La Parola quotidiana di Dio | “Come vengono ottenuti gli effetti della seconda fase dell’opera di conquista” | Estratto 91

13 Ottobre 2020

Vi è una grande differenza tra l’opera compiuta in Israele e l’opera odierna. Jahvè guidava le vite degli Israeliti e il castigo e il giudizio erano di lieve entità perché a quell’epoca gli uomini non capivano abbastanza del mondo ed erano in pochi ad avere un’indole corrotta. A quel tempo, gli Israeliti obbedivano incondizionatamente a Jahvè. Quando Egli diceva loro di edificare degli altari, li costruivano senza indugio; quando diceva loro di indossare i paramenti sacerdotali, essi obbedivano. A quei tempi, Jahvè era come un pastore che accudiva un gregge di pecore, e le pecore seguivano la guida del pastore e si nutrivano dell’erba nel pascolo; Jahvè guidava la loro vita, dando loro direttive su come mangiare, vestire, abitare e spostarsi. Non era quella l’epoca in cui rendere manifesta l’indole di Dio, poiché l’umanità di allora era nella prima infanzia; erano in pochi a essere ribelli e antagonistici, non vi era molta sozzura tra gli uomini, e così gli individui non potevano fungere da complemento all’indole di Dio. Attraverso gli uomini proceduti dalla terra della lordura si mostra la santità di Dio; oggi, Egli Si serve della sozzura che si manifesta in questi abitanti della terra della lordura, ed Egli giudica; in tal modo, ciò che Egli è viene rivelato nel pieno del giudizio. Per quale motivo Egli giudica? È in grado di proferire parole di giudizio perché disprezza il peccato; come potrebbe essere così incollerito se non aborrisse la ribellione degli uomini? Se in Lui non vi fosse traccia di disgusto, di repulsione, se Egli non facesse caso alla ribellione degli uomini, allora ciò proverebbe che Egli è sudicio quanto l’uomo. Che Egli possa giudicare e castigare l’uomo si deve al fatto che aborre la sozzura, e ciò che aborre è assente in Lui. Qualora anche in Lui vi fossero opposizione e ribellione, Egli non disprezzerebbe coloro che sono antagonistici e ribelli. Se l’opera degli ultimi giorni si stesse compiendo in Israele, essa non avrebbe senso. Perché l’opera degli ultimi giorni si sta compiendo in Cina, il luogo in assoluto più buio e arretrato? È per manifestare la Sua santità e giustizia. In breve, quanto più buio il luogo, tanto più chiaramente può manifestarsi la santità di Dio. Di fatto, tutto ciò è nell’interesse dell’opera di Dio. Solo oggi vi rendete conto che Dio è sceso dai cieli per stare tra voi, reso manifesto dalla vostra sozzura e dalla vostra ribellione, e soltanto ora voi conoscete Dio. Questa non è forse la massima esaltazione? Di fatto, siete un gruppo di prescelti che risiedono in Cina. E poiché siete stati prescelti e avete goduto della grazia di Dio, e poiché non siete adatti a godere di una tale grazia, ciò dimostra che la vostra somma esaltazione consiste proprio in questo. Dio vi è apparso e vi ha mostrato la Sua santa indole nella sua pienezza, vi ha elargito tutto ciò e ha fatto sì che godeste di tutte le benedizioni di cui vi è dato di godere. Non solo avete gustato l’indole giusta di Dio, ma in più avete gustato la salvezza di Dio, la redenzione di Dio e l’illimitato e infinito amore di Dio. Voi, i più sudici tra tutti, avete goduto di una grazia così grande: siete o non siete benedetti? Non siete forse innalzati da Dio? Voi uomini avete la levatura più bassa in assoluto; siete per natura indegni di godere di una benedizione così grande, eppure Dio ha compiuto un’eccezione sollevandovi. Non provate vergogna? Se non sei in grado di svolgere il tuo dovere, arriverai infine a vergognarti di te stesso e a infliggerti punizioni. Attualmente non vieni disciplinato e neppure punito; la tua carne è sana e salva: ma alla fine queste parole ti arrecheranno vergogna. A oggi, non ho ancora castigato apertamente nessuno; forse le Mie parole sono severe, eppure, come agisco nei confronti degli uomini? Li conforto, li esorto e faccio sì che rammentino. Faccio questo per nessun altro motivo se non quello di salvarvi. Davvero non capite la Mia volontà? Dovreste capire ciò che dico, ed esserne ispirati. Solo ora vi sono molte persone che capiscono. Non è forse questa la benedizione dell’essere un complemento? Essere un complemento non è forse la benedizione suprema? In fin dei conti, quando andrete a diffondere il Vangelo, direte così: “Siamo tipici complementi”. Vi domanderanno: “Cosa significa che siete tipici complementi?”. E tu dirai: “Siamo un complemento dell’opera di Dio e della Sua grande potenza. L’indole giusta di Dio viene portata alla luce nella sua pienezza dalla nostra ribellione; siamo gli oggetti votati al servizio dell’opera di Dio degli ultimi giorni, siamo appendici della Sua opera, e ne siamo anche gli strumenti”. Nell’udire ciò, ne saranno incuriositi. Poi, dirai: “Siamo esemplari e modelli per il completamento dell’opera dell’intero universo da parte di Dio, e per la Sua conquista di tutta l’umanità. Riassumendo, che siamo santi o sudici, siamo comunque più benedetti di voi poiché abbiamo visto Dio e, attraverso la possibilità di essere conquistati da Lui, la grande potenza di Dio è resa visibile; solo in virtù del fatto che siamo sudici e corrotti la Sua indole giusta è stata messa in risalto. Siete in grado di attestare in questo modo l’opera di Dio degli ultimi giorni? Non ne hai i requisiti! Se ciò è possibile, è solo perché siamo stati innalzati da Dio! Pur non essendo arroganti possiamo lodare Dio con orgoglio, poiché nessuno può ereditare una promessa così grande e nessuno può godere di una così grande benedizione. Ci sentiamo così grati del fatto che noi, essendo così sudici, possiamo fungere da complementi durante la gestione da parte di Dio”. Quando essi domanderanno: “Cosa sono gli esemplari e i modelli?”, tu dirai: “Noi siamo i più ribelli e sudici tra gli uomini; siamo stati profondamente corrotti da Satana, siamo la manifestazione più arretrata e ignobile della carne. Siamo classici esempi di coloro che sono stati usati da Satana. Oggi siamo stati scelti da Dio come primi tra gli uomini a essere conquistati, abbiamo contemplato l’indole giusta di Dio ed ereditato la Sua promessa; Egli Si serve di noi per conquistare altri ancora, e pertanto siamo esemplari e modelli di coloro che vengono conquistati tra gli uomini”. Non vi è migliore testimonianza di queste parole, e questa è la tua migliore esperienza.

Tratto da “La Parola appare nella carne

Visualizza altri

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Rispondi

Condividi

Annulla