Dio Stesso, l’Unico VIII

Dio è la fonte di vita per tutte le cose (II)

Riprendiamo l’argomento della nostra ultima condivisione. Ve lo ricordate? (Dio è la fonte di vita per tutte le cose.) È un argomento che sentite molto lontano da voi? O ne avete già un’idea approssimativa nei vostri cuori? Qualcuno è in grado di esporre brevemente il fulcro della nostra ultima condivisione su questo argomento? (Attraverso la creazione di tutte le cose da parte di Dio, vedo che Egli Si prende cura di loro e del genere umano. In passato ho sempre creduto che, quando provvede all’uomo, Dio dona la Sua parola soltanto ai Suoi eletti; non avevo mai notato che, attraverso le leggi che governano tutte le cose, Dio Si prende cura dell’intera umanità. È solo attraverso la comunicazione di questa verità da parte di Dio che mi sono reso conto che Dio è la fonte di tutte le cose, che la vita di tutte le cose è donata da Lui, che Dio stabilisce queste leggi e Si prende cura di ogni cosa. Dalla creazione di tutte le cose da parte di Dio vedo il Suo amore.) L’ultima volta abbiamo tenuto una condivisione principalmente sulla creazione di tutte le cose da parte di Dio e su come Egli abbia stabilito per loro leggi e principi. Secondo tali leggi e principi, tutte le cose vivono e muoiono e coesistono con l’uomo sotto il dominio e lo sguardo di Dio. Prima abbiamo parlato di Dio che ha creato tutte le cose e ha usato i Suoi metodi per stabilire le leggi, i percorsi e gli schemi della loro crescita. Egli ha anche stabilito i modi in cui esse sopravvivono su questa terra, in modo che possano continuare a crescere e a moltiplicarsi e dipendere una dall’altra per la sopravvivenza. Con questi metodi e leggi, tutte le cose sono in grado di esistere e di crescere facilmente e serenamente su questa terra, e soltanto con un ambiente siffatto l’umanità può avere una dimora e una condizione di vita stabili e, sotto la guida di Dio, continuare ad andare avanti – sempre.

L’ultima volta abbiamo esaminato un concetto basilare, ossia che Dio provvede a tutte le cose: Dio provvede a tutte le cose in questo modo affinché possano esistere e vivere a beneficio del genere umano. In altre parole, un simile ambiente esiste per via delle leggi da Lui stabilite. È solo grazie al fatto che Dio mantiene e amministra tali leggi se l’umanità ha il suo attuale ambiente di vita. Ciò di cui abbiamo parlato l’ultima volta è un grande balzo in avanti rispetto alla conoscenza di Dio di cui avevamo discusso in passato. Per quale ragione esiste questo divario? Perché, in passato, quando avevamo parlato di arrivare a conoscere Dio, avevamo trattato l’argomento nell’ambito della salvezza e della gestione dell’umanità da parte Sua – cioè della salvezza e della gestione dei Suoi eletti –, concentrandoci sulla conoscenza di Dio, sulle Sue azioni, sulla Sua indole, su ciò che Egli ha ed è, sulla Sua volontà e su come dispensi all’uomo la verità e la vita. L’argomento che abbiamo iniziato l’ultima volta, però, non si limita al contenuto della Bibbia e all’ambito della salvezza degli eletti da parte di Dio. Piuttosto, si estende oltre questo ambito, fuori dai confini della Bibbia e delle tre fasi dell’opera che Dio compie sui Suoi eletti, soffermandosi invece su Dio Stesso. Dunque, quando ascolti questa parte della Mia condivisione, non devi limitare la tua conoscenza di Dio alla Bibbia e alle tre fasi della Sua opera, bensì devi mantenere una prospettiva aperta; devi vedere, tra tutte le cose, le azioni di Dio, ciò che Egli ha ed è, e come governa e gestisce tutte le cose. Attraverso questo metodo e su questa base sarai in grado di capire come Egli provveda a esse, il che permette agli uomini di comprendere che Dio è la vera fonte di vita per tutte le cose e che questa è, di fatto, la vera identità di Dio Stesso. Vale a dire che l’identità, la condizione, l’autorità di Dio e il Suo tutto non si rivolgono soltanto a coloro che Lo seguono attualmente – non solo a voi, questo gruppo di persone –, ma a tutte le cose. Dunque l’ambito di tutte le cose è molto ampio. Uso l’espressione “tutte le cose” per descrivere l’ambito del governo di Dio su ogni cosa, perché voglio dirvi che le cose governate da Lui non sono semplicemente quelle che potete vedere con gli occhi, esse comprendono non solo il mondo materiale che tutti riescono a vedere, ma anche un altro mondo oltre la dimensione materiale che non può essere visto da occhi umani e, al di là di questo, i pianeti e lo spazio esterno, dove il genere umano non può vivere. Questo è l’ambito del dominio di Dio su tutte le cose, un ambito molto esteso; per quanto vi riguarda, ciascuno di voi ha bisogno di comprendere e di capire, e avere chiarezza su quel che dovreste comprendere e capire, e di quali cose dovreste avere conoscenza. Anche se l’ambito dell’espressione “tutte le cose” è davvero molto vasto, non vi parlerò delle cose in tale ambito che non avete modo di vedere o con le quali non potete entrare personalmente in contatto. Vi parlerò solo delle cose in tale ambito con cui gli esseri umani possono entrare in contatto, che essi sono in grado di capire e di comprendere, cosicché tutti possano rendersi conto del vero significato della frase “Dio è la fonte di vita per tutte le cose”. In questo modo, nessuna delle parole di questa Mia condivisione con voi sarà vana.

L’ultima volta abbiamo utilizzato il metodo della narrazione per fornire una semplice panoramica dell’argomento “Dio è la fonte di vita per tutte le cose”, in modo che le persone potessero acquisire una conoscenza essenziale di come Egli provveda a tutte le cose. Qual è lo scopo nell’insegnarvi questo concetto basilare? È far sì che le persone comprendano che l’opera di Dio va ben oltre la Bibbia e le tre fasi in cui si articola. Egli sta svolgendo anche un’ulteriore opera che gli uomini non possono vedere e con cui non possono entrare in contatto, un’opera di cui Si occupa personalmente. Se Dio limitasse la Sua opera alla gestione e alla guida dei Suoi eletti, senza impegnarSi in nessun altro compito, sarebbe molto difficile per questa umanità, compresi tutti voi, continuare ad andare avanti, e questa umanità e questo mondo non sarebbero in grado di continuare a svilupparsi. È questa l’importanza della frase “Dio è la fonte di vita per tutte le cose”, ed è l’argomento della condivisione che terrò oggi con voi.

L’ambiente di vita fondamentale che Dio crea per l’umanità

Abbiamo discusso di molti argomenti e contenuti riguardanti la frase “Dio è la fonte di vita per tutte le cose”, ma in cuor vostro sapete quali cose Egli concede al genere umano, oltre a donarvi la Sua parola e a esercitare il Suo giudizio e il Suo castigo su di voi? Alcuni potrebbero dire: “Dio mi concede grazia e benedizioni; mi dà disciplina e conforto, e mi dà cura e protezione in ogni modo possibile”. Altri diranno: “Dio mi concede ogni giorno di che mangiare e di che bere”, mentre altri ancora affermeranno persino: “Dio mi ha concesso tutto”. Riguardo a queste cose con cui le persone entrano in contatto nella vita di ogni giorno, potreste reagire in modo attinente all’ambito della vostra esperienza di vita fisica. Dio elargisce molte cose a ogni persona, anche se ciò di cui stiamo discutendo qui non è limitato all’ambito delle necessità quotidiane degli uomini, bensì è destinato ad ampliare il campo visivo di ogni persona e a permettervi di guardare le cose da una macro prospettiva. Poiché Dio è la fonte di vita per tutte le cose, come riesce a preservare questa vita? In altre parole, cosa dona Dio a tutte le cose del creato per preservare la loro esistenza e le leggi che la sostengono, in modo che possano continuare a esistere? Questo è il punto fondamentale della nostra discussione di oggi. Capite cosa ho detto? Questo argomento potrebbe esservi estraneo, ma non parlerò di dottrine troppo profonde. Mi assicurerò che possiate ascoltare le Mie parole per trarne comprensione. Non dovete sentirvi gravati da alcun fardello; dovete solo ascoltare attentamente. Tuttavia, a questo punto, devo sottolineare ancora una volta: qual è il tema di cui sto parlando? Rispondete. (Dio è la fonte di vita per tutte le cose.) Dunque, come fa Dio a provvedere a tutte le cose? Cosa dà loro perché si possa dire che “Dio è la fonte di vita per tutte le cose”? Avete qualche idea o pensiero al riguardo? Sembra che stia parlando di un argomento completamente sconosciuto sia al vostro cuore che alla vostra mente. Spero tuttavia che riusciate a collegare questo tema e ciò che dirò alle azioni di Dio, senza associarli ad alcuna conoscenza o cultura o ricerca umana. Sto parlando solo di Dio, di Dio Stesso. Questo è il suggerimento che vi do. Sono sicuro che capirete!

Dio ha concesso molte cose al genere umano. Inizierò parlando di ciò che gli uomini possono vedere, ossia le cose che riescono a percepire. Si tratta delle cose che le persone sono in grado di comprendere e di accettare nei loro cuori. Dunque, per parlare di ciò che Dio ha donato all’umanità, iniziamo esaminando il mondo materiale.

