La Parola quotidiana di Dio | “Ridare una vita normale all’uomo e condurlo a un destino meraviglioso” | Estratto 588

L’uomo comprende qualcosa dell’opera odierna e di quella futura, ma non intuisce il destino a cui il genere umano giungerà. Egli dovrebbe compiere il proprio dovere di creatura: dovrebbe seguire Dio in tutto il Suo operato e voi dovreste procedere in qualsiasi modo vi dica. Non hai alcuna possibilità di prendere disposizioni per te stesso e sei incapace di controllarti; tutti devono essere alla mercé di Dio, tutto è governato dalle Sue mani. Se l’opera di Dio donasse all’uomo una fine, un destino meraviglioso in anticipo, e se Dio usasse questo per attrarre l’uomo e indurlo a seguirLo – se avesse stretto un patto con lui – allora non si tratterebbe di conquistare o modellare la vita umana. Se Dio dovesse usare la fine per governare l’uomo e guadagnare il suo cuore, così facendo non lo perfezionerebbe né potrebbe guadagnarlo, ma userebbe invece il destino per controllarlo. L’unica preoccupazione dell’uomo è la fine futura, il destino finale, e se esista qualcosa di bello in cui sperare. Se, durante l’opera di conquista, fosse data all’uomo una splendida speranza e se, prima di questa, gli fosse assegnato un destino adeguato da perseguire, allora non solo la conquista non otterrebbe l’effetto desiderato, ma l’effetto dell’opera di conquista verrebbe altresì influenzato. In altre parole, l’opera di conquista è efficace se sottrae all’uomo la sorte e le prospettive, giudicando e castigando la sua indole ribelle. L’effetto di tale opera non si consegue stringendo un patto con l’uomo, ovvero offrendogli benedizioni e grazia, ma rivelandone la lealtà, spogliandolo della sua libertà e sradicando le sue aspettative. Tale è la sostanza dell’opera di conquista. Se all’uomo fosse data una bella speranza a ogni inizio, e l’opera di castigo e giudizio fosse compiuta in seguito, allora egli accetterebbe tale castigo e tale giudizio sulla base delle proprie aspettative; così facendo, l’obbedienza incondizionata e la venerazione del Creatore da parte di tutte le Sue creature non sarebbero infine raggiunte, ma vi sarebbe solo obbedienza cieca e ignorante oppure l’uomo farebbe richieste sconsiderate a Dio e quindi sarebbe impossibile conquistare pienamente il cuore umano. Di conseguenza, una siffatta opera non potrebbe vincere l’uomo, e nemmeno portare testimonianza a Dio. Creature simili non sarebbero capaci di compiere il proprio dovere e stringerebbero solo un’alleanza con Dio, il che non costituirebbe una conquista, bensì misericordia e benedizione. Il problema principale relativo all’uomo è che il suo unico pensiero è rivolto al suo destino e alle sue prospettive, che idolatra. Egli cerca Dio per la propria sorte e le proprie aspettative; non Lo venera per l’amore che nutre per Lui. Dunque, per conquistare l’uomo si devono eliminare il suo egoismo e la sua cupidigia e tutto ciò che più impedisce l’adorazione di Dio. Così facendo, la conquista dell’uomo sarà efficace. Pertanto, nella primissima fase dell’opera di conquista, si devono dapprima purgare le ambizioni selvagge e le debolezze umane più gravi, per rivelare l’amore dell’uomo per Dio e modificare la sua conoscenza della vita umana, la sua visione di Dio e il significato della sua esistenza. Così facendo, l’amore dell’uomo per Dio è mondato, ovvero il suo cuore è conquistato. Tuttavia, per il Suo atteggiamento verso tutte le creature, l’opera di conquista di Dio non è fine a se stessa; piuttosto, Egli mira a guadagnare il genere umano nell’interesse della Sua gloria e per ritrovare la primaria e originale somiglianza dell’uomo. Dovesse compiere una conquista fine a se stessa, allora il significato di tale opera andrebbe perduto. In altre parole, se, dopo aver conquistato l’uomo, Dio Se ne lavasse le mani e non prestasse attenzione alla sua vita o alla sua morte, questo non sarebbe il disegno dedicato all’umanità, né la conquista dell’uomo per la sua salvezza. Il nucleo di quest’opera è costituito solo dal guadagno dell’uomo successivo alla sua conquista e dal suo approdo definitivo a un destino meraviglioso, ed è solo così che l’obiettivo della salvezza può essere raggiunto. In altre parole, l’approdo dell’uomo a un destino meraviglioso e la sua entrata nel riposo sono l’unica prospettiva che tutte le creature devono possedere e l’opera che il Creatore deve compiere. Se l’uomo dovesse realizzare tale opera, essa sarebbe troppo limitata: potrebbe portare l’uomo fino a un certo punto, ma non al destino eterno, poiché egli è incapace di decidere il destino dell’umanità nonché di garantirne le attese e il destino futuro. L’opera di Dio, tuttavia, è diversa. Poiché Egli ha creato l’uomo, lo guida; poiché salva l’uomo, lo salverà e guadagnerà pienamente; poiché guida l’uomo, lo condurrà al destino opportuno; e poiché ha creato e gestisce l’uomo, deve assumersi la responsabilità del suo destino e delle sue prospettive. Tale è l’opera del Creatore. Sebbene l’opera di conquista sia conseguita purgando l’uomo delle sue prospettive, questi deve essere infine condotto al destino opportuno che Dio gli ha preparato. È proprio perché Dio forgia l’uomo che questi ha un destino e la sua sorte è assicurata. Il destino adatto a cui ci si riferisce in questa sede non sono le speranze e le prospettive umane eliminate in passato, poiché queste sono cose diverse. Ciò che l’uomo spera e persegue sono gli aneliti della sua ricerca di desideri dispendiosi della carne, piuttosto che del destino a lui dovuto. Quello che Dio ha preparato per lui, intanto, sono le benedizioni e le promesse dovutegli una volta che egli sia stato purificato, quelle che Egli ha disposto per lui dopo la creazione del mondo e che non sono inquinate dalla scelta, dalle concezioni, dall’immaginazione o dalla carne umane. Questo destino non è preordinato per una persona in particolare, ma è il luogo di riposo di tutta l’umanità. Dunque, il destino è quello più opportuno per il genere umano.

