La Parola quotidiana di Dio | “Dio è la sorgente della vita dell’uomo” | Estratto 258

Dal momento in cui entri piangendo in questo mondo, cominci a svolgere il tuo dovere. Rivesti il ruolo che ti è stato assegnato nel piano di Dio e nell’ordinamento di Dio. Intraprendi il viaggio della vita. Qualunque siano le tue origini e qualunque sia il viaggio che ti attende, nessuno può sfuggire all’orchestrazione e alla pianificazione che il Cielo ha in serbo per lui e nessuno possiede il controllo del proprio destino, dal momento che solo Dio, che governa tutte le cose, è in grado di svolgere tale opera. Sin dal giorno in cui l’uomo venne creato, Dio ha svolto un lavoro costante di gestione dell’universo e di direzione del cambiamento e del movimento di tutte le cose. Come tutte le cose, l’uomo riceve silenziosamente e inconsapevolmente il dolce nutrimento quale pioggia e rugiada proveniente da Dio. Come tutte le cose, l’uomo vive inconsapevolmente nell’orchestrazione condotta dalla mano di Dio. Il cuore e lo spirito dell’uomo sono governati dalla mano di Dio e tutta la vita dell’uomo è sorvegliata dal vigile sguardo di Dio. Che tu ci creda o meno, tutte le cose, senza eccezione alcuna, vive o morte, si muovono, mutano, si rinnovano e scompaiono secondo il pensiero di Dio. Questo è il modo in cui Dio governa su tutte le cose.

Al calare furtivo della notte, l’uomo resta inconsapevole, poiché il cuore dell’uomo non è in grado di percepire come le tenebre si avvicinino o da quale direzione esse provengano. Al silenzioso dissolversi della notte, l’uomo accoglie la luce del giorno, sebbene al cuore dell’uomo risulti persino meno chiaro o cosciente da dove sia giunta la luce e come sia stata in grado di dissipare le tenebre notturne. Tale ricorrente alternarsi del giorno e della notte accompagna l’uomo nel suo passaggio da un periodo all’altro, attraverso il tempo, assicurandosi al tempo stesso che l’opera di Dio e il Suo piano trovino compimento durante ciascun periodo e per tutto il tempo. L’uomo ha camminato attraverso i secoli con Dio, eppure non sa che Dio governa il fato di tutte le cose e di tutti gli esseri viventi, né è consapevole di come Dio orchestri e diriga tutte le cose. Si tratta di qualcosa che ha da sempre eluso la comprensione dell’uomo, dai tempi immemori e fino al presente. E il motivo di questo non sta nel fatto che le azioni di Dio siano troppo nascoste o che il Suo piano debba ancora essere realizzato, ma a motivo del fatto che il cuore e lo spirito dell’uomo sono troppo distanti da Dio. Pertanto, anche qualora l’uomo segua Dio, egli inconsapevolmente rimane al servizio di Satana. Nessuno va attivamente alla ricerca delle orme o di una manifestazione di Dio e nessuno desidera condurre la propria esistenza sotto la cura e la protezione divina. Anzi, tutti sono disposti ad affidarsi alla corrosione di Satana e del maligno, per meglio adattarsi a questo mondo e alle regole della vita che l’umanità malvagia segue. A questo punto, il cuore e lo spirito dell’uomo sono sacrificati a Satana e ne divengono il sostentamento. Inoltre, il cuore e lo spirito dell’uomo divengono un luogo in cui Satana può trovare dimora e un terreno ad esso favorevole. In tal modo, l’uomo perde inconsapevolmente la propria comprensione dei principi dell’essere umano, del valore e dei fini dell’umana esistenza. Le leggi di Dio e il patto dell’alleanza tra Dio e l’uomo gradualmente si dissolvono nel cuore dell’uomo, finché l’uomo non cerca più Dio e non Gli presta più alcuna attenzione. Con il passare del tempo, l’uomo non comprende più perché Dio abbia creato l’uomo, né comprende più le parole che escono dalla bocca di Dio e non si rende conto di tutto quello che proviene da Dio. L’uomo comincia a opporre resistenza alle leggi e ai decreti divini; il cuore e lo spirito dell’uomo diventano inerti… Dio perde l’uomo della Propria originaria creazione e l’uomo perde le radici della propria genesi. Questa è l’afflizione di questa umanità. In realtà, dal principio fino ad ora, Dio ha messo in scena per l’umanità una tragedia, della quale l’uomo è sia protagonista che vittima, e nessuno può rispondere alla domanda su chi sia il regista di tale tragedia.

Tratto da “La Parola appare nella carne

Come Dio regna su ogni cosa

Dal momento in cui piangendo vieni al mondo, cominci a compiere il tuo dovere. Nel piano di Dio, secondo il Suo ordine, assumi il tuo ruolo ed inizi il viaggio della vita. Qualsiasi sia il tuo background o la strada davanti a te, nessuno può sfuggire all'orchestrazione e al grande arrangiamento di Dio, e nessuno controlla il suo destino, perché soltanto chi governa ogni cosa è capace di un tal lavoro.

Fin dal giorno in cui l'uomo venne al mondo, Dio è già alla Sua opera, dirigendo l'universo, controlla il mutamento, il movimento di ogni cosa. Come ogni cosa, l'uomo riceve inconsapevole il nutrimento della dolcezza con la pioggia e la rugiada di Dio. Come ogni cosa, l'uomo vive inconsapevolmente sotto l'orchestrazione della mano di Dio.

Il cuor e lo spirito dell'uomo sono entrambi nella mano di Dio, e nei Suoi occhi si contempla la vita dell'uomo. A prescindere che tu ci creda o no, tutte le cose viventi o morte passano, cambiano, rinascono o scompaiono in base ai pensieri di Dio. Ecco come Dio regna su ogni cosa.

da "Seguire l'Agnello e cantare dei canti nuovi"

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Contenuti correlati

Connettiti con noi su Messenger