1. L’aria

Anzitutto, Dio ha creato l’aria perché l’uomo potesse respirare. L’aria è una sostanza con cui gli uomini entrano quotidianamente in contatto e dalla quale dipendono in ogni istante, anche mentre dormono. L’aria che Dio ha creato è di enorme importanza per l’umanità: è essenziale per ogni respiro e per la vita stessa. Questa sostanza, che può essere percepita ma non vista, è stata il primo dono di Dio a tutte le cose. Dopo averla creata, Egli Si è forse fermato, considerando finita la Sua opera? Oppure ne ha valutato la densità? Ha considerato cosa dovrebbe contenere? Che cosa aveva in mente Dio quando ha fatto l’aria? Perché l’ha creata, e qual è stato il Suo ragionamento? Gli esseri umani necessitano dell’aria, ne hanno bisogno per respirare. Per prima cosa, la sua densità deve essere adatta ai polmoni umani. Qualcuno conosce la densità dell’aria? In realtà, non c’è alcun particolare bisogno che le persone sappiano rispondere in termini di cifre o dati e, a dire il vero, non è affatto necessario conoscere la risposta, basta avere un’idea generale. Dio ha creato l’aria con la densità più adatta ai polmoni umani. In altre parole, l’ha creata in modo che possa penetrare facilmente nel corpo umano attraverso il respiro senza danneggiarlo in alcun modo. Questo aveva in mente Dio nel creare l’aria. Adesso parleremo del contenuto dell’aria. Innanzitutto, non è velenoso per gli esseri umani e, di conseguenza, non nuoce ai polmoni e al corpo. Dio ha dovuto considerare tutto ciò. Ha dovuto considerare il fatto che l’aria respirata dagli uomini sarebbe dovuta entrare e uscire agevolmente dal corpo e che, dopo l’inalazione, la natura e la quantità delle sostanze in essa contenute avrebbero dovuto essere tali che sia il sangue sia l’aria di scarto nei polmoni e nell’intero corpo venissero metabolizzati correttamente, e anche che essa non avrebbe dovuto contenere alcun componente velenoso. Il mio intento nel fornirvi questi due parametri per l’aria non è propinarvi qualche nozione, ma solo mostrarvi che Dio aveva in mente un ragionamento ben preciso quando ha creato ogni singola cosa, e ogni cosa che Egli ha creato è il meglio che potesse risultare. Inoltre, per quanto concerne la quantità di polvere nell’aria, quella della polvere, della sabbia e delle impurità sulla Terra, e quella della polvere che scende dal cielo sulla terra, Dio ha i Suoi sistemi per gestire anche queste cose, sistemi per eliminarle o per farle disintegrare. Per quanto esista una certa quantità di polvere, Dio l’ha fatta in modo che non danneggi il corpo o metta a repentaglio la respirazione umana, e in modo che le sue particelle non siano di dimensioni pericolose per l’organismo. La creazione dell’aria da parte di Dio non è stata misteriosa? È stato semplice come soffiare un alito d’aria dalla Sua bocca? (No.) Persino nella creazione delle cose più semplici sono evidenti il mistero di Dio, il lavorio della Sua mente, il Suo modo di pensare e la Sua saggezza. Dio non è pratico? (Sì, lo è.) Ciò significa che, persino nel creare cose semplici, Egli stava pensando all’umanità. In primo luogo, l’aria che gli uomini respirano è pulita, il suo contenuto è adatto alla respirazione umana, non è tossico e non nuoce agli uomini e la densità è calibrata per la loro respirazione. Quest’aria che gli esseri umani inspirano ed espirano costantemente è essenziale per il loro corpo, per la loro carne. Ecco perché gli esseri umani possono respirare liberamente, senza costrizioni né preoccupazioni. Possono respirare normalmente. L’aria è ciò che Dio ha creato in principio e che è indispensabile per la respirazione umana.

2. La temperatura

La seconda cosa di cui parleremo è la temperatura. Tutti sanno cos’è. È qualcosa di essenziale perché un ambiente sia adatto alla sopravvivenza umana. Se fosse troppo alta, per esempio superiore a 40° centigradi, non sarebbe molto debilitante per gli esseri umani? Non sarebbe estenuante vivere in condizioni simili? E se la temperatura fosse troppo bassa e arrivasse a -40° centigradi? Gli esseri umani non sarebbero in grado di sopportarla nemmeno in queste condizioni. Perciò Dio è stato davvero molto scrupoloso nel fissare questo intervallo di temperature, quello a cui il corpo umano riesce a adattarsi e che rientra, più o meno, tra -30° e +40° centigradi. Questo è sostanzialmente l’intervallo di temperature da nord a sud. Nelle regioni fredde le temperature forse possono scendere fino a -50° e -60° centigradi. Dio non consente all’uomo di vivere in aree simili. Allora perché esistono regioni così fredde? In ciò si celano la saggezza e le intenzioni di Dio. Egli non ti permette di avvicinarti a quei luoghi; protegge i posti troppo caldi e troppo freddi, cioè non li ha pianificati come dimora per gli uomini. Non sono luoghi destinati all’umanità. Perché Dio permette che esistano posti simili sulla terra? Se non voleva che l’uomo vivesse o nemmeno sopravvivesse in quelle zone, perché le ha create? Qui si cela la Sua saggezza. In altre parole, Egli ha regolato ragionevolmente l’intervallo di temperature dell’ambiente predisposto per la sopravvivenza umana. Qui entra in gioco anche una legge naturale. Dio ha creato determinate cose per mantenere e controllare tale temperatura. Quali sono? Anzitutto, il sole porta calore alle persone, ma esse sono in grado di sopportarlo quando è eccessivo? C’è qualcuno che osi avvicinarsi al sole? Esiste qualche strumento scientifico sulla Terra che possa avvicinarsi al sole? (No.) Perché? Il sole è troppo caldo, qualsiasi cosa si fonderebbe non appena gli arriva vicino. Pertanto Dio ha misurato specificamente l’altezza e la distanza del sole dall’umanità in base a calcoli meticolosi e precisi parametri. Ci sono poi il Polo Sud e il Polo Nord della Terra. Si tratta di regioni totalmente glaciali. L’umanità può vivere tra i ghiacci? Sono posti adatti alla sopravvivenza umana? No, per questo le persone non ci vanno. Dato che le persone non vanno al Polo Sud e al Polo Nord, i ghiacciai si conservano e sono in grado di servire al loro scopo, cioè controllare la temperatura. Capisci? Se non ci fossero il Polo Sud e il Polo Nord, il calore costante del sole distruggerebbe le persone sulla Terra. Ma Dio usa solo queste due cose solo per mantenere la temperatura entro valori adatti alla sopravvivenza umana? No, ci sono anche cose viventi di ogni genere, come l’erba dei prati, i vari tipi di alberi e tutte le specie di piante nelle foreste che assorbono il calore del sole e, così facendo, neutralizzano la sua energia termica in modo da regolare la temperatura dell’ambiente in cui vivono gli uomini. Ci sono anche le fonti idriche, come i fiumi e i laghi. La loro estensione non può essere decisa da nessuno. Nessuno può controllare quanta acqua c’è sulla terra, né dove scorre, la direzione che segue, il suo volume o la sua velocità. Solo Dio può farlo. Queste varie fonti idriche, dalle acque sotterranee ai fiumi e laghi in superficie, possono anch’esse regolare la temperatura dell’ambiente in cui l’uomo vive. Oltre alle fonti idriche, esiste ogni genere di formazione geografica come le montagne, le pianure, i canyon e le paludi, e tutte regolano le temperature in misura proporzionata alla loro estensione e area geografica. Per esempio, se una montagna ha una circonferenza di cento chilometri, fornirà un contributo in termini di utilità che ammonta a cento chilometri. Quanto al numero di canyon e di catene montuose che Dio ha creato sulla terra, si tratta di una cifra che Egli ha considerato con attenzione. In altre parole, dietro l’esistenza di ogni singola cosa creata da Lui, c’è una storia, e ogni cosa contiene la saggezza e i piani di Dio. Pensate, per esempio, alle foreste e a tutti i tipi di vegetazione: la portata e l’estensione dell’area in cui esistono e crescono sono al di là del controllo di qualsiasi uomo e nessuno ha potere su queste cose. Allo stesso modo, nessun umano può controllare quanta acqua assorbano le piante e quanta energia termica assimilino dal sole. Queste sono tutte cose che rientrano nell’ambito di ciò che Dio ha pianificato quando ha creato tutte le cose.

È solo grazie alla pianificazione attenta, alla premura e alle disposizioni di Dio sotto tutti gli aspetti se l’uomo può vivere in un ambiente con una temperatura così adeguata. Dunque ogni singola cosa che l’uomo vede con gli occhi, come il sole, il Polo Sud e il Polo Nord di cui le persone sentono spesso parlare, così come le varie cose viventi sopra e sotto il suolo e nell’acqua, e la quantità di spazio coperto da foreste e da altri tipi di vegetazione, e le fonti idriche, le varie masse d’acqua, la quantità d’acqua salata e dolce, e i diversi ambienti geografici, sono tutte cose che Dio usa per mantenere le temperature normali per la sopravvivenza dell’uomo. Ciò è incontestabile. È solo perché Dio ha pensato profondamente a tutto questo se l’essere umano è in grado di vivere in un ambiente con temperature così idonee. Non può fare troppo freddo né troppo caldo: i luoghi troppo caldi, dove le temperature superano quelle a cui il corpo umano riesce a adattarsi, non sono sicuramente stati preparati da Dio per te. I posti troppo freddi, dove le temperature sono troppo basse, quelli dove gli esseri umani congelerebbero nel giro di pochi minuti dal loro arrivo, senza riuscire a parlare o a ragionare perché si ghiaccerebbe anche il cervello e presto soffrirebbero di asfissia, neppure questi sono stati preparati da Dio per il genere umano. A prescindere dal tipo di ricerca che gli esseri umani vogliano eseguire, o dal fatto che desiderino apportare innovazioni o superare tali limiti, qualunque cosa pensino, non saranno mai in grado di andare oltre i limiti a cui può adattarsi il corpo umano. Non riusciranno mai a sbarazzarsi di queste limitazioni che Dio ha stabilito per l’uomo. Questo è perché Egli ha creato gli esseri umani e sa benissimo a quali temperature può adattarsi il loro corpo. Ma gli uomini non lo sanno. Perché dico che gli umani non lo sanno? Quante cose stupide hanno fatto le persone? Non ci sono sempre stati molti individui smaniosi di sfidare il Polo Nord e il Polo Sud? Simili persone hanno sempre voluto andare in quei luoghi per occupare la terra e mettervi radici. Sarebbe un atto assurdo. Anche se hai effettuato ricerche approfondite sui poli, cosa hai ottenuto? Anche se riesci a adattarti a quelle temperature e a vivere lì, gioverebbe in qualche modo all’umanità se tu dovessi “migliorare” l’attuale ambiente di vita del Polo Sud e del Polo Nord? Gli esseri umani hanno un ambiente in cui possono sopravvivere, eppure non rimangono lì tranquilli e di buon grado, ma insistono nell’avventurarsi in luoghi dove non possono sopravvivere. Qual è il significato di un simile comportamento? Sono annoiati e insofferenti di vivere in questa temperatura adeguata. Hanno ricevuto troppe benedizioni. Inoltre, questo ambiente di vita normale è stato quasi completamente distrutto dal genere umano, dunque tanto vale andare al Polo Sud e al Polo Nord a fare altri danni o impegnarsi in una sorta di “causa”, in modo da diventare in qualche modo “pionieri”. Tutto questo non è stupido? Vale a dire, sotto la guida del loro antenato Satana, questi esseri umani continuano a fare un’assurdità dopo l’altra, distruggendo sconsideratamente e gratuitamente la meravigliosa casa che Dio ha creato per loro. Ecco cosa ha fatto Satana. Inoltre, vedendo che la sopravvivenza dell’umanità sulla Terra è alquanto minacciata, molte persone cercano modi per recarsi sulla Luna per scoprire come poter sopravvivere lassù. Alla fine è l’ossigeno che manca sulla Luna. Gli esseri umani possono sopravvivere senza ossigeno? Siccome la Luna non ha ossigeno, non è un luogo in cui l’uomo può abitare, eppure egli insiste a volerci andare. Come si può definire questo comportamento? È autodistruzione, giusto? La Luna è un posto senz’aria e la temperatura non è adatta alla sopravvivenza umana, quindi non è un posto che Dio ha destinato all’uomo.

La temperatura di cui abbiamo appena parlato è una cosa con cui le persone entrano in contatto nella vita quotidiana. La temperatura è qualcosa che tutti i corpi umani percepiscono, ma nessuno si domanda come sia comparsa o chi se ne occupi e la controlli affinché sia adatta alla sopravvivenza umana. Questo è ciò che stiamo apprendendo ora. In tutto questo risiede la saggezza di Dio? La Sua azione? (Sì.) Considerando che Egli ha creato un ambiente con una temperatura adatta alla vita umana, questo è uno dei modi in cui provvede a tutte le cose? Lo è.

3. Il suono

Cos’è la terza cosa? È anch’essa parte essenziale di un ambiente di vita normale per gli esseri umani. È anche qualcosa di cui Dio Si è dovuto occupare quando ha creato tutte le cose. È un elemento molto importante per Lui e per tutti. Se Dio non vi avesse provveduto, avrebbe fortemente interferito con la sopravvivenza della razza umana. Vale a dire che avrebbe avuto un impatto talmente significativo sul corpo e sulla vita dell’uomo che il genere umano non sarebbe stato in grado di sopravvivere in un simile ambiente. Si potrebbe anche dire che nessuna creatura vivente sarebbe sopravvissuta in un contesto di questo tipo. Dunque, cos’è questa cosa? Il suono. Dio ha creato ogni cosa, e ogni cosa vive nelle Sue mani. Tutte le cose del creato vivono e girano in costante movimento sotto lo sguardo di Dio. Con questo intendo dire che l’esistenza di ogni singola cosa che Dio ha creato ha un valore e un significato. Vale a dire che c’è qualcosa di essenziale nell’esistenza di ogni singola cosa. Agli occhi di Dio, ogni cosa è viva, e poiché sono tutte vive, ognuna di loro produce suono. Per esempio, la Terra ruota costantemente, così come il Sole e la Luna. Nella propagazione, nello sviluppo e nel movimento, tutte le cose emettono costantemente dei suoni. Tutte le cose della creazione di Dio che esistono sulla Terra sono in costante propagazione, sviluppo e movimento. Per esempio, le basi delle montagne si muovono e si spostano, e tutte le cose viventi negli abissi marini nuotano e si muovono. Ciò significa che queste cose viventi, tutte le cose sotto gli occhi di Dio, seguono un moto costante e regolare, secondo schemi prestabiliti. Dunque, che cosa ha origine da tutte queste cose che si propagano e si sviluppano nell’oscurità e si muovono in segretezza? Suoni, suoni grandi e potenti. Oltre alla Terra, tutti i pianeti sono in costante movimento e anche le cose viventi e gli organismi che li abitano si propagano, si sviluppano e si muovono senza sosta. In altre parole, tutte le cose, dotate o meno di vita, progrediscono costantemente sotto gli occhi di Dio e, nel farlo, ognuna di loro emette suoni. Dio ha dovuto predisporre anche questi suoni, e credo che sappiate già per quale ragione, vero? Quando ti avvicini a un aereo, che effetto ha su di te il suo rombo? Se ti fermi lì troppo a lungo, resterai assordato. E che mi dite del vostro cuore: sarà in grado di resistere a un simile tormento? Chi è debole di cuore non ci riuscirebbe. Naturalmente, anche coloro che hanno il cuore forte non saranno in grado di sopportarlo troppo a lungo. In altre parole, l’impatto del suono sul corpo umano, che sia sulle orecchie o sul cuore, è estremamente importante per ogni singola persona e i suoni troppo forti nuocciono agli uomini. Perciò, quando Dio ha creato tutte le cose e dopo che esse hanno iniziato a funzionare normalmente, Egli ha predisposto misure adeguate per tali suoni, i suoni di tutte le cose in movimento. Anche questa è un’altra delle questioni che Dio ha dovuto valutare quando ha creato un ambiente per il genere umano.

Anzitutto, la distanza dell’atmosfera dalla superficie della Terra ha un effetto sul suono. Anche le dimensioni degli spazi vuoti nel suolo manipolano e influenzano il suono. Poi c’è la confluenza di vari ambienti geografici che lo condiziona a sua volta. Vale a dire che Dio usa determinati metodi per eliminare alcuni suoni, cosicché gli uomini possano sopravvivere in un ambiente tollerabile per le orecchie e per il cuore. Altrimenti i suoni sarebbero un ostacolo enorme alla sopravvivenza delle persone, costituendo un notevole fastidio nella loro vita e creando loro un grave problema. Ciò significa che Dio è stato molto scrupoloso nella creazione della Terra, dell’atmosfera e dei vari tipi di ambienti geografici. La Sua saggezza è presente in tutto questo. La comprensione di questo fatto da parte del genere umano non deve necessariamente essere troppo dettagliata. È sufficiente che le persone siano consapevoli che qui è presente l’azione di Dio. Ora diteMi, quest’intervento di Dio nel calibrare precisamente il suono al fine di preservare l’ambiente di vita degli uomini e la loro esistenza normale, era necessario? (Sì.) Dal momento che era necessario, si può dire da questa prospettiva che Dio abbia usato un simile metodo per provvedere a tutte le cose? Egli ha creato un ambiente così tranquillo a disposizione dell’umanità affinché il corpo umano potesse vivere normalmente al suo interno senza alcuna interferenza, e affinché le persone fossero in grado di esistere e di vivere normalmente. È questo, dunque, uno dei modi in cui Dio provvede all’umanità? Non è qualcosa di molto importante ciò che Egli ha fatto? (Sì.) Era davvero necessaria. Allora, da cosa lo capite? Anche se non riuscite a percepire che è stata l’azione di Dio, né sapete come l’abbia compiuta all’epoca, riuscite comunque a comprenderne la necessità? Siete in grado di sentire la saggezza di Dio e la premura e la considerazione che Egli vi ha messo? (Sì.) Se siete in grado di percepire questo, è sufficiente. Ci sono molte azioni che Dio ha compiuto tra le cose della Sua creazione e che le persone non riescono a percepire e vedere. Lo faccio presente semplicemente per darvi alcune informazioni sulle azioni di Dio, in modo che possiate arrivare a conoscerLo. Sono indizi che possono permettervi di conoscere e di capire meglio Dio.

4. La luce

La quarta cosa riguarda gli occhi delle persone: la luce. Anche questa è molto importante. Quando vedi una luce splendente e la sua intensità raggiunge un certo livello, puoi rimanere accecato. Dopotutto, gli occhi umani sono fatti di carne. Non tollerano irritazioni. Qualcuno osa forse fissare direttamente il sole? Alcuni ci provano, e se indossano occhiali scuri funziona bene, ma è necessario l’ausilio di uno strumento. Senza strumenti l’uomo non ha la capacità di fissare il sole direttamente a occhio nudo. Tuttavia, Dio ha creato il sole per portare la luce all’umanità, e ha provveduto anche a questa luce. Non si è limitato a ultimare la creazione del sole, metterlo da qualche parte e poi disinteressarsene; Dio non fa le cose in questo modo. È molto attento nelle Sue azioni e le vaglia scrupolosamente. Dio ha dato gli occhi agli uomini affinché possano vedere, e ha anche predisposto i parametri di luminosità che consentono loro di vedere. La vista non funziona se la luce è troppo fioca. Se è così buio da non riuscire a vedere a un palmo dal naso, gli occhi umani perdono la loro funzione e non servono a nulla. Ma una luce troppo intensa renderebbe gli occhi umani egualmente incapaci di distinguere le cose, perché la luminosità sarebbe intollerabile. Perciò, Dio ha fornito l’ambiente in cui vive l’umanità di una quantità di luce adeguata per gli occhi umani, una quantità che non li lesiona e non li danneggia, e tanto meno provoca la perdita della loro funzione. Ecco perché Dio ha aggiunto strati di nuvole intorno al sole e alla Terra, e perché la densità dell’aria è in grado di filtrare la luce potenzialmente dannosa per gli occhi o per la pelle delle persone. È tutto correlato. Inoltre, i colori della terra che Dio ha creato riflettono la luce solare e di ogni altro tipo, eliminando i tipi di luce troppo intensa a cui gli occhi umani non si adattano. Così le persone non sono costrette a indossare sempre occhiali da sole molto scuri per stare all’aperto e per vivere la loro vita. In circostanze normali, gli occhi umani vedono le cose all’interno del loro campo visivo senza essere disturbati dalla luce. Vale a dire che essa non deve essere troppo intensa né troppo fioca. Se fosse troppo tenue, la vista ne verrebbe danneggiata e, dopo breve uso, compromessa; se fosse troppo intensa, gli occhi non sarebbero in grado di sopportarla. Questa luce di cui le persone dispongono deve essere adeguata alla vista umana, e Dio, con vari metodi, ha ridotto al minimo i danni da essa arrecati agli occhi umani. E per quanto la luce possa recare vantaggi o svantaggi agli occhi umani, basta a consentire loro di durare fino alla fine della vita. Dio non ci ha riflettuto molto attentamente? Invece il diavolo, Satana, agisce senza considerare mai nessuno di questi fattori. La luce è sempre troppo brillante o troppo debole. È così che Satana fa le cose.

Dio ha agito così verso tutti gli aspetti del corpo umano – vista, udito, gusto, respirazione, sensazioni e così via – al fine di massimizzare l’adattabilità degli uomini alla sopravvivenza, in modo che essi possano vivere normalmente e continuare a farlo. In altre parole, l’attuale ambiente di vita creato da Dio è il più adatto e il più vantaggioso per la sopravvivenza del genere umano. Alcuni potrebbero pensare che non sia granché e che sia tutto molto scontato. I suoni, la luce e l’aria sono cose con cui le persone ritengono di essere nate, di cui hanno goduto dal momento in cui sono venute al mondo. Devono conoscere e capire, tuttavia, ciò che Dio ha fatto per consentire loro di fruire di queste cose. A prescindere che tu consideri necessario comprendere o conoscere queste cose, in sintesi, quando Dio le ha create aveva riflettuto molto, aveva un progetto e idee ben precise. Non Si è limitato a collocare l’umanità in un simile ambiente di vita in modo casuale, senza rifletterci. Forse pensate che Io abbia parlato in modo troppo grandioso di ognuna di queste piccole cose ma, secondo Me, ogni cosa che Dio ha donato agli uomini è indispensabile per la loro sopravvivenza. In ciò è racchiusa la Sua azione.

5. Il flusso d’aria

Qual è la quinta cosa? È un elemento strettamente legato a ogni giorno di ogni uomo, e questa relazione è talmente forte che senza di esso il corpo umano non potrebbe vivere in questo mondo materiale. Si tratta del flusso d’aria, un termine che chiunque è in grado di comprendere all’istante. Allora, cos’è il flusso d’aria? Potreste dire che il flusso dell’aria è semplicemente il movimento fluido dell’aria. È un vento che l’occhio umano non riesce a vedere, e anche un modo in cui si muovono i gas. Eppure, in questo contesto, a cosa si riferisce innanzitutto “flusso d’aria”? Lo capirete non appena lo dirò. La terra, mentre ruota, trasporta le montagne, i mari e tutte le cose del creato e, ruotando, sviluppa una velocità. Anche se tu non riesci a percepirne alcun movimento, la rotazione della terra esiste comunque. Che cosa comporta? Il vento ti soffia accanto alle orecchie quando corri? Se la tua corsa può generare il vento, come potrebbe non generarlo la rotazione della Terra? Quando la Terra ruota, tutte le cose sono in movimento. La Terra stessa si muove e ruota a una certa velocità, e nel frattempo anche tutte le cose che ospita si propagano e si sviluppano costantemente. Pertanto, il movimento a una determinata velocità produce naturalmente un flusso d’aria. È a questo che Mi riferisco. Non condiziona in certa misura il corpo umano? Pensate ai tifoni: quelli normali non sono particolarmente forti ma, quando si scatenano, le persone non riescono a restare ferme e faticano a camminare nel vento. È difficile fare anche un solo passo, e alcune persone vengono persino spinte contro qualcosa dal vento e non riescono a spostarsi. Questo è uno dei modi in cui il flusso d’aria può influire sull’uomo. Se la Terra intera fosse coperta di pianure, il corpo umano sarebbe totalmente incapace di resistere al flusso d’aria generato dalla rotazione della Terra e di tutte le cose. Sarebbe estremamente difficile gestire una situazione simile. Se fosse davvero così, un flusso d’aria siffatto non solo arrecherebbero danno al genere umano, ma ne provocherebbe la distruzione totale. Nessuno potrebbe sopravvivere in un simile ambiente. Ecco perché Dio ha creato vari ambienti geografici per dissolvere tali flussi d’aria: in ambienti diversi, i flussi d’aria si indeboliscono, cambiano direzione, velocità e forza. È per questo motivo che le persone possono vedere ambienti geografici diversi come le montagne, le imponenti catene montuose, le pianure, le colline, i bacini, le valli, gli altipiani e i grandi fiumi. AvvalendoSi di questi diversi ambienti geografici, Dio modifica la velocità, la direzione e la forza del flusso d’aria. È questo il metodo che usa per ridurre o trasformare il flusso in un vento che abbia velocità, direzione e forza idonee affinché gli esseri umani possano avere un ambiente normale in cui vivere. È necessario farlo? (Sì.) Fare una cosa simile sembra difficile per gli esseri umani, ma per Dio è semplice perché Egli osserva tutte le cose. Per Lui, creare un ambiente con un flusso d’aria adeguato alla specie umana non potrebbe essere più semplice o più facile. Perciò, in un simile ambiente creato da Dio, ogni singola cosa all’interno del creato è indispensabile. C’è un valore e una necessità nell’esistenza di ogni singola cosa. Tuttavia, questo principio non è compreso da Satana o dall’umanità che è stata corrotta. Continuano a distruggere, a costruire e sfruttare, sognando invano di trasformare le montagne in pianure, di riempire i canyon e di costruire grattacieli nelle zone pianeggianti per creare giungle di cemento. La speranza di Dio è che gli esseri umani possano vivere, crescere e trascorrere serenamente ogni giorno in questo ambiente idoneo che Egli ha preparato per loro. Ecco perché Dio non è mai stato incurante nel trattare l’ambiente di vita dell’uomo. Dalla temperatura all’aria, dal suono alla luce, Dio ha fatto piani e preparativi complessi in modo che il corpo dell’uomo e il suo ambiente di vita non fossero soggetti ad alcuna interferenza da parte delle condizioni naturali e, invece, l’umanità fosse in grado di vivere e di moltiplicarsi normalmente in armoniosa coesistenza con tutte le cose. Tutto ciò è stato donato da Dio a tutte le cose e agli uomini.

Nel modo in cui Dio ha predisposto queste cinque condizioni fondamentali per la sopravvivenza umana, riesci a vedere come Egli provvede all’umanità? (Sì.) Vale a dire che Dio è il Creatore di tutte le condizioni fondamentali per la sopravvivenza umana e, allo stesso tempo, le gestisce e le controlla; persino ora, dopo migliaia di anni di esistenza umana, Egli continua ad apportare modifiche all’ambiente di vita, creando il contesto migliore e più adatto per l’umanità, affinché la sua esistenza possa essere preservata normalmente. Fino a quando si potrà mantenere una situazione del genere? In altre parole, per quanto tempo ancora Dio continuerà a fornire un simile ambiente? Finché non avrà completato pienamente la Sua opera di gestione. Poi modificherà l’ambiente di vita dell’uomo. Potrebbe farlo con gli stessi metodi o con altri, ma ciò che le persone devono sapere ora è che Dio provvede continuamente alle necessità degli uomini, che gestisce il loro ambiente di vita, tutelandolo, proteggendolo e preservandolo. In un simile ambiente, i Suoi eletti possono vivere normalmente e accettare la Sua salvezza, il Suo castigo e il Suo giudizio. Tutte le cose continuano a esistere grazie alla sovranità di Dio, e tutta l’umanità continua a progredire perché Egli provvede ad essa in questo modo.

Quest’ultima parte della nostra condivisione vi ha dato qualche nuovo spunto di riflessione? Siete ora consapevoli della principale differenza tra Dio e il genere umano? Alla fine, chi è il padrone di tutte le cose? L’uomo? (No.) Allora qual è la differenza tra i modi in cui Dio e gli esseri umani trattano il creato? (Dio governa e organizza tutte le cose, mentre l’uomo ne fruisce.) Siete d’accordo su questo? La principale differenza tra Dio e il genere umano è che Egli governa tutte le cose e provvede a esse. Egli è la fonte di ogni cosa e gli uomini ne godono mentre Dio provvede all’intero creato. In altre parole, l’uomo fruisce di tutte le cose del creato quando accetta la vita che Dio concede loro. Dio è il Padrone, e l’umanità gode dei frutti della creazione di tutte le cose da parte di Dio. Allora, dalla prospettiva di tutte le cose del creato, qual è la differenza tra Dio e l’umanità? Egli può vedere chiaramente le leggi che regolano la crescita di tutte le cose, le controlla e le governa. Vale a dire che tutte le cose sono sotto i Suoi occhi e nell’ambito del Suo controllo. Possono gli uomini vedere tutte le cose? Ciò che vedono è limitato a quel che è davanti ai loro occhi. Se scali questa montagna, ciò che vedi è questo versante. Non riesci a vedere cosa ci sia su quello opposto. Se vai sulla spiaggia, vedi questa sponda dell’oceano, ma non sai come sia l’altra. Se ti addentri in una foresta, vedi la vegetazione davanti e intorno a te, ma non cosa ci sia più avanti. Gli esseri umani non riescono a vedere luoghi più alti, più lontani e più profondi. Vedono soltanto ciò che si trova direttamente davanti a loro, nel loro campo visivo. Anche se gli umani conoscono la legge che regola l’avvicendarsi delle quattro stagioni dell’anno o le leggi di crescita di tutte le cose, non sono comunque in grado di gestirle o di governarle. Ma Dio vede l’intero creato come vedrebbe una macchina da Lui costruita personalmente: ne conosce a fondo ogni componente e ogni collegamento, quali sono i suoi principi, i suoi schemi e qual è il suo scopo. Dio conosce tutto questo con estrema chiarezza. Perciò Dio è Dio, e l’uomo è l’uomo! Per quanto l’uomo possa approfondire la sua ricerca scientifica e le leggi che governano tutte le cose, quella ricerca ha un ambito limitato, mentre Dio controlla ogni cosa. Per l’uomo, il controllo di Dio è sconfinato. Un uomo potrebbe trascorrere la vita intera indagando sul più piccolo atto divino senza raggiungere alcun vero risultato. Ecco perché, se usi solo la conoscenza e ciò che hai imparato per studiare Dio, non sarai mai in grado di conoscerLo o di capirLo. Ma se scegli la via della ricerca della verità e della ricerca di Dio e guardi a Lui con la prospettiva di arrivare a conoscerLo, un giorno riconoscerai che le azioni e la saggezza di Dio sono ovunque e capirai anche perché Egli viene definito il Padrone di tutte le cose e la loro fonte di vita. Più ottieni tale intendimento, più capirai perché Dio viene chiamato Padrone di tutte le cose. Tutte le cose e ogni cosa, te compreso, ricevono continuamente il flusso costante del Suo provvedere. Sarai anche in grado di percepire chiaramente che in questo mondo, e tra questi uomini, non esiste nessuno tranne Dio che possa avere la capacità e l’essenza con cui Egli governa, gestisce e preserva l’esistenza di tutte le cose. Quando arriverai a questa comprensione, riconoscerai davvero che Egli è il tuo Dio. Quando arriverai a questo punto, avrai veramente accettato Dio e Gli avrai permesso di essere il tuo Dio e il tuo Padrone. Quando avrai ottenuto una simile comprensione e la tua vita sarà giunta a questo punto, Egli non ti metterà più alla prova e non ti giudicherà né ti farà alcuna richiesta, perché tu Lo capirai, conoscerai il Suo cuore e L’avrai accettato davvero nel tuo. Questa è una ragione importante per condividere su questi argomenti del governo e della gestione di tutte le cose da parte di Dio. Lo scopo è fornire alle persone una maggiore conoscenza e comprensione – non solo farti prendere atto delle azioni di Dio, ma anche far sì che tu le conosca e le comprenda in un modo più pratico.

Il cibo e le bevande quotidiane che Dio prepara per l’umanità

Abbiamo appena parlato di una parte dell’ambiente generale, cioè delle condizioni indispensabili per la sopravvivenza umana che Dio ha preparato quando ha creato il mondo. Abbiamo esaminato cinque cose, cinque elementi dell’ambiente. Il nostro argomento successivo è intimamente legato alla vita fisica di ogni essere umano, ed è più pertinente a quella vita e a un maggiore soddisfacimento delle sue condizioni di fabbisogno rispetto ai cinque argomenti precedenti. Si tratta del cibo. Dio ha creato l’uomo e l’ha collocato in un ambiente di vita adatto. In seguito, l’essere umano ha avuto bisogno di cibo e di acqua. Aveva questa esigenza, così Dio li ha approntati per lui. Perciò, ogni fase dell’opera di Dio e ogni cosa che Egli fa non sono soltanto parole vuote, ma azioni reali messe in pratica. Il cibo non è qualcosa di indispensabile nella vita quotidiana delle persone? Il cibo è più importante dell’aria? Sono ugualmente importanti. Entrambi sono condizioni e sostanze necessarie alla sopravvivenza dell’umanità e alla conservazione della vita umana. Cos’è più importante, l’aria o l’acqua? La temperatura o il cibo? Sono tutti egualmente importanti. Gli uomini non possono scegliere l’uno o l’altro, perché non possono fare a meno di nessuno di loro. È una questione reale, concreta, non una cosa che puoi scegliere. Tu non lo sai, ma Dio sì. Quando vedi del cibo, pensi: “Non posso fare a meno del cibo!”. Ma subito dopo essere stato creato, sapevi di aver bisogno di cibo? Tu no, ma Dio sì. È stato solo quando hai iniziato ad avere fame e hai visto i frutti sugli alberi e i cereali della terra pronti da mangiare che ti sei reso conto di aver bisogno di cibo. È stato solo quando hai avuto sete e hai intravisto una sorgente d’acqua davanti a te, solo quando hai bevuto, che ti sei reso conto di averne bisogno. L’acqua è stata pianificata in anticipo da Dio per l’uomo. Quanto al cibo – non importa se fai due o tre pasti al giorno o anche di più – è, in breve, una cosa indispensabile nella vita quotidiana degli esseri umani. È una delle cose necessarie per assicurare la normale, permanente sopravvivenza del corpo umano. Dunque, da dove proviene prevalentemente il cibo? Anzitutto arriva dal terreno, che fu predisposto per gli uomini da Dio. Il terreno è idoneo alla sopravvivenza di vari tipi di piante, non solo di alberi o erba. Dio ha preparato per l’umanità i semi di ogni specie di cereale e di vari altri alimenti e ha dato all’umanità un suolo adatto e terreni dove seminare, e in virtù di tutte queste cose l’umanità ottiene il cibo. Quali tipi di alimenti ci sono? Probabilmente lo sapete già. Primo, esistono vari cereali. Quali diversi tipi di cereali ci sono? Il frumento, il panico, il miglio glutinoso, il miglio proso, e altri tipi con granelli dotati di involucro. Esistono colture cerealicole di ogni genere, con diverse varietà da sud a nord, come l’orzo, il frumento, l’avena e il grano saraceno. Specie diverse sono adatte a essere coltivate in regioni diverse. Esistono anche vari tipi di riso. Il sud ha le sue varietà, con chicchi lunghi e più idonee agli abitanti delle regioni meridionali perché lì il clima è più caldo, perciò la popolazione locale deve mangiare varietà come il riso indica, che non è troppo colloso. Il riso non deve essere troppo colloso, altrimenti le persone non saranno in grado di digerirlo e perderanno l’appetito. Gli abitanti del nord mangiano un riso più colloso, perché le regioni settentrionali sono sempre fredde e la popolazione deve consumare specie più glutinose. Ci sono inoltre diversi tipi di legumi che crescono sopra il terreno. Ci sono anche tuberi che crescono sottoterra, come le patate, le patate dolci, il taro e molti altri. Le patate crescono al nord, dove la loro qualità è molto buona. Quando le persone non hanno cereali da mangiare, le patate come alimento base possono garantire loro tre pasti al giorno. Le patate si possono usare anche come riserva di cibo. Le patate dolci sono di peggiore qualità rispetto alle patate, ma possono comunque essere usate come alimento base per completare tre pasti al giorno. Quando i cereali sono difficili da trovare, le persone possono ingannare la fame con le patate dolci. Il taro, che viene spesso consumato dalle persone nel sud, può essere usato nello stesso modo, e servire anche da alimento base. Queste sono le tante e variegate colture, indispensabili per gli alimenti e le bevande quotidiani. Le persone li usano per preparare i noodle, i baozi, il riso e i noodle di riso. Dio ha concesso in abbondanza questi diversi tipi di cereali all’umanità. Il perché ne esistano tante varietà va ricercato nella volontà di Dio: sono colture adatte a crescere nei diversi terreni e climi a nord, a sud, a est e a ovest; le varie sostanze in essi contenute corrispondono a quelle del corpo umano. Solo nutrendosi di questi cereali le persone conservano li varie componenti nutritive indispensabili per il loro corpo. Benché il cibo del nord e quello del sud siano diversi, hanno molte più somiglianze che differenze. Entrambi possono soddisfare le normali esigenze del corpo umano e garantirne la normale sopravvivenza. Perciò esiste un’abbondanza di specie prodotte in ogni regione a seconda delle esigenze del corpo umano che tali alimenti soddisfano. Gli uomini necessitano del nutrimento fornito dai vari alimenti ricavati dal terreno per assicurare la normale sopravvivenza del corpo umano e poter condurre una normale vita umana. In breve, Dio è stato molto premuroso con l’umanità. I vari alimenti che le ha concesso non sono monotoni, bensì molto eterogenei. Se le persone vogliono mangiare cereali, possono farlo. Alcune preferiscono il riso al frumento, e possono mangiare il riso. Ne esistono di tutti i tipi, con i chicchi lunghi o corti, e ognuno può soddisfare l’appetito di ognuno. Perciò, se mangiano questi cereali, a meno che non siano troppo schizzinose verso il cibo, le persone non saranno prive di nutrimento e vivranno sane fino alla morte. Era questa l’idea che Dio aveva in mente quando ha dato il cibo all’umanità. Il corpo umano non può fare a meno di queste cose, non è così? Si tratta di problemi concreti che l’uomo non potrebbe risolvere da solo, ma Dio ci aveva già pensato in anticipo e aveva predisposto ogni cosa per l’umanità.

Ma Dio ha dato all’umanità ben più di questo: ha provveduto anche alle verdure! Se ti nutri soltanto di riso e niente altro, potresti non assumere sufficienti sostanze nutritive. Se allora salti in padella un po’ di verdura o prepari un’insalata come contorno, le vitamine e i vari oligoelementi e gli altri nutrienti contenuti negli ortaggi saranno in grado di soddisfare le esigenze del tuo corpo in modo naturale. E tra un pasto e l’altro è possibile mangiare anche un po’ di frutta, giusto? A volte, quando le persone necessitano di più liquidi, di altri nutrienti o di sapori diversi, hanno a disposizione anche ortaggi e frutta. Poiché il nord, il sud, l’est e l’ovest hanno terreni e climi diversi, hanno anche tipi differenti di frutta e di verdura. Siccome il clima delle regioni meridionali è troppo caldo, la maggior parte della frutta e degli ortaggi locali è fresca, e quando vengono consumati sono in grado di bilanciare il freddo e il caldo nel corpo umano. Nelle regioni del nord, invece, ci sono meno varietà di frutta e di verdura, ma pur sempre sufficienti per gli abitanti di quelle aree. Tuttavia, grazie agli sviluppi nella società degli ultimi anni e al cosiddetto progresso sociale, ai miglioramenti nelle comunicazioni e nei trasporti che collegano il nord, il sud, l’est e l’ovest, gli abitanti del nord riescono a mangiare anche frutta e verdura o prodotti regionali provenienti dal sud in ogni stagione dell’anno. Sebbene le persone siano in grado così di soddisfare i propri appetiti e desideri materiali, il loro corpo è involontariamente soggetto a diversi gradi di danno. Questo perché, tra i cibi preparati da Dio per l’uomo, ci sono alimenti, frutti e ortaggi adatti agli abitanti del sud, e altri adatti a quelli del nord. Perciò, se sei nato nel sud, è opportuno che mangi cose provenienti dal sud. Dio ha preparato questi alimenti, frutti e ortaggi perché il sud ha un clima particolare. Il nord ha gli alimenti necessari per il corpo dei suoi abitanti. Tuttavia, poiché le persone hanno un appetito ingordo, si sono lasciate travolgere inconsapevolmente dall’ondata di nuove tendenze sociali, che le ha indotte, senza volerlo, a violare tali leggi. Benché ora gli uomini ritengano che la loro vita sia migliore che in passato, questo tipo di progresso sociale arreca danni insidiosi al corpo di un numero crescente di persone. Non è questo ciò che Dio desidera vedere né ciò che intendeva quando ha fornito all’umanità questi alimenti, frutti e ortaggi. Gli stessi umani hanno causato l’attuale situazione violando le leggi di Dio.

A parte tutto, il dono che Egli ha concesso all’umanità è davvero ricco e copioso, con specialità locali per ciascun luogo. Per esempio, alcune regioni sono ricche di datteri rossi (comunemente noti come giuggiole), mentre altre abbondano di noci, arachidi o altri tipi di frutta secca. Tutte queste cose materiali forniscono i nutrienti necessari per il corpo umano. Tuttavia Dio fornisce le cose all’umanità nella giusta quantità e al momento giusto, a seconda della stagione e del periodo dell’anno. Gli esseri umani bramano il piacere fisico e sono ingordi, il che li spinge a violare e a distorcere le normali leggi della crescita umana che Egli ha stabilito quando ha creato l’umanità. Prendiamo le ciliegie. Sono mature intorno a giugno. In circostanze normali, si esauriranno entro agosto. Le ciliegie sono fresche solo per due mesi ma, grazie a metodi scientifici, ora l’uomo è in grado di prolungare questo periodo fino a dodici mesi, addirittura fino alla successiva stagione delle ciliegie. Così sono disponibili per tutto l’anno. È un fenomeno normale? (No.) Allora qual è la stagione migliore per mangiare le ciliegie? Il periodo da giugno ad agosto. Oltre questo limite, per quanto fresche tu le mantenga, non hanno lo stesso sapore né sono ciò di cui il corpo umano ha bisogno. Una volta superata la data di scadenza, qualunque prodotto chimico utilizzi, non riuscirai a instillare in esse i nutrienti che hanno quando vengono coltivate naturalmente. Inoltre nessuno, per quanto ci provi, può eliminare o modificare il danno che le sostanze chimiche arrecano agli uomini. Perciò, che cosa apporta l’attuale economia di mercato alle persone? La loro vita sembra migliore, i trasporti tra regioni sono diventati molto agevoli e le persone possono mangiare ogni tipo di frutta in tutte le stagioni. Gli abitanti del nord possono consumare regolarmente le banane, così come qualsiasi specialità locale, frutta o altri cibi provenienti dal sud. Questa, tuttavia, non è la vita che Dio vuole dare al genere umano. Questo tipo di economia di mercato porta alcuni benefici alla vita delle persone ma anche qualche danno. A causa dell’abbondanza sul mercato, molte persone mangiano senza pensare a quel che stanno ingurgitando. Questo comportamento viola le leggi naturali ed è dannoso per la loro salute. Perciò l’economia di mercato non porta alle persone la vera felicità. Lo vedete voi stessi. L’uva non viene forse venduta al mercato in tutte e quattro le stagioni? L’uva, in realtà, rimane fresca solo per un periodo molto breve dopo essere stata raccolta. Se la conservi fino al giugno successivo, la puoi chiamare ancora uva? Oppure sarebbe meglio definirla “spazzatura”? Non solo non ha più la sostanza dell’uva fresca, ma contiene anche più prodotti chimici. Dopo un anno non è più fresca, e anche i suoi nutrienti sono ormai svaniti da tempo. Quando le persone mangiano l’uva, pensano: “Come sono fortunato! Avremmo potuto consumarla in questa stagione, trent’anni fa? No, nemmeno se avessimo voluto! Com’è bella la vita ora!”. Questa è davvero felicità? Se ti interessa, puoi fare ricerche sull’uva conservata mediante prodotti chimici e verificarne la composizione e vedere se tali sostanze possano portare benefici agli esseri umani. Nell’Età della Legge, quando gli Israeliti erano in cammino dopo aver lasciato l’Egitto, Dio diede loro quaglie e manna. Consentì loro di conservarle? Alcuni, poco lungimiranti, temettero che non ce ne sarebbero state più il giorno seguente, così ne tennero un po’ da parte. Che cosa accadde in seguito? Il giorno seguente erano andate a male. Dio non ti permette di fare scorta di cibo, perché ha predisposto ogni cosa affinché tu non patisca la fame. Ma gli esseri umani non hanno fiducia né una vera fede in Dio. Vogliono sempre avere spazio di manovra e non riescono mai a vedere l’interessamento e la premura dietro ciò che Dio ha predisposto per loro. Non riescono a percepirlo, per cui non sanno riporre piena fiducia in Dio, e pensano sempre: “Non si può fare affidamento sulle Sue azioni! Chissà se e quando Egli ci darà ciò di cui abbiamo bisogno! Se ho fame e Dio non provvede, non morirò? Non deperirò?” Vedi quanto è inconsistente la fiducia dell’uomo!

I cereali, la frutta, la verdura e tutti i tipi di frutta secca sono alimenti vegetariani. Nonostante ciò, contengono abbastanza nutrienti per soddisfare le esigenze del corpo umano. Dio, tuttavia, non ha detto: “Darò solo questi alimenti agli uomini. Che si sfamino solo con questi!”. Non Si è fermato qui, bensì ha preparato cibi ancora più deliziosi per l’umanità. Quali? I vari tipi di carne e di pesce che la maggior parte di voi può vedere e mangiare. Dio ne ha predisposto infinite specie per l’uomo. I pesci vivono nell’acqua, e in sostanza la loro carne è diversa da quella degli animali allevati sulla terraferma e può fornire al genere umano sostanze nutritive diverse. Le proprietà del pesce possono anche regolare il freddo e il caldo nel corpo umano, e ciò è di grande beneficio per l’uomo. Però non si deve esagerare con ciò che ha un buon sapore. Come ho già detto, Dio concede all’umanità la quantità giusta al momento giusto, affinché possa godere in modo sano del Suo dono secondo la stagione e il periodo. Vediamo un po’, che cosa rientra nella categoria del pollame? Polli, quaglie, piccioni e così via. Molti mangiano anche anatre e oche. Sebbene Dio abbia fornito tutti questi tipi di carne, Egli pose determinati requisiti ai Suoi eletti e stabilì limiti specifici alla loro dieta durante l’Età della Legge. Ora tali limiti si basano sul gusto individuale e sulla valutazione personale. Questi vari tipi di carne forniscono al corpo umano diversi nutrienti che possono reintegrare le proteine e il ferro, arricchire il sangue, rinforzare i muscoli e le ossa e aumentare la forza fisica. A prescindere dal modo in cui le cucinino e le consumino, queste carni possono aiutare le persone a migliorare il sapore del cibo e a stuzzicare l’appetito, nonché ad appagare lo stomaco. La cosa più importante è che sono in grado di soddisfare le esigenze nutrizionali quotidiane del corpo umano. Queste sono le considerazioni che Dio ha fatto quando ha preparato il cibo per l’umanità. Ci sono alimenti vegetali e carne. Non è una varietà ricca e abbondante? Le persone, tuttavia, dovrebbero comprendere quale fosse l’intenzione di Dio quando ha preparato tutti gli alimenti per l’umanità. Era forse permetterle di abusare di questi cibi? Che cosa succede se l’uomo rimane intrappolato nel tentativo di soddisfare questi desideri materiali? Non sarebbe ipernutrito? L’ipernutrizione non causa al corpo umano disturbi di ogni tipo? (Si.) Ecco perché Dio distribuisce la quantità giusta al momento giusto e permette agli uomini di consumare cibi diversi in stagioni e periodi diversi. Durante un’estate torrida, per esempio, le persone accumulano nel corpo molto calore, così come secchezza patogena e umidità. Quando arriva l’autunno, maturano molti tipi di frutta e, quando le persone li mangiano, l’umidità viene eliminate dai loro corpi. Allo stesso tempo, i bovini e gli ovini saranno diventati robusti, ed è allora che le persone dovrebbero consumare più carne per trarne nutrimento. Mangiando vari tipi di carne, i loro corpi ottengono la forza e il calore necessari per resistere al freddo dell’inverno e, di conseguenza, saranno in grado di superare in salute la brutta stagione. Con la massima cura e precisione, Dio controlla e coordina quando e cosa fornire all’umanità, e quando far crescere, fruttificare e maturare alimenti diversi. Tutto ciò riguarda l’argomento “come Dio prepara il cibo necessario per la vita quotidiana dell’uomo”. Oltre a molti tipi di alimenti, Dio fornisce agli uomini anche le fonti idriche. Dopo aver mangiato, le persone hanno bisogno di bere acqua. Basterebbe mangiare della frutta? Gli esseri umani non potrebbero vivere solo di frutta e, inoltre, in alcune stagioni essa non è disponibile. Dunque, come si può risolvere il problema dell’acqua per l’umanità? Con la predisposizione, da parte di Dio, di molte fonti idriche sopra e sotto il suolo, compresi laghi, fiumi e sorgenti. Queste fonti idriche sono potabili purché non vi sia alcuna contaminazione, lavorazione umana o adulterazione. In altre parole, riguardo alle fonti di cibo che mantengono in vita il corpo fisico degli uomini, Dio ha fatto preparativi molto precisi, accurati e adeguati, in modo che l’esistenza delle persone fosse ricca e abbondante e non mancasse di nulla. È una cosa che gli uomini possono percepire e vedere.

Inoltre, tra tutte le cose, Dio ha creato alcune piante, animali, e varie erbe che hanno la specifica funzione di curare le ferite e le malattie del corpo umano. Cosa dovresti fare, per esempio, se ti procuri un’ustione o ti scotti accidentalmente con l’acqua bollente? Basta pulire la lesione con l’acqua? Avvolgerla in un pezzo di stoffa qualsiasi? In questo modo, la ferita potrebbe riempirsi di pus o infettarsi. Se, per esempio, ti viene la febbre, prendi il raffreddore, sei vittima di un infortunio durante un lavoro manuale, fai indigestione per aver mangiato la cosa sbagliata o ti ammali a causa delle tue abitudini di vita o di problemi emotivi – sviluppando, per esempio, malattie vascolari, disturbi psicologiche o malattie degli organi interni –, ci sono piante specifiche per curare tutte queste patologie. Esistono piante che migliorano la circolazione sanguigna e contrastano il ristagno, che alleviano il dolore, arrestano le emorragie, anestetizzano, favoriscono il recupero di una pelle normale, eliminano dal corpo il ristagno di sangue e le tossine. In breve, queste piante hanno vari usi nella vita quotidiana. Sono utili alle persone e sono state preparate da Dio per il corpo umano, in caso di necessità. Dio ha permesso all’uomo di scoprirne casualmente alcune, mentre altre sono state individuate da persone scelte da Dio a questo scopo o in seguito a particolari fenomeni da Lui orchestrati. Dopo la loro scoperta, l’umanità le ha tramandate e così molte persone ne sono venute a conoscenza. In questo modo, la creazione di queste piante da parte di Dio ha un valore e un significato. In sintesi, queste cose provengono tutte da Dio e sono state preparate e piantate quando Lui ha creato un ambiente di vita per gli esseri umani. Sono piante indispensabili. I processi mentali di Dio non sono più accurati di quelli dell’umanità? Quando vedi tutto ciò che Dio ha fatto, hai una percezione del Suo lato pratico? Dio opera in segreto. Dio ha creato tutto questo quando l’uomo non era ancora venuto al mondo, prima ancora di entrare in contatto con l’umanità. Tutto è stato fatto per il bene degli esseri umani, per la loro esistenza e in considerazione della loro sopravvivenza, in modo che potessero vivere felicemente in questo ricco e abbondante mondo materiale preparato da Dio per loro, liberi da ogni preoccupazione per il cibo o il vestiario e senza mancare di nulla. L’umanità continua a riprodursi e a sopravvivere in un ambiente siffatto.

Fra tutte le cose che Dio fa, siano esse grandi o piccole, ce n’è una che non abbia valore o significato? Certo che no. Iniziamo la nostra discussione con un argomento comune. Spesso le persone chiedono: è nato prima l’uovo o la gallina? (La gallina.) La gallina è nata per prima, non c’è dubbio! Perché? Non potrebbe essere nato prima l’uovo? La gallina non nasce dall’uovo? Dopo ventuno giorni il pulcino esce dal guscio, e quel pulcino deporrà altre uova, dalle quali nasceranno altri pulcini. Dunque, è nato prima l’uovo o la gallina? Rispondete “la gallina” con sicurezza. Ma perché? (La Bibbia dice che Dio ha creato gli uccelli e gli animali.) Allora la vostra risposta si basa sulla Bibbia. Io, però, voglio che parliate in base alla vostra comprensione, affinchè possa vedere se avete qualche conoscenza pratica delle azioni di Dio. Siete certi della vostra risposta oppure no? (Dio ha creato la gallina, poi le ha dato la capacità di riprodursi, cioè di covare le uova.) Questa interpretazione è più o meno corretta. Prima è nata la gallina e poi l’uovo. Questo è sicuro. Non è un mistero particolarmente profondo, ma le persone di tutto il mondo lo considerano tale e cercano di risolverlo con le teorie filosofiche, senza arrivare mai a una conclusione. È proprio come quando gli uomini non credono di essere stati creati da Dio. Non conoscono questo principio fondamentale, né hanno una chiara idea sul fatto che debba venire prima l’uovo o la gallina. Non hanno le idee chiare sull’argomento, perciò non sono mai in grado di trovare la risposta. È del tutto naturale che nasca prima la gallina. Se l’uovo fosse nato prima della gallina, questo sì che sarebbe anomalo! È una questione talmente elementare: la gallina è certamente nata prima. Non bisogna essere degli esperti per capirlo. Dio ha creato ogni cosa perché l’uomo ne godesse. Una volta che esiste la gallina, l’uovo ne consegue naturalmente. Non è una soluzione immediata? Se l’uovo fosse stato creato per primo, non avrebbe comunque bisogno della gallina per essere covato? Creare direttamente la gallina è una soluzione molto più rapida. In questo modo la gallina ha potuto deporre le uova e covare i pulcini al loro interno, e le persone hanno potuto avere pollo da mangiare. Estremamente pratico! Il modo in cui Dio fa le cose è ordinato e preciso, per niente astruso. Da dove viene l’uovo? Viene dalla gallina. Non c’è uovo senza la gallina. Ciò che Dio ha creato era una cosa vivente! L’umanità è assurda e ridicola, resta sempre invischiata in cose così semplici, ritrovandosi alla fine con un mucchio di credenze erronee e insensate. Com’è infantile l’uomo! Il rapporto tra l’uovo e la gallina è chiaro: è nata prima la gallina. Questa è la spiegazione più veritiera, il modo più preciso per interpretare la questione e la risposta più corretta. È giusto così.

Di quali argomenti abbiamo appena discusso? All’inizio abbiamo parlato dell’ambiente in cui vive l’umanità e di ciò che Dio ha fatto per quell’ambiente, dei preparativi che ha messo in atto. Abbiamo parlato di ciò che Egli ha predisposto, dei rapporti tra le cose del creato che Egli ha preparato per l’uomo, di come Si sia occupato di questi rapporti per impedire che le cose del creato nuocessero all’umanità. Dio ha anche mitigato il danno che molti fattori diversi all’interno del creato avrebbero potuto causare all’ambiente dell’uomo, permettendo a tutte le cose di servire al loro più alto scopo, e ha donato all’umanità un ambiente favorevole con elementi utili, consentendo così agli uomini di adattarsi a un simile ambiente e di continuare regolarmente il ciclo della vita e della riproduzione. Poi abbiamo parlato del cibo necessario per il corpo umano: gli alimenti e le bevande quotidiani. Anche questa è una condizione necessaria per la sopravvivenza umana. Vale a dire che il corpo umano non può vivere soltanto respirando, disponendo solo della luce solare, del vento o di temperature adeguate. Gli uomini hanno anche bisogno di riempirsi lo stomaco, e Dio, senza trascurare nulla, ha preparato per loro le fonti delle cose destinate a svolgere questa funzione, vale a dire le fonti del cibo umano. Dopo aver visto questi prodotti ricchi e abbondanti – le fonti degli alimenti e delle bevande dell’uomo – puoi dire che Dio è la fonte di approvvigionamento per l’umanità e per tutte le cose del creato? Se Egli avesse creato solo gli alberi e l’erba o un certo numero di altri esseri viventi quando ha creato tutte le cose, e se quei vari esseri viventi e piante fossero tutte destinate all’alimentazione dei bovini e degli ovini, o fossero per le zebre, i cervi e altri tipi di animali, (per esempio, i leoni mangiano cose come zebre e cervi, e le tigri si nutrono di pecore e maiali) ma non ci fosse neppure una cosa commestibile per l’uomo, avrebbe funzionato? No. Se così fosse, l’umanità non sarebbe stata in grado di sopravvivere a lungo. E se gli esseri umani mangiassero solo le foglie degli alberi? Funzionerebbe? Gli umani potrebbero mangiare l’erba preparata per gli ovini? Potrebbe non danneggiarli se ne assaggiassero solo un po’, ma se la consumassero per un lungo periodo, il loro stomaco non sarebbe in grado di sopportarlo e non vivrebbero a lungo. E ci sono persino alcune cose che sono commestibili per gli animali ma velenose per l’uomo: gli animali se ne cibano senza alcuna conseguenza, ma non è così per gli esseri umani. In altre parole, Dio ha creato gli uomini, dunque Egli conosce al meglio i principi e la struttura del corpo umano e ciò di cui le persone hanno bisogno. Conosce con assoluta chiarezza la composizione e il contenuto del corpo umano, ciò di cui necessita, il funzionamento degli organi interni e il modo in cui assorbono, eliminano e metabolizzano le varie sostanze. Le persone non hanno le idee chiare al riguardo, e a volte mangiano in maniera sconsiderata o esagerano con gli integratori e finiscono per causare uno squilibrio. Se mangi e godi normalmente di queste cose che Dio ha preparato per te, non avrai alcun problema di salute. Anche se ogni tanto sei di cattivo umore e hai un ristagno di sangue, non è un problema. Ti basta mangiare un determinato tipo di pianta e il ristagno passerà. Dio ha predisposto tutte queste cose. Quindi, ai Suoi occhi, l’uomo è molto al di sopra di ogni altra cosa vivente. Egli ha preparato un ambiente per ogni tipo di pianta, ha preparato cibo e ambienti adatti a tutte le specie di animali, ma l’ambiente di vita dell’uomo è quello che risponde alle esigenze più rigide che non possono essere minimamente trascurate, altrimenti gli uomini non sarebbero in grado di continuare a svilupparsi, a riprodursi e a vivere normalmente. In cuor Suo, Dio lo sa benissimo. Quando ha realizzato questo, gli ha attribuito più importanza di ogni altra cosa. Forse non riesci a percepire l’importanza di alcune delle cose comuni che puoi vedere e di cui puoi godere nella tua vita, o di qualcosa che vedi e di cui godi fin dalla nascita, ma Dio ha già fatto preparativi per te in segreto, molto tempo fa. Nella maggiore misura possibile, Egli ha eliminato e mitigato tutti gli elementi negativi che sono sfavorevoli all’umanità e che potrebbero nuocere al corpo umano. Questo cosa dimostra? Mette in luce l’atteggiamento che Dio ha avuto verso l’uomo nel momento in cui l’ha creato? Quale è stato questo atteggiamento? Dio Si è mostrato attento e coscienzioso e non ha tollerato alcuna interferenza da parte di forze nemiche o di fattori o condizioni esterne che non provenissero da Lui. Da qui puoi vedere l’atteggiamento di Dio nel creare e gestire l’umanità in questo momento. Qual è questo atteggiamento? Dall’ambiente di vita e di sopravvivenza di cui gli uomini godono, dal cibo, dalle bevande e dalla soddisfazione delle esigenze quotidiane, possiamo vedere l’atteggiamento di responsabilità che Dio ha avuto verso l’umanità da quando l’ha creata, così come la Sua determinazione a salvarla in questo momento. L’autenticità di Dio è visibile in queste cose? E la Sua mirabilità? La Sua insondabilità? La Sua onnipotenza? Egli Si avvale dei Suoi modi saggi e onnipotenti per provvedere all’umanità intera e a tutte le cose del creato. A proposito, dopo che ho parlato così a lungo, siete in grado di dire che Dio è la fonte di vita per tutte le cose? (Sì.) Questo è certo. Avete qualche dubbio? (No.) Il fatto che Egli provveda a tutte le cose basta per dimostrare che è la loro fonte di vita, perché è la fonte di approvvigionamento che ha permesso loro di esistere, di vivere, di riprodursi e di andare avanti, e non vi è altra fonte se non Dio Stesso. Dio provvede a tutte le esigenze di tutte le cose e a tutti i bisogni dell’umanità, che si tratti dei bisogni ambientali più elementari degli uomini, dei bisogni legati alla loro vita quotidiana, o del bisogno di verità che Egli fornisce allo spirito degli esseri umani. A ogni modo, l’identità di Dio e la Sua posizione sono estremamente importanti per l’umanità; solo Dio Stesso è la fonte di vita per tutte le cose. Vale a dire, Dio è il Sovrano, il Padrone e l’Approvvigionatore di questo mondo, questo mondo che le persone possono vedere e percepire. Non è questa l’identità di Dio per il genere umano? Non c’è nulla di falso in questo. Così, quando vedi gli uccelli volare nel cielo, dovresti sapere che Dio ha creato tutto ciò che può volare. Ci sono esseri viventi che nuotano nell’acqua e che hanno il loro modo per sopravvivere. Gli alberi e le piante che vivono nel terreno germogliano in primavera, danno frutti, perdono le foglie in autunno e, dopo essere rimaste completamente spoglie, affrontano l’inverno. Questo è il loro modo di sopravvivere. Dio ha creato tutte le cose, e ognuna vive in forme e modi diversi e usa metodi differenti per mostrare la propria forza vitale e la forma in cui vive. A prescindere da come vivano, tutte le cose sono governate da Dio. Qual è lo scopo del governo di Dio su tutte le diverse forme di vita e su tutti gli esseri viventi? La sopravvivenza dell’umanità, forse? Egli controlla tutte le leggi della vita nell’interesse della sopravvivenza del genere umano. Ciò dimostra quanto sia importante per Lui la sopravvivenza dell’umanità.

La capacità degli esseri umani di sopravvivere e di riprodursi normalmente è della massima importanza per Dio. Perciò Egli provvede costantemente a loro e a tutte le cose del creato. Lo fa in diversi modi e, mentre preserva la sopravvivenza di tutte le cose, consente all’umanità di continuare a progredire per garantirne la normale esistenza. Questi sono i due aspetti della nostra condivisione di oggi. Quali sono? (Dalla macro prospettiva, Dio ha creato l’ambiente in cui l’uomo vive. Questo è il primo aspetto. Inoltre, Egli ha preparato le cose materiali di cui gli uomini hanno bisogno e che possono vedere e toccare.) Abbiamo condiviso sul nostro argomento principale attraverso questi due aspetti. Qual è questo argomento? (Dio è la fonte di vita per tutte le cose.) Ormai dovresti avere una certa comprensione del perché la Mia condivisione su questo argomento avesse tale contenuto. C’è stata qualche discussione slegata dall’argomento principale? Niente affatto! Forse, dopo aver sentito queste cose, alcuni di voi avranno ottenuto una certa comprensione e ora sentono che queste parole hanno peso, che sono molto importanti, ma altri potrebbero avere solo un po’ di comprensione letterale e l’impressione che esse non contino in sé e per sé. Comunque le interpretiate in questo momento, nel corso della vostra esperienza arriverà un giorno in cui la vostra comprensione raggiungerà un certo livello; cioè, quando la vostra conoscenza delle azioni di Dio e di Dio Stesso arriverà a un determinato grado, userete le vostre parole, che sono pratiche, per rendere una testimonianza vera e profonda delle Sue azioni.

Credo che la vostra attuale comprensione sia ancora piuttosto superficiale e letterale ma, dopo aver ascoltato questi due aspetti della Mia condivisione, siete almeno in grado di riconoscere i metodi che Dio usa per provvedere all’umanità o quali cose le dona? Avete un’idea e una comprensione di base? (Sì.) Ma questi due aspetti hanno a che fare con la Bibbia? Con il giudizio e il castigo di Dio nell’Età del Regno? (No.) Allora perché li ho condivisi? Forse perché le persone devono comprenderli per conoscere Dio? (Sì.) È indispensabile conoscerli e anche capirli. Mentre cerchi di capire Dio nella Sua interezza, non limitarti alla Bibbia né al Suo giudizio e castigo dell’uomo. A quale scopo dico questo? Per far sì che le persone capiscano che Dio non è soltanto il Dio dei Suoi eletti. Attualmente tu Lo segui ed Egli è il tuo Dio, ma Egli è il Dio di coloro che non Lo seguono? Dio è il Dio di tutte le persone che non Lo seguono? È il Dio di tutte le cose? (Sì.) L’ambito della Sua opera e delle Sue azioni è limitato a coloro che Lo seguono? (No.) Qual è la portata della Sua opera e delle Sue azioni? Al livello più basso, comprende l’umanità intera e tutte le cose del creato. Al livello più elevato abbraccia l’intero universo, che le persone non possono vedere. Così possiamo dire che Dio svolge la Sua opera e compie le Sue azioni tra tutti gli uomini, e ciò basta perché le persone arrivino a conoscere Dio Stesso nella Sua interezza. Se vuoi conoscerLo, conoscerLo davvero, capirLo davvero, non limitarti alle tre fasi della Sua opera o alle storie riguardanti l’opera che Egli ha compiuto in passato. Se provi a conoscerLo in questo modo, Gli stai ponendo dei limiti, Lo stai confinando. Stai considerando Dio come qualcosa di molto piccolo. Quale effetto avrebbe sulle persone? Non saresti mai in grado di conoscere la mirabilità e la supremazia di Dio, né il potere, l’onnipotenza e la portata della Sua autorità. Una simile comprensione influirebbe sulla tua capacità di accettare la verità secondo cui Dio è il Sovrano di tutte le cose e sulla tua conoscenza della Sua vera identità e condizione. In altre parole, se la tua comprensione di Dio ha una portata limitata, anche ciò che puoi ricevere è limitato. Ecco perché devi ampliare il tuo ambito e allargare i tuoi orizzonti. Dovresti cercare di capire ogni aspetto: l’ambito dell’opera di Dio, la Sua gestione, il Suo governo e tutte le cose che Egli gestisce e governa. È attraverso queste cose che dovresti arrivare a conoscere le azioni di Dio. Con una simile comprensione, sentirai inconsciamente che Dio governa, gestisce e provvede a tutte le cose, e sentirai anche chiaramente di essere una parte e un membro di tutte le cose. Poiché Dio provvede a tutte le cose, stai accettando anche il Suo governo e la Sua provvidenza. Questo è un fatto innegabile. Tutte le cose sono soggette alle loro leggi sotto il governo di Dio, e sotto tale governo hanno le loro regole di sopravvivenza. Anche il destino e le esigenze dell’umanità sono strettamente legate al Suo governo e al Suo provvedere. È per questo motivo che, sotto il dominio e il governo di Dio, l’umanità e tutte le cose sono interconnesse, interdipendenti e intrecciate. Questo è lo scopo e il valore della creazione di tutte le cose da parte di Dio.

2 febbraio 2014

Pagina precedente: Dio Stesso, l’Unico VII

Pagina successiva: Dio Stesso, l’Unico IX

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Dio Stesso, l’Unico III

L’autorità di Dio (II)Oggi continueremo la condivisione sull’argomento “Dio Stesso, l’Unico”. Ne abbiamo già avute due su questo tema, la...

Dio Stesso, l’Unico IV

La santità di Dio (I)Durante il nostro ultimo incontro abbiamo avuto un’ulteriore condivisione sull’autorità di Dio e, per il momento, non...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro