203 Riflessioni di uno che cerca di compiacere gli altri

1 Fin dalla tenera età ho ricevuto un’educazione satanica, e le filosofie di Satana erano il mio credo. Cercavo di rimanere neutrale, stando attento a non offendere nessuno. Nel trattare con gli altri avevo il sorriso sul volto, le maniere cordiali, però nessuno sapeva indicare i miei pensieri interiori. Scrutavo a fondo le cose, ma non ne parlavo mai; anche se mi venivano le parole alle labbra, preferivo il silenzio. “Chi è sensato si tutela” era divenuto il mio principio per trattare con gli altri nel mondo. Fra la giustizia e i miei interessi, non potevo evitare di scegliere i secondi. Mi definivano “gentile”, ma non riuscivo a liberarmi del senso di colpa che avevo nel cuore.

2 Dopo anni di fede in Dio, continuavo a svolgere il mio dovere secondo la mia filosofia di vita. Vedevo il danno arrecato agli interessi della Chiesa, ma non osavo attenermi ai principi. Per tutelare me stesso proteggevo i malvagi, offendendo l’indole di Dio. Disprezzato da Dio, sono precipitato nelle tenebre, dove mi dibattevo nel dolore. Ogni parola del giudizio di Dio mi sferzava la coscienza. Solo tramite questa severa rivelazione ho visto chiaramente la mia natura satanica. Ero egoista e meschino, ipocrita, incline a tradire Dio da un momento all’altro. Ero veramente un fantoccio di Satana, privo di senso di giustizia, e danneggiavo me stesso e gli altri.

3 Dopo avere sperimentato il giudizio, finalmente ho visto la mia essenza: ero uno che cercava di compiacere gli altri. Ero viscido e falso e non provavo alcuna riverenza per Dio. Ero capace di fare il male e di oppormi a Dio. Mi disprezzavo per avere commesso tante trasgressioni a cui era difficile porre rimedio. Mi odiavo ancor più e anelavo a pentirmi quanto prima. L’essenza di Dio è degna di fede e giusta. Egli ama chi è sincero. Desidero voltare le spalle a Satana e amare Dio con tutto il cuore. Sarò una persona sincera, ricercherò la verità in tutte le cose e vivrò secondo le parole di Dio. Essere sinceri e schietti, sapere che cosa amare e che cosa odiare: questo significa essere particolarmente benedetti da Dio. Le persone sincere hanno vere sembianze umane; vivranno per sempre nella luce.

Pagina precedente: 202 L’amore di Dio risveglia il mio cuore

Pagina successiva: 204 Il risveglio di una brava persona

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

210 Come cercare le orme di Dio

IPer trovare le orme di Dio,dobbiamo cercare la Sua volontà,cercar le parole e i discorsi di Dio.Dove ci son le Sue nuove parole,là c’è la...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro