Capitolo 25

Dio Onnipotente, Padre Eterno, Principe della Pace, il nostro Dio è Re! Dio Onnipotente posa i piedi sul Monte degli Ulivi. Com’è bello! Ascoltate! Noi sentinelle alziamo la voce; con la nostra voce cantiamo insieme, perché Dio è tornato a Sion. Vediamo con i nostri occhi la desolazione di Gerusalemme. Prorompete in clamori di gioia e cantate all’unisono, perché Dio ci ha consolati e ha riscattato Gerusalemme. Ha denudato il Suo santo braccio sotto gli occhi di tutte le nazioni, la Sua vera persona Si è manifestata! Tutti i confini della terra hanno visto la salvezza del nostro Dio.

O Dio Onnipotente! I sette Spiriti sono stati mandati dal Tuo trono a ogni Chiesa per rivelare tutti i Tuoi misteri. Seduto sul Tuo trono di gloria, Tu hai gestito il Tuo Regno e l’hai reso saldo e stabile con giustizia e rettitudine, e hai sottomesso tutte le nazioni dinanzi a Te. O Dio Onnipotente! Hai sciolto le cinture dei re, hai spalancato le porte della città dinanzi a Te, perché non si chiudano mai più. Perché la Tua luce è venuta e la Tua gloria sorge e risplende nel suo fulgore. Le tenebre ricoprono la terra e una fitta oscurità è scesa sui popoli. O Dio! Tu, però, Ti sei manifestato e hai fatto risplendere la Tua luce su di noi, e la Tua gloria apparirà su di noi; tutte le nazioni verranno alla Tua luce e i re al Tuo fulgore. Alzi gli occhi e Ti guardi intorno: i Tuoi figli si riuniscono dinanzi a Te e vengono da lontano; le Tue figlie sono portate in braccio. O Dio Onnipotente! Il Tuo grande amore ci ha afferrati; sei Tu a guidarci in avanti sulla strada verso il Tuo Regno e sono le Tue parole sante a permearci.

O Dio Onnipotente! Ti rendiamo grazie e Ti lodiamo! Alziamo lo sguardo su di Te, Ti rendiamo testimonianza, Ti esaltiamo e cantiamo a Te con cuore sincero, calmo e unito. Possiamo noi avere uno stesso pensiero ed essere costruiti insieme, e possa Tu trasformarci presto in coloro che sono secondo il Tuo cuore, affinché veniamo usati da Te. Possa la Tua volontà compiersi sulla terra senza impedimenti!

Pagina precedente: Capitolo 24

Pagina successiva: Capitolo 26

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Lavoro e ingresso (2)

La vostra opera e il vostro ingresso sono alquanto scarsi; l’uomo non attribuisce importanza all’opera, ed è ancor più approssimativo per...

L’esperienza

Le esperienze di Pietro si sono svolte tra mille prove. Gli uomini di oggi, pur essendo a conoscenza del termine “prova”, non hanno...

Lavoro e ingresso (3)

Dio ha affidato molto agli uomini, e ha anche affrontato il discorso del loro ingresso in innumerevoli modi. Tuttavia, poiché la levatura...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro