuasse a lavorare in questa direzione, l’uomo non sarebbe mai in grado di riconoscere la propria corruzione, attraverso il giudizio della parola e, quindi, di raggiungere la salvezza. Solo attraverso l’incarnazione, Dio ha potuto portare personalmente le Sue parole a tutti gli esseri umani, in modo che tutti coloro che hanno orecchie possano ascoltare la Sua parola e ricevere la Sua opera di giudizio attraverso di essa. In questo modo, la Sua parola può ottenere i risultati che desidera, e non attraverso lo Spirito che incute timore all’uomo forzandolo all’ubbidienza. Solo attraverso questo lavoro concreto e straordinario la vecchia natura dell’uomo, che giace radicata e nascosta nel profondo del suo cuore da molti anni, può essere pienamente rivelata e conseguentemente riconosciuta e trasformata. … Dio Si è fatto carne perché nella carne Egli può avere anche l’autorità, e può svolgere il Suo lavoro fra gli esseri umani in modo pratico, visibile e tangibile per l’uomo. Tale lavoro è molto più reale e concreto di qualsiasi lavoro svolto direttamente dallo Spirito di Dio (il quale possiede ogni autorità), e anche i risultati sono evidenti. Questo, perché la Sua carne può parlare e compiere la Sua opera in modo pratico; la forma esteriore della Sua carne non possiede alcuna autorità e può essere avvicinata dagli uomini. La Sua sostanza invece possiede autorità, ma non è visibile all’occhio umano. Quando Egli parla e opera, l’uomo non è in grado di percepire la presenza della Sua autorità; ciò è estremamente efficace ai fini dello svolgimento della Sua opera concreta. Questo modo di operare può rivelarsi proficuo. Anche se l’uomo non si rende conto che Egli detiene l’autorità e non può essere offeso, o anche se egli non conosce la Sua ira, attraverso la Sua autorità velata, la Sua ira e i Suoi discorsi in pubblico, Egli raggiunge i risultati attesi dalla Sua parola. In altri termini, attraverso il Suo tono di voce e la severità e tutta la saggezza delle Sue parole, l’uomo viene completamente persuaso. In questo modo, l’uomo si sottomette alla parola di Dio fatto carne, che apparentemente non ha alcuna autorità, raggiunge così il Suo scopo di salvezza per l’uomo. Questo è un altro dei significati della Sua incarnazione: parlare in modo reale e consentire alla concretezza della Sua parola di avere un effetto sugli uomini, di modo che essi possano testimoniare il potere della parola di Dio.

da “Il mistero dell’incarnazione (4)” in La Parola appare nella carne

Dio Si è fatto carne perché l’oggetto della Sua opera non è lo spirito di Satana o qualsiasi cosa incorporea, bensì l’uomo, che è di carne ed è stato corrotto da Satana. Proprio perché la carne dell’uomo è stata corrotta, Dio ha fatto dell’uomo carnale l’oggetto della Sua opera; Inoltre, perché l’uomo è l’oggetto della corruzione, Egli ha fatto dell’uomo l’unico oggetto della Sua opera in tutte le fasi della Sua opera di salvezza. L’uomo è un essere mortale, è di carne e sangue e Dio è l’unico che può salvare l’uomo. In questo modo Dio deve diventare carne che possiede gli stessi attributi dell’uomo, al fine di compiere la Sua opera in modo che la Sua opera possa ottenere effetti migliori. Dio deve diventare carne per compiere la Sua opera proprio perché l’uomo è di carne ed è incapace di superare il peccato o svestire se stesso dalla carne. Anche se la sostanza e l’identità di Dio incarnato sono molto diverse dalla sostanza e dall’identità dell’uomo, tuttavia il Suo aspetto è identico a quello degli uomini, Egli ha l’aspetto di una persona normale e conduce la vita di una persona normale, e coloro che Lo vedono non possono scorgere alcuna differenza da una persona normale. Questo aspetto normale e l’umanità normale sono sufficienti per Lui a compiere la Sua opera divina nell’umanità normale. La Sua carne Gli permette di compiere la Sua opera in una umanità normale e Lo aiuta a compiere la Sua opera tra l’umanità, e la Sua umanità normale, inoltre, Lo aiuta a compiere l’opera di salvezza tra gli uomini. Anche se la Sua normale umanità ha causato molto tumulto tra gli uomini, tale tumulto non ha avuto alcun impatto sul normale effetto della Sua opera. In breve, l’opera della Sua normale carne è di supremo beneficio per l’uomo. Anche se la maggior parte delle persone non accettano la Sua normale umanità, la Sua opera può essere ancora efficace e questi effetti sono ottenuti grazie alla Sua umanità normale. Di questo non c’è dubbio. Dalla Sua opera nella carne, l’uomo guadagna dieci volte o dozzine di volte più cose rispetto alle concezioni che esistono nell’uomo sulla Sua umanità normale, e tali concezioni saranno tutti in ultima analisi inghiottite dalla Sua opera. E l’effetto che la Sua opera ha raggiunto, vale a dire, la conoscenza che l’uomo ha di Lui, oltrepassa di gran lunga le concezioni dell’uomo su di Lui. …

… L’unica ragione per cui il Dio incarnato è venuto nella carne consiste nelle esigenze dell’uomo corrotto. È a causa dei bisogni dell’uomo e non di Dio, e tutti i Suoi sacrifici e le Sue sofferenze sono per il bene del genere umano, e non a beneficio di Dio Stesso. Non ci sono vantaggi e svantaggi o ricompense per Dio; Egli non mieterà alcun futuro raccolto, se non quello che Gli è originariamente dovuto. Tutto ciò che Egli fa e sacrifica per il genere umano, non è perché Egli possa ottenere grandi ricompense, ma lo fa esclusivamente per il bene del genere umano. Sebbene l’opera di Dio nella carne comporti molte inimmaginabili difficoltà, gli effetti che in ultima analisi Egli consegue superano di gran lunga quelli dell’opera svolta direttamente dallo Spirito. L’opera della carne comporta molta fatica, e la carne non può possedere la stessa grande identità dello Spirito, non può svolgere le stesse azioni soprannaturali dello Spirito, tanto meno può avere la stessa autorità dello Spirito. Eppure, la sostanza dell’opera svolta da questa carne insignificante è di gran lunga superiore a quella dell’opera svolta direttamente dallo Spirito e questa carne stessa è la risposta a tutte le esigenze dell’uomo. Perché quelli siano salvati, il valore utile dello Spirito è molto inferiore a quello della carne: l’opera dello Spirito è in grado di coprire l’intero universo, tutte le montagne, fiumi, laghi e oceani, eppure l’opera della carne si riferisce in modo più efficace ad ogni persona con la quale Egli ha contatto. Ancora, la carne di Dio con forma tangibile può essere meglio compresa e considerata da parte dell’uomo, e può approfondire ulteriormente la conoscenza di Dio da parte dell’uomo, e può lasciare all’uomo una più profonda impressione delle effettive gesta di Dio. L’opera dello Spirito è avvolta nel mistero, è difficile per gli esseri mortali da capire e ancora più difficile per loro da vedere e, in questo modo, essi possono contare solo su fantasie vuote. L’opera della carne, tuttavia, è normale e basata sulla realtà e in possesso di abbondante saggezza ed è un fatto che può essere contemplato dall’occhio fisico dell’uomo; l’uomo può personalmente sperimentare la saggezza dell’opera di Dio e non ha bisogno di impiegare la sua fertile immaginazione. Questa è l’accuratezza e il valore reale dell’opera di Dio nella carne. Lo Spirito può fare solo le cose che sono invisibili per l’uomo sono difficili per lui da immaginare, ad esempio, l’illuminazione dello Spirito, il movimento dello Spirito e la guida dello Spirito, ma per l’uomo che ha una mente, queste cose non forniscono alcun chiaro significato. Esse forniscono solo un movimento o un significato ampio e non possono fornire un’istruzione con le parole. L’opera di Dio nella carne, però, è molto diversa: fornisce una guida accurata alle parole, presenta una volontà chiara e ha chiari gli obiettivi richiesti. E così l’uomo non ha bisogno di brancolare o impiegare la sua immaginazione, tanto meno di fare congetture. Questa è la chiarezza dell’opera nella carne e la sua grande differenza con l’opera dello Spirito. L’opera dello Spirito è adatta solo ad un ambito limitato e non può sostituire l’opera della carne. L’opera della carne dà all’uomo obiettivi molto più precisi e necessari e una conoscenza di gran lunga più reale, valida dell'opera dello Spirito. L’opera che è di maggior valore per l’uomo corrotto è quella che fornisce parole precise, obiettivi chiari da perseguire, e che può essere vista e toccata. Solo l’opera realistica ed una guida puntuale sono adatte ai gusti dell’uomo e solo l’opera vera e propria può salvare l’uomo dalla sua indole corrotta e depravata. Ciò può essere ottenuto solo dal Dio incarnato; solo il Dio incarnato può salvare l’uomo dalla sua indole già in precedenza corrotta e depravata. Sebbene lo Spirito sia la sostanza intrinseca di Dio, un lavoro simile può essere svolto solo dalla Sua carne. Se lo Spirito lavorasse da solo, allora non sarebbe possibile per la Sua opera essere efficace − questa è una semplice verità. …

