169 Le prove in carcere

1 Mentre diffondevo il Vangelo e testimoniavo Dio, sono stato arrestato e torturato dal PCC che voleva estorcermi una confessione. Con catene fredde sulle mie mani, mi hanno appeso. Mentre le manette d’acciaio mi mordevano i polsi, è sgorgato sangue rosso; era arduo sopportare il dolore. Con l’intero corpo sofferente per le ripetute scariche elettriche, avevo la vita appesa a un filo. La crudeltà disumana di quei malvagi poliziotti aveva uno scopo: costringermi a diventare un Giuda e a tradire Dio. Ripetutamente mi hanno urlato insulti, mi hanno picchiato, mi hanno infilato aghi nella punta delle dita. Ripetutamente mi hanno iniettato droghe per disorientarmi e fiaccarmi l’ultimo briciolo di volontà. Sfinito, avevo la mente sempre più confusa; temevo di non riuscire a resistere. Non sopportavo più la tortura da parte di quei poliziotti malvagi e desideravo soltanto morire e sottrarmi al dolore.

2 Nello stordimento, negli orecchi mi sono risuonate le parole di Dio, che mi hanno rinvigorito lo spirito. Dio ha detto: “Anche al vostro ultimo respiro, dovete ancora essere fedeli a Dio”. Volendo sottrarmi a questa prova nel tormento della mia carne, sono diventato lo zimbello di Satana. L’amore di Dio doveva ancora essere contraccambiato: come potevo arrendermi tanto facilmente? L’avvento delle prove avrebbe perfezionato la mia fede; è stata una benedizione soffrire per guadagnare la verità. Senza una vera fede in Dio, sarei rimasto un vigliacco traditore. Anche se la mia carne soffriva, Dio era al mio fianco; ho capito la Sua volontà e il mio spirito ha ritrovato la forza. Avrei fatto appello al coraggio del popolo di Dio e Gli avrei reso testimonianza, disonorando il diavolo Satana. Avrei mantenuto una lealtà e un’obbedienza assolute nei confronti di Dio; la mia vita e la mia morte erano nelle Sue mani.

3 Subendo la persecuzione, ho visto la malvagità del PCC; è la personificazione di Satana. Con il suo odio totale per Dio e la verità, cerca rabbiosamente di dare la caccia a Cristo fino alla morte. Impiega ogni mezzo per dare la caccia ai cristiani e perseguitarli, trattandoci con crudeltà estrema. Le parole di Dio mi hanno guidato a ogni passo; solo grazie alle Sue parole sono riuscito a rimanere saldo. La mia ripugnanza per l’ignobiltà e l’impudenza di Satana mi induce ad amare Dio e a essere devoto. Solo Dio è la verità e la vita, Egli solo può salvare l’uomo dall’influsso di Satana. Dio è davvero saggio: fa uso di Satana al Suo servizio per creare un gruppo di vincitori. Ho già contemplato le intenzioni sincere di Dio e ho percepito l’amabilità e l’amorevolezza di Dio. Anche se trascorrerò in carcere il resto della mia vita, non mi arrenderò. Mi impegno sulla mia vita a seguire Dio sino alla fine!

Pagina precedente: 168 Una scelta priva di rimpianti

Pagina successiva: 170 Testimonianza di vita

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro