La Parola quotidiana di Dio: Conoscere Dio | Estratto 197

Quando si tratta del mondo spirituale, se i vari esseri al suo interno fanno qualcosa di sbagliato, se non svolgono correttamente il loro lavoro, Dio ha anche corrispondenti editti e decreti celesti per trattare con loro. Ciò è inconfutabile. Così, durante la Sua opera di gestione di diversi millenni, alcuni amministratori che si erano comportati male sono stati sterminati, altri vengono tuttora detenuti e puniti. Questo è ciò che devono affrontare tutti gli esseri nel mondo spirituale. Se fanno qualcosa di sbagliato o commettono il male, vengono puniti, con un approccio esattamente identico a quello che Dio ha verso gli eletti e i servitori. Perciò, tanto nel mondo spirituale quanto in quello materiale, i principi secondo i quali Egli agisce non cambiano. A prescindere che tu riesca a vedere le Sue azioni oppure no, i loro principi non cambiano. Dio ha sempre seguito gli stessi principi nel Suo approccio a tutte le cose e nel loro trattamento. Ciò è immutabile. Dio sarà benevolo con coloro che, tra i miscredenti, vivono in modo relativamente adeguato e riserverà delle opportunità a coloro che, in ciascuna religione, si comportano bene e non fanno il male, permettendo loro di svolgere il proprio ruolo in tutte le cose gestite da Lui e di fare ciò che devono. Analogamente, tra coloro che seguono Dio – i Suoi eletti –, Egli, secondo questi principi, non fa discriminazioni verso nessuno. È benevolo nei confronti di chiunque sia in grado di seguirLo sinceramente, e ama tutti coloro che lo fanno. È solo che per questi diversi tipi di persone – i miscredenti, le varie persone di fede e gli eletti di Dio –, ciò che Egli concede loro è differente. Prendete i miscredenti: sebbene non credano in Dio ed Egli li consideri alla stregua di bestiame, ciascuno di loro, tra tutte le cose, ha cibo da mangiare, un posto tutto suo e un normale ciclo della vita e della morte. Coloro che fanno il male vengono puniti, e coloro che fanno il bene vengono benedetti e ricevono la Sua benevolenza. È così che funziona. Per le persone di fede, se sono in grado di rispettare rigorosamente i precetti religiosi rinascita dopo rinascita, alla fine, dopo tutte queste rinascite, Dio farà loro la Sua proclamazione. Analogamente, tutti coloro che sono seduti qui oggi, che siano eletti di Dio o servitori, Egli li renderà conformi a loro volta e ne determinerà la fine in base ai regolamenti e ai decreti amministrativi che ha emanato. Guarda, a questi diversi tipi di individui – ai vari tipi di persone di fede, che appartengono a diverse religioni –, Dio ha dato uno spazio vitale? Dov’è il giudaismo? Dio ha forse interferito con la loro fede? Niente affatto. E il cristianesimo? Non ha interferito minimamente. Permette loro di attenersi alle loro procedure, e non rivolge loro la parola né dà loro alcuna illuminazione e, inoltre, non rivela alcunché: “Se pensi che sia giusto, credi in questo modo!”. I cattolici credono in Maria e ritengono che la novella sia stata trasmessa a Gesù attraverso di lei; questa è la loro forma di fede. Dio l’ha mai corretta? Lascia loro campo libero, non presta loro alcuna attenzione e dà loro un certo spazio in cui vivere. È così anche nei confronti dei musulmani e dei buddisti? Ha imposto anche a loro dei confini e permette loro di vivere all’interno del loro spazio vitale, senza interferire nelle rispettive fedi. Tutto è ben ordinato. Che cosa vedete in tutto questo? Che Dio possiede l’autorità, ma non ne abusa. Dispone tutte le cose in perfetto ordine ed è metodico, e in questo risiedono la Sua saggezza e la Sua onnipotenza.

Tratto da “La Parola appare nella carne

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Connettiti con noi su Messenger