“L’opera di Dio e la pratica dell’uomo” | Estratto 156

Ciò che implica visioni riguarda principalmente l’opera di Dio Stesso, mentre ciò che implica la pratica dovrebbe essere svolto dall’uomo, e non ha nulla a che fare con Dio. L’opera di Dio viene compiuta esclusivamente da Dio, e la pratica dell’uomo viene svolta dall’uomo. Ciò che dovrebbe essere fatto da Dio Stesso non ha bisogno di essere fatto dall’uomo, e ciò che dovrebbe essere praticato dall’uomo non ha nulla a che fare con Dio. L’opera di Dio è il Suo Proprio ministero, e non ha nulla a che vedere con l’uomo. Tale opera non ha bisogno di essere svolta dall’uomo e, inoltre, l’uomo non sarebbe in grado di svolgere l’opera che deve essere svolta da Dio. Quel che all’uomo viene chiesto di praticare, deve essere fatto dall’uomo, sia che si tratti del sacrificio della sua vita, sia che riguardi la sua consegna nelle mani di Satana per rendere testimonianza – tutto ciò deve essere compiuto dall’uomo. Dio Stesso porta a compimento tutto il lavoro che Gli spetta, e ciò che l’uomo dovrebbe fare viene mostrato all’uomo, e il lavoro rimanente viene lasciato all’uomo. Dio non compie alcuna opera aggiuntiva. Egli compie solamente l’opera che rientra nel Suo ministero, e Si limita a mostrare all’uomo la via e compie solo il lavoro di aprirgli tale via, non di spianargli il cammino; ciò dovrebbe esser compreso dall’uomo. Mettere in pratica la verità significa mettere in pratica la parola di Dio, e tutto ciò è dovere dell’uomo, è il compito che dovrebbe essere svolto dall’uomo, e non ha nulla a che fare con Dio. Se l’uomo chiede che anche Dio soffra il tormento e il raffinamento nella verità, allo stesso modo dell’uomo, allora l’uomo sta compiendo un atto di disobbedienza. L’opera di Dio consiste nell’esecuzione del Suo ministero, e il dovere dell’uomo consiste nell’obbedire a tutte le indicazioni fornite da Dio, senza opporre alcuna resistenza. L’uomo deve attenersi a ciò che è opportuno fare, indipendentemente da come Dio operi o viva. Solo Dio Stesso può fare richieste all’uomo, vale a dire, solo Dio Stesso è in grado di fare richieste all’uomo. L’uomo non dovrebbe avere alcuna scelta, non dovrebbe fare nulla se non sottomettersi e praticare; questa è la consapevolezza che l’uomo dovrebbe avere. Una volta che l’opera che deve essere svolta da Dio Stesso sia stata portata a compimento, all’uomo viene richiesto di farne esperienza, passo dopo passo. Se, alla fine, quando tutta l’opera di gestione di Dio sarà stata completata, l’uomo non avrà ancora fatto ciò che gli è stato richiesto da Dio, allora l’uomo dovrà essere punito. Se l’uomo non adempie alle richieste di Dio, allora ciò è dovuto alla sua disobbedienza; non significa che Dio non sia stato abbastanza meticoloso nello svolgimento della Propria opera. Tutti coloro che non riescono a mettere in pratica le parole di Dio, coloro che non adempiono alle richieste di Dio, e coloro che non sono in grado di offrire la propria lealtà e di compiere il proprio dovere – tutti costoro saranno puniti. Oggi, quello che vi viene chiesto di realizzare non sono richieste aggiuntive, bensì il dovere dell’uomo, e ciò che dovrebbe essere fatto da tutte le persone. Se non siete in grado neppure di fare il vostro dovere, o di farlo bene, non vi state forse mettendo nei guai? Non state corteggiando la morte? Come potreste ancora aspettarvi un futuro e delle prospettive? L’opera di Dio è per il bene dell’umanità e la collaborazione dell’uomo è per il bene della gestione di Dio. Dopo che Dio ha compiuto tutto ciò che Gli spetta, all’uomo è richiesto di continuare instancabile nella pratica, e di cooperare con Dio. Nell’opera di Dio, l’uomo non dovrebbe lesinare alcuno sforzo, dovrebbe offrire la propria lealtà e non dovrebbe indulgere in numerose concezioni o sedere passivamente in attesa della morte. Dio può sacrificare Se Stesso per l’uomo, quindi perché l’uomo non può offrire la propria lealtà a Dio? Dio è costante nell’amore e nella considerazione per l’uomo, quindi perché l’uomo non può offrire un po’ di collaborazione? Dio opera per l’umanità, quindi perché l’uomo non può fare almeno un po’ del proprio dovere per il bene della gestione di Dio? L’opera di Dio è giunta fino a questo punto, eppure voi state ancora a guardare senza agire, ascoltate ma non vi muovete. Persone simili non sono forse oggetto di perdizione? Dio ha già dato all’uomo tutto ciò che è Suo, quindi perché, oggi, l’uomo è incapace di compiere scrupolosamente il proprio dovere? Per Dio, quest’opera è la Sua priorità assoluta, e l’opera di gestione è della massima importanza. Per l’uomo, mettere in pratica la parola di Dio e adempiere alle Sue richieste sono priorità assoluta. Questo dovreste comprendere, tutti quanti. Le parole pronunciate hanno raggiunto la parte più intima della vostra essenza, e l’opera di Dio è entrata in un territorio senza precedenti. Molte persone ancora non comprendono la verità o la falsità di questo cammino; sono ancora in attesa di vedere, e non compiono il proprio dovere. Esaminano, invece, ogni parola e azione di Dio, focalizzando l’attenzione su ciò che mangia e indossa, e le loro convinzioni si fanno sempre più deplorevoli. Queste persone non stanno forse facendo molto rumore per nulla? Come potrebbero tali persone essere coloro che cercano Dio? E come potrebbero essere coloro che si sottomettono consapevolmente a Dio? Relegano la propria lealtà e il proprio dovere in un angolo della mente e si concentrano invece sulle faccende di Dio. Sono uno scandalo! Se l’uomo avesse compreso tutto quel che dovrebbe comprendere, e avesse messo in pratica tutto quello che dovrebbe mettere in pratica, Dio sicuramente gli elargirebbe benedizioni, poiché ciò che Egli richiede all’uomo è di fare il proprio dovere e di svolgere il compito che gli è stato assegnato. Se l’uomo è incapace di comprendere ciò che dovrebbe comprendere, ed è incapace di mettere in pratica ciò che dovrebbe mettere in pratica, allora l’uomo verrà punito. Coloro che non collaborano con Dio sono nemici di Dio, coloro che non accettano la nuova opera vi si oppongono, anche se non fanno nulla che possa essere considerata una diretta opposizione. Tutti coloro che non mettono in pratica la verità richiesta da Dio sono persone che deliberatamente si oppongono e disobbediscono alla parola di Dio, anche qualora dovessero prestare una particolare attenzione all’opera dello Spirito Santo. Le persone che non obbediscono alla parola di Dio e non si sottomettono a Dio sono dei ribelli che si oppongono a Dio. Le persone che non fanno il proprio dovere sono coloro che non collaborano con Dio, e le persone che non collaborano con Dio sono coloro che non accettano l’opera dello Spirito Santo.

