Discorsi di Cristo degli ultimi giorni (Selezioni)

Contenuti

Tre ammonizioni

In quanto credente in Dio, dovresti essere fedele a nessun’altro che a Lui, in tutto e per tutto, ed essere in linea con il Suo cuore, in tutto e per tutto. Tuttavia, nonostante tale dottrina sia compresa da tutti, queste verità evidentissime e fondamentali per l’uomo non si vedono incarnate in loro, a causa dei loro difetti, come ignoranza, stoltezza o corruzione. Pertanto, prima che la vostra fine venga determinata, ho il dovere di dirvi alcune cose, che sono per voi della massima importanza. Prima che io continui, dovreste comprendere questo: le parole che dico sono verità dirette a tutta l’umanità, non solo a una persona o a uno specifico genere di persona. Pertanto, concentratevi solo sul ricevere le Mie parole dal punto di vista della verità e mantenete un atteggiamento di concentrazione e di sincerità. Non lasciatevi sfuggire neppure una parola o verità da Me pronunciata, e non considerate le Mie parole con disdegno. Nelle vostre vite vedo che molto di ciò che fate non ha alcuna attinenza con la verità, pertanto vi chiedo espressamente di divenire servi della verità e di non farvi schiavi della malvagità e della bruttezza. Non calpestate la verità, insozzando così ogni angolo della casa di Dio. Di questo vi ammonisco. Ora comincerò a parlare dell’argomento in questione:

Primo, per il bene del vostro destino, dovreste cercare di ricevere l’approvazione di Dio. Vale a dire, dal momento che riconoscete di essere annoverati tra coloro che appartengono alla casa di Dio, dovreste offrire a Dio un animo tranquillo e soddisfatto in ogni cosa. In altre parole, dovreste seguire dei principi in ogni azione che compiete, conformandoti alla verità. Se ciò è al di là delle tue capacità, allora sarai detestato e rigettato da Dio e allontanato da tutti. Una volta finito in tale situazione, non potrai più essere annoverato tra coloro che appartengono alla casa di Dio. Ciò non sarebbe approvato da Dio.

Secondo, dovreste sapere che Dio si compiace di un uomo onesto. Dio è leale nella Propria essenza e, pertanto, si può sempre fare affidamento sulla Sua parola. La Sua azione, inoltre è impeccabile e indiscutibile. Questo è il motivo per cui Dio si compiace di coloro che sono assolutamente onesti con Lui. Onestà significa dare il proprio cuore a Dio; non ingannarLo mai in alcun modo; essere completamente aperti nei Suoi confronti, senza mai nasconderGli la verità; non fate nulla che possa ingannare i superiori e deludere i sottoposti; e non fate mai qualcosa solo per ingraziarvi il favore di Dio. In breve, essere onesti significa astenersi dall’impurità nelle azioni e nelle parole e non ingannare né Dio né l’uomo. Ciò che sto dicendo è molto semplice ma è senza dubbio arduo per voi. Molti preferirebbero essere condannati all’inferno piuttosto che parlare e agire onestamente. Non fa meraviglia che Io abbia in serbo altri provvedimenti per coloro che sono disonesti. Ovviamente, capisco la grande difficoltà che vi trovate ad affrontare per essere uomini onesti. Siete tutti molto intelligenti e bravi a giudicare gli altri dal vostro proprio punto di vista, e ciò rende il Mio lavoro molto più semplice. E dal momento che ognuno di voi alberga dei segreti nel proprio cuore, bene allora, spedirò ciascuno di voi dentro la catastrofe perché siate sottoposti alla “prova” del fuoco, così che da quel momento in poi siate profondamente determinati a credere alle Mie parole. Infine estirperò dalle vostre bocche le parole “Dio è un Dio fedele” e allora vi batterete il petto, gemendo perché “infido è il cuore dell’uomo”. Quale sarà allora il vostro stato d’animo? Immagino che non sarete così pieni di voi stessi come lo siete ora, e ancora meno sarete “troppo profondi per essere compresi” come lo siete ora. Alcuni di voi si comportano decentemente e in modo particolarmente “ben educato” alla presenza di Dio, ma divengono arroganti e presuntuosi in presenza dello Spirito. Vorreste forse annoverare un tale uomo tra gli onesti? Se sei un ipocrita e uno portato a “socializzare”, allora ti dico che sei, senz’ombra di dubbio, uno che si prende gioco di Dio. Se le tue parole sono intrise di scuse e di giustificazioni prive di valore, allora dico che non c’è in te alcun sincero desiderio di praticare la verità. Se hai degli aspetti riservati innominabili e non sei disposto a mettere a nudo i tuoi segreti—i tuoi difetti—con gli altri, così da cercare la via che conduce alla luce, allora dico che sei tra quelli che difficilmente riceveranno la salvezza e che difficilmente emergeranno dalle tenebre. Se la ricerca della verità ti gratifica, allora sei uno tra quelli che vivono spesso nella luce. Se sei felice di rivestire il ruolo di servitore nella casa di Dio, lavorando in modo diligente e coscienzioso, nell’ombra, sempre pronto a dare senza mai a ricevere, allora dico che sei un santo fedele, poiché non cerchi alcuna ricompensa e sei semplicemente un uomo onesto. Se sei disposto ad essere immacolato, se sei disposto a dare tutto te stesso, se sei in grado di sacrificare la tua vita per Dio e di prestare testimonianza, se sei onesto e pensi solo a come compiacere Dio, senza preoccuparti mai di te stesso né prendere nulla per te stesso, allora dico che persone simili sono coloro che trovano nutrimento nella luce e vivranno per sempre nel regno. Dovresti sapere se c’è autentica fede ed autentica fedeltà dentro di te, se nel corso della tua esistenza hai sofferto per Dio e se ubbidisci completamente a Dio. Se non sei in grado di fare ciò, allora dentro di te persistono disobbedienza, inganno, avidità e insoddisfazione. Dal momento che il tuo cuore non è onesto, non hai mai ricevuto l’approvazione di Dio e non hai mai vissuto nella luce. Il proprio destino dipende dal fatto che si possieda un cuore onesto e rosso di sangue e si possieda un’anima pura. Se sei uno di quelli quanto mai disonesti, con un cuore colmo di malizia e un’anima sporca, allora il tuo destino è iscritto all’archivio di coloro che saranno puniti. Se dichiari di essere profondamente onesto, ma non agisci mai in modo conforme alla verità né dici mai una parola che sia vera, allora come puoi aspettarti che Dio ti ricompensi? Speri ancora che Dio si curi di te come della pupilla del Suo occhio? Non è assurdo un tal modo di pensare? Ti prendi gioco di Dio in ogni modo, e come può allora la casa di Dio accogliere uno come te, che non ha le mani pulite?

Il terzo aspetto è questo: Tutti i credenti in Dio hanno opposto resistenza e ingannato Dio in determinate circostanze del loro percorso. Alcune mancanze non possono essere considerate un’offesa, mentre altre sono imperdonabili, poiché molte consistono in trasgressioni dei decreti amministrativi e, in quanto tali, rappresentano un’offesa all’indole di Dio. Molti, preoccupati per il proprio destino, potrebbero chiedersi quali siano tali mancanze. Dovete sapere che voi siete arroganti e presuntuosi per natura e nient’affatto disposti a ubbidire al fatto. Pertanto, ve lo dirò a poco a poco, dopo che voi abbiate riflettuto su voi stessi. Vi esorto a meglio comprendere il contenuto dei decreti amministrativi e a conoscere l’indole di Dio. Altrimenti, vi risulterà difficile tenere le labbra sigillate e tenere a freno a lingua, per evitare di diffondervi troppo liberamente in altisonanti discorsi. Potreste, senza saperlo, offendere l’indole di Dio e cadere nelle tenebre, perdendo così la presenza del Santo Spirito e della luce. Poiché mancate di principi nelle vostre azioni. Se dici o fai quel che non dovresti, sarai tenuto a riceverne la corrispondente sanzione. Devi sapere che, mentre tu sei privo di principi nelle tue parole e azioni, Dio è di fermi principi in entrambe. Il motivo per cui ricevi una sanzione consiste nel fatto che hai offeso Dio, non un uomo. Se, nel corso della tua vita, offendi a più riprese l’indole di Dio, devi essere considerato un figlio dell’inferno. Agli occhi degli uomini potrebbe sembrare che tu non abbia commesso che poche mancanze nei confronti della verità, e nulla più. Ma sei consapevole che, invece, agli occhi di Dio, sei già uno per cui non c’è più possibilità di offerta per il peccato? Poiché hai trasgredito i decreti amministrativi più di una volta senza mostrare alcun segno di pentimento, non hai altra scelta che precipitare nell’inferno dove l’uomo viene punito da Dio. Durante il periodo in cui seguivano Dio, alcuni fedeli hanno commesso azioni che vanno contro tali principi, ma dopo essere stati affrontati e guidati, costoro hanno gradualmente scoperto la propria corruzione, sono tornati sul retto sentiero che conduce alla verità, e oggi si reggono saldi su tali fondamenta. Questi sono coloro che alla fine rimarranno. È l’onesto che Io cerco; se sei onesto e agisci secondo principio, allora puoi godere della fiducia di Dio. Se con le tue azioni non offendi l’indole di Dio e cerchi la volontà di Dio e hai un cuore colmo di venerazione per Dio, allora la tua fede è conforme ai requisiti. Coloro che non temono Dio e non hanno un cuore fremente di timor di Dio, possono con facilità trasgredire i decreti amministrativi di Dio. Molti servono Dio spinti da entusiasmo e non conoscono i decreti amministrativi di Dio e, ancor meno, comprendono le implicazioni contenute nella Sua parola. Così, nonostante le loro buone intenzioni, spesso compiono azioni che interferiscono con la gestione di Dio. Coloro che provocano gravi interferenze vengono scacciati, e non hanno più alcuna possibiltà di seguirLo; vengono scagliati nell’inferno senza più alcuna possibilità di tornare a frequentare la casa di Dio. Tali persone lavorano nella casa di Dio con intenzioni buone, ma ignoranti, e finiscono per provocare l’indole di Dio. Portano nella casa di Dio il modo di servire che utilizzavano con ufficiali e signori, pensando, scioccamente, che le stesse modalità valgano anche qui. Non hanno mai considerato che Dio non ha l’indole di un agnello, bensì quella di un leone. Quelli che frequentano Dio per la prima volta, pertanto, non sono capaci di comunicare con Lui, poiché il cuore di Dio non è come quello dell’uomo. Solo dopo aver compreso molte verità, è possibile conoscere Dio costantemente. E tale conoscenza non consiste in precetti o dottrine, ma può essere usata come tesoro della propria confidenza con Dio e prova del fatto che Egli si compiace di te. Se manchi dell’effettiva conoscenza e non sei equipaggiato della verità, allora il tuo servire con entusiasmo ti porterà solo ad essere detestato ed aborrito da Dio. È tempo di comprendere che la fede in Dio non si riduce a meri studi di teologia.

Sebbene la Mia ammonizione sia breve in lunghezza, tutto ciò che ho descritto è ciò di cui siete maggiormente privi. Dovete sapere che ciò di cui sto parlando ora è per il bene della Mia opera finale in mezzo agli uomini, per determinarne la conclusione per l’uomo. Non desidero compiere altro lavoro che non serva ad alcuno scopo, né desidero continuare a guidare uomini tanto privi di speranza quanto tronchi trascinati dalla corrente, e ancor meno uomini con sinistre intenzioni. Forse un giorno comprenderete le più oneste intenzioni dietro le Mie parole e il contributo da Me reso all’umanità. Forse un giorno, afferrerete il principio che vi renderà capaci di decidere quale sarà la vostra stessa fine.