Capitolo 43

Forse è solo per via dei Miei decreti amministrativi che gli esseri umani hanno manifestato “grande interesse” per le Mie parole. Se non fossero governati dai Miei decreti amministrativi, starebbero tutti ruggendo come tigri che sono appena state infastidite. Vago quotidianamente tra le nubi, osservando l’umanità che ricopre la terra e si aggira dandosi da fare, limitata da Me per mezzo dei Miei decreti amministrativi. In questo modo, il genere umano si mantiene in una situazione di ordine e così Io perpetuo i Miei decreti amministrativi. Da questo momento in avanti, coloro che sono sulla terra ricevono ogni sorta di castigo per via dei Miei decreti amministrativi e, mentre tali castighi discendono su di loro, tutta l’umanità emette un forte strepito e fugge in ogni direzione. In questo momento, le nazioni della terra periscono all’istante, i confini tra di esse cessano di esistere, un luogo non è più diviso da un altro, e non vi è nulla a dividere l’uomo dall’uomo. Comincio a compiere l’“opera ideologica” in mezzo all’umanità, affinché gli esseri umani possano coesistere pacificamente tra loro, senza più combattere e, a mano a mano che costruisco ponti e stabilisco connessioni nell’umanità, gli esseri umani si uniscono. Colmerò l’empireo con le manifestazioni delle Mie azioni e farò sì che tutto sulla terra si prostri sotto la Mia potenza, attuando il Mio piano di “unità mondiale” e portando a compimento questo Mio desiderio, affinché l’umanità non “vaghi” più sulla faccia della terra, ma trovi, senza indugio, una destinazione adatta. Mi preoccupo per l’umanità in ogni modo, facendo sì che l’intero genere umano possa presto giungere a vivere in una terra di pace e felicità, affinché i giorni della sua vita non siano più tristi e desolati e il Mio piano non finisca in nulla sulla terra. Siccome l’uomo vive sulla terra, vi edificherò la Mia nazione, poiché una parte della manifestazione della Mia gloria è sulla terra. In alto, nei cieli, sistemerò la Mia città e così rinnoverò ogni cosa sia in alto sia in basso. Riunirò in una sola unità tutto ciò che esiste sia al di sopra sia al di sotto dei cieli, affinché tutte le cose in terra si uniscano a ciò che è in cielo. Questo è il Mio piano, è ciò che attuerò nell’ultima età; che nessuno interferisca con questa parte della Mia opera! L’estensione della Mia opera alle nazioni dei gentili è l’ultima parte della Mia opera sulla terra. Nessuno è in grado di sondare l’opera che compirò, e così gli esseri umani sono totalmente sconcertati. E, poiché Io sono estremamente indaffarato con la Mia opera sulla terra, gli esseri umani colgono l’occasione per “trastullarsi”. Per impedire loro di essere troppo indisciplinati, li ho prima di tutto sottoposti al Mio castigo perché patiscano la disciplina dello stagno di fuoco. Questa è una fase della Mia opera, e userò la potenza dello stagno di fuoco per svolgere questa fase della Mia opera, altrimenti sarebbe impossibile portare a compimento la Mia opera. Farò sì che gli esseri umani dell’intero l’universo si sottomettano davanti al Mio trono, suddividendoli in varie categorie in base al Mio giudizio, classificandoli secondo tali categorie e separandoli ulteriormente nelle rispettive famiglie, affinché l’intera umanità cessi di disobbedirMi, disponendosi, invece, in una sistemazione precisa e ordinata, secondo le categorie che ho indicato; che nessuno si muova a casaccio! In tutto l’universo, ho compiuto una nuova opera; in tutto l’universo, l’intera umanità è sconcertata e ammutolita dalla Mia manifestazione improvvisa, i suoi orizzonti notevolmente ampliati dalla Mia aperta manifestazione. Oggi non è proprio così?

Ho compiuto il primo passo tra tutte le nazioni e tutte le genti, e ho avviato la prima parte della Mia opera. Non sconvolgerò il Mio piano per ricominciare daccapo: l’ordine dell’opera nelle nazioni dei gentili si basa sulla procedura della Mia opera in cielo. Quando tutti gli esseri umani alzano gli occhi per osservare ogni Mio gesto e azione, è allora che avvolgo il mondo in una nebbia. Subito gli occhi degli uomini si offuscano, essi sono incapaci di distinguere una qualche direzione, come pecore in una landa desertica e, quando comincia a rumoreggiare la burrasca, le loro urla sono soffocate dall’ululare del vento. Tra le raffiche di vento, si possono vagamente vedere forme umane, ma non si riesce a udire alcuna voce umana; anche se gli uomini urlano a squarciagola, lo sforzo è inutile. A questo punto, l’umanità piange e geme forte, sperando che dal cielo discenda all’improvviso un salvatore che la conduca fuori dal deserto illimitato. Tuttavia, per quanto grande sia la loro fede, il salvatore rimane irremovibile, e le speranze dell’uomo vengono infrante: il fuoco della fede che è stato acceso viene spento dalla burrasca proveniente dal deserto, e l’uomo giace prostrato in un luogo brullo e disabitato, senza mai più sollevare una torcia accesa, e resta privo di sensi… Cogliendo l’attimo, faccio apparire davanti agli occhi dell’uomo un’oasi. Tuttavia, mentre il cuore dell’uomo può essere colmo di gioia, il suo corpo è troppo fragile per reagire e le estremità rimangono deboli e fiacche; anche se egli vede i frutti bellissimi che crescono nell’oasi, gli manca la forza di coglierli, poiché le “risorse interne” dell’uomo si sono consumate del tutto. Io prendo le cose di cui l’uomo ha bisogno e gliele offro, ma tutto ciò che egli fa è abbozzare un sorriso fugace, col volto tristissimo: ogni briciolo di forza dell’umanità è scomparso senza lasciare traccia, svanendo nell’aria in movimento. Per questo motivo, il volto dell’uomo è totalmente privo di espressione, dai suoi occhi iniettati di sangue si irradia soltanto un unico raggio di affetto, con la benevolenza delicata di una madre che osserva suo figlio. Di quando in quando, le labbra secche e screpolate dell’uomo compiono un movimento pulsante, come se stesse per parlare ma gliene mancasse la forza. Io offro all’uomo dell’acqua, ma tutto ciò che fa è scrollare il capo. Da questi atti bizzarri e imprevedibili apprendo che l’uomo ha già perduto tutte le speranze in sé stesso e Mi sta solo osservando con uno sguardo di supplica negli occhi, come implorando per qualcosa. Ma Io, ignaro delle usanze e dei costumi dell’umanità, rimango sconcertato dalle sue espressioni facciali e dalle sue azioni. Solo a questo punto scopro all’improvviso che i giorni dell’esistenza dell’uomo stanno rapidamente volgendo al termine, e gli rivolgo uno sguardo di compassione. E solo a questo punto l’uomo mostra un sorriso di piacere, annuendo col capo verso di Me, come se avesse appagato ogni suo desiderio. L’umanità non è più triste; sulla terra, gli esseri umani non si lamentano più della vanità della vita e desistono da ogni rapporto con la “vita”. Da questo momento in poi, sulla terra non vi saranno più sospiri, e i giorni che il genere umano vivrà saranno colmi di delizia…

Sistemerò adeguatamente gli affari dell’uomo prima di accingerMi alla Mia opera, per evitare che l’umanità continui a intromettersi nella Mia opera. Gli affari dell’uomo non sono il Mio argomento principale, gli affari dell’umanità sono troppo insignificanti. Poiché l’uomo è così limitato nello spirito – sembra che l’umanità non sia disposta a mostrare misericordia nemmeno verso una formica, o che le formiche siano nemiche dell’umanità – vi è sempre discordia fra gli uomini. Ascoltando la discordia degli uomini, ancora una volta Mi allontano e non bado più alle loro storielle. Agli occhi dell’umanità, sono un “comitato condominiale”, specializzato nella risoluzione di “dispute familiari” fra i “residenti”. Quando gli esseri umani si presentano davanti a Me, invariabilmente espongono motivazioni personali e, con imperioso ardore, raccontano le loro “esperienze non comuni”, aggiungendo dei loro commenti mentre procedono. Osservo la condotta straordinaria degli esseri umani: il loro volto è ricoperto di polvere, una polvere che, sotto l’“irrigazione” del sudore, perde la propria “indipendenza” formando all’istante un composto col sudore, cosicché il volto degli uomini si “arricchisce” ulteriormente, come la sabbia su un litorale marino, su cui occasionalmente si vedono orme. I loro capelli assomigliano a quelli degli spettri dei morti, privi di lucentezza, ritti come pezzetti di paglia infilzati in un globo. Poiché l’uomo ha un temperamento troppo focoso, al punto che ogni capello si rizza per la rabbia, il suo volto sporadicamente emette “vapore”, come se il suo sudore fosse in “ebollizione”. Esaminandolo attentamente, vedo che il volto dell’uomo è ricoperto di “fiamme” come un sole cocente, ed è per questo che vi si innalzano nubi di gas incandescente, e Mi preoccupo davvero che la sua ira possa ustionargli il volto, anche se lui non ci fa caso. In questo frangente, esorto l’uomo a smorzare un po’ il suo temperamento, infatti quale beneficio gli apporta? Perché torturarsi così? Per via del suo stato di collera, gli steli di paglia sulla superficie di questo “globo” sono praticamente arsi dalle fiamme del sole; in una situazione del genere, perfino la “luna” arrossisce. Esorto l’uomo a moderare il suo temperamento: è importante salvaguardare la sua salute. Ma l’uomo non ascolta il Mio consiglio; continua, invece, a “presentare lamentele” verso di Me. A che serve? La Mia munificenza è insufficiente perché l’uomo possa goderne? Oppure l’uomo rifiuta ciò che gli offro? In un improvviso attacco d’ira, rovescio il tavolo, al che l’uomo non osa più narrare altri episodi emozionanti della sua storia e, temendo che Io possa condurlo in un “centro di detenzione” a raffreddarsi gli spiriti per qualche giorno, coglie l’occasione concessa dalla Mia stizza per svignarsela. Altrimenti, l’uomo non sarebbe mai disposto a lasciare le cose come stanno, ma continuerebbe a sciorinare le sue ciance: sono stufo anche solo di udirne il suono. Come mai l’umanità è tanto complicata nel profondo del suo cuore? Possibile che Io abbia inserito nell’uomo troppi “componenti”? Perché fa sempre la commedia davanti a Me? Non sarò mica un “consulente” per la risoluzione di “dispute civili”? Ho forse chiesto all’uomo di venire da Me? Non sarò mica un magistrato distrettuale? Come mai gli affari tra le persone vengono sempre portati davanti a Me? La Mia speranza è che l’uomo ritenga opportuno assumersi la responsabilità di sé stesso e non Mi disturbi, perché Io ho troppo da fare.

18 maggio 1992

Pagina precedente: Capitolo 42

Pagina successiva: Capitolo 44

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Che cosa sai della fede?

Nell’uomo esiste solamente l’incerta parola della fede, eppure l’uomo non sa in cosa essa consista, e men che meno sa perché abbia fede....

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro

Connettiti con noi su Messenger