L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Testimonianze per Cristo degli ultimi giorni

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultati della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

Domanda 32: i pastori e gli anziani religiosi hanno una solida conoscenza della Bibbia; spesso interpretano le scritture per gli altri e fanno sì che osservino la Bibbia. Dunque commentare ed esaltare la Bibbia significa davvero recare testimonianza al Signore ed esaltarLo? Perché si dice che i pastori e gli anziani religiosi sono degli ipocriti farisei? Questa domanda ancora non ci è chiara – potreste rispondere per noi?

Risposta:

Secondo molti, spiegare la Bibbia non è sbagliato, ma mentre spiegano la Bibbia compiono atti che si oppongono a Dio. Che genere di persone sono? Non sono forse solo farisei ipocriti? Non sono degli anticristi che si oppongono a Dio? Perché spiegare la Bibbia vuol dire opporsi a Dio? Perché vuol dire condannare Dio? Con una comunicazione del genere c’è ancora chi non capisce e ancora pensa che spiegare la Bibbia significhi esaltare e testimoniare Dio. I capi dei sacerdoti, gli scribi e i farisei dell’epoca erano tutti studiosi ed esperti delle Sacre Scritture che spesso spiegavano le Scritture alla gente. Se spiegare la Bibbia significa esaltare Dio, perché quando il Signore Gesù venne a predicare e a operare loro si opposero e condannarono il Signore Gesù e alla fine agirono in combutta col governo per crocifiggere il Signore? I pastori e gli anziani religiosi moderni sono tutti persone che conoscono bene la Bibbia e da molti anni la spiegano. Se spiegare la Bibbia significa davvero esaltare e testimoniare Dio, perché quando Dio Onnipotente è venuto a compiere la Sua opera di giudizio loro non solo non si sono informati, ma si sono opposti e hanno condannato? Qual è il problema qui? Non è forse un problema grave su cui tutti i credenti dovrebbero riflettere? Inoltre, se la spiegazione della Bibbia equivale a esaltare e testimoniare Dio, nell’Età della Grazia come mai il Signore Gesù quando venne non operò nel tempio? Come mai Dio Onnipotente degli ultimi giorni non ha operato nella chiesa? È perché le autorità religiose non esaltano e non testimoniano affatto Dio e sono tutti soltanto farisei ipocriti e arroganti. Degli anticristi che dominano la religione e si oppongono a Dio! Come potrebbero consentire a Dio di esistere o consentire al mondo religioso di avere voci che testimonino Dio? Se il Cristo incarnato venisse nella religione e operasse e predicasse nella chiesa, verrebbe arrestato, consegnato al partito di governo e crocifisso. Chi andasse nelle chiese a testimoniare Dio, verrebbe di certo arrestato e perseguitato. Come disse il Signore Gesù: “Ecco, Io vi mando come pecore in mezzo ai lupi” (Matteo 10:16). Le persone non riescono a vedere chiaramente questa realtà? Considerando che i farisei religiosi si oppongono e condannano Dio, dovremmo capire chiaramente se esaltare la Bibbia significhi o no testimoniare Dio. Chi veramente esalta e testimonia Dio, può opporsi a Dio? Può considerare Dio un nemico? Tutti noi dovremmo sapere che la Bibbia non contiene solo parole di Dio, ma anche parole dell’uomo. Quindi esaltare la Bibbia ed esaltare Dio non sono la stessa cosa. Difendere la Bibbia e difendere i comandamenti non sono la stessa cosa. Quando i farisei religiosi spiegano la Bibbia, si concentrano solo sullo spiegare le parole dell’uomo nella Bibbia, spiegando la conoscenza della Bibbia e la teoria teologica e predicando e testimoniando le parole dell’uomo, ma non si concentrano sul diffondere e testimoniare le parole di Dio e la verità espressa da Dio nella Bibbia. Questo significa esaltare e testimoniare Dio? Non significa opporsi e tradire Dio? Pertanto, chi pensa che spiegare la Bibbia significhi esaltare e testimoniare Dio fugge le questioni spirituali e non capisce l’essenza del problema. Sono persone confuse, persone che adorano, credono e seguono le autorità religiose. Non è un dato di fatto?

All’epoca, quei farisei ebrei spiegavano soltanto la conoscenza biblica e le dottrine, eseguivano rituali religiosi e osservavano regole religiose e tradizioni umane, ma abbandonavano i comandamenti allontanandosi dalla via di Dio, così quando venne il Signore Gesù si opposero furiosamente a Lui, condannarono il Signore Gesù e Lo crocifissero. Di conseguenza furono maledetti e puniti da Dio. Anche se i pastori e gli anziani di oggi spesso spiegano e testimoniano la Bibbia davanti alle persone, non badano a diffondere e testimoniare la parola di Dio, né badano a predicare la volontà del Signore Gesù e le Sue prescrizioni per l’uomo, e di rado testimoniano la sostanza divina e l’amorevolezza del Signore Gesù. Non inducono le persone a mettere in pratica e sperimentare la parola del Signore e non badano a difendere i comandamenti e seguire la volontà di Dio. Si limitano a spiegare ed esaltare le parole dell’uomo nella Bibbia, chiedendo di trattarle come parole di Dio e come verità da mettere in pratica e difendere. Quando risolvono i problemi, avviene in base alle parole dell’uomo anziché quelle di Dio nella Bibbia. Usano le parole dell’uomo per rifiutare e opporsi a quelle di Dio. Sulla questione dell’accesso al Regno dei Cieli, il Signore Gesù disse chiaramente: “Non chiunque Mi dice: Signore, Signore, entrerà nel Regno dei Cieli, ma chi fa la volontà del Padre Mio che è ne’ cieli” (Matteo 7:21). Ma pastori e anziani hanno accantonato le parole del Signore Gesù e trattano le parole dell’uomo come verità e criterio per l’accesso al Regno dei Cieli, insegnando che è sufficiente lavorare per il Signore per accedervi. Usano le parole dell’uomo per sostituire e respingere quelle di Dio di conseguenza mettono fuori strada la gente. Questo è l’aspetto più infido e malefico dell’opposizione a Dio da parte di pastori e anziani religiosi! Interpretano la Bibbia fuori contesto, usando le parole dell’uomo nella Bibbia per opporsi e condannare Dio Onnipotente non fermandosi davanti a nulla pur di ingannare, vincolare e dominare i fedeli e impedire loro di esaminare e accogliere l’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni, tenendoli tutti saldamente sotto il loro dominio. È come dice Dio Onnipotente: “Basta guardare i capi di ogni confessione – sono tutti arroganti e presuntuosi e interpretano la Bibbia fuori contesto e secondo la loro immaginazione. Fanno tutti affidamento su doni e cultura per svolgere il loro lavoro. Se non fossero capaci di predicare alcunché, quelle persone li seguirebbero? Essi possiedono, dopo tutto, una certa conoscenza, e sanno predicare un po’ di dottrina, o sanno come persuadere altri o come usare certi stratagemmi. Li usano per portare le persone al proprio cospetto e ingannarle. Di nome, queste persone credono in Dio, ma di fatto seguono i loro leader. Se incontrano qualcuno che predica la vera via, alcuni di loro dicono: ‘Dobbiamo consultare il nostro leader circa la nostra fede’. La loro fede deve essere approvata da un essere umano; non è questo un problema? Che cosa sono diventati, dunque, quei leader? Non sono diventati dei farisei, falsi pastori, anticristo e ostacoli all’accettazione della vera via da parte delle persone?” (“Solo la ricerca della verità è vera fede in Dio” in Registrazione dei discorsi di Cristo). Sulla base di questi fatti, come possiamo dire che pastori e anziani religiosi spiegando la Bibbia esaltino e testimonino Dio? Non stanno forse sfruttando l’occasione data dalla spiegazione della Bibbia per interpretare in modo errato la Bibbia e citare alcuni aspetti fuori contesto per opporsi a Dio? Da tempo sono diventati un ostacolo perché la gente accetti la vera via e ritorni a Dio e sono gli anticristi smascherati da Dio Onnipotente degli ultimi giorni. Le persone non riescono ancora a vedere questa realtà?

