Capitolo 120

Sion! Esulta! Sion! Canta a voce alta! Sono ritornato in trionfo, sono ritornato vittorioso! O tutti voi popoli! Correte a mettervi ordinatamente in fila! O tutte voi cose del creato! Fermatevi adesso, poiché la Mia persona Si trova davanti all’intero universo e Si manifesta nell’Oriente del mondo! Chi osa non inginocchiarsi in adorazione? Chi osa non chiamarMi il vero Dio? Chi osa non alzare lo sguardo con venerazione? Chi osa non esprimere lode? Chi osa non esultare? Il Mio popolo udirà la Mia voce, e i Miei figli sopravvivranno nel Mio Regno! Le montagne, i fiumi e tutte le cose applaudiranno all’infinito e piroetteranno incessantemente. In quel momento nessuno oserà retrocedere, nessuno oserà insorgere per opporre resistenza. Questo è il Mio meraviglioso atto, ma più ancora è la Mia grande potenza! Farò sì che ogni cosa Mi veneri dal profondo del cuore e, per di più, farò in modo che ogni cosa Mi lodi! Questo è lo scopo ultimo del Mio piano di gestione di seimila anni ed è ciò che ho predisposto. Nessun uomo, oggetto o evento osa insorgere e opporMi resistenza o avversarMi. Tutto il Mio popolo convergerà verso la Mia montagna (ossia il mondo che creerò in seguito) e si sottometterà davanti a Me perché Io ho maestà e giudizio e detengo l’autorità. (Ciò si riferisce a quando Io sono nel corpo. Ho autorità anche nella carne, ma poiché nella carne non si possono superare le limitazioni del tempo e dello spazio, non si può dire che Io abbia ottenuto la gloria completa. Sebbene Io ottenga i primogeniti nella carne, non si può dire che Io abbia ottenuto la gloria. Solo quando ritorno a Sion e modifico la Mia forma si può dire che Io detenga l’autorità, ossia che Io abbia ottenuto la gloria.) Niente sarà difficile per Me. Tutto sarà distrutto dalle parole fuoriuscite dalla Mia bocca, tutto nascerà e sarà reso completo dalle parole fuoriuscite dalla Mia bocca. Tali sono la Mia grande potenza e la Mia autorità. Poiché sono colmo di potenza e ben fornito di autorità, nessuno ha potuto osare ostacolarMi. Ho già trionfato su tutto e ho già conquistato la vittoria su tutti i figli della ribellione. Sto radunando i Miei primogeniti per ritornare a Sion. Non sto ritornando a Sion da solo. Per questo motivo in tutti, alla vista dei Miei primogeniti, scaturirà un cuore colmo di riverenza per Me. È questo lo scopo che perseguo ottenendo i primogeniti, ed è il Mio piano fin da quando è stato creato il mondo.

Quando tutto sarà pronto, quello sarà il giorno del Mio ritorno a Sion, e tale giorno sarà commemorato da tutte le genti. Quando ritornerò a Sion, tutte le cose sulla terra si zittiranno, e tutti sulla terra saranno in pace. Quando ritornerò a Sion, tutto assumerà nuovamente l’aspetto originario. In quel momento avvierò la Mia opera a Sion: punirò i malvagi e ricompenserò i buoni, e metterò in vigore la Mia giustizia e compirò il Mio giudizio. Userò le Mie parole per adempiere ogni cosa e farò sperimentare a tutti e a tutto la Mia mano che castiga. Farò vedere a tutti gli uomini tutta la Mia gloria, saggezza e munificenza. Nessuno oserà insorgere esprimendo un giudizio, perché in Me ogni cosa si completa; e qui si faccia in modo che ogni uomo veda tutta la Mia dignità e gusti la Mia vittoria completa, poiché in Me vengono manifestate tutte le cose. Da questo si può vedere la Mia grande potenza e la Mia autorità. Nessuno oserà offenderMi, e nessuno oserà ostacolarMi. In Me, tutto è messo alla luce del sole; chi oserebbe nascondere qualcosa? Certamente non mostrerei alcuna misericordia a chi lo facesse! I disgraziati come loro devono ricevere la Mia severa punizione e una feccia tale deve essere cancellata dalla Mia vista. Li governerò con una verga di ferro e userò la Mia autorità per giudicarli, senza un briciolo di misericordia e senza risparmiare affatto i loro sentimenti, poiché Io sono Dio Stesso che è privo di emozioni ed è maestoso e non può essere offeso. Tutti dovrebbero capirlo e vederlo per evitare di essere da Me abbattuti e annientati “senza causa né motivo”, poiché la Mia verga abbatterà tutti coloro che Mi offendono. Non Mi importa se conoscono o no i Miei decreti amministrativi; per Me non avrà alcuna rilevanza poiché la Mia persona non tollera offese da nessuno. Questo è il motivo per cui si dice che Io sono un leone; chiunque Io tocchi, lo abbatto. Per questo si dice che adesso chi afferma che Io sia il Dio della compassione e della benevolenza bestemmia contro di Me. In sostanza, non sono un agnello ma un leone. Nessuno osa offenderMi e chiunque lo faccia sarà da Me punito con la morte, immediatamente e senza pietà! Da questo si può ben vedere la Mia indole. Pertanto, nell’età finale, un nutrito gruppo farà marcia indietro, e per gli uomini sarà una cosa difficile da sopportare, ma per quanto Mi riguarda Io sono rilassato e contento e non lo considero affatto un compito difficile. Tale è la Mia indole.

