La Parola appare nella carne

Contenuti

Solo tramite l’esperienza dell’affinamento l’uomo può veramente amare Dio

In che modo l’uomo dovrebbe amare Dio durante l’affinamento? Quando hanno sperimentato l’affinamento, durante questa esperienza le persone sono in grado di lodare veramente Dio e di rendersi conto di quanto siano carenti. Più grande è il tuo affinamento, più sarai in grado di rinunciare alla carne; maggiore è il loro affinamento, più grande sarà l’amore delle persone verso Dio. Ecco quello che dovete comprendere. Perché si deve essere affinati? Quali effetti si mira a raggiungere? Qual è il significato dell’opera di affinamento dell’uomo da parte di Dio? Se veramente cerchi Dio, dopo aver sperimentato il Suo affinamento fino a un certo punto, sentirai che è tanto positivo ed estremamente necessario. In che modo l’uomo dovrebbe amare Dio durante l’affinamento? Continuando a decidere di amarLo per accettare il Suo affinamento: durante il processo, sei tormentato interiormente, come se ti venisse rigirato un coltello nel cuore, tuttavia desideri soddisfare Dio utilizzando il tuo cuore che Lo ama e sei restio a preoccuparti della carne. Ecco cosa significa praticare l’amore di Dio. Provi un dolore interiore e la tua sofferenza ha raggiunto un certo livello, tuttavia sei ancora pronto ad andare di fronte a Dio, a pregare dicendo: “O Dio! Non posso lasciarTi. Sebbene in me vi siano tenebre, desidero soddisfarTi; conosci il mio cuore e vorrei che Tu impiegassi più amore dentro di me”. Ecco l’allenamento che si effettua durante l’affinamento. Se utilizzi l’amore di Dio come fondamento, l’affinamento può portarti più vicino a Dio e farti entrare in maggiore intimità con Lui. Poiché credi in Dio, devi consegnare il tuo cuore a Lui. Se offri e deponi il tuo cuore di fronte a Dio, durante l’affinamento ti sarà impossibile rinnegare Dio o lasciarLo. In questo modo, la tua relazione con Dio diventerà ancora più stretta, e addirittura più normale, e la tua comunione con Dio diventerà sempre più assidua. Se segui sempre questa via, passerai più tempo alla luce di Dio, e più tempo sotto la guida delle Sue parole. Ci saranno sempre più cambiamenti nella tua indole e la tua conoscenza aumenterà giorno dopo giorno. Quando arriva il momento e le prove di Dio ti cadono addosso improvvisamente, sarai non solo in grado di rimanere al Suo fianco, ma anche di renderGli testimonianza. In quel momento, sarai simile a Giobbe e a Pietro. Avendo reso testimonianza a Dio, Lo amerai veramente e sacrificherai con gioia la tua vita per Lui; sarai il testimone di Dio e una persona che è amata da Lui. L’amore che ha sperimentato l’affinamento è forte e non certo debole. A prescindere da quando o come Dio ti assoggetti alle Sue prove, sarai in grado di preoccuparti non tanto di vivere o morire, quanto di mettere gioiosamente da parte ogni cosa per amore di Dio e di sopportare qualsiasi cosa per Lui, e così il tuo amore sarà puro e la tua fede reale. Solo allora, sarai qualcuno che è veramente amato da Dio e che è stato realmente reso perfetto da Lui.

Se le persone cadono sotto l’influsso di Satana, non avranno più l’amore di Dio interiormente, e scompariranno le precedenti visioni, amore e risolutezza. Le persone erano abituate a pensare di dover soffrire per Dio, ma oggi ritengono che ciò sia vergognoso e non risparmiano sicuramente lamentele. Questo è il lavoro di Satana; mostra che l’uomo è caduto sotto il dominio di Satana. Se stai attraversando un momento simile, devi pregare, e prendere un’altra strada appena possibile. Questo ti proteggerà dagli attacchi di Satana. Durante un difficile affinamento l’uomo può più facilmente cadere preda dell’influsso di Satana. Quindi, in che modo dovresti amare Dio durante un simile affinamento? Dovresti fare appello alla tua volontà, deporre il tuo cuore davanti a Dio e consacrarGli anche i più piccoli momenti. Indipendentemente da come Dio ti affini, dovresti essere capace di mettere in pratica la verità per compiere la Sua volontà, e dovresti importi di cercare Dio e la comunione con Lui. In momenti come questi, più sei passivo, più diventerai negativo e più ti sarà facile regredire. Quando ti è necessario adempiere la tua funzione, anche se non lo fai bene, devi fare tutto ciò che puoi, e farlo utilizzando null’altro che il tuo amore per Dio; a prescindere da ciò che dicono gli altri, ovvero che tu abbia fatto bene o male, le tue motivazioni sono corrette e non sei presuntuoso, perché stai agendo in nome di Dio. Quando altri ti fraintendono, puoi pregare Dio, affermando: “O Dio! Non chiedo che gli altri mi tollerino né che mi perdonino. Chiedo solo di poterTi amare nel mio cuore, di essere sicuro nel mio cuore e che la mia coscienza sia pulita. Non chiedo che altri mi lodino o mi tengano in grande stima; cerco solo di soddisfarTi dal mio cuore, adempio il mio ruolo facendo tutto ciò che posso e, anche se sono folle, stupido, di bassa levatura e cieco, so che Tu sei amorevole e voglio consacrare tutto ciò che ho a Te”. Non appena preghi in questo modo, il tuo amore per Dio emerge e nel tuo cuore ti senti molto più sicuro. Ecco cosa significa praticare l’amore di Dio. Durante la tua esperienza, fallirai due volte e avrai successo una, oppure fallirai cinque volte e avrai successo due e, procedendo nell’esperienza in questo modo, solo in mezzo ai fallimenti potrai vedere l’amabilità di Dio e scoprire quello che ti manca interiormente. Quando incontri tali situazioni, la prossima volta, dovresti mettere in guardia te stesso, fortificare i tuoi passi e pregare più spesso. Svilupperai gradualmente la capacità di trionfare in tali situazioni. Quando ciò avverrà, le tue preghiere saranno state efficaci. Quando vedrai che per una volta ce l’hai fatta, sarai gratificato interiormente e, mentre preghi, riuscirai a sentire Dio e la presenza dello Spirito Santo che non ti ha abbandonato. Solo allora conoscerai il modo in cui Dio opera dentro di te. La pratica condotta in questo modo ti fornirà un sentiero per l’esperienza. Se non metti in pratica la verità, sarai privato della presenza dello Spirito Santo dentro di te, ma se la metti in pratica, anche soffrendo interiormente, dopo che lo Spirito Santo sarà con te, quando pregherai potrai sentire la presenza di Dio, avrai la forza di mettere in pratica le parole di Dio e durante la comunione con fratelli e sorelle non ci sarà niente a gravare sulla tua coscienza e ti sentirai in pace. In questo modo, potrai portare alla luce ciò che hai fatto. A prescindere da quanto dicano gli altri, sarai in grado di avere una relazione normale con Dio. Non sarai obbligato da altri, potrai sollevarti sopra ogni cosa, e così dimostrerai che il tuo modo di mettere in pratica le parole di Dio è stato efficace.

Più grande è l’affinamento di Dio, più il cuore delle persone è in grado di amarLo. Il tormento dei loro cuori va a beneficio della loro vita, sono più capaci di essere in pace di fronte a Dio, la loro relazione con Lui è più stretta e riescono meglio a vedere il supremo amore di Dio e la Sua somma salvezza. Pietro sperimentò l’affinamento centinaia di volte e Giobbe sopportò diverse prove. Se desiderate essere resi perfetti da Dio, anche voi dovrete sottoporvi all’affinamento centinaia di volte; solo se dovete passare attraverso questo processo e basarvi su tale passo, potete soddisfare la volontà di Dio ed essere resi perfetti da Lui. L’affinamento è il mezzo migliore tramite il quale Dio rende le persone perfette. Solo l’affinamento e le dure prove possono far sbocciare il vero amore di Dio nel cuore dell’uomo. Senza sofferenze, le persone sono prive del vero amore per Dio; se non vengono messe alla prova interiormente e non sono concretamente assoggettate all’affinamento, il loro cuore rimarrà sempre fluttuante nel mondo esterno. Dopo essere stato affinato fino a un certo punto, potrai vedere le tue debolezze e difficoltà, vedrai quanto ti manca e capirai che sei incapace di superare i molti problemi che incontri, e inoltre vedrai quanto grande sia la tua disobbedienza. Solo durante le prove, le persone possono veramente conoscere il loro stato effettivo, e le prove predispongono maggiormente le persone a essere rese perfette.

Nel corso della sua vita, Pietro sperimentò l’affinamento centinaia di volte e dovette sopportare molti travagli dolorosi. L’affinamento divenne il fondamento del suo supremo amore per Dio e l’esperienza più significativa della sua intera vita. Il suo possesso di un supremo amore per Dio fu, in un certo senso, dovuto alla sua decisione di amare Dio, ma soprattutto all’affinamento e alla sofferenza che dovette affrontare. La sofferenza divenne la sua guida nella strada dell’amore per Dio e la cosa più indimenticabile per lui. Se le persone non affrontano la sofferenza dell’affinamento quando amano Dio, il loro amore è pieno di spontaneità e delle loro preferenze; tale tipo di amore è pieno delle idee di Satana ed è semplicemente incapace di soddisfare la volontà di Dio. Aver preso la decisione di amare Dio non equivale ad amare veramente Dio. Anche se tutto ciò che pensano nei loro cuori è allo scopo di amare Dio, e di soddisfarLo, come se i loro pensieri fossero privi di idee umane, e fossero tutti per l’amore di Dio, quando tali pensieri vengono presentati di fronte a Dio, non sono lodati o benedetti da Lui. Anche quando le persone hanno compreso completamente tutte le verità, e sono arrivate a conoscerle per intero, non si può dire che ciò sia un segno del loro amore per Dio, non si può affermare che esse amino veramente Dio. Nonostante abbiano compreso molte verità, se non hanno affrontato l’affinamento, le persone sono incapaci di mettere in pratica tali verità. Solo nel corso dell’affinamento le persone comprendono il vero significato di tali verità, e solo allora possono apprezzarne il senso più profondo. In quel momento, quando ci riprovano, riescono a mettere in pratica le verità correttamente e in armonia con la volontà di Dio; in quel momento, le loro idee umane perdono forza, la loro spontaneità umana viene ridotta e le loro emozioni umane vengono diminuite; solo in quel momento la loro pratica diventa una vera manifestazione dell’amore di Dio. L’effetto della verità dell’amore di Dio non viene raggiunto attraverso una conoscenza fatta di parole o una disposizione mentale, e non può essere ottenuto semplicemente tramite la comprensione. È necessario pagare un prezzo, e che le persone affrontino tanta amarezza durante l’affinamento, perché solo allora il loro amore diverrà puro e in armonia con il cuore Stesso di Dio. Nella richiesta di amore da parte dell’uomo, Dio non esige che ciò avvenga tramite la passione o la spontaneità; l’uomo può amarLo veramente solo attraverso la lealtà e l’uso della verità al fine di servirLo. Ma l’uomo è immerso nella spontaneità e quindi è incapace di usare la verità e la lealtà per servire Dio. È troppo passionale o troppo freddo e incurante nei confronti di Dio, ama Dio all’estremo o Lo detesta all’estremo. Coloro che vivono in mezzo alla spontaneità vivono sempre tra questi due estremi, in uno stato senza verità, e credono di essere nel giusto. Sebbene abbia proposto questo tema tantissime volte, le persone non riescono a prenderlo sul serio, sono incapaci di afferrarne completamente l’importanza, e per questo vivono immerse nella fede dell’autoinganno, e nell’illusione dell’amore di Dio privo di verità. Nel corso della storia, a mano a mano che l’umanità si è evoluta e sono passate le ere, i requisiti di Dio per l’uomo sono diventati sempre più elevati ed Egli ha richiesto sempre più che l’uomo fosse assoluto nei Suoi confronti. La conoscenza di Dio da parte dell’uomo è diventata sempre più vaga e astratta e nello stesso tempo il suo amore per Dio è diventato sempre più impuro. Lo stato dell’uomo e tutto ciò che fa sono sempre più in contrasto con la volontà di Dio, perché l’uomo è diventato sempre più profondamente corrotto da Satana. Ciò richiede che Dio compia un’opera di salvezza maggiore e più ampia. L’uomo sta diventando sempre più esigente nel suo bisogno di Dio ma il suo amore per Dio continua a diminuire. Le persone vivono nella disobbedienza, senza la verità, e vivono vite senza umanità. Non solo non hanno il minimo amore per Dio, ma abbondano in disobbedienza e ribellione. Anche se ritengono di manifestare il massimo amore per Dio, e che non potrebbero essere più accondiscendenti nei Suoi riguardi, Dio non la pensa affatto così. Gli è perfettamente chiaro quanto sia contaminato l’amore che l’uomo ha per Lui, non ha mai cambiato opinione sull’uomo, per la sua compiacenza, né ha mai ricambiato la buona volontà dell’uomo come risultato della sua devozione. A differenza dell’uomo, Dio è capace di discernere la differenza: Egli conosce chi Lo ama veramente e chi no, e invece di lasciarSi sopraffare dal fervore e di perdere Sé Stesso a causa dell’impulso momentaneo dell’uomo, Egli tratta l’uomo in base alla sua essenza e al suo comportamento. Dopo tutto, Dio è Dio, e ha la Sua dignità e il Suo discernimento; dopo tutto, l’uomo è uomo, e Dio non sarà confuso per l’amore di un uomo che è in contrasto con la verità. Al contrario, Egli considera tutto ciò che l’uomo fa in modo appropriato.

Di fronte allo stato dell’uomo e al suo atteggiamento verso di Lui, Dio ha compiuto una nuova opera, consentendo all’uomo di possedere sia la conoscenza sia l’obbedienza nei Suoi confronti e anche amore e testimonianza. Quindi, l’uomo deve sperimentare l’affinamento da parte di Dio, e anche il Suo giudizio, il Suo trattamento e la Sua potatura, senza le quali l’uomo non conoscerebbe mai Dio e non sarebbe mai capace di amarLo veramente e di renderGli testimonianza. L’affinamento dell’uomo da parte di Dio non avviene solo con lo scopo di ottenere un effetto unilaterale, ma con l’intento di un effetto multiforme. Solo in questo modo Dio compie l’opera di affinamento in coloro che desiderano cercare la verità, affinché la determinazione e l’amore dell’uomo siano resi perfetti da Dio. Per coloro che desiderano cercare la verità e che bramano Dio, niente è più significativo e di maggiore aiuto che un affinamento di questo tipo. L’indole di Dio non è così facilmente conosciuta o compresa dall’uomo, perché, in ultima analisi, Dio è Dio. In ultima analisi, è impossibile che Dio abbia la stessa indole dell’uomo, e di conseguenza non è semplice per l’uomo conoscere la Sua indole. L’uomo non possiede la verità come qualcosa di innato, e non viene compresa facilmente da coloro che sono stati corrotti da Satana; l’uomo è sprovvisto della verità e della determinazione a metterla in pratica, e se non soffre e non viene affinato o giudicato, la sua determinazione non sarà mai resa perfetta. Per tutti, l’affinamento è straziante e molto difficile da accettare, ma è durante questo processo che Dio rende palese la Sua giusta indole nei riguardi dell’uomo, rende pubblici i Suoi requisiti per l’uomo, fornisce più luce, e più potatura e trattamento effettivi; attraverso il confronto tra i fatti e la verità, Egli concede all’uomo una maggiore conoscenza di sé stesso e della verità, e dà all’uomo una maggiore comprensione della Sua volontà, consentendogli così di avere un amore per Dio più vero e più puro. Questi sono gli obiettivi di Dio nell’esecuzione dell’affinamento. Tutta l’opera che Dio compie nell’uomo ha i propri scopi e il proprio senso; Dio non compie opere senza senso, e non compie nessuna opera che sia priva di beneficio all’uomo. L’affinamento non significa che l’uomo venga rimosso dagli occhi di Dio e nemmeno che egli venga distrutto nell’inferno, bensì significa modifica dell’indole dell’uomo, cambiamento delle sue motivazioni, dei suoi vecchi punti di vista, del suo amore per Dio e della sua intera vita. Per l’uomo, l’affinamento è una vera prova e una forma di autentico allenamento. Solo durante l’affinamento l’amore può svolgere la sua funzione intrinseca.