Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

La Parola appare nella carne

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultato della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

`

Interpretazione del ventiduesimo e del ventitreesimo discorso

Oggi tutti sono disposti a comprendere la volontà di Dio e a conoscere l’indole di Dio, eppure nessuno conosce il motivo per cui è incapace di seguire i propri desideri, nessuno sa perché il suo cuore lo tradisca sempre e perché egli non sia in grado di ottenere ciò che vuole. Di conseguenza, tutti sono ancora una volta assaliti da una disperazione opprimente, però sono anche timorosi. Incapaci di esprimere queste emozioni contrastanti, possono solo chinare il capo afflitti e continuare a domandarsi: possibile che Dio non mi abbia illuminato? Possibile che Dio mi abbia segretamente abbandonato? Forse tutti gli altri sono a posto e Dio ha illuminato tutti tranne me. Perché mi sento sempre turbato quando leggo le parole di Dio, perché non riesco mai a comprendere nulla? Sebbene la mente delle persone pensi queste cose, nessuno osa esprimerle; tutti continuano semplicemente a struggersi interiormente. In realtà nessuno tranne Dio è in grado di capire le Sue parole o di comprendere la Sua vera volontà. Eppure Dio chiede sempre che gli esseri umani comprendano la Sua volontà: non è forse come cercare di spingere un’anatra su un trespolo? Dio forse ignora i difetti dell’uomo? Questa è l’intersezione dell’opera di Dio, è ciò che gli esseri umani non capiscono, e pertanto Dio dice: “L’uomo vive in mezzo alla luce, eppure non è consapevole della sua preziosità. Ne ignora la sostanza e l’origine, e inoltre non sa a chi appartenga”. Secondo le parole di Dio e ciò che Egli chiede all’uomo, nessuno sopravvivrà, poiché nella carne dell’uomo non vi è nulla che accetti le parole di Dio; così se gli esseri umani sono in grado di obbedire alle parole di Dio, provare attaccamento e brama per le parole di Dio e applicare alla propria situazione le parole dei discorsi di Dio che indicano la condizione dell’uomo, e perciò di conoscere sé stessi, allora questo è il criterio più elevato. Quando verrà in definitiva realizzato il Regno, coloro che vivono nella carne saranno ancora incapaci di comprendere la volontà di Dio e richiederanno ancora la guida personale di Dio. È solo che gli esseri umani saranno privi dell’interferenza di Satana e possiederanno la normale vita dell’uomo, che è l’obiettivo di Dio nello sconfiggere Satana e ha principalmente lo scopo di recuperare l’essenza originaria dell’uomo, che è stato creato da Dio. Nella mente di Dio, la “carne” si riferisce a quanto segue: incapacità di conoscere l’essenza di Dio, incapacità di vedere le questioni del mondo spirituale e, inoltre, capacità di essere corrotta da Satana ma anche di essere guidata dallo Spirito di Dio. Questa è la sostanza della carne creata da Dio. Naturalmente ha anche lo scopo di evitare il caos causato dalla mancanza di ordine nella vita dell’umanità. Più Dio parla, più incisive si fanno le Sue parole, più gli esseri umani le capiscono. Le persone inconsciamente cambiano e inconsciamente vivono nella luce e così “grazie alla luce, tutti stanno crescendo e hanno abbandonato l’oscurità”. Questa è la meravigliosa scena del Regno ed è come ciò che è stato spesso detto nel passato: “vivere nella luce, allontanarsi dalla morte”. Quando in terra si realizzerà Sinim – quando si realizzerà il Regno – in terra non vi saranno più guerre, mai più vi saranno carestie, epidemie e terremoti, gli esseri umani smetteranno di produrre armi, tutti vivranno in pace e stabilità, e tanto le persone quanto i paesi interagiranno normalmente fra loro. Tuttavia il presente non regge il confronto con questo. Tutto ciò che si trova sotto i cieli è nel caos, in ogni paese si stanno gradatamente verificando colpi di stato. Mentre Dio fa sentire la Sua voce, le persone gradatamente cambiano e, al proprio interno, ogni paese viene lentamente disgregato. Le salde fondamenta di Babilonia cominciano a tremare, come un castello che svetta nel cielo, e col mutare della volontà di Dio avvengono inosservate nel mondo trasformazioni enormi e in ogni momento compaiono segni di ogni sorta a indicare agli esseri umani che è giunto l’ultimo giorno del mondo! Questo è il progetto di Dio, queste sono le fasi con cui Egli opera, e ogni paese sicuramente sarà lacerato, l’antica Sodoma sarà annientata per la seconda volta, e pertanto Dio dice: “Il mondo sta crollando! Babilonia è nella paralisi!” Nessuno tranne Dio Stesso è in grado di comprendere pienamente questa cosa; dopo tutto, vi è un limite alla consapevolezza delle persone. Per esempio, i ministri degli affari interni potranno sapere che la situazione attuale è instabile e caotica, ma sono incapaci di affrontarla. Possono soltanto seguire la corrente, sperando col cuore in quel giorno in cui potranno tenere la testa alta, bramando l’avvento di un giorno in cui il sole di nuovo sorgerà a oriente, splendendo su tutto il territorio e ribaltando questo miserevole stato di cose. Non sanno, però, che quando il sole sorgerà una seconda volta non sarà per ristabilire il vecchio ordine ma per riprendere vigore e apportare un cambiamento radicale. Tale è il progetto di Dio per l’intero universo. Egli farà nascere un nuovo mondo ma, soprattutto, prima rinnoverà l’uomo. Oggi ciò che è fondamentale è condurre gli esseri umani verso le parole di Dio, non soltanto consentire loro di godere dei benefici della posizione. Inoltre, come dice Dio: “Nel Regno, Io sono il Re; ma invece di trattarMi come Tale, l’uomo Mi tratta come il Salvatore disceso dall’alto dei cieli. Di conseguenza, egli desidera che Io gli faccia l’elemosina, e non cerca di conoscerMi”. Tale è la vera condizione di tutti. Oggi ciò che è cruciale è dissipare completamente l’insaziabile avidità dell’uomo, consentendo così alle persone di conoscere Dio senza chiedere nulla; non meraviglia allora che Dio dica: “In tanti hanno gridato davanti a Me come se fossero dei mendicanti; in tanti Mi hanno aperto i loro ‘sacchi’ e implorato di dar loro del cibo per sopravvivere”. Queste varie condizioni mettono in risalto l’avidità delle persone e indicano che gli esseri umani non amano Dio ma pongono richieste a Dio, oppure cercano di ottenere le cose che bramano. Gli esseri umani hanno la natura di un lupo affamato, sono tutti scaltri e avidi, e così Dio impone loro ripetutamente delle prescrizioni, costringendoli a rinunciare all’avidità presente nel loro cuore e ad amare Dio con sincerità. In realtà, fino a oggi, gli esseri umani non hanno ancora dato tutto il loro cuore a Dio, tengono il piede in due scarpe, talvolta dipendendo da sé stessi, talvolta dipendendo da Dio, senza affidarsi completamente a Lui. Quando l’opera di Dio raggiungerà un certo punto, tutti vivranno nel vero amore e nella vera fede, e la volontà di Dio sarà attuata; perciò le prescrizioni di Dio non sono elevate.