Tratto da “La Parola appare nella carne

Praticare le parole di Dio e soddisfarLo vengono prima di tutto

Oggi, quel che vi si chiede di raggiungere non sono ulteriori richieste, ma il dovere dell’uomo, che dovrebbe esser compiuto da tutte le persone. Se non riuscite a fare, o a far bene, il vostro dovere, non vi state forse danneggiando? Non state andando incontro alla morte? Come potreste ancora attendere prospettive future? Nell’opera di Dio, l’uomo dovrebbe offrire la sua lealtà, non risparmiare alcuno sforzo, né indugiar nelle nozioni o sedersi passivo ad aspettar la morte. Per Dio, la Sua opera è la Sua priorità, il Suo lavoro di gestione è di massima importanza. Per l’uomo, la priorità è mettere in pratica le parole di Dio e soddisfare le Sue richieste. Questo è ciò che dovreste comprendere.

L’opera di Dio è per il bene dell’umanità. E la cooperazione degli uomini è per il bene del piano di gestione di Dio. Dopo che Dio ha fatto tutto quel che doveva fare, all’uomo si richiede di praticare diligentemente e di cooperare con Dio. Nell’opera di Dio, l’uomo dovrebbe offrire la sua lealtà, non risparmiare alcuno sforzo, né indugiar nelle nozioni o sedersi passivo ad aspettar la morte. Per Dio, la Sua opera è la Sua priorità, il Suo lavoro di gestione è di massima importanza. Per l’uomo, la priorità è mettere in pratica le parole di Dio e soddisfare le Sue richieste. Questo è ciò che dovreste comprendere.

Perché l’uomo non riesce ad offrire la sua lealtà a Dio, che Si è sacrificato per lui, e un po’ di cooperazione, dato che Dio ha lo stesso cuore e la stessa mente dell’uomo? E perché l’uomo non riesce a svolgere i suoi compiti per la gestione di Dio, dato che Dio lavora per l’umanità? L’opera di Dio è giunta fin qui, sì, lo vedete, ma non agite, lo sentite, ma non vi muovete. Queste persone sono oggetti di perdizione. Dio ha dato tutto all’uomo, allora perché l’uomo è incapace di fare sinceramente il suo dovere? Per Dio, la Sua opera è la Sua priorità, il Suo lavoro di gestione è di massima importanza. Per l’uomo, la priorità è mettere in pratica le parole di Dio e soddisfare le Sue richieste. Questo è ciò che dovreste comprendere.

da “Seguire l’Agnello e cantare dei canti nuovi”

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati