La Parola appare nella carne

Contenuti

Il ventesimo discorso

Le ricchezze della Mia casa sono innumerabili e incommensurabili, ma l’uomo non è mai venuto a Me per goderne. Egli è incapace di goderne da solo, né è in grado di proteggere se stesso utilizzando le proprie forze: ha invece sempre riposto la propria fiducia negli altri. Tra tutti coloro verso cui volgo il Mio sguardo, nessuno Mi ha mai cercato in modo deliberato e diretto. Vengono tutti dinanzi a Me su esortazione di altri, seguendo la maggioranza e non sono disposti a pagare il prezzo o a dedicare il tempo necessario ad arricchire le proprie vite. Pertanto, tra gli uomini, nessuno ha mai vissuto in realtà e tutti conducono vite senza significato. A causa delle vie e delle abitudini consolidate dell’uomo nel corso degli anni, i corpi di tutte le persone sono pervasi dall’olezzo del suolo terrestre. Di conseguenza, l’uomo è diventato duro, insensibile alla desolazione del mondo. Egli, invece, si tiene occupato impegnandosi a divertirsi su questa terra congelata. La vita dell’uomo non possiede il benché minimo calore ed è priva di qualsiasi atmosfera umana o di luce, eppure egli si è sempre assuefatto a essa, continuando un’esistenza priva di valore in cui corre dappertutto senza ottenere nulla. In un batter d’occhio, il giorno della morte si avvicina e l’uomo muore di una morte amara. In questo mondo, egli non ha mai né compiuto né ottenuto nulla: semplicemente arriva in fretta e frettolosamente se ne va. Nessuno di coloro che i Miei occhi vedono ha mai portato o sottratto nulla e così l’uomo ha l’impressione che il mondo sia ingiusto. Eppure, nessuno è disposto ad allontanarsi velocemente. Essi attendono semplicemente il giorno in cui la Mia promessa dal cielo giungerà improvvisamente tra gli uomini, consentendo loro, nel momento in cui si sono traviati, di scorgere di nuovo la via eterna. Pertanto, l’uomo si concentra su ogni Mio atto e opera, per vedere se ho realmente mantenuto la promessa fattagli. Quando è nel mezzo delle afflizioni, sta soffrendo un dolore smisurato o è assediato dalle prove e in procinto di cadere, l’uomo maledice il giorno della propria nascita per poter scampare prima alle sue pene e avanzare verso un altro luogo ideale. Ma quando le prove sono superate, egli è ricolmo di gioia. Festeggia il giorno della propria nascita sulla terra e chiede che Io benedica quel giorno; in questo momento, l’uomo non cita più i giuramenti del passato, profondamente timoroso che la morte venga su di lui una seconda volta. Quando le Mie mani sollevano il mondo, le persone danzano di gioia, non sono più afflitte e tutti confidano in Me. Quando Mi copro il volto con le mani e schiaccio le persone al di sotto della terra, immediatamente hanno il fiato corto e sono a malapena in grado di sopravvivere. Tutti Mi invocano, atterriti che Io li distrugga, perché tutti desiderano vedere il giorno in cui Io sono glorificato. L’uomo considera il Mio giorno come il fondamento della propria esistenza ed è solamente per il fatto che le persone desiderano ardentemente il giorno in cui la Mia gloria arriverà, che il genere umano è sopravvissuto fino a oggi. La benedizione proclamata dalla Mia bocca è che coloro che sono nati negli ultimi giorni sono tanto fortunati da poter vedere tutta la Mia gloria.

Nel corso dei secoli, molti hanno lasciato questo mondo con delusione e riluttanza e tanti sono giunti in esso con fede e speranza. Ho stabilito che molti venissero e tanti ne ho mandati via. Innumerevoli persone sono passate attraverso le Mie mani. Molti spiriti sono stati gettati nell’Ade, tanti hanno vissuto nella carne e molti sono morti e rinati sulla terra. Eppure, mai alcuno di essi ha avuto l’opportunità di godere delle benedizioni del regno oggi. Ho dato all’uomo così tanto, ma egli ha ottenuto poco, perché l’offensiva delle forze di Satana lo ha lasciato incapace di godere di tutte le Mie ricchezze. Ha solamente avuto la fortuna di volgere lo sguardo, ma non è mai stato in grado di goderne appieno. L’uomo non ha mai scoperto nel proprio corpo lo scrigno per ricevere le ricchezze del cielo e in questo modo ha perso le benedizioni che ho elargito su di lui. Non è lo spirito dell’uomo la facoltà stessa che lo collega al Mio Spirito? Perché l’uomo non è mai entrato in contatto con Me con il suo spirito? Perché egli si avvicina a Me nella carne, ma è incapace di farlo nello spirito? Il Mio vero volto è della carne? Perché l’uomo non conosce la Mia sostanza? Non c’è veramente mai stata alcuna traccia di Me nello spirito dell’uomo? Sono Io completamente scomparso dallo spirito dell’uomo? Se l’uomo non entra nel mondo spirituale, come può cogliere i Miei intenti? Esiste qualcosa negli occhi dell’uomo che può penetrare direttamente il mondo spirituale? Molte volte ho chiamato l’uomo con il Mio Spirito, ma egli agisce come se Io lo avessi pugnalato, guardandoMi in lontananza, temendo grandemente che lo conduca in un altro mondo. Molte volte ho indagato sullo spirito dell’uomo, ma egli rimane completamente incurante, profondamente timoroso che Io entri nella sua casa e colga l’occasione per spogliarlo di tutti i suoi averi. Pertanto, egli Mi chiude fuori, lasciandoMi davanti a null’altro che una fredda “porta” chiusa fermamente. Molte volte l’uomo è caduto e Io l’ho salvato, ma dopo essersi svegliato, egli Mi abbandona immediatamente e, insensibile al Mio amore, Mi lancia uno sguardo circospetto; non ho mai riscaldato il cuore dell’uomo. L’uomo è un impassibile animale a sangue freddo. Sebbene sia scaldato dal Mio abbraccio, non è mai stato toccato profondamente da esso. L’uomo è come un primitivo che vive sulle montagne. Non ha mai tenuto in gran considerazione tutta la Mia adorazione nei confronti del genere umano. Egli non è disposto ad avvicinarsi a Me e preferisce dimorare fra le montagne, dove deve sopportare la minaccia delle bestie selvagge. Eppure, non è ancora disposto a rifugiarsi presso di Me. Io non costringo alcun uomo: compio soltanto la Mia opera. Il giorno verrà in cui l’uomo nuoterà al Mio fianco dal mezzo del potente oceano, cosicché possa godere di tutte le ricchezze della terra e lasciarsi alle spalle il rischio di essere inghiottito dal mare.

A seguito del compimento delle Mie parole, il regno è gradualmente formato sulla terra e l’uomo è lentamente restituito alla normalità e pertanto, è stabilito sulla terra il regno del Mio cuore. Nel regno, tutto il popolo di Dio riacquista la vita dell’uomo normale. L’inverno gelido è scomparso, sostituito da un mondo fatto di città di primavera, dove la primavera dura tutto l’anno. Gli abitanti non devono più affrontare il mondo dell’uomo, scuro e miserabile, né sopportare più il suo brivido freddo. Le persone non combattono le une con le altre, le nazioni non vanno in guerra, non esiste più la carneficina e il sangue che da essa fluisce; tutti i territori sono pieni di felicità e dappertutto pullula il calore tra gli uomini. Io mi muovo in ogni parte del mondo, gioisco dall’alto del Mio trono, vivo fra le stelle. Gli angeli Mi offrono nuovi canti e nuovi balli. La loro fragilità non provoca più lacrime che colano lungo il loro volto. Io non odo più, al Mio cospetto, il suono degli angeli che piangono e nessuno si lamenta con Me delle avversità. Oggi, tutti voi vivete dinanzi a Me. Domani, vi troverete nel Mio regno. Non è questa la benedizione più grande che concedo all’uomo? A motivo del prezzo che pagate oggi, erediterete le benedizioni del futuro e vivrete in mezzo alla Mia gloria. Siete ancora non intenzionati a entrare in contatto con la sostanza del Mio spirito? Volete ancora uccidere voi stessi? Le persone sono disposte ad andare in cerca delle promesse che possono vedere, anche se effimere, ma nessuno è disposto ad accettare le promesse di domani, sebbene siano per l’eternità. Ciò che è visibile all’uomo è ciò che Io annienterò e ciò che è impercettibile all’uomo è ciò che porterò a termine. Questa è la differenza tra Dio e l’uomo.

L’uomo ha tenuto traccia del Mio giorno, ma nessuno ha mai conosciuto la data precisa e pertanto l’uomo può vivere solo nel torpore. Poiché i desideri dell’uomo echeggiano attraverso i cieli infiniti e poi spariscono, egli ha ripetutamente perso la speranza, a tal punto da essersi abbassato fino alle condizioni attuali. Il fine delle Mie dichiarazioni non è di indurre l’uomo a rincorrere delle date, né di portarlo alla distruzione in seguito alla propria disperazione. Desidero indurlo ad accettare la Mia promessa e auspico che i popoli in tutto il mondo siano partecipi della Mia promessa. Ciò che desidero sono creature viventi piene di vita, non cadaveri che sono stati immersi nella morte. Poiché Mi adagio al tavolo del regno, comanderò a tutti gli abitanti della terra di ricevere la Mia ispezione. Non ammetto la presenza di alcuna cosa impura al Mio cospetto. Non tollero alcuna interferenza dell’uomo nella Mia opera; tutti coloro che interferiscono nella Mia opera sono gettati nelle segrete e dopo essere stati liberati, sono ancora assediati dalla catastrofe, ricevendo le fiamme roventi della terra. Quando sono nel Mio stato incarnato, chiunque dibatta in merito alla Mia opera con la Mia carne sarà da Me aborrito. Molte volte ho ricordato a tutti gli uomini che non ho parenti sulla terra e chiunque guarda a Me come a un suo pari e Mi tira a sé per ricordare con Me i tempi passati, sarà sottoposto a distruzione. Questo è ciò che Io comando. In tali questioni non sono in alcun modo clemente nei confronti dell’uomo. Tutti coloro che interferiscono nella Mia opera e Mi forniscono consigli sono da Me castigati e non saranno mai perdonati. Se non parlo francamente, l’uomo non rinsavirà mai e involontariamente ricadrà sotto i Miei castighi, perché l’uomo non Mi conosce nella Mia carne.

20 marzo 1992