Gli angeli si spostano continuamente tra i figli e il popolo di Dio, affrettandosi tra cielo e terra e discendendo nel mondo umano dopo essere ritornati ogni giorno nel mondo spirituale. Questo è il loro dovere e così ogni giorno i figli e il popolo di Dio vengono pasciuti, e la loro vita gradatamente cambia. Nel giorno in cui Dio modificherà la Sua forma, l’opera degli angeli in terra terminerà ufficialmente ed essi ritorneranno al mondo dei cieli. Oggi tutti i figli e il popolo di Dio sono nella stessa situazione. Col trascorrere dei secondi, tutti cambiano, e i figli e il popolo di Dio diventano gradatamente più maturi. In confronto, anche tutti i ribelli stanno cambiando davanti al gran dragone rosso: le persone non rimangono più fedeli al gran dragone rosso, e i diavoli non ne seguono più le disposizioni. Invece tutti “badano ai propri affari, scegliendo il percorso per loro più conveniente”. Perciò quando Dio dice: “Come potrebbero i paesi della terra non essere distrutti? Come potrebbero non crollare?” i cieli incombono all’istante… È come se ci sia un sinistro presagio che prelude alla fine dell’umanità. I vari segni sinistri qui profetizzati sono proprio ciò che sta avvenendo nel paese del gran dragone rosso, e nessuno fra coloro che sono in terra è in grado di sfuggirne. Ecco che cosa è profetizzato nelle parole di Dio. Nelle loro premonizioni, oggi, gli esseri umani ritengono che il tempo sia breve e sembrano percepire che una catastrofe stia per abbattersi su di loro, eppure non hanno via di fuga e pertanto sono tutti senza speranza. Dio dice: “Mentre decoro la ‘sala interna’ del Mio Regno giorno dopo giorno, nessuno ha mai fatto irruzione nel Mio ‘laboratorio’ per intralciare la Mia opera”. In realtà il significato delle parole di Dio non risiede solo nel far sì che gli esseri umani conoscano Dio nelle Sue parole. Soprattutto, tali parole indicano che ogni giorno Dio dispone ogni sorta di sviluppi in tutto l’universo perché servano alla fase successiva della Sua opera. Il motivo per cui dice: “Nessuno ha mai fatto irruzione nel Mio ‘laboratorio’ per intralciare la Mia opera” è che Dio opera nella divinità, e gli esseri umani, per quanto possano desiderarlo, non sono in grado di partecipare alla Sua opera. Vorrei domandare: sapresti disporre tutti gli sviluppi dell’intero universo? Sapresti indurre le persone in terra a sfidare i loro antenati? Sapresti manovrare le persone di tutto l’universo perché siano al servizio della volontà di Dio? Sai indurre Satana a scatenarsi? Sai indurre le persone a percepire che il mondo è desolato e vuoto? Gli esseri umani sono incapaci di cose simili. Nel passato, quando le “abilità” di Satana dovevano ancora essere pienamente portate in gioco, Satana interferiva sempre in ogni fase dell’opera di Dio; in questa fase Satana ha esaurito i trucchi e pertanto Dio gli consente di mostrare la sua vera natura affinché gli esseri umani possano saperlo. Questa è la verità delle parole: “Nessuno ha mai intralciato la Mia opera”.

Ogni giorno le persone delle Chiese leggono le parole di Dio, che ogni giorno vengono dissezionate sul tavolo operatorio. Per esempio, parole derisorie come “perdere la loro posizione”, “essere licenziati”, “le loro paure si placano e la calma ritorna”, “abbandono”, privi di “sentimento” e così via le lasciano ammutolite per la vergogna; è come se nessuna parte dell’intero loro corpo – da capo a piedi, dentro e fuori – fosse approvata da Dio. Perché le parole di Dio mettono così a nudo la vita delle persone? Dio sta forse intenzionalmente rendendo loro le cose difficili? È come se il volto di tutti fosse sporco di un fango che non si può lavare via. Col capo chino, ogni giorno fanno un resoconto dei propri peccati come se fossero dei truffatori. Gli esseri umani sono stati corrotti da Satana al punto che manca loro una piena consapevolezza della loro vera condizione. Ma per Dio il veleno di Satana è in ogni parte del loro corpo, perfino nel midollo osseo; di conseguenza, più sono profonde le rivelazioni di Dio, più gli esseri umani si fanno timorosi. Pertanto tutti possono conoscere Satana e vedere Satana nell’uomo, poiché sono stati incapaci di vedere Satana a occhio nudo. E poiché tutto è entrato nella realtà, Dio svela la natura dell’uomo – vale a dire, svela l’immagine di Satana – e così consente all’uomo di contemplare il Satana reale, tangibile, il che consente meglio di aiutarli a conoscere il Dio concreto. Dio consente all’uomo di conoscerLo nella carne e dà forma a Satana, permettendo così all’uomo di conoscere il Satana reale, tangibile nella carne di tutti gli esseri umani. Queste varie condizioni sono la manifestazione degli atti di Satana. E così è corretto dire che tutti coloro che sono nella carne sono l’incarnazione dell’immagine di Satana. Poiché Dio è incompatibile con i Suoi nemici, poiché sono ostili fra loro e sono due forze differenti, i demoni sono demoni, Dio è Dio; sono incompatibili come fuoco e acqua e sono sempre separati quanto cielo e terra. Quando Dio creò l’uomo, un genere di persone erano gli spiriti degli angeli; un genere non aveva spirito, perciò fu posseduto dagli spiriti dei demoni, e così sono chiamati demoni. In definitiva, gli angeli sono angeli, i demoni sono demoni, e Dio è Dio. Questo è ciò che si intende nel dire che ognuno è classificato secondo il proprio genere, e così quando gli angeli regnano sulla terra e gioiscono delle benedizioni, Dio ritorna alla Sua dimora, e i rimanenti – i nemici di Dio – vengono ridotti in cenere. In realtà, esteriormente, tutti amano Dio, ma l’origine di questo risiede nella loro essenza; come possono coloro che hanno natura di angeli sfuggire alla mano di Dio e precipitare nell’abisso? E come possono mai coloro che hanno natura di demoni amare veramente Dio? In sostanza, queste persone non amano veramente Dio, e allora come potrebbero mai avere la possibilità di accedere al Regno? Tutto è stato disposto da Dio fin dalla creazione del mondo, proprio come dice Dio: “Io Mi muovo tra il vento e la pioggia, e anno dopo anno sono stato in mezzo agli uomini, e ciò prosegue nel momento presente. Queste non sono le fasi del Mio piano di gestione? Chi si è mai unito al Mio progetto? Chi può allontanarsi dalle fasi del Mio disegno?” Essendo diventato carne, Dio deve avere esperienza della vita dell’uomo, e non è forse questo il vero lato del Dio concreto? Dio non nasconde nulla all’uomo per via della sua debolezza; invece svela all’uomo la verità, proprio come dice Dio: “Anno dopo anno sono stato in mezzo agli uomini”. È perché è incarnato che Dio ha trascorso anno dopo anno in terra; di conseguenza, solo dopo aver subìto ogni sorta di trasformazioni può essere considerato incarnato, e soltanto allora diviene capace di operare nella divinità entro la carne. E allora, solo dopo avere rivelato tutti i misteri muterà la Sua forma. Questa è una spiegazione alternativa di “essere non soprannaturale” ed è fornita direttamente da Dio.

Gli esseri umani devono superare la prova di ciascuna delle parole di Dio, senza superficialità: questo è l’incarico assegnato da Dio!

Pagina precedente:Interpretazione del ventunesimo discorso

Pagina successiva:Interpretazione del ventiquattresimo e del venticinquesimo discorso

Potrebbero interessarti anche