Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Array

La ricerca non ha prodotto risultati

`

43. Sono giunto a comprendere come distinguere tra il vero Cristo e i falsi cristi

Chuanyang, Stati Uniti

Nel 2010, l’inverno degli Stati Uniti mi fece patire molto il freddo. Oltre al freddo pungente derivante dalla combinazione di vento e neve, ciò che era ancor più grave era che il mio cuore era stato investito e travolto da un’“onda fredda”. Per noi che lavoriamo nel settore della decorazione d’interni, l’inverno è il periodo più duro dell’anno perché, una volta che ha inizio, abbiamo davvero poco lavoro. Rischiamo addirittura di perdere il posto. Quell’anno era il mio primo anno negli Stati Uniti; ero alle prime armi e avevo la sensazione che tutto mi fosse estraneo. Prendere in affitto un appartamento, trovare un lavoro… Niente era facile e le mie giornate erano piene di difficoltà. Arrivai al punto di chiedere un prestito per affittare un appartamento. Il trovarmi di fronte a questo genere di avversità mi procurò un attacco di tristezza ed ebbi la sensazione che le giornate fossero davvero difficili da affrontare. Di notte, guardavo la parete gelata, con un tale dolore dentro di me che l’unica cosa che volevo fare era piangere. Un giorno, mentre vagavo svogliatamente nel mio stato d’infelicità, un tale che stava predicando il Vangelo del Signore Gesù mi consegnò una cartolina e mi disse: “Il Signore Gesù ti ama, fratello; vieni nella nostra chiesa ad ascoltare il Vangelo del Signore!” Pensai dentro di me: “Dato che in questo momento non ho nulla da fare, non c’è niente di male se vado ad ascoltare; potrei benissimo andarci, è una cosa da fare”. Con questo stato d’animo entrai in chiesa. Sentii il pastore leggere ad alta voce le parole del Signore Gesù: “Poiché Iddio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figliuolo, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna” (Giovanni 3:16). Quando sentii questa frase, provai una grande emozione per l’amore del Signore. Non sono in grado di spiegare chiaramente di che genere di sensazione si trattasse, ma potevo sentire che l’amore del Signore era reale e che superava l’amore di tutto il mondo laico. Il mio cuore pieno di dolore sentì un grande sollievo. Di conseguenza, decisi di adoperarmi per riporre fiducia nel Signore Gesù. In seguito, cominciai a partecipare con entusiasmo agli incontri ogni domenica e, grazie alla mia ricerca entusiastica, divenni rapidamente un collaboratore all’interno della Chiesa.

Dopo aver servito nella Chiesa per due anni, sentivo sempre più che il Signore non era con me. Non mi sentivo illuminato quando leggevo la Bibbia, non mi emozionavo con la preghiera e avevo la sensazione di non ricevere alcun sostentamento nel corso degli incontri. In aggiunta, vedevo come ciascuno, all’interno della Chiesa, vivesse in una condizione in cui peccava di giorno solo per confessarsi la sera, e come tutti, sia che si trattasse di pastori, anziani o comuni credenti, fossero legati dal peccato, litigando per gelosie, creando fazioni, lottando per la fama e il profitto e aggrappandosi alle cose mondane. Comportamenti illegali di ogni sorta stavano diventando sempre più manifesti. Vedevo, inoltre, che le persone all’interno della società stavano diventando ogni giorno più depravate; stavano diventando sempre più malvagie ed egoiste, mentre i disastri si stavano scatenando in tutto il mondo: terremoti, carestie ed epidemie si verificavano di continuo. Segni di tutti i tipi rendevano evidente che gli ultimi giorni si stavano rapidamente avvicinando e che il Signore Gesù sarebbe presso ritornato. I pastori e gli anziani ci parlavano spesso di questi versi della Bibbia: “Allora, se alcuno vi dice: ‘Il Cristo eccolo qui, eccolo là’, non lo credete; perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno gran segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti” (Matteo 24:23-24). E, con il massimo zelo, ci parlavano di come falsi cristi sarebbero apparsi negli ultimi giorni; ci dicevano di non ascoltare per nessun motivo gli stranieri predicare e persino che, a parte i credenti all’interno della nostra Chiesa, quelli di qualsiasi altra confessione o setta erano tutti in torto, che dovevamo assicurarci di distinguerli accuratamente, in modo da non permettere a noi stessi di venire ingannati e di percorrere il sentiero sbagliato. Poiché sentivo spesso i pastori predicare in quel modo, mi dissi: “Non posso deviare dal sentiero nel momento cruciale dell’imminente arrivo del Signore; devo assicurarmi di mantenere la mia fede nel Signore”.

una chiesa cattolica

Un giorno, a metà settembre del 2016, ricevetti una chiamata inaspettata da sorella Zhu. Sorella Zhu era una credente di lungo corso ed era impegnata attivamente nella ricerca della verità all’interno della nostra Chiesa; eravamo sempre andati d’accordo; quindi, fui molto felice di ricevere la sua chiamata. Ascoltai sorella Zhu, mentre mi diceva con entusiasmo: “Fratello, ho delle buone notizie da darti: il Signore Gesù è ritornato, Egli è Dio Onnipotente! Questa volta Dio si è incarnato per svolgere l’opera di giudizio dell’uomo, della sua purificazione e salvezza…” Ero un po’ sorpreso di sentire tali parole, e pensai tra me e me: “Sorella Zhu è rimasta sulla via del Signore? Si è forse convertita a un’altra religione? Come può essere così sciocca? I pastori e gli anziani non hanno forse ripetutamente sottolineato che, negli ultimi giorni, spunteranno dei falsi cristi? Perché non ha prestato ascolto? Se credessimo nella cosa sbagliata in questo momento cruciale, con il Signore in procinto di arrivare, allora non avremmo forse praticato la nostra fede invano, in tutti questi anni?” Mentre pensavo a queste cose, chiesi nervosamente a sorella Zhu: “Sorella, nella Bibbia si dice che negli ultimi giorni ci saranno falsi…” ma, senza aspettare che finissi di parlare, sorella Zhu mi interruppe: “Fratello, il Signore Gesù ci ammonì a ‘Non giudicate’, e noi non possiamo esprimere giudizi a nostro piacimento, così da non essere condannati da Dio”. Il monito della sorella mi fece pensare a queste parole del Signore: “Non giudicate, e non sarete giudicati; non condannate, e non sarete condannati” (Luca 6:37). Non osai più dare giudizi. Tuttavia, di fronte a un evento così importante come il ritorno del Signore, sorella Zhu ed io avevamo entrambi le nostre opinioni e volevamo entrambi convincerci a vicenda; quindi, a turno, cercammo di chiarire le nostre posizioni, ma alla fine nessuno dei due riuscì a persuadere l’altro.

Dopo più di un mese da quell’episodio, sorella Zhu mi chiamò ripetutamente per predicare il Vangelo del Regno di Dio Onnipotente, ma io mi rifiutai sempre di accettarlo, continuando persino a sollecitarla a tornare indietro e a continuare a credere nel Signore. In seguito, capii che era molto salda nel suo credo in Dio Onnipotente e che non avrebbe minimamente vacillato nella sua fede; così, mi trovai costretto a lasciar perdere e smisi di cercare di persuaderla. Dissi: “D’ora in poi, io continuerò a credere nel mio Signore Gesù e tu potrai credere nel tuo Dio Onnipotente, e non ci metteremo di traverso a vicenda!” In seguito, ogni volta che sorella Zhu mi chiamava per darmi testimonianza dell’opera di Dio degli ultimi giorni, cercavo una scusa per evitarla. Continuavo a rifiutarmi di accettare l’opera di Dio degli ultimi giorni, ma ciò non le impedì di predicarmi il Vangelo.

