Canti di lode 2020 - Gli atti meravigliosi di Dio nel gestire tutte le cose

30 Aprile 2020

Nel passare dei secoli

il ruscelletto scorse ai piedi della montagna;

seguendone il corso dolcemente,

ritornò fino a casa e, riunendosi al fiume,

scorse poi verso il mare.

La montagna lo protesse, così non si smarrì mai.

Il ruscelletto e la grande montagna si affidavano l'uno all'altra,

si limitavano a vicenda e dipendevano l'uno dall'altra.

Nel passare dei secoli, il vento ululò sempre alla montagna;

sempre furioso, sollevava la sabbia in grandi vortici

e "faceva visita" alla montagna,

come aveva sempre fatto in passato.

Minacciava la montagna,

ma non riuscì mai ad attraversarla.

Così vivevan sempre il vento e la montagna.

Il vento furioso e la grande montagna

si affidavano l'uno all'altra,

si limitavano a vicenda e dipendevano l'uno dall'altra.

Nei secoli neanche l'onda gigantesca si acquietò:

non smise mai di espandersi, non smise mai.

Mugghiava e si sollevava sempre contro la montagna;

ma quest'ultima non si spostò mai, neppure un po':

sull'oceano essa vegliava

e le creature marine si moltiplicavano e prosperavano.

L'onda gigantesca e la grande montagna

si affidavano l'una all'altra,

si limitavano a vicenda e dipendevano l'una dall'altra.

L'onda gigantesca e la grande montagna

si affidavano l'una all'altra,

si limitavano a vicenda e dipendevano l'una dall'altra.

da "Seguire l'Agnello e cantare dei canti nuovi"

Visualizza altri

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Rispondi

Condividi

Annulla

Connettiti con noi su Messenger