Canti di lode 2020 - Tutte le cose sono una manifestazione dell'autorità del Creatore

25 Aprile 2020

Nel nuovo mondo, prima dell'uomo,

il creatore creò il mattino e creò la notte

creò il firmamento, la terra e i mari,

le piante, l'erba, creò tutti gli alberi.

Creò le luci, le stagioni, i giorni gli anni

per la nuova vita che avrebbe creato.

L'autorità e il potere del Creatore furono espressi

con ogni nuova cosa che creò.

Ogni Suo pensiero, ogni Sua parola, ogni rivelazione del Suo potere

è un capolavoro tra tutte le cose, è una grande impresa

più che degna dell'umana conoscenza e comprensione.

Le Sue parole e risultati giunsero in contemporanea,

senza il minimo intervallo o discrepanza.

L'apparire e il nascere di ogni nuova cosa

furono prova dell'autorità del Creatore.

Egli mantiene la Sua parola, che sarà realizzata.

Quel che viene realizzato durerà per l'eternità.

Ciò non è mai cambiato, né in passato né adesso,

e così sarà per tutta l'eternità.

Ogni Suo pensiero, ogni Sua parola, ogni rivelazione del Suo potere

è un capolavoro tra tutte le cose, è una grande impresa

più che degna dell'umana conoscenza e comprensione.

Il potere del Creatore e la Sua autorità

producono senza sosta un miracolo dopo l'altro.

Egli attira l'attenzione degli uomini

e li incanta con i Suoi atti che, strabilianti,

nascono dall'esercizio della Sua autorità.

Il Suo potere eccezionale porta un piacere dopo l'altro.

L'uomo è felice, abbagliato, senza fiato per la gioia.

L'uomo, commosso e rapito, esulta;

dentro di lui nascono rispetto e riverenza.

Ogni Suo pensiero, ogni Sua parola, ogni rivelazione del Suo potere

è un capolavoro tra tutte le cose, è una grande impresa

più che degna dell'umana conoscenza e comprensione.

L'autorità e gli atti del Creatore

infiammano lo spirito dell'uomo.

L'autorità e gli atti del Creatore

purificano lo spirito dell'uomo.

L'autorità e gli atti del Creatore

saziano lo spirito dell'uomo.

da "Seguire l'Agnello e cantare dei canti nuovi"

Visualizza altri

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Rispondi

Condividi

Annulla