Testimonianza di fede - Liberarsi dai ceppi della schiavitù

03 Novembre 2020

Il padre della protagonista era un credente da anni. Nel tempo aveva continuato a compiere il proprio dovere di condividere il Vangelo e aveva saputo soffrire e pagare un prezzo. Tuttavia, ciò che perseguiva non era la verità, ma la fama, il profitto e il prestigio. Seminava discordia tra i fratelli e le sorelle, arrivando persino a escludere e ad attaccare gli altri, turbando così seriamente la vita della Chiesa e l'ingresso nella vita dei fratelli e delle sorelle. Condivisione e aiuto gli erano stati offerti molte volte, ma lui non si era mai pentito. Attraverso le parole di Dio, la protagonista comprende che il padre è una persona malvagia, che è stanco della verità e la detesta, e che dovrebbe essere espulso dalla Chiesa. Tuttavia, in preda alle emozioni, non osa smascherarlo o segnalarlo. La protagonista cerca la verità leggendo le parole di Dio e comprende la natura, il pericolo e le conseguenze dell'agire secondo le emozioni. Così si libera dai vincoli dei sentimenti personali e comincia a essere capace di praticare amando ciò che Dio ama e odiando ciò che Egli odia, e mette a nudo il comportamento malvagio del padre. Dopo l'espulsione di quest'ultimo, la vita della Chiesa cambia in meglio, finalmente libera dall'attività di disturbo di una persona malvagia.

Visualizza altri

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Rispondi

Condividi

Annulla