La Parola appare nella carne

Contenuti

Osservare i comandamenti e mettere in pratica la verità

In pratica, i comandamenti dovrebbero essere collegati alla pratica della verità. Nell’osservare i comandamenti, si dovrebbe praticare la verità. Nel praticare la verità, non si dovrebbero violare i princìpi dei comandamenti né trasgredire i comandamenti stessi. Fai ciò che Dio esige che tu faccia. L’osservanza dei comandamenti e la pratica della verità sono interconnessi, non in contraddizione tra loro. Più pratichi la verità, più osservi l’essenza dei comandamenti. Più pratichi la verità, più comprendi la parola di Dio così come è espressa nei comandamenti. Praticare la verità e osservare i comandamenti non sono azioni contraddittorie, bensì interconnesse. All’inizio, solo dopo aver osservato i comandamenti l’uomo può praticare la verità e ottenere l’illuminazione dallo Spirito Santo. Ma questa non è l’intenzione originale di Dio. Dio ti chiede di venerarLo con tutto il cuore, e non semplicemente di tenere un comportamento corretto. Tuttavia devi osservare i comandamenti, almeno superficialmente. Gradualmente, attraverso l’esperienza, l’uomo ottiene una più chiara comprensione di Dio. Smette di ribellarsi a Dio e di resisterGli e smette di mettere in questione l’opera di Dio. In tal modo, l’uomo può rispettare l’essenza dei comandamenti. Pertanto, limitarsi a rispettare i comandamenti senza praticare la verità è inefficace e non equivale ad adorare Dio sinceramente, poiché non hai ancora raggiunto una reale statura morale. Se osservi i comandamenti senza la verità, ciò si riduce ad una rigida osservanza delle regole. Così facendo, i comandamenti diventano la tua legge, e questo non ti aiuta a crescere nella vita. Al contrario, essi diverranno un peso per te, e ti vincoleranno rigidamente come la legge dell’Antico Testamento, facendoti perdere la presenza dello Spirito Santo. Pertanto, solo praticando la verità puoi effettivamente osservare i comandamenti. Si osservano i comandamenti al fine di praticare la verità. Inoltre pratichi un maggior numero di verità mediante l’osservanza dei comandamenti. Ottieni una comprensione ancora maggiore del significato pratico dei comandamenti attraverso la pratica della verità. Lo scopo e il significato della richiesta perentoria di Dio che l’uomo osservi i comandamenti non sono quelli di seguire degli ordini, come l’uomo potrebbe immaginare, bensì ha a che fare con l’ingresso dell’uomo nella vita. Più cresci nella vita, più elevato è il livello della tua capacità di osservare i comandamenti. Sebbene i comandamenti debbano essere osservati dall’uomo, la loro essenza diventa evidente solo attraverso l’esperienza di vita dell’uomo stesso. La maggior parte delle persone pensa che osservare i comandamenti significhi che “tutto è già bell’e pronto, non resta altro che essere rapiti”. Questa è una fantasia assurda e non è la volontà di Dio. Quelli che fanno simili affermazioni non desiderano fare progressi e sono avidi delle cose della carne. È un’assurdità! Questo non è aderire alla realtà! Limitarsi a praticare la verità senza osservare i comandamenti in pratica non è la volontà di Dio. Questo genere di persone è disabile e procede come zoppicando su una gamba. D’altro canto, il mero fatto di osservare i comandamenti e di attenervisi rigidamente senza avere la verità equivale, parimenti, a non adempiere la volontà di Dio; come un uomo che vede solo da un occhio, anche questa è una forma di disabilità. Si può anche dire che se osservi scrupolosamente i comandamenti e raggiungi una chiara comprensione del Dio pratico, allora otterrai la verità. Da una prospettiva relativa, avrai raggiunto una reale statura morale. Pratichi la verità e osservi i comandamenti al tempo stesso senza che le due cose siano in conflitto. La pratica della verità e l’osservanza dei comandamenti sono due sistemi, entrambi parte integrante dell’esperienza di vita di un individuo. Tale esperienza dovrebbe comprendere un’integrazione del rispetto dei comandamenti con la pratica della verità, non una separazione. Tuttavia, tra queste due cose ci sono sia differenze che connessioni.

La promulgazione dei comandamenti nella nuova età è una testimonianza del fatto che tutti gli uomini in questa corrente e tutti coloro che sentono la voce di Dio oggi sono entrati in una nuova età. Si tratta di un nuovo inizio per l’opera di Dio e dell’avvio dell’ultima parte dell’opera nel piano di gestione di Dio nel corso di seimila anni. I comandamenti della nuova età simboleggiano che Dio e gli uomini sono entrati nel regno di un nuovo cielo e di una nuova terra, e che Dio, come che Jahvè ha operato tra gli Israeliti e Gesù che ha operato tra i Giudei, compirà un lavoro più pratico e svolgere un lavoro maggiore e più grande sulla terra. Simboleggiano anche che questo gruppo di uomini riceverà da Dio un ulteriore e più grande incarico e riceverà sostegno pratico, alimentazione, supporto, cura e protezione da Dio. Inoltre, saranno sottoposti a esercizi più pratici, saranno affrontati, spezzati e raffinati dalla parola di Dio. Il significato dei comandamenti della nuova età è piuttosto profondo. Essi suggeriscono che Dio apparirà realmente sulla terra e conquisterà l’intero universo sulla terra, rivelando tutta la Sua gloria nella carne. Suggeriscono anche che il Dio pratico sta compiendo un’opera più pratica sulla terra per perfezionare tutti coloro che Egli ha scelto. Inoltre, Dio compirà ogni cosa con parole sulla terra e renderà manifesto il decreto che “il Dio incarnato ascende alla sommità e viene magnificato, e tutte le genti e tutte le nazioni si inginocchiano per adorare Dio, che è grande”. Sebbene i comandamenti della nuova età debbano essere osservati dall’uomo, cosa che è dovere dell’uomo e scopo delle sue realizzazioni, il significato che essi rappresentano è di gran lunga troppo profondo per essere pienamente espresso in una o due parole. I comandamenti della nuova età sostituiscono le leggi del Vecchio Testamento e le ordinanze del Nuovo Testamento promulgate da Jahvè e Gesù. Si tratta di una lezione più profonda, non di una questione semplice come l’uomo potrebbe immaginare. I comandamenti della nuova età hanno un aspetto di significato pratico: servono da interfaccia tra l’Età della Grazia e l’Età del Regno. I comandamenti della nuova età mettono fine a tutte le pratiche e le ordinanze della vecchia età e pongono anche fine alle pratiche dell’età di Gesù e a quelle prima della nuova era. Essi portano l’uomo alla presenza del Dio più pratico e permettono all’uomo di cominciare a ricevere la perfezione personale di Dio, cosa che è l’inizio della via della perfezione. Pertanto, dovrete possedere un atteggiamento corretto nei confronti dei comandamenti della nuova età, guardandovi bene dall’osservarli con trascuratezza o dal disprezzarli. I comandamenti della nuova età sottolineano un punto: che l’uomo debba adorare il pratico Dio Stesso di oggi, il che significa sottomettersi all’essenza dello Spirito in modo più concreto. Sottolineano anche il principio mediante il quale Dio giudicherà l’uomo in quanto colpevole o giusto dopo che Egli apparirà come il Sole della rettitudine. I comandamenti sono più facili da capire che da mettere in pratica. Così, se Dio desidera portare l’uomo a perfezione, deve farlo attraverso le Sue parole e la Sua guida, l’uomo non può ottenere la perfezione solo attraverso la sua intelligenza innata. Il fatto che l’uomo possa o meno osservare i comandamenti della nuova età è in relazione alla conoscenza del Dio pratico da parte dell’uomo. Pertanto, che tu sia in grado di osservare i comandamenti o no, non è una questione che verrà risolta nel giro di pochi giorni. Si tratta di una lezione profonda.

La pratica della verità è un percorso mediante il quale la vita dell’uomo può crescere. Se non praticate la verità, possiederete solo la teoria e non avrete alcuna vita reale. La verità è il simbolo della statura morale dell’uomo. Che si pratichi o meno la verità è in relazione con il raggiungimento di una reale statura morale. Se non pratichi la verità e se non agisci rettamente o ti lasci sopraffare dalle emozioni e ti preoccupi della carne, allora sei ben lontano dall’osservanza dei comandamenti. Questa è la lezione più profonda. Ci sono molte verità cui l’uomo deve accedere e che deve comprendere in ogni età. Ma ci sono differenti comandamenti che accompagnano le verità in ciascuna età. La verità che l’uomo pratica è in relazione all’età e anche i comandamenti osservati dall’uomo sono in relazione all’età. Ogni età possiede le sue verità da mettere in pratica e i suoi comandamenti da osservare. Tuttavia, in base ai differenti comandamenti promulgati da Dio, cioè in base alle differenti età, lo scopo e l’effetto della pratica della verità differiscono in modo sostanziale. Si può dire che i comandamenti servano la verità e che la verità esista per alimentare i comandamenti. Se ci fosse solo la verità, non ci sarebbero cambiamenti nell’opera di Dio di cui parlare. Tuttavia, facendo riferimento ai comandamenti, l’uomo è in grado di identificare l’entità dinamica del lavoro svolto dallo Spirito Santo e può conoscere l’età in cui Dio opera. Nella religione, ci sono molte persone che possono mettere in pratica le verità esercitate dall’uomo dell’Età della Legge. Tuttavia, non hanno i comandamenti della nuova età e non possono osservare i comandamenti della nuova età. Essi osservano il vecchio approccio e sono simili a degli esseri umani primitivi. Non sono accompagnati dalla nuova modalità di lavoro e non sono in grado di vedere i comandamenti della nuova età. In quanto tale, l’opera di Dio è assente. Essi sono come un uomo che regge in mano un guscio d’uovo vuoto: non c’è spirito se non c’è un pulcino dentro. Per dirla con maggiore precisione, non c’è vita. Uomini così non sono entrati nella nuova età e sono rimasti indietro di molti passi. Pertanto, non serve a nulla che tu abbia la verità delle passate età, se non hai i comandamenti della nuova età. Molti di voi praticano la verità di questo tempo ma non osservano i comandamenti di questo tempo. Non otterrete nulla, la verità che praticate sarà priva di importanza e di significato e Dio non la apprezzerà. La verità deve essere praticata nel modo in cui lo Spirito Santo opera oggi; deve essere praticata seguendo la voce del Dio concreto di oggi. Senza di ciò, tutto è privo di valore, come attingere acqua con un cestino di bambù. Questo è il significato pratico della promulgazione dei comandamenti della nuova età. Se disponi di una conoscenza approfondita dell’opera dello Spirito Santo nel tempo corrente ed entri nella modalità di lavoro di oggi, capirai naturalmente l’essenza dell’osservanza dei comandamenti. Se verrà il giorno in cui comprenderai l’essenza dei comandamenti della nuova età e sarai in grado di osservare i comandamenti, significa che per allora sarai stato portato a perfezione. Questo è il significato reale della pratica della verità e dell’osservanza dei comandamenti. Che tu possa praticare la verità o no dipende da come percepisci l’essenza dei comandamenti della nuova età. L’opera dello Spirito Santo apparirà continuamente all’uomo e Dio esigerà dall’uomo sempre di più. Pertanto, le verità che l’uomo effettivamente pratica saranno più numerose e più grandi e gli effetti dell’osservanza dei comandamenti sarà più profonda. Pertanto, dovete praticare la verità e osservare i comandamenti allo stesso tempo. Nessuno deve trascurare questo aspetto. Fate sì che la nuova verità e i nuovi comandamenti comincino nello stesso momento in questa nuova età.