Una mattina di novembre, poco dopo le cinque, prima ancora che fosse spuntata la luce del giorno, qualcuno suonò il campanello di casa mia. Aprii la porta e vidi sorella Zhu; con lei c’erano un fratello e una sorella. Quando vidi sorella Zhu, rimasi perplesso. Pensai tra me e me: “Non te l’ho forse già spiegato? Coma hai potuto venire lo stesso a casa mia da tanto lontano? Indipendentemente da ciò che dirai, non ci crederò”. Nonostante ci conoscessimo da molti anni, come membri della Chiesa, rivolsi loro delle parole sgradevoli e non li lasciai entrare. Quando sorella Zhu vide che ero così fermo sulla mia posizione, un velo di tristezza le adombrò il volto e, con voce rotta dall’emozione, mi disse: “Fratello, la ragione per cui sono venuta a predicarti il Vangelo del Regno è che sono stata mossa dallo Spirito Santo. Se non fosse stato per l’amore di Dio, non sarei stata in grado di mettere i miei sentimenti da parte e predicarti il Vangelo ripetutamente. Fratello, il Signore Gesù è davvero tornato. In questo momento lo Spirito Santo sta operando in coloro che hanno ricevuto la nuova opera di Dio. Se non fosse per l’opera dello Spirito Santo, come potrebbe uno avere una tale fede e una tale forza di volontà da venire a predicarti il Vangelo? Tu stesso hai visto la situazione attuale della nostra Chiesa; i nostri fratelli e le nostre sorelle vivono tutti incatenati al peccato, senza avere la forza per liberarsene. Dio, questa volta, è venuto a esprimere parole per giudicare l’uomo e per svolgere l’opera per liberarci dal peccato e purificarci. Se perderemo l’opera di Dio degli ultimi giorni, non avremo un’altra opportunità per conseguire la salvezza di Dio”. Le parole sincere della sorella mi emozionarono e, in qualche modo, mi intenerirono il cuore. In particolare, quando stava parlando della situazione della Chiesa, i fatti cui avevo assistito all’interno delle chiese mi vennero in mente uno dopo l’altro. Nella prima chiesa in cui avevo servito i pastori dicevano una cosa e ne facevano un’altra e chi contribuiva con più denaro veniva accolto da tali pastori con grandi sorrisi; a nessuno interessava come si comportavano, mentre chi non contribuiva con grandi somme veniva ignorato e guardato dall’alto in basso. Non riuscivo davvero a sopportare un simile spettacolo, così ero andato nella seconda chiesa. In quella chiesa avevo visto collaboratori escludersi a vicenda, litigare per gelosie e creare fazioni, e non erano affatto diversi dalle persone del mondo laico. Quella cosa mi irritava. All’inizio volevo andare in un’altra chiesa, ma un fratello mi disse che aveva già cambiato diverse chiese e che, indipendentemente da dove fosse andato, aveva sempre trovato la stessa desolazione e oscurità… Mentre pensavo a questa cosa, pensai anche ai vari comportamenti di cui avevo dato mostra mentre vivevo nel peccato, cosa che mi fece in qualche modo vacillare nel mio cuore: “Poteva darsi che il Signore Gesù si fosse davvero reincarnato per svolgere l’opera di sradicamento del peccato?” In quell’occasione, sorella Zhu continuò a parlare: “Per ciò che riguarda se Dio Onnipotente sia, o meno, il Signore ritornato, tutto ciò che devi fare per scoprirlo è leggere la parola di Dio Onnipotente. All’epoca in cui il Signore Gesù venne a svolgere la Sua opera, i Suoi discepoli Lo seguirono, perché riconobbero, attraverso la Sua parola e la Sua opera, che Egli era la venuta del Messia. Oggi, per determinare se Dio Onnipotente sia, o meno, il Signore Gesù che appare per svolgere la Sua opera, anche noi dobbiamo farlo attraverso l’opera e la parola di Dio Onnipotente. Se, dopo aver letto tutte le parole di Dio Onnipotente, crederai ancora che Egli non sia il Signore ritornato, allora non ti imporrò niente e smetterò di predicarti il Vangelo, poiché Dio non ha mai costretto nessuno a ricevere il suo Vangelo”.

Dopo aver ascoltato sorella Zhu dire quelle cose, esitai per un istante e pensai tra me e me: “Potrei anche leggerle e vedere quali verità nelle parole di Dio Onnipotente hanno fatto in modo che sorella Zhu creda tanto saldamente in ciò”. Quindi, aprii la porta e feci entrare sorella Zhu e tutti gli altri in casa mia. Sorella Zhu me li presentò: si trattava di sorella Zhang Qing e di fratello Liu Kaiming della Chiesa di Dio Onnipotente. Sorella Zhu disse: “Fratello Chuanyang, sono passati diversi mesi da quando ho accettato l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni. Sono andata alla Chiesa di Dio Onnipotente per controllare di persona. Ho partecipato alla loro vita di chiesa. Tramite esperienze personali e investigandola con attenzione, ho capito che la Chiesa di Dio Onnipotente è davvero una Chiesa che possiede l’opera dello Spirito Santo; è una chiesa autentica e proviene sicuramente da Dio. Siamo stati insieme membri della chiesa per anni e, come collaboratore della stessa, dovresti sapere meglio di me cosa sta avvenendo ora al suo interno. Lo Spirito Santo ha smesso di operare nella nostra chiesa molto tempo fa, e questo è un fatto che tutti hanno accettato. I pastori non riescono a predicare sermoni che ci riforniscano di vita; si limitano a dare lezioni su come attaccare le altre chiese e stare in guardia dalle stesse, dicendoci che dobbiamo mantenere il nome del Signore e che verremo salvati, se non abbandoneremo la Chiesa, ma in realtà non vi è alcun fondamento nella parola del Signore che giustifichi il loro comportamento. Stanno facendo tutto questo per proteggere la propria posizione e mantenere il loro lavoro, non per le nostre vite. Se si sentissero davvero responsabili delle nostre vite, dovrebbero prendere l’iniziativa di portarci alla ricerca di una chiesa in cui operi lo Spirito Santo, invece di farci rimanere ostinatamente in una chiesa religiosa in cui lo Spirito Santo ha smesso di operare molto tempo fa, solo per aspettare di morire di stenti o di sfinimento”. Dopo aver ascoltato ciò, pensai tra me e me: “Le parole di sorella Zhu parlano davvero di ciò che sta accadendo: la Chiesa oggi davvero non possiede l’opera dello Spirito Santo; tutto ciò che i pastori e gli anziani fanno, in realtà, non tiene in considerazione le vite dei credenti e, mentre sono rimasto all’interno di questa chiesa nel corso degli anni, ho avuto la percezione via via più intensa che il Signore non fosse con noi. Mi sono sentito a lungo arido e oscuro nel mio spirito, senza un posto dove andare”. Ascoltandola parlare in quel modo ragionevole e fondato, sentii di non poter più rifiutare la loro visita.

In quel momento, fratello Liu, che era venuto con lei, disse: “Fratello, la ragione per cui il mondo religioso è così desolato è che Dio è venuto a svolgere la nuova opera e l’opera dello Spirito Santo è andata avanti, ma esso non è stato al passo con la nuova opera che Dio sta compiendo. Una ragione ancor più importante di ciò è che i pastori e gli anziani non hanno obbedito ai comandamenti del Signore, né hanno messo le Sue parole in pratica, ma, al contrario, hanno portato i credenti a seguire le tendenze malvage del mondo e hanno addirittura resistito alla nuova opera di Dio e l’hanno condannata. È come quando il Signore Gesù venne a svolgere la Sua opera: il tempio era stato trasformato in un luogo in cui venivano venduti buoi, pecore e colombe e ci si scambiava denaro; i preti violavano le leggi e offrivano in sacrificio animali con difetti per ingannare Dio; i farisei bramavano ricchezze e godevano degli agi della loro posizione, e altri peccati venivano commessi. Persino coloro che servivano Dio vivevano nel peccato, senza la benché minima reverenza per Dio nel loro cuore. Ciò era sufficiente a dimostrare che lo Spirito Santo non operava più nel tempio, la Sua opera era andata avanti e l’opera di Dio nell’Età della legge era giunta al termine. Il Signore Gesù era venuto a svolgere l’opera di redenzione sulla base dell’opera dell’Età della Legge e lo Spirito Santo non operava più in coloro che mantenevano il nome di Jahvè Dio e si aggrappavano ostinatamente alle leggi, ma, al contrario, lo Spirito Santo aveva trasferito la Sua opera a coloro che accettavano la nuova opera del Signore Gesù. Poiché la presenza di Dio non era più nel tempio, esso divenne sempre più desolato, fino a diventare, alla fine, un covo di ladri. Ma i discepoli del Signore Gesù ricevettero la salvezza del Signore, misero in pratica i Suoi insegnamenti, avevano fede e forza per seguirLo, abbandonarono le loro case e lasciarono il lavoro per testimoniare e diffondere il Vangelo del Signore, senza temere persecuzioni e avversità. Tutto ciò non era forse l’effetto ottenuto in loro dall’opera dello Spirito Santo? Allo stesso modo, oggi il ritorno del Signore significa che l’età antica è giunta al termine e che una nuova era è cominciata. Lo Spirito Santo ha smesso di operare all’interno delle Chiese dell’Età della Grazia molto tempo fa; piuttosto, Egli ha cominciato a operare in coloro che hanno accettato la nuova opera di Dio. Ciò avvera la profezia nella Bibbia: ‘E v’ho pure rifiutato la pioggia, quando mancavano ancora tre mesi alla mietitura; ho fatto piovere sopra una città, e non ho fatto piovere sopra un’altra città; una parte di campo ha ricevuto la pioggia, e la parte di su cui non ha piovuto è seccata’ (Amos 4:7). ‘Ecco, vengono i giorni […] ch’io manderò la fame nel paese, non fame di pane o sete d’acqua, ma la fame e la sete d’udire le parole di Jahvè’ (Amos 8:11). Dio Onnipotente afferma, inoltre: ‘Porterà a compimento queste cose: farà venire dinanzi a Lui tutte le persone dell’universo e farà in modo che tutti adorino il Dio in terra, e la Sua opera in altri luoghi cesserà e la gente sarà costretta a cercare la vera via. Accadrà come avvenne con Giuseppe: tutti vennero a lui per il cibo e si prostrarono davanti a lui per questo. Al fine di evitare la carestia, le persone saranno costrette a cercare la vera via. L’intera comunità religiosa sta soffrendo una grave carestia e solo il Dio di oggi è la vera fonte di acqua viva, Colui che possiede la fonte che scorre in eterno, fornita per il beneficio dell’uomo, e la gente verrà e dipenderà da Lui’ (‘Il Regno Millenario è arrivato’ in La Parola appare nella carne). ‘Tutta l’opera di Dio nell’intero universo si è concentrata su questo gruppo di persone. Egli ha dedicato tutti i Suoi sforzi a voi e ha sacrificato tutto per voi; ha rivendicato e ha dato a voi tutta l’opera dello Spirito nell’universo. Ecco perché dico che siete fortunati. Inoltre, ha portato la Sua gloria da Israele, il Suo popolo eletto, a voi, per manifestare completamente lo scopo del Suo piano attraverso il vostro gruppo di persone. Dunque, voi siete coloro che riceveranno l’eredità di Dio, e ancora di più l’eredità della gloria di Dio’ (‘Il lavoro di Dio è così semplice come crede l’uomo?’ in La Parola appare nella carne). ‘Poiché coloro che appartengono alla religione sono incapaci di accettare la nuova opera di Dio e si attengono solamente alla vecchia opera del passato, Dio ha abbandonato tali persone e compie la Sua nuova opera sulle persone che la accettano. Queste sono persone che collaborano alla Sua nuova opera e solo in questo modo la Sua gestione può essere portata a compimento’ (‘L’opera di Dio e la pratica dell’uomo’ in La Parola appare nella carne). Da queste parole di Dio possiamo vedere che lo Spirito Santo ha smesso di operare nelle Chiese dell’Età della Grazia; quindi, indipendentemente da quanto le persone si sforzino o da quale metodo creato dall’uomo utilizzino per resuscitare le Chiese, è tutto inutile. La Chiesa cattolica e le confessioni protestanti sono identiche, gli spiriti dei loro credenti sono inariditi e affamati, la loro fede e il loro amore si stanno gradualmente raffreddando, sono incapaci di fare affidamento sugli insegnamenti del Signore e molti di loro stanno seguendo le tendenze malvagie del mondo, perseguendo la ricchezza e bramando le cose terrene. Le Chiese sono divenute luoghi di desolazione. Al contrario, i fratelli e le sorelle della Chiesa di Dio Onnipotente sono persone che si sono allontanate da varie confessioni e sette e che provengono da diverse professioni per accettare l’opera di Dio degli ultimi giorni. Sono le vergini sagge che, dopo aver sentito la voce di Dio, sono tornate innanzi al Suo trono. Stanno ricevendo la fornitura dell’acqua viva della vita che sgorga dal trono di Dio, vengono guidati e condotti da Dio Stesso e stanno predicando e recando testimonianza al Vangelo del Regno di Dio di comune accordo. Sopportano di venire derisi e calunniati dal mondo, sopportano gli abusi e la condanna dei capi delle varie confessioni e sette; vengono addirittura picchiati e sopportano arresti, perquisizioni nelle loro case e la confisca dei loro beni e di venire crudelmente torturati e imprigionati dal governo del PCC. Eppure, hanno fede, hanno forza, hanno amore e sono tenaci e inflessibili nel seguire Dio Onnipotente e nel recare testimonianza all’opera di Dio degli ultimi giorni. Non è grazie alla loro forza che sono in grado di farlo. Questi sono tutti effetti ottenuti attraverso l’opera dello Spirito Santo! In aggiunta, la volontà di Dio deve essere cercata nel Suo mandare una carestia nel mondo religioso, poiché il Suo proposito nel fare ciò è costringere coloro che credono davvero in Dio e che hanno sete della verità a liberarsi dalle loro religioni, dall’inganno e dal controllo degli anticristo nelle loro religioni e ad allontanarsi da queste per cercare le orme di Dio e la Sua apparizione, ad accettare l’opera di giudizio di Dio degli ultimi giorno ed essere purificati e resi perfetti da Dio, lasciando contemporaneamente quei falsi credenti – che cercano il pane per sfamarsi e che non credono in Dio con un cuore vero, ma, al contrario, adorano gli uomini e li seguono – nelle loro religioni, smascherandoli ed eliminandoli. In questo modo le persone verranno classificate secondo il proprio genere. Questa non è forse la saggezza e l’onnipotenza di Dio?”