Spero che tutti abbiano un cuore docile per obbedire a tutto ciò che proviene da Me; se così sarà, impartirò certamente grandi benedizioni all’umanità perché, come ho detto, coloro che sono compatibili con Me saranno preservati, mentre coloro che sono ostili verso di Me saranno maledetti. Ho disposto così e nessuno può modificarlo. Le cose che ho stabilito sono cose che ho ottenuto, e chiunque si metta contro di esse sarà subito castigato. A Sion ho tutto ciò che Mi serve e tutto ciò che desidero. A Sion non vi è traccia del mondo e rispetto al mondo è un palazzo grandioso e ricco, ma nessuno ci è mai entrato e pertanto nell’immaginazione dell’uomo non esiste affatto. La vita a Sion è diversa dalla vita sulla terra; sulla terra la vita è mangiare, vestirsi, giocare e ricercare piaceri, mentre a Sion è molto diversa. È la vita del Padre e dei figli immersi nella gioia, che colmano sempre l’intero spazio dell’universo ma al tempo stesso si congiungono all’unisono. Ora che la situazione è giunta a questo punto, vi dirò dove è situata Sion. Sion è dove Io risiedo; è l’ubicazione della Mia persona. Pertanto, Sion deve essere un luogo sacro e deve trovarsi lontano dalla terra. Per questo dico che disprezzo gli uomini, le cose e le questioni della terra, e detesto mangiare, bere, giocare e ricercare il piacere della carne: perché, per quanto godibili siano i piaceri terreni, non c’è paragone con la vita a Sion; è la differenza tra il cielo e la terra e non vi è modo di confrontare le due cose. Il motivo per cui vi sono tanti enigmi che l’uomo sulla terra non sa risolvere è che gli esseri umani non hanno sentito nulla riguardo a Sion. Bene, dov’è Sion di preciso? È su un altro pianeta, come gli esseri umani si immaginano? No! Quella è soltanto una fantasia della mente umana. L’uomo ritiene che il terzo cielo da Me citato abbia un significato prefigurativo, ma quello che gli uomini capiscono in base alle loro nozioni è l’esatto contrario di ciò che Io intendo. Il terzo cielo di cui parlo qui non è minimamente falso. Per questo dico che non distruggerò il sole, la luna, le stelle e i corpi celesti, e non eliminerò cielo e terra. Potrei forse distruggere il luogo della Mia dimora? Potrei forse eliminare il monte Sion? Non è ridicolo? Il terzo cielo è il luogo della Mia dimora, è il monte Sion, e questo è assoluto. (Perché dico che è assoluto? Perché ciò che dico adesso non può essere affatto capito dall’uomo, che può solo sentirlo dire. La portata del pensiero umano non è proprio in grado di abbracciarlo e pertanto non dirò altro riguardo a Sion per evitare che gli esseri umani lo considerino un’invenzione.)

