Cantico cristiano 2020 - Dio spera che gli uomini si pentano veramente

12 Maggio 2020

Dio era in collera con i Niniviti tanto da annunciare loro

che avrebbe distrutto la loro città.

Ma essi indissero un digiuno,

si coprirono di sacchi e cenere,

e il cuore di Dio si intenerì, e cambiò idea.

La Sua ira per i Niniviti divenne pietà, misericordia,

per la loro confessione, per il loro pentimento.

Quando Dio è in collera con l'uomo,

spera che lui si penta veramente:

se sì, sarà misericordioso.

La malvagità dell'uomo incorre nell'ira di Dio.

Egli concede misericordia e tolleranza

a quelli che ascoltano Dio, che si pentono,

che rinunciano alla via malvagia

e abbandonano la violenza.

Non vi è contraddizione nella rivelazione dell'indole di Dio

che ebbe due aspetti nello stesso avvenimento,

in successione, e il pentimento di Ninive

mostrò ai suoi abitanti

che la sostanza di Dio è reale e non può essere offesa.

Ecco le due sostanze di Dio del tutto opposte.

Quando Dio è in collera con l'uomo,

spera che lui si penta veramente:

se sì, sarà misericordioso.

La malvagità dell'uomo incorre nell'ira di Dio.

Egli concede misericordia e tolleranza

a quelli che ascoltano Dio, che si pentono,

che rinunciano alla via malvagia

e abbandonano la violenza.

Dio Si rivelò in una maniera molto chiara

attraverso il modo in cui trattò i Niniviti:

non è affatto difficile ottenere

la Sua misericordia e neppure la Sua tolleranza,

ma Egli chiede un pentimento vero.

Se gli uomini abbandonano

la via malvagia e la violenza,

Dio cambia idea e atteggiamento con loro.

Quando Dio è in collera con l'uomo,

spera che lui si penta veramente:

se sì, sarà misericordioso.

La malvagità dell'uomo incorre nell'ira di Dio.

Egli concede misericordia e tolleranza

a quelli che ascoltano Dio, che si pentono,

che rinunciano alla via malvagia

e abbandonano la violenza.

da "Seguire l'Agnello e cantare dei canti nuovi"

Visualizza altri

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Rispondi

Condividi

Annulla

Connettiti con noi su Messenger