Ascoltare le parole di Dio e la spiegazione del fratello mi fece capire che la cosa era molto reale e che era completamente conforme alla verità. Mi sentii come se mi fossi risvegliato da un sogno e mi resi conto di quale fosse la fonte della desolazione delle varie Chiese. In precedenza, sapevo soltanto che il Signore Gesù aveva cacciato tutti coloro che compravano e vendevano all’interno del tempio, rovesciato i tavoli dei cambiavalute e le sedie di coloro che vendevano colombe, dicendo che avevano trasformato il tempio in un covo di ladri, ma ignoravo la ragione che aveva portato alla trasformazione del tempio in un covo di ladri. Solo allora capii che si doveva al fatto che Dio stava svolgendo la nuova opera e che l’opera dello Spirito Santo era andata avanti, venendo svolta in coloro che avevano accettato la nuova opera di Dio e, di conseguenza, coloro che non seguivano la nuova opera di Dio avevano perso l’opera dello Spirito Santo e la reverenza per Dio nei loro cuori, così che avevano fatto cose che avevano violato la legge all’interno del tempio, trasformandolo in un covo di ladri. Sapendo che questo è ciò che avvenne, capisco che la ragione per la quale le Chiese di oggi sono desolate è esattamente la stessa della trasformazione del tempio a quel tempo! In quel momento capii finalmente quanto ero stato insensibile. Nonostante avessi visto che tutti, dai pastori e dagli anziani ai comuni credenti, erano stati legati dal peccato e che la Chiesa traboccava di illegalità e iniquità, non avevo ancora cercato la volontà di Dio, né avevo cercato l’opera dello Spirito Santo. Non avevo nemmeno prestato attenzione all’ascolto della voce di Dio e, di conseguenza, ero stato eliminato dall’opera dello Spirito Santo senza rendermene minimamente conto. Capii che avevo bisogno di leggere attentamente la parola di Dio Onnipotente. Quel giorno, prima di andarsene, sorella Zhu e gli altri fissarono una data per tornare a parlare con me e mi lasciarono inoltre una copia di “Il libro aperto dall’Agnello”, che fui molto contento di ricevere.

