L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

La Parola appare nella carne

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultati della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

Capitolo 8

Quando Dio pronuncia la Sua parola dal punto di vista dello Spirito, il Suo tono è rivolto all’intera umanità. Quando Egli pronuncia la Sua parola dal punto di vista dell’uomo, il Suo tono è rivolto a tutti coloro che seguono la guida del Suo Spirito. Quando Egli pronuncia la Sua parola dal punto di vista della terza persona (quello che viene chiamato un osservatore), sta offrendo direttamente la Sua parola agli esseri umani affinché Lo vedano come commentatore, e sembra che dalla Sua bocca escano cose illimitate che l’uomo non conosce, che non può sondare. Non è così? Quando Egli pronuncia la Sua parola dal punto di vista dello Spirito, stupisce l’intera umanità: “L’amore dell’uomo per Me è troppo esiguo e la sua fede in Me è tanto scarsa da risultare patetica. Se l’urto delle Mie parole non fosse diretto contro le debolezze dell’uomo, egli si vanterebbe in maniera esagerata e pontificherebbe inventando teorie altisonanti, come se fosse onnisciente e sapesse tutto delle questioni terrene”. Queste parole non solo rivelano la vera natura dell’uomo e la posizione di Dio nel cuore degli uomini, ma svelano anche l’intera vita dell’umanità. Ognuno ritiene di essere straordinario e in realtà non sa nemmeno che vi sia una parola chiamata “Dio”, perciò inventa teorie altisonanti. Però questo “inventare teorie altisonanti” non è “parlare” nel senso inteso dagli esseri umani. Invece, significa che l’umanità è stata corrotta da Satana, per cui tutto ciò che fa disobbedisce a Dio e si oppone direttamente a Lui, e l’essenza stessa di ciò che l’uomo fa proviene da Satana ed è in opposizione a Dio, è un atto di indipendenza e va contro la volontà di Dio. Ecco perché Egli dice che tutti gli uomini inventano teorie altisonanti. Perché Dio dice che l’urto delle Sue parole è diretto contro le debolezze dell’uomo? Perché, secondo l’intenzione di Dio, se Egli non rivelasse le cose nascoste nel mondo interiore del cuore dell’uomo, nessuno si sottometterebbe e pertanto nessuno capirebbe sé stesso né manifesterebbe riverenza per Lui. Vale a dire che, se non vengono svelate le sue intenzioni, l’uomo oserà fare qualsiasi cosa, forse rivolgerà perfino maledizioni al Cielo o a Dio. Queste sono le debolezze dell’uomo, perciò Dio dice: “I Miei passi percorrono ogni angolo dell’universo mondo alla ricerca perpetua di coloro che sono secondo il Mio cuore e adatti a essere usati da Me”. Questa affermazione, in congiunzione con quanto viene detto più avanti riguardo alla salva del regno che risuona formalmente, serve a indicare che lo Spirito di Dio è impegnato in una nuova opera in terra; è solo che gli occhi fisici dell’umanità non la vedono. Poiché viene detto che lo Spirito è in terra a compiere una nuova opera, anche l’intero universo mondo va incontro a un cambiamento di grande rilievo: non solo i figli di Dio e il Suo popolo cominciano ad accettare la testimonianza della Sua incarnazione, ma inoltre la accettano anche  ogni religione, ogni confessione, ogni ceto sociale e ogni luogo, in misura variabile. È un grande movimento dell’universo mondo sul piano spirituale. Scuote nel profondo l’intero mondo religioso, il che fa parte del significato del “terremoto” menzionato nel passato. Poi gli angeli avviano la loro opera formale e il popolo di Israele ritorna al paese natio, per non vagabondare mai più, e tutti coloro che ne fanno parte cominciano ad accettare di essere pasciuti. Invece gli egiziani cominciano ad allontanarsi dall’ambito della Mia salvezza, ossia a ricevere il Mio castigo (che però non inizia ancora formalmente). Così, è durante questo periodo di grandi cambiamenti contemporanei che risuona formalmente la salva del regno. Questo è ciò che è stato definito “il momento in cui comincia a operare lo Spirito sette volte intensificato”. Ogni volta che Dio ha compiuto l’opera di recupero, in queste fasi (o successioni di eventi), tutti sono stati incapaci di percepire l’opera dello Spirito Santo. Perciò le parole di Dio “Quando l’uomo perde la speranza” suonano vere. Inoltre, in ciascuna di tali fasi di transizione in cui l’umanità perde la speranza o ritiene che questo corso sia sbagliato, Dio ricomincia daccapo e intraprende la fase successiva della Sua opera. Dall’epoca della creazione fino a oggi, sotto questo aspetto, l’opera di recupero da parte di Dio e il cambiamento del metodo con cui Egli opera sono simili. Anche se i più, in misura variabile, possono comprenderne qualche aspetto, alla fine vengono nondimeno travolti da un torrente d’acqua perché la loro levatura è troppo scarsa; sono incapaci di comprendere le fasi dell’opera di Dio e così vengono eliminati. Però questo è anche il metodo di Dio per purificare gli esseri umani ed è il giudizio di Dio nei confronti dei vecchi concetti dell’umanità. Più gli esseri umani hanno un fondamento, più rilevanti sono i loro concetti religiosi riguardo a Dio, che per loro sono difficili da accantonare; si aggrappano a cose vecchie ed è arduo per loro accettare la nuova luce. D’altro canto, chi sta in piedi deve avere qualche fondamento, ma i più hanno difficoltà ad accantonare i propri concetti. Questo vale specialmente per i concetti riguardo al Dio incarnato di oggi, cosa che si può vedere chiaramente e facilmente.

Nel discorso di questo giorno, Dio ha parlato molto delle visioni, che qui non esamino in dettaglio, ma la cosa principale che ha detto riguarda il fatto che il fondamento per l’edificazione del regno sia l’edificazione della Chiesa. Per essere più specifici, nel periodo dell’edificazione della Chiesa lo scopo principale era convincere le persone nel cuore e con la parola anche se non avevano visto con i propri occhi il Dio incarnato. Pur avendo fede nel cuore, non conoscevano il Dio incarnato perché in quella fase Egli era indistinguibile da una persona qualsiasi. Nell’Età del Regno tutti devono mostrare convinzione nel cuore, nelle parole e negli occhi. Da qui risulta chiaro che, affinché mostrino convinzione nel cuore, nelle parole e negli occhi, a tutti deve essere concesso di vedere con i propri occhi il Dio che vive nella carne. Questo non possono conseguirlo in una situazione in cui siano costretti a fare qualcosa perché non hanno altra scelta o in cui nutrano una fede indifferente. Invece saranno convinti nel cuore e con la parola mediante la comprensione. Pertanto, in questa fase di costruzione non vi sono bastonature o uccisioni. Invece si consente agli esseri umani di ricevere la rivelazione attraverso la parola di Dio e così possono ricercare ed esplorare, per cui inconsciamente giungeranno a conoscere il Dio incarnato. Allora, per Dio questa fase dell’opera è molto più facile, consente alla natura di fare il suo corso e non va contro l’umanità. Alla fine, essa consentirà all’uomo di giungere naturalmente a conoscere Dio, perciò non preoccupatevi e non sentitevi in ansia. Quando Dio ha detto: “la battaglia del mondo spirituale è resa comprensibile direttamente a tutto il Mio popolo”, intendeva che, quando gli esseri umani intraprendono la retta via e cominciano a conoscere Dio, ciò implica non solo il fatto che ogni persona sia tentata interiormente da Satana, ma anche che possa essere tentata da Satana nella Chiesa stessa. Però questa è l’unica via, perciò nessuno deve allarmarsi. La tentazione di Satana può presentarsi in varie forme: qualcuno potrà trattare con freddezza o abbandonare ciò che dice Dio, e potrà dire cose negative per smorzare la positività degli altri, ma di solito non convince gli altri; queste cose sono difficili da discernere. Il motivo principale è questo: potrà anche essere proattivo nel partecipare alle riunioni, ma non ha chiarezza riguardo alle visioni. Se non sta in guardia contro di lui, l’intera Chiesa potrebbe essere influenzata dalla sua negatività e indotta a rispondere tiepidamente a Dio, non prestando così attenzione alla Sua parola, e questo vorrebbe dire cadere direttamente nella tentazione di Satana. Potrà non ribellarsi direttamente a Dio, ma non riuscendo a capire la Sua parola e non conoscendoLo potrà lamentarsi o nutrire risentimento nel cuore. Potrà dire che Dio l’ha abbandonato, perciò egli è incapace di ricevere l’illuminazione e la luce. Potrà desiderare di andarsene, ma in lui dimora un muto sentimento di timore ed egli potrà dire che l’opera di Dio non proviene da Lui ma è invece opera degli spiriti maligni.

Perché Dio menziona tanto spesso Pietro? E perché dice che perfino Giobbe non gli si avvicina? Questo non solo consente di prestare attenzione agli atti di Pietro, ma consente anche di accantonare tutti gli esempi che gli esseri umani hanno nel cuore, e perfino l’esempio di Giobbe – che aveva la massima fede – dovrebbe essere accantonato. Solo in questo modo può esservi un esito migliore in cui le persone sono in grado di accantonare tutto per imitare Pietro e così avvicinarsi di un passo alla conoscenza di Dio. Egli ha esposto la via della pratica intrapresa da Pietro per conoscere Dio, il cui scopo era dare un punto di riferimento. Dio poi passa a predire uno dei modi in cui Satana tenterà le persone, quando dice: “Ma se sei freddo e indifferente nei confronti delle Mie parole, indubbiamente ti opponi a Me. Questo è un dato di fatto”. In queste parole, Dio predice le scaltre macchinazioni che Satana cercherà di impiegare e invita le persone a considerarle un avvertimento. Anche se non tutti saranno freddi verso la parola di Dio, nondimeno alcuni cadranno in questa tentazione, perciò alla fine Egli ribadisce di nuovo con enfasi: “Se non conoscete le Mie parole, non le accettate e non le mettete in pratica, inevitabilmente diventerete oggetto del Mio castigo! Sicuramente diverrete vittime di Satana!” Questo è il consiglio di Dio all’umanità ma, alla fine, come da Lui predetto, una parte dell’umanità diventerà vittima di Satana.

Pagina precedente:Vita di Pietro

Pagina successiva:Capitolo 9

Potrebbero interessarti anche