Capitolo 73

Le Mie parole si adempiono non appena le pronuncio; sono immutabili e del tutto esatte. Ricordalo! Devi prendere attentamente in considerazione ogni singola parola ed espressione che fuoriesce dalla Mia bocca. Stai attentissimo, altrimenti rischieresti di subire perdite e ricevere solo il Mio giudizio, la Mia ira, il Mio fuoco. La Mia opera ora procede a passo assai spedito, ma non per questo è grossolana; è così sottilmente raffinata da risultare di fatto invisibile a occhio nudo, e da non poter essere afferrata da mano umana. È particolarmente meticolosa. Io non pronuncio mai parole vacue; tutto ciò che dico è vero. Devi convincerti che ogni Mia parola è vera e precisa. Non essere sconsiderato: è un momento cruciale! È in questo preciso momento che verrà stabilito se otterrai le benedizioni o la sventura, e la differenza è come quella fra cielo e terra. Se andrai in cielo o nell’Ade è del tutto sotto il Mio controllo. Coloro che andranno nell’Ade sono impegnati nell’ultima lotta mortale, mentre coloro che andranno in cielo stanno attraversando le ultime sofferenze e il loro ultimo spendersi per Me, mentre in futuro non faranno che gioire e lodare, senza tutte le banalità che preoccupano gli esseri umani (matrimonio, lavoro, fastidiose ricchezze, prestigio e così via). Invece per coloro che andranno nell’Ade la sofferenza è eterna (questo si riferisce allo spirito, all’anima e al corpo) ed è impossibile sottrarsi alla punizione inferta dalla Mia mano. Questi due gruppi sono incompatibili come fuoco e acqua. Non vi è confusione: coloro che subiscono sventure continueranno a subire sventure, mentre coloro che sono benedetti gioiranno a piacimento.

Tutti gli eventi e le cose sono controllati da Me, per non parlare del fatto che voi (figli Miei diletti) a Mi appartenete. Siete la cristallizzazione del Mio piano di gestione di 6.000 anni, i Miei tesori. Tutti coloro che amo sono gradevoli ai Miei occhi, perché Mi manifestano; tutti coloro che odio li disprezzo senza nemmeno guardarli, perché sono i discendenti di Satana e gli appartengono. Oggi ognuno deve esaminare se stesso: se le tue intenzioni sono giuste e Mi ami in modo autentico, di sicuro sarai amato da Me. Devi amarMi davvero e non ingannarMi! Io sono il Dio che scruta nell’intimo il cuore degli esseri umani! Se le tue intenzioni sono sbagliate e sei freddo e sleale nei Miei confronti, puoi star certo che sarai da Me odiato: non ti ho eletto né predestinato. Puoi aspettarti di andare all’inferno! Altri potrebbero non riuscire a vedere queste cose, ma le conosciamo soltanto tu e Io (il Dio che guarda nel profondo del cuore degli esseri umani). A un certo punto saranno tutte rivelate. Coloro che sono sinceri non devono essere ansiosi e coloro che sono insinceri non devono temere: rientra tutto nelle Mie sapienti disposizioni.

Il compito è urgente e gravoso e richiede che vi spendiate per Me un’ultima volta per portare a termine questa opera finale. Le Mie prescrizioni non sono poi così ardue: Mi basta che sappiate coordinarvi bene con Me, soddisfarMi in ogni cosa, seguire la guida che vi offro in voi. Non siate ciechi; fissate un obiettivo e sondate le Mie intenzioni sotto tutti gli aspetti e in ogni cosa. Questo perché Io non sono più un Dio a voi nascosto e questo vi deve risultare molto chiaro per poter comprendere le Mie intenzioni. Succederà a brevissimo che non solo incontrerete stranieri che ricercano la vera via ma, cosa ancora più importante, dovrete essere in grado di guidarli. È questa è la Mia intenzione urgente e se non lo capite non funzionerà, ma dovete credere nella Mia onnipotenza. Fintanto che le persone vanno bene, non mancherò sicuramente di addestrarle e trasformarle in bravi soldati. Tutto è stato da Me opportunamente predisposto. Dovete aspirare a soffrire per Me. Questo è il momento cruciale: non perdetevelo! Non mi soffermerò sulle cose che avete fatto in passato. Dovete pregare e supplicare spesso davanti a Me; vi conferirò grazia sufficiente perché ne possiate gioire e possiate farne uso. La grazia e le benedizioni non sono la stessa cosa. Quella di cui godete ora è la Mia grazia, che ai Miei occhi non è degna di menzione, mentre le benedizioni sono ciò di cui godrete all’infinito in futuro. Sono benedizioni che gli esseri umani non hanno mai concepito e non sono in grado di immaginare. Per questo dico che siete benedetti: è una benedizione di cui l’uomo non ha goduto mai da quando è avvenuta la creazione.

Vi ho già rivelato tutto di Me. Spero soltanto che possiate essere rispettosi verso il Mio cuore, dedicare i vostri pensieri a Me in ogni cosa che fate ed essere rispettosi verso di Me in tutto, e che Io possa sempre vedere il vostro volto sorridente. D’ora in poi, coloro che acquisiranno il rango di figli primogeniti saranno coloro che regneranno da re accanto a Me. Non subiranno prepotenze da parte di alcun fratello né saranno castigati o oggetto di trattamento da parte Mia, poiché questo è il Mio principio nel fare le cose: coloro che appartengono al gruppo dei figli primogeniti sono persone che gli altri disprezzano e hanno subìto prepotenze soffrendo tutte le vicissitudini della vita. (Li ho trattati e logorati in anticipo completandoli in anticipo.) Queste persone hanno già goduto con Me in anticipo delle benedizioni loro dovute. Io sono giusto e non dimostro mai parzialità verso nessuno.

Pagina precedente: Capitolo 72

Pagina successiva: Capitolo 74

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Dio Stesso, l’Unico IV

La santità di Dio (I)Durante il nostro ultimo incontro abbiamo avuto un’ulteriore condivisione sull’autorità di Dio e, per il momento, non...

Dio Stesso, l’Unico VII

Dio è la fonte di vita per tutte le cose (I)Panoramica sull’autorità, sull’indole giusta e sulla santità di DioQuando avete finito di...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro