La Parola appare nella carne

Contenuti

Il terzo discorso

Poiché voi siete definiti il Mio popolo, le cose non stanno più come prima; dovete ascoltare e obbedire ai discorsi del Mio Spirito, seguire da vicino la Mia opera, e non potete separare il Mio Spirito dalla Mia carne, poiché Noi siamo intrinsecamente una cosa sola e non siamo divisi. Chiunque separi lo Spirito dall’uomo, avendo a cuore soltanto l’uomo oppure lo Spirito, subirà una perdita e potrà bere soltanto dal suo amaro calice: e non rimane altro da dire. Soltanto coloro che saranno in grado di guardare allo Spirito e all’uomo come a un tutt’uno inseparabile avranno una vasta conoscenza di Me, e soltanto allora potranno verificarsi gradualmente dei mutamenti nella vita in loro racchiusa. Affinché la prossima fase della Mia opera possa procedere agevolmente e senza ostacoli, Io impiego l’affinamento della parola per mettere alla prova tutti coloro che sono nella Mia casa, usando il metodo dell’impegno per mettere alla prova coloro che Mi seguono. In tali circostanze è giusto dire che tutti perdono le speranze; in quanto esseri umani, non ce n’è uno fra loro la cui condizione non sia negativa e passiva, come se fosse mutato l’intero loro spazio. Alcuni inveiscono contro il Cielo e la terra; alcuni, nella loro disperazione, stringono comunque i denti e accettano la prova della Mia parola; alcuni guardano il cielo e sospirano profondamente, con le lacrime agli occhi, come sconvolti dal decesso prematuro di un neonato; alcuni addirittura ritengono che sia una vergogna vivere così e pregano Dio che li porti via presto; alcuni trascorrono l’intera giornata in preda allo stordimento, come fossero appena usciti da una grave malattia e dovessero ancora riprendersi; alcuni, dopo essersi lamentati, se ne vanno in silenzio; e alcuni ancora Mi lodano dal luogo in cui si trovano, però continuano ad avere un atteggiamento leggermente negativo. Oggi, quando tutto è stato rivelato, non ho più bisogno di parlare del passato; di maggiore importanza è che voi siate ancora capaci della massima lealtà nel luogo che oggi vi assegno, affinché tutto ciò che fate incontri la Mia approvazione, e tutto ciò che dite sia il prodotto della Mia luce e della Mia illuminazione, e in definitiva ciò che vivete sia la Mia immagine, sia in tutto e per tutto la Mia manifestazione.

Le Mie parole vengono pronunciate ed espresse in qualsiasi tempo e luogo e così anche voi dovete conoscere voi stessi davanti a Me in ogni momento. Infatti l’oggi è, dopo tutto, diverso da ciò che è venuto prima, e tu non puoi più realizzare tutto ciò che desideri. Invece devi essere in grado, sotto la guida della Mia parola, di sottomettere il tuo corpo, devi usare la Mia parola come sostegno e non devi agire in maniera sconsiderata. Tutti i percorsi verso la vera pratica per la chiesa si possono trovare nella Mia parola. Coloro che non agiscono secondo la Mia parola offendono direttamente il Mio Spirito, e Io li distruggerò. Poiché le cose sono progredite fino a oggi, voi non dovete sentirvi troppo addolorati e colmi di rincrescimento riguardo ai vostri atti e alle vostre azioni del passato. La Mia magnanimità è illimitata quanto il mare e il cielo: sarebbe forse possibile che l’entità delle azioni e della conoscenza di Me da parte dell’uomo non Mi fosse familiare quanto il dorso della Mia mano? Chi fra gli uomini non è nelle Mie mani? Pensi che Io non sappia nulla di quanto sia elevata la tua statura morale, Mi credi del tutto ignaro in proposito? È impossibile! Perciò, quando tutti sono al culmine della disperazione, quando non possono più attendere e desiderano ricominciare daccapo, quando vogliono domandarMi che cosa stia succedendo, quando alcuni si abbandonano alla depravazione e alcuni vogliono ribellarsi, quando alcuni stanno ancora prestando servizio lealmente, Io do inizio alla seconda parte dell’era del giudizio: purificare e giudicare il Mio popolo. Vale a dire, comincio ufficialmente a istruire il Mio popolo, consentendovi non solo di renderMi una bellissima testimonianza, ma per di più di conseguire per Me una splendida vittoria in battaglia nella sede del Mio popolo.

In ogni momento il Mio popolo dovrà restare in guardia contro le scaltre macchinazioni di Satana, proteggendo per Me la porta della Mia casa; dovrete essere in grado di sostenervi a vicenda e di provvedere gli uni agli altri, il che vi impedirà di cadere nella trappola di Satana, quando sarà troppo tardi per recriminare. Perché io vi istruisco con tanta urgenza? Perché vi narro i fatti del mondo spirituale? Perché vi sollecito e vi esorto ripetutamente? Avete mai riflettuto su questo? L’avete mai capito? Perciò avete bisogno non solo di poter diventare esperti in base alle fondamenta del passato, ma inoltre di espellere le impurità che avete in voi, sotto la guida della parola di oggi, consentendo a ciascuna Mia parola di mettere radici e fiorire nel vostro spirito e, cosa ancora più importante, di dare più frutti. Ecco perché ciò che Io chiedo non sono fiori rigogliosi e vivaci, ma frutti abbondanti: frutti, per di più, che non vadano a male. Capite il vero significato delle Mie parole? Anche se i fiori di una serra sono innumerevoli come le stelle e attirano tutti i turisti, una volta avvizziti si riducono a brandelli come le ingannevoli macchinazioni di Satana e non destano più alcun interesse. Ma per coloro che sono stati sferzati dal vento e scottati dal sole e Mi recano testimonianza, anche se questi fiori non sono belli, quando appassiscono arrivano i frutti, poiché questa è la Mia esigenza. Quando Io pronuncio queste parole, voi quanto capite? Quando i fiori saranno avvizziti e avranno dato frutti, e quando si potranno offrire tutti questi frutti per Mio diletto, Io concluderò l’intera Mia opera in terra e comincerò a goderMi la cristallizzazione della Mia saggezza!

22 febbraio 1992