La Parola quotidiana di Dio: L'incarnazione | Estratto 112

30 Agosto 2020

L’opera che Dio viene a svolgere su questa terra consiste solo nel guidare l’età, nell’inaugurarne una nuova e nel portare a termine quella vecchia. Egli non è venuto per vivere concretamente il decorso della vita di un uomo sulla terra, per sperimentare da Sé le gioie e i dolori della vita del mondo degli esseri umani o per perfezionare una certa persona per mano Sua o guardar crescere personalmente una certa persona. Non è questa la Sua opera; la Sua opera è semplicemente dare inizio alla nuova età e mettere fine a quella vecchia. In altre parole, Egli in persona darà inizio a una nuova età, in persona porterà a termine la vecchia e sconfiggerà Satana svolgendo la Sua opera in persona. Ogni volta che svolge la Sua opera in persona è come se stesse mettendo piede sul campo di battaglia. Anzitutto sconfigge il mondo e ha la meglio su Satana mentre è incarnato; prende possesso di tutta la gloria e solleva il sipario sulla totalità dell’opera dei duemila anni, facendo in modo che tutti gli uomini sulla terra abbiano la giusta via da percorrere e una vita di pace e gioia da vivere. Tuttavia, Dio non può vivere a lungo con l’uomo sulla terra, perché Dio è Dio, e in fin dei conti è differente dall’uomo. Egli non può vivere la vita di un uomo normale, ossia non può risiedere sulla terra come una persona che non è nulla di straordinario, poiché Egli ha solo una minima parte della normale umanità di un uomo comune a far da supporto alla Sua vita umana. In altre parole, come potrebbe Dio mettere su famiglia, svolgere una professione e crescere dei figli sulla terra? Non sarebbe un disonore per Lui? Il fatto che Egli sia provvisto di normale umanità è solo allo scopo di svolgere l’opera in un modo normale, non per permetterGli di avere una famiglia e una professione come farebbe un uomo comune. Il Suo senno normale, la Sua mente normale, la Sua normale alimentazione e il normale vestire della Sua carne sono sufficienti a dimostrare che Egli possiede una normale umanità; non occorre che metta su famiglia o svolga una professione per dimostrare che è dotato di una normale umanità. Sarebbe completamente inutile! La venuta di Dio sulla terra è l’incarnarsi del Verbo; Egli sta semplicemente permettendo all’uomo di capire e vedere la Sua parola, ossia sta permettendo all’uomo di vedere l’opera compiuta dalla carne. La Sua intenzione non è che le persone trattino la Sua carne in un certo modo, ma solo che l’uomo sia obbediente sino alla fine, cioè obbedisca a tutte le parole che fuoriescono dalla Sua bocca e si sottometta a tutta l’opera che Lui svolge. Sta soltanto operando nella carne; Egli non sta chiedendo intenzionalmente all’uomo di esaltare la grandezza e la santità della Sua carne: sta invece mostrando all’uomo la saggezza della Sua opera e tutta l’autorità che esercita. Quindi, anche se possiede un’eccezionale umanità, non fa annunci e Si concentra soltanto sull’opera che deve svolgere. Dovreste sapere perché Dio Si è incarnato e tuttavia non pubblicizza la cosa né testimonia la Sua normale umanità, limitandoSi invece a compiere l’opera che desidera svolgere. Di conseguenza, tutto quel che potete vedere del Dio incarnato è ciò che Egli è dal punto di vista divino; questo perché Egli non proclama mai ciò che è umanamente affinché l’uomo Lo emuli. Solo quando l’uomo guida gli uomini parla di ciò che egli è umanamente, per meglio guadagnare la loro ammirazione e sottomissione e in tal modo conquistare la supremazia degli altri. Al contrario, Dio conquista l’uomo solo attraverso la Sua opera (ovvero un’opera irraggiungibile per l’uomo); è fuori questione che Egli sia ammirato dall’uomo o faccia sì che l’uomo Lo adori. Egli Si limita a instillare nell’uomo un sentimento di riverenza per Lui o un senso della Sua imperscrutabilità. Dio non ha bisogno di impressionare l’uomo; ha bisogno solo che tu Lo riverisca una volta testimoniata la Sua indole. L’opera che Dio svolge è la Sua: non può essere fatta dall’uomo al Suo posto, né può essere raggiunta dall’uomo. Solo Dio Stesso può svolgere la Sua opera e inaugurare una nuova età per guidare l’uomo in nuove vite. L’opera che svolge è per permettere all’uomo di entrare in possesso di una nuova vita ed entrare in una nuova età. Il resto dell’opera è affidato a coloro che sono dotati di una normale umanità i quali sono ammirati dagli altri. Perciò, nell’Età della Grazia, Egli ha portato a termine l’opera di duemila anni in appena tre anni e mezzo dei Suoi trentatré anni nella carne. Quando Dio viene sulla terra per svolgere la Sua opera, completa sempre l’opera di duemila anni o di un’intera età nel brevissimo arco di pochi anni. Non tarda ad agire e non va in stallo; non fa che condensare l’opera di molti anni in modo che sia portata a termine in pochi anni. Questo perché l’opera che svolge di persona è tutta volta ad aprire una nuova via d’uscita e guidare una nuova età.

Tratto da “Il mistero dell’incarnazione (2)”

Visualizza altri

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Condividi

Annulla

Connettiti con noi su Messenger