… Dio può salvare l’uomo corrotto dall’influenza di Satana, ma questa opera non può essere compiuta direttamente dallo Spirito di Dio; invece, può essere compiuta solo dalla carne dello Spirito di Dio, dalla carne di Dio incarnato. Questa carne è uomo ed è anche Dio, è uomo in possesso di umanità normale e anche Dio in possesso di piena divinità. E così, anche se questa carne non è lo Spirito di Dio e Si differenzia notevolmente dallo Spirito, è ancora il Dio incarnato Stesso che salva l’uomo, il quale è lo Spirito e anche la carne. Indipendentemente da come Egli sia chiamato, in ultima analisi, è ancora Dio Stesso che salva l’umanità. Poiché lo Spirito di Dio è indivisibile dalla carne, e l’opera della carne è anche l’opera dello Spirito di Dio; è solo che questa opera non viene compiuta utilizzando l’identità dello Spirito, ma viene compiuta usando l’identità della carne. L’opera che deve essere compiuta direttamente dallo Spirito non richiede l’incarnazione, e l’opera che richiede l’incarnazione non può essere compiuta direttamente dallo Spirito, e può essere compiuta solo da Dio incarnato. Questo è ciò che è richiesto per quest’opera, ed è ciò che è richiesto dal genere umano corrotto. Nelle tre fasi dell’opera di Dio, una sola fase è stata effettuata direttamente dallo Spirito, e le restanti due fasi sono effettuate dal Dio incarnato e non direttamente dallo Spirito. L’opera della legge compiuta dallo Spirito non comportava la modifica dell’indole corrotta dell’uomo e non sosteneva nemmeno alcuna relazione con la conoscenza di Dio da parte dell’uomo. L’opera della carne di Dio nell’Età della Grazia e nell’Età del Regno, però, coinvolge l’indole corrotta dell’uomo e la sua conoscenza di Dio, ed è una parte importante e fondamentale dell’opera di salvezza. Pertanto, l’umanità corrotta ha più bisogno della salvezza del Dio incarnato ed ha più bisogno dell’opera diretta del Dio incarnato. Il genere umano ha bisogno che il Dio incarnato lo possa pascere, sostenere, dissetare, nutrire, giudicare e castigare e ha bisogno di più grazia e di più redenzione da parte del Dio incarnato. Solo Dio nella carne può essere il confidente dell’uomo, il pastore dell’uomo, l’aiuto sempre presente dell’uomo, e tutto questo rappresenta la necessità dell’incarnazione, oggi e nel passato.

da “L’umanità corrotta ha maggiormente bisogno della salvezza del Dio incarnato” in La Parola appare nella carne

La carne dell’uomo è stata corrotta da Satana e, per lo più, del tutto accecata e profondamente danneggiata. La ragione fondamentale per cui Dio opera personalmente nella carne è perché l’oggetto della Sua salvezza è l’uomo, che è della carne e anche perché Satana usa la carne dell’uomo per disturbare l’opera di Dio. La battaglia con Satana è in realtà l’opera di conquista dell’uomo e, al tempo stesso, l’uomo è anche l’oggetto della salvezza di Dio. In questo modo, l’opera di Dio incarnato è essenziale. Satana ha corrotto la carne dell’uomo e l’uomo è divenuto la personificazione di Satana e l’oggetto che Dio deve sconfiggere. In questo modo, l’opera di combattere con Satana e salvare l’umanità si realizza sulla terra e Dio deve diventare umano al fine di combattere Satana. Questa è un’opera di estrema praticità. Quando Dio sta lavorando nella carne, Egli sta in realtà combattendo la battaglia con Satana nella carne. Quando lavora nella carne, Egli sta compiendo la Sua opera nel regno spirituale e rende reale sulla terra l’intera Sua opera nel regno spirituale. Colui che viene conquistato è l’uomo, che Gli è disobbediente, mentre colui che viene sconfitto è la personificazione di Satana (naturalmente, anche in questo caso, l’uomo), che è in inimicizia con Lui, e anche colui che viene, in ultima analisi, salvato è l’uomo. In questo modo, risulta ancora più necessario per Lui diventare un uomo che abbia il guscio esterno di una creatura, in modo da essere in grado di condurre una vera e una propria battaglia con Satana, per conquistare l’uomo, che Gli è disobbediente e dotato dello stesso Suo guscio esterno, e salvando l’uomo che è dotato dello stesso Suo guscio esterno ed è stato danneggiato da Satana. Il Suo nemico è l’uomo, l’oggetto della Sua conquista è l’uomo e l’oggetto della Sua salvezza è l’uomo, che è stato creato da Lui. Così Egli deve diventare uomo e, in questo modo, la Sua opera diventa molto più facile. Egli è in grado di sconfiggere Satana e conquistare il genere umano e, inoltre, è in grado di salvare l’umanità. Sebbene questa carne sia normale e reale, Egli non è carne comune: Egli non è carne che è solo umana, ma carne che è allo stesso tempo umana e divina. Questa è la Sua differenza rispetto all’uomo ed è il segno dell’identità di Dio. Solo carne come questa può compiere l’opera che Egli ha intenzione di compiere e adempiere al ministero di Dio nella carne e portare a definitivo compimento la Sua opera tra gli uomini. Se non fosse così, la Sua opera tra gli uomini sarebbe sempre vuota e viziata. Anche se Dio può fare la battaglia con lo spirito di Satana ed emergere vittorioso, la vecchia indole dell’uomo corrotto non può mai essere risolta e coloro che Gli sono disobbedienti e Gli si oppongono non possono mai diventare veramente soggetti al Suo dominio, vale a dire, Egli non può mai conquistare il genere umano e non può mai acquistare l’intera umanità. Se la Sua opera sulla terra non può essere risolta, la Sua gestione non sarà mai portata a termine e l’intera umanità non sarà in grado entrare nel riposo. Se Dio non può entrare nel riposo con tutte le Sue creature, allora non ci sarà mai un esito a tale opera di gestione e la gloria di Dio di conseguenza scomparirà. Anche se la Sua carne non ha alcuna autorità, l’opera che Egli compie avrà raggiunto il suo effetto. Questa è la direzione inevitabile della Sua opera. Indipendentemente dal fatto che la Sua carne possegga autorità o meno, finché Egli sarà in grado di compiere l’opera di Dio Stesso, allora Egli è Dio Stesso. Indipendentemente da quanto normale e ordinaria sia questa carne, Egli può compiere l’opera che dovrebbe compiere, perché questa carne è Dio e non solo un uomo. La ragione per cui questa carne può compiere l’opera che l’uomo non può compiere è perché la Sua intima essenza è diversa da quella di qualsiasi uomo, e la ragione per cui Egli può salvare l’uomo è perché la Sua identità è diversa da quella di qualsiasi uomo. Questa carne è così importante per l’umanità perché Egli è uomo e ancora più Dio, perché Egli può compiere l’opera che nessun uomo ordinario di carne può compiere e perché Egli può salvare l’uomo corrotto, che vive insieme a Lui sulla terra. Sebbene Egli sia identico all’uomo, il Dio incarnato è più importante per l’umanità di qualsiasi persona di valore, perché Egli può compiere l’opera che non può essere compiuta dallo Spirito di Dio, è più capace dello Spirito di Dio di portare testimonianza a Dio Stesso ed è più capace dello Spirito di Dio di acquistare pienamente l’umanità. Di conseguenza, sebbene questa carne sia normale e ordinaria, il Suo contributo al genere umano e la Sua importanza per l’esistenza del genere umano Lo rendono altamente prezioso e il valore reale e il significato di questa carne è incommensurabile per qualsiasi uomo. Sebbene questa carne non possa distruggere direttamente Satana, Egli può usare la Sua opera per conquistare il genere umano e sconfiggere Satana e rendere Satana completamente sottomesso al Suo dominio. È perché Dio è incarnato che Egli può sconfiggere Satana ed è in grado di salvare l’umanità. Egli non distrugge direttamente Satana, ma Si fa carne per compiere l’opera di conquistare l’uomo, che è stato corrotto da Satana. In questo modo, Egli è maggiormente in grado di rendere testimonianza a Se Stesso tra le creature, ed è maggiormente in grado di salvare l’uomo corrotto. La sconfitta di Satana da parte del Dio incarnato porta una maggiore testimonianza, ed è più convincente, della diretta distruzione di Satana da parte dello Spirito di Dio. Dio nella carne è più in grado di aiutare l’uomo a conoscere il Creatore, ed è maggiormente in grado di rendere testimonianza a Se Stesso tra le creature.

da “L’umanità corrotta ha maggiormente bisogno della salvezza del Dio incarnato” in La Parola appare nella carne