Secondo le concezioni delle persone, spiegare la Bibbia equivale a esaltare e testimoniare Dio, ma da come i farisei e le autorità religiose spiegano la Bibbia possiamo vedere che non è effettivamente così. Ciò che i farisei esaltano e testimoniano è la Bibbia e non Dio. La loro predicazione consiste nello spiegare le parole dell’uomo nella Bibbia e non le parole di Dio. Usano le parole dell’uomo nella Bibbia per sostituire e opporsi alle parole di Dio e citano le parole dell’uomo fuori contesto per opporsi e trarre conclusioni su Dio. Lo scopo della loro spiegazione non è esaltare e testimoniare Dio, ma ingannare e dominare le persone e conseguire i loro scopi spregevoli. Spiegare così la Bibbia significa opporsi a Dio e fare il male! Per questo, quando Dio viene a operare, usano la Bibbia per mantenere una salda presa sulle persone, facendo sì che credano nella Bibbia e si attengano a essa, conducendole tutte verso l’opposizione a Dio. Questo dimostra che la spiegazione della Bibbia da parte dei farisei e delle autorità religiose è un modo per opporsi a Dio. Citano le parole dell’uomo nella Bibbia fuori contesto per opporsi e per contrastare Dio, per istituire un loro regno indipendente. Allora come bisogna spiegare la Bibbia per esaltare e testimoniare Dio? Ciò che la Bibbia registra sono l’opera di Dio e le testimonianze su Dio. Spiegare la Bibbia significa esaltare e testimoniare Dio secondo le parole di Dio nella Bibbia e le verità della Bibbia. Significa divulgare e testimoniare le parole di Dio nella Bibbia. Comunicare le intenzioni di Dio secondo le Sue prescrizioni e sulla base delle Sue parole e comunicare la verità delle parole di Dio. Fornire testimonianze dell’opera di Dio e della Sua indole e testimoniare l’essenza di Dio e la Sua amorevolezza. Significa indurre le persone a mettere in pratica e sperimentare le parole di Dio, consentendo così loro di conseguire l’accesso alla realtà delle parole di Dio. Significa esaltare il Signore Gesù e testimoniarLo in tutte le cose. Solo spiegando la Bibbia in questo modo si esalta e si testimonia Dio, si è in sintonia con Dio e si è autenticamente al servizio di Dio. Le parole dell’uomo nella Bibbia possono essere usate solo come riferimento e integrazione e non possono essere paragonate alle parole di Dio. Eppure a pastori e anziani interessa solo spiegare le parole dell’uomo nella Bibbia. Trattano le parole dell’uomo nella Bibbia come parole di Dio, come la verità, usandole come direttiva per la propria condotta e il modo di affrontare i problemi. Ma di rado menzionano le parole di Dio e usano le parole dell’uomo per sostituire le parole di Dio e tralasciarle. Spiegare così la Bibbia significa testimoniare Dio? Non significa esaltare e testimoniare l’uomo? Per di più, quando spiegano la Bibbia si dedicano solo alla spiegazione della teoria teologica, spiegando personaggi, luoghi e antefatti storici della Bibbia per mettersi in mostra. Non significa ingannare e intrappolare le persone? Non significa indurle ad adorare e seguire loro? All’epoca, quei farisei ipocriti sfruttavano l’occasione di spiegare la Bibbia per interpretare in maniera errata la Bibbia allo scopo di ingannare e dominare le persone e alla fine condussero i credenti a seguire l’uomo e a opporsi a Dio trasformando l’Ebraismo in un regno indipendente opposto a Dio. Negli ultimi giorni i pastori e gli anziani stanno sfruttando la spiegazione della Bibbia per indurre a credervi ciecamente e adorarla e collocano la Bibbia al posto di Dio nel cuore delle persone, conducendo involontariamente i fedeli a tradire la parola del Signore e ad opporsi a Dio, e trasformando il mondo religioso in un regno indipendente opposto a Dio, in un bastione di opposizione all’opera di Dio. Spiegare la Bibbia come fanno loro non significa opporsi e bestemmiare Dio? Non è questo l’inganno dei farisei anticristi nell’opporsi a Dio e nell’istituire un regno indipendente? Come si può dire che significhi esaltare e testimoniare Dio? L’astuzia dei farisei religiosi nell’opporsi a Dio risiede nel fatto di spiegare la Bibbia interpretandola in modo errato per ingannare e dominare le persone. La Bibbia era in origine una testimonianza su Dio. Secondo le idee umane, loro testimoniano Dio, comunque spieghino la Bibbia, però i farisei ipocriti sfruttano proprio questa idea umana, facendo il possibile per esaltare e testimoniare la Bibbia. Usano la Bibbia per sostituire Dio e opporsi a Dio e ingannare le persone. Così tutti sono indotti a credere nella Bibbia e adorarla e ad adorare e seguire gli studiosi della Bibbia come loro e così tradire Dio. Questo è il più infido e scaltro inganno di Satana per opporsi a Dio e ingannare le persone, ed è l’aspetto più difficile da capire e il più facile da cui essere ingannati.