Dopo che sarò ritornato a Sion, coloro che si trovano sulla terra continueranno a lodarMi come in passato. Quei servitori leali aspetteranno come sempre di renderMi servizio, ma la loro funzione dovrà giungere al termine. La cosa migliore che possano fare è riflettere sulle circostanze della Mia presenza sulla terra. In quel momento comincerò a infliggere disastri a coloro che subiranno le calamità; eppure tutti credono che Io sia un Dio giusto. Certamente non punirò quei servitori leali, ma farò solo in modo che ricevano la Mia grazia. Infatti ho detto che punirò tutti i malfattori e che quanti compiono buone azioni riceveranno il godimento materiale conferito da Me, a dimostrazione del fatto che Io sono il Dio Stesso di giustizia e fedeltà. Dopo avere fatto ritorno a Sion comincerò a rivolgerMi a ogni nazione del mondo; condurrò alla salvezza gli Israeliti e castigherò gli Egiziani. Questa è la prossima fase della Mia opera. La Mia opera in quel momento non sarà la stessa di oggi: non sarà l’opera nella carne ma trascenderà completamente la carne: sarà fatta come Io ho detto, e sarà salda come Io ho comandato. Qualunque cosa sia detta, fintanto che sia pronunciata dalla Mia bocca sarà subito realizzata nella realtà; questo è il vero significato del fatto che la Mia parola venga detta e che la sua realizzazione abbia luogo nello stesso momento, poiché la Mia parola stessa è autorità. Adesso sto parlando di alcune cose generiche per dare agli esseri umani sulla terra qualche indizio in modo che non brancolino nel buio. Quando arriverà quel momento, tutto sarà da Me predisposto e nessuno dovrà agire intenzionalmente onde non essere abbattuto dalla Mia mano. Nell’immaginazione degli uomini tutto ciò di cui Io parlo è vago, perché, dopotutto, il modo di pensare dell’uomo è limitato, e il pensiero umano dista da ciò di cui Io ho parlato come la terra dal cielo. Pertanto nessuno può capirlo e l’unica cosa da fare è entrare in allineamento con ciò che Io dico; questo è il decorso inevitabile delle cose. Ho detto: “Negli ultimi giorni la bestia emergerà per perseguitare il Mio popolo e coloro che temono la morte saranno contrassegnati da un sigillo per essere portati via dalla bestia. Coloro che Mi hanno visto saranno uccisi dalla bestia”. La “bestia” di queste parole si riferisce indubbiamente a Satana, l’ingannatore dell’umanità. Questo significa che quando ritornerò a Sion un vasto gruppo di servitori si ritirerà, ossia verrà portato via dalla bestia. Queste creature finiranno tutte nel pozzo dell’abisso per ricevere il Mio castigo eterno. “Coloro che Mi hanno visto” indica quei leali servitori che sono stati conquistati da Me. “AverMi visto” si riferisce all’essere stati conquistati da Me. “Uccisi dalla bestia” si riferisce al fatto che Satana, conquistato da Me, non osa insorgere per opporMisi. Vale a dire, Satana non oserà compiere alcuna opera su questi servitori e pertanto le anime di costoro saranno state salvate; dico questo a causa della loro capacità di essere leali verso di Me, e significa che quei leali servitori potranno ricevere la Mia grazia e la Mia benedizione. Pertanto dico che le loro anime saranno state salvate. (Questo non si riferisce all’ascensione al terzo cielo, che è soltanto una nozione dell’uomo.) Ma quei servi malvagi saranno di nuovo vincolati da Satana e poi verranno gettati nel pozzo dell’abisso. Questa è la Mia punizione per loro; questo è il loro castigo ed è la ricompensa per i loro peccati.

Man mano che il ritmo della Mia opera accelera, il Mio tempo sulla terra a poco a poco si accorcia. La data del Mio ritorno a Sion si avvicina. Quando la Mia opera sulla terra sarà giunta al termine sarà per Me il momento di ritornare a Sion. Non desidero affatto vivere sulla terra ma per via della Mia gestione, per via del Mio piano, ho sopportato tutte le sofferenze. Oggi è già arrivato il momento. Accelererò il Mio ritmo e nessuno riuscirà a stare al passo con Me. Che gli esseri umani possano comprenderlo o no, vi dirò in dettaglio tutto ciò che l’uomo è incapace di comprendere ma che voi sulla terra dovete conoscere. Pertanto dico che Io sono Dio Stesso che trascende il tempo e lo spazio. Se non fosse stato allo scopo di ottenere i primogeniti sconfiggendo così Satana, sarei già ritornato a Sion; se fosse altrimenti, non avrei proprio creato l’umanità. Disprezzo il mondo dell’uomo e detesto le persone che sono separate da Me, al punto di valutare se distruggere l’intera umanità in un colpo solo. Tuttavia la Mia opera è dotata di ordine e struttura, di un senso della proporzione e moderazione, non è disordinata. Tutto ciò che faccio è volto a sconfiggere Satana e ancor più a consentirMi di essere il più presto possibile assieme ai Miei primogeniti. Questo è il Mio scopo.

Pagina precedente: Capitolo 119

Pagina successiva: Introduzione

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Chatta con noi su Messenger
Chatta con noi su WhatsApp

Contenuti correlati

Lavoro e ingresso (6)

Opera e ingresso sono intrinsecamente pratici e si riferiscono all’opera di Dio e all’ingresso dell’uomo. La completa mancanza di...

L’esperienza

Le esperienze di Pietro si sono svolte tra mille prove. Gli uomini di oggi, pur essendo a conoscenza del termine “prova”, non hanno...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Linea Spazio

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro