Testimonianza di fede - "Resta fedele alla verità, non alle emozioni"

10 Agosto 2022

Il fratello minore della protagonista è un credente da diversi anni, ma non legge le parole di Dio, non partecipa alle riunioni, e parla e si comporta proprio come un miscredente; infatti neanche lui accetta minimamente la verità. Sulla base dei principi, lei riesce a vedere che è un non credente e che dovrebbe essere espulso dalla chiesa; ma, quando la chiesa la contatta per saperne di più sul conto di suo fratello, lei vuole proteggerlo e coprirlo per via dell'affetto che prova per lui. Non è disposta a smascherarlo scrupolosamente. Poi, leggendo le parole di Dio, si rende conto dell'essenza e delle conseguenze dell'agire seguendo le emozioni; così espone il comportamento di suo fratello, mettendo in pratica la verità. Diversi anni dopo, sua madre sta per essere inviata all'isolamento e alla riflessione solitaria a causa della sua tendenza a intralciare la vita della chiesa e a rifiutare di accettare la verità, e la protagonista si ritrova di nuovo alle prese con l'affetto che prova e non vuole smascherare il comportamento di sua madre. In che modo metterà infine in pratica la verità e difenderà il lavoro della chiesa, invece di lasciarsi guidare dalle emozioni? Scopritelo in questo video.

Visualizza altri

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Rispondi

Condividi

Annulla