Sentiamo le parole di Dio Onnipotente: “Quelli che leggono la Bibbia in grandi chiese, recitano la Bibbia tutti i giorni ma non capiscono lo scopo dell’opera di Dio. Non uno è in grado di conoscere Dio; inoltre, nessuno è in sintonia con il cuore di Dio. Sono tutti uomini meschini e privi di valore, così boriosi da voler insegnare a Dio. Anche se brandiscono il nome di Dio, Gli si oppongono ostinatamente. Anche se si fregiano della definizione di credenti in Dio, sono quelli che mangiano la carne e bevono il sangue dell’uomo. Tutti questi uomini sono diavoli che divorano l’anima dell’uomo, capi demoni che volutamente disturbano coloro che cercano di percorrere la strada giusta, sono pietre di inciampo che impediscono il cammino di quanti cercano Dio. Anche se sono ‘fortemente carnali’, come fanno i loro seguaci a sapere che sono anticristi che guidano l’uomo a opporsi a Dio?” (“Tutti coloro che non conoscono Dio sono coloro che si oppongono a Dio” in La Parola appare nella carne). “La persona più ribelle è quella che intenzionalmente sfida e resiste a Dio. Costui è nemico di Dio e un anticristo. Una persona simile conserva sempre un atteggiamento ostile verso la nuova opera di Dio, non ha mai mostrato la minima intenzione di sottomettersi e non ha mai obbedito volentieri o umiliato sé stesso. Esalta sé stesso davanti agli altri e non dà mai segni di remissività. Davanti a Dio, si considera il più esperto nel predicare la Parola e il più competente nell’operare sugli altri. Non rinuncia mai ai ‘tesori’ già in suo possesso, ma li tratta come cimeli di famiglia da adorare, da predicare agli altri, e li usa per fare lezione a quegli sciocchi che lo adorano. Di fatto ci sono alcune persone così nella Chiesa. Si può dire che esse siano gli ‘eroi indomiti’ che, generazione dopo generazione, soggiornano nella casa di Dio. Pensano che predicare la parola (dottrina) sia il loro dovere più alto. Un anno dopo l’altro e una generazione dopo l’altra, essi si adoperano con vigore avvalorando il loro ‘sacro e inviolabile’ dovere. Nessuno osa toccarli e nessuno osa rimproverarli apertamente. Diventano ‘re’ nella casa di Dio e si lasciano trasportare mentre tiranneggiano gli altri attraverso i secoli. Questo branco di demoni cerca di unire le forze e demolire la Mia opera; come posso permettere a questi diavoli viventi di esistere davanti ai Miei occhi?” (“Coloro che obbediscono a Dio con cuore sincero saranno certamente guadagnati da Lui” in La Parola appare nella carne). Evidentemente, anche se pastori e anziani spiegano spesso la Bibbia, non capiscono la verità e non conoscono Dio. Sono proprio come i farisei ipocriti. Sono falsi pastori e operatori che ingannano, dominano, vincolano e danneggiano le persone. Inducono le persone a negare Cristo, a condannare Cristo, al punto di opporsi e contrastare Dio, rendendo tutti complici e fantocci di Satana. Chiunque abbia gli occhi può vedere che è così.

da “Domande e risposte classiche sul Vangelo del Regno”

Testimoniare ed esaltare veramente il Signore non ha a che fare con il modo in cui gli uomini interpretano la Bibbia. Il punto è se sanno mettere in pratica le parole di Dio e sperimentare la Sua opera. Se gli uomini amano la verità, otterranno l’illuminazione dello Spirito Santo e una esperienza e conoscenza vera della parola di Dio. Questa conoscenza si raggiunge mediante la pratica e l’esperienza delle parole di Dio. Questo è conoscere veramente Dio. Comunicare queste esperienze e testimonianze autentiche, significa esaltare Dio e renderGli veramente testimonianza! La vera conoscenza di Dio di cui parlano coloro che Lo esaltano e Gli rendono testimonianza non proviene dalle loro concezioni, dalla loro immaginazione o logica; sicuramente non proviene dalla loro interpretazione letterale delle parole di Dio. Coloro che esaltano e rendono testimonianza a Dio si concentrano sulla comunicazione delle parole di Dio nella Bibbia, sulla comunicazione della volontà di Dio, delle Sue richieste nei confronti delle persone, della Sua indole e di tutto ciò che Egli ha ed è, consentendo alle persone di comprendere la volontà di Dio e la Sua indole e di conoscere veramente Dio. È così che le persone riescono realmente a temere e obbedire a Dio. Questi tipi di interpretazioni bibliche e di comunicazioni circa le parole di Dio sono il modo in cui possono veramente esaltare Dio e renderGli testimonianza. Tuttavia, quando i pastori e gli anziani interpretano la Bibbia, possono realmente comunicare l’essenza della verità presente nelle parole di Dio? Possono comunicare la volontà di Dio? Possono rendere testimonianza all’indole di Dio? No! Possono far sì che gli altri conoscano, obbediscano o temano Dio? I fatti ci hanno dimostrato che la maggior parte dei pastori e degli anziani nella comunità religiosa odia la verità e resiste a Dio; questa è la loro vera natura. Essi non mettono in pratica le parole di Dio né sperimentano la Sua opera. Non capiscono affatto la Sua volontà o le Sue richieste, e certamente non capiscono la Sua indole, tutto ciò che Egli ha o tutto ciò che Egli è. Pertanto non possono comunicare la vera conoscenza di Dio, e non sono in grado di dare testimonianza della divina essenza o delle amabili qualità del Signore Gesù. Si limitano interpretare la conoscenza biblica e la teoria teologica o alcune storie dei personaggi biblici, insieme ai retroscena storici per fare sì che le persone li ammirino e li considerino con rispetto.

Non solo, ma il più delle volte i pastori e gli anziani stanno interpretando le parole dell’uomo, come le parole di Paolo nella Bibbia. Secondo Paolo, “Ogni scrittura è ispirata da Dio” (2 Timoteo 3:16), loro considerano le parole della Bibbia come se fossero le parole di Dio. Come conseguenza, l’intera comunità religiosa considera le parole degli apostoli come le parole di Dio e dice ai credenti di metterle in pratica e di rispettarle. Citano le parole degli apostoli sempre più frequentemente durante i loro sermoni, le loro comunicazioni o testimonianze. Tuttavia, citano sempre di meno Dio e il Signore Gesù. Il risultato finale è che le parole di Dio e del Signore Gesù nella Bibbia sono state tutte sostituite e annullate. Il posto del Signore Gesù nel cuore della gente si riduce sempre più, mentre il posto di Paolo e degli altri continua ad aumentare nei loro cuori. Questo ha permesso che le parole di Paolo, assieme alle parole di altri uomini nella Bibbia, occupassero il cuore degli uomini. Le persone credono nel Signore Gesù nominalmente, ma in realtà stanno solo procedendo secondo le parole dell’uomo nella Bibbia, come le parole di Paolo. Stanno seguendo un proprio cammino di fede in Dio. Chi crede in Dio in questo modo non potrà che allontanarsi dalla via del Signore? Come può questo tipo di servizio essere in conformità con la volontà di Dio? Per esempio, il Signore Gesù disse una volta, riguardo all’ingresso nel Regno dei Cieli: “Ma chi fa la volontà del Padre Mio che è ne’ cieli” (Matteo 7:21). Tuttavia, i pastori e gli anziani parlano della salvezza e dell’ingresso nel Regno dei Cieli in base alle parole di Paolo. “Io ho combattuto il buon combattimento, ho finito la corsa, ho serbato la fede; del rimanente mi è riservata la corona di giustizia” (2 Timoteo 4:7-8). I pastori e gli anziani insegnano agli altri che se si adoperano per il Signore così come fece Paolo e sopportano la sofferenza, possono accedere al Regno dei Cieli. Sostituiscono le parole di Dio con le parole degli uomini; escludono le parole di Dio. Il risultato è che fuorviano le persone. Quando interpretano la Bibbia in questo modo, stanno esaltando Dio e rendendo testimonianza a Dio? Penso che siano in contrasto diretto con Dio! Questo problema è molto grave! I pastori e gli anziani religiosi spesso sostituiscono le parole di Dio con quelle dell’uomo nella Bibbia. A questo punto dovremmo capire bene le conseguenze di ciò, giusto? Come possono molte persone credere nel Signore per anni e non conoscerLo ancora? Perché non sperimentano mai veramente le parole del Signore? Come possono raggiungere mai la verità o la vita coloro che credono nel Signore in questo modo? Non è forse perché i pastori e gli anziani interpretano e testimoniano continuamente le parole degli uomini nella Bibbia e spingono i loro seguaci a osservare tali parole?

L’opera di Dio Onnipotente negli ultimi giorni ha smascherato questi pastori e anziani, questi demoni anticristi nella comunità religiosa. Altrimenti, nessuno sarebbe in grado di vedere che le loro esaltazioni e interpretazioni della Bibbia sono in realtà i loro modi subdoli per ingannare e controllare le persone, e nessuno sarebbe in grado di scorgere la verità: stanno ovviamente stabilendo il loro regno indipendente come nemici di Dio. Ai loro tempi, i farisei esaltarono e resero testimonianza alla Bibbia; essi confinarono Dio entro i limiti della Bibbia. Non cercarono mai la verità né provarono a seguire le orme di Dio. Come risultato, inchiodarono il Signore Gesù sulla croce, giustificandosi con il Suo rifiuto di seguire il Vecchio Testamento. Commisero un gravissimo peccato! I pastori e gli anziani negli ultimi giorni sono proprio come erano i farisei. Esaltano e testimoniano la Bibbia; confinano Dio alla Bibbia. Inoltre diffondono falsità, dicendo: “Nessuna delle parole o opere di Dio esiste al di fuori della Bibbia”, “Credere nella Bibbia è credere in Dio. non credi più in Dio”. Utilizzano questi detti per indurre la gente a credere nella Bibbia e venerarla. I pastori e gli anziani stanno utilizzando questi metodi subdoli e nascosti per rubare le persone a Dio, e condurle dinanzi alla Bibbia. Questo fa sì che la gente inconsciamente perda il proprio rapporto con Dio. Le persone che una volta credevano in Dio ora credono solo nella Bibbia. La Bibbia diventa il Signore nei loro cuori, Dio nei loro cuori. Pertanto la loro fede e venerazione incondizionata della Bibbia li porta a venerare e seguire i biblisti: i pastori e gli anziani. Come per i pastori e gli anziani, usano la Bibbia come uno strumento per controllare la comunità religiosa e per realizzare le proprie ambizioni. Esaltano la Bibbia e la interpretano fuori contesto per ingannare, accalappiare e controllare le persone. Inconsciamente guidano le persone lungo un cammino di adorazione di uomini, di obbedienza a uomini, resistendo a Dio e diventando nemici di Dio. Ingannano le persone facendo credere loro che adorare la Bibbia e attenersi alla Bibbia significhi credere in Dio, e avere la presenza di Dio. Pertanto, queste persone non cercano né studiano l’opera di Dio negli ultimi giorni, perdendo così la loro ultima possibilità di salvezza. Questo è davvero il piano più subdolo e astuto di Satana. Possiamo vedere che i pastori e gli anziani nella comunità religiosa sono un gruppo di veri ciarlatani e farisei! Sono falsi pastori e anticristi che ingannano e controllano gli eletti di Dio! La comunità religiosa è controllata da un gruppo di farisei e demoni anticristi che resistono a Dio. Da tempo ha smesso di essere un luogo dove Dio poteva svolgere la Sua opera. È diventata una fazione satanica che tratta Dio come suo nemico. È diventata la grande città di Babilonia di tanto tempo fa! Come può la Babilonia religiosa non incorrere nell’ira di Dio?

da “Domande e risposte classiche sul Vangelo del Regno”

Pagina precedente:Domanda 31: quando il Signore Gesù venne a compiere la Sua opera, i farisei ebrei, con ferocia, Lo sfidarono, Lo condannarono e Lo inchiodarono alla croce. Ora che Dio Onnipotente degli ultimi giorni è venuto per compiere la Sua opera, anche i pastori e gli anziani religiosi, con pari ferocia, Lo sfidano e Lo condannano, inchiodandoLo ancora una volta a una croce. Perché i farisei ebrei e i pastori e gli anziani religiosi odiano a tal punto la verità e avversano Cristo in questo modo? Qual è esattamente la loro natura ed essenza?

Pagina successiva:Domanda 38: Dio Onnipotente, Cristo degli ultimi giorni, esprime la verità e compie la Sua opera di giudizio per purificare e salvare l’umanità; tuttavia, Egli soffre la folle opposizione e la brutale repressione sia del mondo religioso che del governo comunista cinese. Il governo del PCC mobilita addirittura la totalità dei suoi media e le forze armate per condannare Cristo, bestemmiare contro di Lui, catturarLo e ucciderLo. Quando nacque il Signore Gesù, re Erode sentì dire che era nato “il re d’Israele” e fece uccidere tutti i bambini maschi di Betlemme al di sotto dei due anni; preferì uccidere ingiustamente diecimila bambini piuttosto che lasciar vivere Cristo. Dio Si è fatto carne al fine di salvare l’umanità, allora come mai il mondo religioso e il governo ateo cinese condannano insensatamente l’apparizione e l’opera di Dio e bestemmiano contro di Lui? Perché piegano il potere dell’intero Paese e non risparmiano alcuno sforzo pur di inchiodare Cristo alla croce? Perché l’umanità è così malvagia? Perché odia così tanto Dio e Lo avversa?

Contenuti correlati

  • Il mondo religioso crede che tutte le Scritture siano state ispirate da Dio e che tutte le parole siano Sue; che discernimento si dovrebbe avere verso questa affermazione?

    2. Il mondo religioso crede che tutte le Scritture furono ispirate da Dio e che siano tutte parole Sue; che discernimento si dovrebbe avere verso qu…

  • La relazione tra ogni fase dell’opera di Dio e il Suo nome

    “Jahvè” è il nome che ho preso durante la Mia opera in Israele, e significa il Dio degli Israeliti (popolo eletto di Dio), che può avere pietà degli uomini, maledirli e guidare la loro vita. Significa che Dio possiede un grande potere ed è pieno di saggezza. … In altre parole, unicamente Jahvè è il Dio del popolo eletto di Israele, di Abramo, di Isacco, di Giacobbe, di Mosè e di tutto il popolo di Israele. E così nell’epoca attuale, fatta eccezione per la tribù di Giuda, tutti gli Israeliti venerano Jahvè. Compiono sacrifici a Lui sull’altare, e Lo servono indossando abiti sacerdotali nel tempio. Sperano nella riapparizione di Jahvè. … Il nome Jahvè è un nome peculiare per il popolo di Israele che viveva secondo la legge. In tutte le età e in ciascuna fase dell’opera, il Mio nome non è privo di fondamento, ma riveste un significato rappresentativo: ogni nome rappresenta un’età. “Jahvè” rappresenta l’Età della Legge, ed è il titolo onorifico per il Dio venerato dal popolo di Israele.

  • L’opera di giudizio di Dio negli ultimi giorni è il giudizio del grande trono bianco, come profetizzato nel libro dell’Apocalisse.

    Come detto in precedenza, il giudizio comincerà dalla casa di Dio. Questo “giudizio” si riferisce al giudizio che Dio compie oggi su coloro che vengono dinanzi al Suo trono negli ultimi giorni. Forse c’è chi crede in certe fantasie soprannaturali, come quella che quando arriveranno gli ultimi giorni, Dio costruirà un grande tavolo in cielo, sul quale verrà stesa una tovaglia bianca, quindi siederà su un grande trono e tutti gli uomini si inginocchieranno a terra. Dio dovrà poi svelare tutti i peccati formulati contro ogni uomo, per stabilire se egli debba salire al cielo o essere inviato giù nello stagno di fuoco e di zolfo. Non importa quali siano le fantasie dell’uomo, la sostanza dell’opera di Dio non può essere modificata. Le fantasie dell’uomo non sono altro che costrutti dei pensieri umani e provengono dal cervello dell’uomo, sintetizzate e messe insieme sulla base di ciò che l’uomo ha visto e sentito.

  • Qual è la conseguenza di qualcuno che crede in Dio nella religione e soffre per la confusione e il controllo dei farisei e degli anticristi? Può essere salvato da Dio se crede in Lui in questo modo?

    Pastori e guide nel mondo religioso, per esempio, confidano nei propri doni e nella propria posizione per svolgere il loro lavoro. Le persone che li seguono per lungo tempo verranno influenzate dai loro doni e da qualche aspetto di ciò che sono. Essi si concentrano su doni,