Tratto da “Ridare una vita normale all’uomo e condurlo a un destino meraviglioso”

La sostanza dell’opera di conquista

I

Il più grande problema dell’uomo è che pensa solo al proprio fato e cerca Dio soltanto per i suoi scopi. Non adora Dio per il modo in cui Lo ama. Egoismo, avidità e tutto ciò che ostacola l’adorazione va eliminato. Allora la conquista dell’uomo sarà compiuta. L’opera di conquista ottiene il suo effetto cancellando il destino e il futuro dell’uomo, giudicando e castigando la sua ribellione, senza scendere a patti e dare benedizioni e grazia all’uomo, ma portando via la sua “libertà” e le sue prospettive per rivelare la sua lealtà. Questa è la conquista.

II

Per la prima conquista dell’uomo è necessario purificarlo dai suoi selvaggi desideri e dalle sue mortali debolezze per rivelare il suo amore per Dio, cambiare il suo punto di vista sulla vita, su Dio e sul significato dell’esistenza, cosicché il suo amore venga purificato e il suo cuore veramente conquistato. L’opera di conquista ottiene il suo effetto cancellando il destino e il futuro dell’uomo, giudicando e castigando la sua ribellione, senza scendere a patti e dare benedizioni e grazia all’uomo, ma portando via la sua “libertà” e le sue prospettive per rivelare la sua lealtà. Questa è la conquista.

III

Ma nel comportamento di Dio verso ogni creatura la conquista non è fine a se stessa. Dio conquista per la gloria, per guadagnare l’uomo e restituirgli il suo vero aspetto. L’opera di conquista ottiene il suo effetto cancellando il destino e il futuro dell’uomo, giudicando e castigando la sua ribellione, senza scendere a patti e dare benedizioni e grazia all’uomo, ma portando via la sua “libertà” e le sue prospettive per rivelare la sua lealtà. Questa è la conquista.

da “Seguire l’Agnello e cantare dei canti nuovi”

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati