La Parola quotidiana di Dio | “Il mistero dell’incarnazione (3)” | Estratto 115

Dio non Si fa carne con l’intenzione di permettere all’uomo di conoscere la Sua carne o di permettergli di distinguere le differenze tra la carne di Dio incarnato e quella dell’uomo; Dio non Si fa carne neppure per allenare la capacità di discernimento dell’uomo, e tanto meno con l’intenzione di permettergli di adorare la carne incarnata di Dio, traendone grande gloria. Nulla di tutto questo è la volontà originale di Dio nel farSi carne e Dio non Si fa carne neppure per condannare l’uomo, per svelare intenzionalmente l’uomo o per rendergli le cose difficili. Nulla di tutto questo è l’intenzione originale di Dio. Ogni volta che Dio Si fa carne, è una forma che l’opera assume inevitabilmente. È per la Sua opera più grande e per la Sua gestione più grande che lo fa, e non per le ragioni che l’uomo immagina. Dio viene sulla terra solo come richiesto dalla Sua opera, e solo secondo necessità. Non viene sulla terra con l’intenzione di guardarSi solo attorno, bensì per svolgere l’opera che deve compiere. Perché altrimenti Si farebbe carico di un fardello così pesante e correrebbe rischi così grandi per adempiere questa opera? Dio Si fa carne solo quando deve, e sempre con un significato unico. Se fosse solo per permettere all’uomo di darGli un’occhiata e per allargare il suo orizzonte, allora, con certezza assoluta, non verrebbe mai tra gli uomini con tanta leggerezza. Viene sulla terra per la Sua gestione e la Sua opera più grande, e per riuscire a ottenere più uomini. Viene per rappresentare l’età e per sconfiggere Satana, e Si veste di carne per sconfiggere Satana. Per di più, viene per guidare tutta l’umanità nella sua vita. Tutto ciò riguarda la Sua gestione, e riguarda l’opera dell’intero universo. Se Dio Si facesse carne soltanto per permettere all’uomo di arrivare a conoscere la Sua carne e per aprire gli occhi dell’uomo, allora perché non Si sarebbe recato in ogni nazione? Non sarebbe una cosa di un’estrema facilità? Ma non l’ha fatto, scegliendo invece un luogo adatto in cui stabilirSi e avviare l’opera che doveva compiere. Già solo questa carne è di grande importanza. Egli rappresenta un’intera età e svolge anche l’opera di un’intera età; Egli mette fine all’età precedente e contemporaneamente inaugura la nuova. Tutto ciò è un’importante questione che riguarda la gestione di Dio ed è il significato di una fase dell’opera che Dio viene sulla terra a svolgere.

Tratto da “La Parola appare nella carne

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Contenuti correlati