L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Il libro aperto dall’Agnello

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultati della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

A chi sei fedele?

Ogni giorno che ora vivete è decisivo e molto importante per la vostra destinazione e la vostra sorte, quindi dovete far tesoro di tutto ciò che avete e di ogni minuto che passa. Dovete sfruttare al massimo il vostro tempo per trarne i maggiori benefici, cosicché non avrete vissuto questa vita invano. Forse vi sentite confusi circa il motivo di queste Mie parole. Francamente, non sono soddisfatto delle azioni di nessuno di voi, perché ciò che speravo per voi non è proprio ciò che siete adesso. Posso, quindi, esprimerlo in questo modo: vi trovate tutti in un pericolo imminente. Le vostre precedenti invocazioni di salvezza e aspirazioni di perseguire la verità e di cercare la luce stanno volgendo al termine. È così che Mi ricompensate alla fine, come non avrei mai desiderato. Non intendo proferire parole contrarie ai fatti, perché Mi avete deluso fortemente. Forse non volete lasciare le cose come stanno, né affrontare la realtà; eppure, devo porvi solennemente questa domanda: “In tutti questi anni, cos’è che ha colmato i vostri cuori? A chi sono fedeli?” Non dite che la Mia domanda giunge troppo repentina e non chiedeteMi perché vi pongo una tale domanda. Dovete sapere questo: è perché vi conosco troppo bene, tengo troppo a voi e dedico troppo del Mio cuore a quel che fate che vi interrogo ripetutamente e sopporto indicibili difficoltà. Vengo, tuttavia, ripagato con indifferenza e intollerabile rassegnazione. Siete così negligenti nei Miei confronti; come ho potuto non accorgerMene? Se credete che quel che dico abbia del vero, è un’ulteriore dimostrazione del fatto che non Mi trattate davvero con riguardo. Allora vi dico che state ingannando voi stessi. Siete tutti così astuti che non sapete cosa state facendo; allora a cosa ricorrerete per darMi prova di voi?

La questione che più Mi preoccupa è a chi sono fedeli i vostri cuori. Vorrei anche che ciascuno di voi organizzasse i propri pensieri e che ti domandassi a chi sei fedele e per chi vivi. Forse non avete mai considerato attentamente questa domanda, perciò lasciate che vi riveli la risposta.

Tutti coloro che hanno memoria ammetteranno questo fatto: l’uomo vive per se stesso ed è fedele a se stesso. Non credo che la vostra risposta sia del tutto corretta, perché ognuno di voi vive rispettivamente la propria vita, ognuno lotta nella propria angoscia. Di conseguenza, ciò a cui siete fedeli sono le persone che amate e le cose che vi soddisfano, e non siete del tutto fedeli a voi stessi. Poiché ciascuno di voi è condizionato dalle persone, dagli avvenimenti e dalle cose che ha intorno, non siete davvero fedeli a voi stessi. Dico queste parole non per elogiare l’essere fedeli a voi stessi, ma per mettere a nudo la vostra fedeltà verso qualsiasi cosa. Perché in tutti questi anni non ho mai ottenuto fedeltà da nessuno di voi. Mi avete seguito per tutti questi anni, eppure non Mi avete mai dato un briciolo di fedeltà. Anzi, avete ruotato intorno alle persone che amate e alle cose che vi soddisfano, al punto che le tenete sempre strette ai vostri cuori e non vi rinunciate mai, in ogni momento e luogo. Quando siete desiderosi o entusiasti di qualcosa che amate, al contempo Mi seguite o addirittura ascoltate le Mie parole. Così vi dico che state usando la fedeltà che Io vi chiedo per essere invece fedeli e premurosi verso ciò che vi sta a cuore. Per quanto possiate sacrificare qualcosa per Me, ciò non vi rappresenta del tutto e non dimostra che è a Me che siete realmente fedeli. Vi impegnate nelle imprese che vi appassionano: alcuni di voi sono fedeli ai figli e alle figlie, altri ai mariti, alle mogli, alle ricchezze, al lavoro, ai superiori, al prestigio o alle donne. Non avete mai provato stanchezza o fastidio per ciò a cui siete fedeli; anzi, anelate sempre più a possedere le cose a cui siete fedeli in quantità maggiore e di migliore qualità, e non avete mai perso la speranza. Io e le Mie parole veniamo sempre relegati all’ultimo posto tra le cose di cui siete appassionati e non avete altra scelta se non collocarci in fondo alla lista. Alcuni lasciano addirittura l’ultimo posto a qualcosa a cui essere fedeli che devono ancora scoprire. Non Mi hanno mai serbato nei loro cuori, nemmeno in minima parte. Forse penserete che vi chieda troppo o che vi accusi ingiustamente, ma avete mai considerato il fatto che, quando state trascorrendo felicemente del tempo con la vostra famiglia, mai una volta Mi siete stati fedeli? In momenti come questo, la cosa non vi addolora? Quando i vostri cuori sono colmi di gioia nel vedervi ripagati delle vostre fatiche, non provate sconforto per non esservi forniti di sufficiente verità? Quando avete pianto per non aver ricevuto la Mia approvazione? Vi lambiccate il cervello e vi date un gran da fare per i vostri figli e le vostre figlie, eppure non siete ancora soddisfatti; credete ancora di non essere stati coscienziosi verso di loro, di non averci messo tutto l’impegno. Ma, nei Miei confronti, siete sempre stati negligenti e incuranti, conservandoMi solo nei vostri ricordi e ma non nei vostri cuori. La Mia dedizione e i Miei sforzi non vengono mai percepiti da voi e non avete mai cercato di comprendere. Vi immergete solo in brevi riflessioni e pensate che basti. Questo tipo di “fedeltà” non è ciò che agogno da tempo, ma ciò che da tempo è per Me un abominio. Tuttavia, indipendentemente da quel che dico, continuerete a riconoscere soltanto poche cose e sarete incapaci di accettarlo pienamente, perché siete tutti molto sicuri di voi e scegliete sempre con cura cosa accettare dalle parole che ho proferito. Se siete tuttora così, ho ancora in serbo dei metodi per contrastare la vostra sicurezza in voi stessi e far sì che prendiate atto che tutte le Mie parole sono vere e non una distorsione della realtà.

Se ora dovessi porre delle ricchezze davanti a voi e vi chiedessi di scegliere liberamente, e voi sapeste che[a] non vi condannerei, allora la maggior parte di voi sceglierebbe le ricchezze e abbandonerebbe la verità. I migliori tra voi rinuncerebbero alle ricchezze e sceglierebbero con riluttanza la verità, mentre quelli nel mezzo afferrerebbero le ricchezze con una mano e la verità con l’altra. In tal modo non rendereste manifesta la vostra vera natura? Nello scegliere tra la verità e qualsiasi cosa alla quale siete fedeli, prenderete tutti una decisione del genere e il vostro atteggiamento resterà lo stesso. Non è così? Non ci sono molti tra voi che tentennano tra ciò che giusto e ciò che è sbagliato? Nelle lotte tra positivo e negativo, bianco e nero, siete di certo consapevoli delle scelte che avete fatto tra famiglia e Dio, figli e Dio, pace e turbamento, ricchezza e povertà, prestigio e ordinarietà, l’essere sostenuto e l’essere abbandonato, e così via. Tra una famiglia serena e una divisa, avete scelto la prima, e senza alcuna esitazione; tra ricchezza e dovere, avete scelto di nuovo la prima, mancando persino della volontà di tornare a riva[b]; tra lusso e miseria, avete scelto il primo; tra figli, figlie, mogli, mariti e Me, avete scelto i primi; e, tra concezione e verità, avete scelto ancora una volta la prima. Ho letteralmente perduto la Mia fiducia in voi di fronte a tutte le vostre azioni malvagie. Sono veramente sbalordito che i vostri cuori siano così refrattari a lasciarsi intenerire. A quanto pare, molti anni di dedizione e impegno Mi hanno portato solo rassegnazione e la vostra perdita di speranza nei Miei confronti. Eppure, le Mie speranze per voi crescono ogni giorno che passa, poiché il Mio giorno è già stato completamente spiegato davanti a ognuno di voi. Tuttavia, continuate a cercare ciò che appartiene alle tenebre e al male, e vi rifiutate di mollare. Stando così le cose, quale risultato otterrete? Ci avete riflettuto attentamente prima d’ora? Se vi venisse chiesto di scegliere di nuovo, che posizione assumereste? Sarebbe ancora verso la prima alternativa? Mi dareste ancora disappunto e meschino rammarico? I vostri cuori sarebbero ancora la sola nota di calore? Sareste ancora all’oscuro di cosa fare per consolare il Mio cuore? Qual è la vostra scelta in questo momento? Vi sottometterete alle Mie parole o ne sarete stufi? Il Mio giorno è stato spiegato proprio davanti ai vostri occhi e ciò che avete di fronte è una nuova vita e un nuovo punto di partenza. Tuttavia, devo dirvi che questo punto di partenza non è l’inizio di una nuova opera passata, ma la conclusione della vecchia. Vale a dire che questo è l’ultimo atto. Credo che tutti capirete cosa c’è di insolito in questo punto di partenza. Ma un giorno non molto lontano ne comprenderete il vero significato, perciò superiamolo insieme e introduciamo il prossimo finale! Ad ogni modo, ciò che Mi lascia ancora inquieto è che, se posti di fronte a ingiustizia e giustizia, voi scegliete sempre la prima. Ma tutto questo appartiene al vostro passato. Spero, inoltre, di scacciare dalla Mia mente quello che è accaduto nel vostro passato, una cosa dopo l’altra, per quanto sia molto difficile farlo. Eppure, dispongo di ottimi mezzi per riuscirci. Facciamo sì che il futuro subentri al passato e lasciamo che le ombre del vostro passato si dileguino in cambio del vostro autentico io di oggi. Ciò significa che dovrò importunarvi affinché compiate ancora una volta la vostra scelta e vedere a chi siete fedeli.

Note a piè di pagina:

a. Il testo originale non contiene la frase “e voi sapeste che”.

b. “Tornare a riva” è un’espressione idiomatica cinese che significa “abbandonare le cattive abitudini”.

Pagina precedente:Devi preparare una quantità sufficiente di buone azioni per la tua destinazione

Pagina successiva:Tre ammonimenti