cristiano predica il vangelo

In seguito, quanto lessi “Il libro aperto dall’Agnello”, un libro della parola di Dio Onnipotente, vidi che la parola di Dio Onnipotente svelava molti misteri, come ad esempio le tre fasi dell’opera di Dio per salvare l’umanità, l’opera del Suo giudizio degli ultimi giorni, la bellezza del Suo Regno, ecc., cosa che mi diede una conoscenza più approfondita dell’opera di Dio. Il mio spirito inaridito sentì di essersi dissetato e, più leggevo quel libro, più mi piaceva. Avevo l’abitudine di alzarmi alle 5.30, ma, da quando avevo ricevuto una copia di “Il libro aperto dall’Agnello”, cominciai a svegliarmi alle 4.30 per leggere la parola di Dio Onnipotente; meditavo sulle parole di Dio Onnipotente, cosa che soddisfaceva grandemente il mio cuore. Una mattina, mentre stavo leggendo il capitolo “Sei un vero credente in Dio?”, fui profondamente toccato in cuor mio. Dio Onnipotente è il Dio che osserva i cuori delle persone e ha svelato la nostra natura corrotta, che, da soli, non riusciremmo mai a conoscere. Ciò mi consentì di vedere la reale situazione della mia corruzione ad opera di Satana. Ciò era specialmente vero quando leggevo queste parole di Dio Onnipotente: “In ogni caso, Io dico che tutti coloro che non stimano la verità sono infedeli e traditori della verità. Simili uomini non riceveranno mai l’approvazione di Cristo. […] Devi capire che Dio non appartiene al mondo o a una qualsiasi persona, ma a tutti coloro che veramente credono in Lui, a tutti coloro che Lo adorano e a tutti coloro che Gli sono devoti e fedeli”. Mentre meditavo su queste parole, continuavo a chiedermi: “Sono una persona che crede davvero in Dio? È la verità ciò che stimo? Cosa ho stimato negli ultimi anni, mentre credevo in Dio?” Pensavo a come ero identico alla maggior parte dei fratelli e delle sorelle: esteriormente, leggevo la Bibbia e partecipavo agli incontri, ma non prestavo attenzione a vivere e praticare la parola del Signore; al contrario, stimavo i sermoni predicati dei pastori e le lettere della Bibbia. Riponevo la mia fede nelle conoscenze bibliche e nelle dottrine teologiche predicate da quei pastori. Non pensavo mai alla possibilità che ciò che essi predicavano non contenesse effettivamente la verità o non fosse conforme alla volontà del Signore, e certamente non usavo mai le parole del Signore per esaminare e valutare ciò che stavano comunicando. Mi limitavo a credere a qualsiasi cosa predicassero. In quel momento, ebbi un’intuizione: ero davvero così cieco e ignorante da adorare le persone alla cieca! Ripensai ai sermoni di quei pastori e anziani. Erano sermoni sul fare offerte o sullo stare in guardia dalle altre confessioni e sull’isolamento della Chiesa, oppure raccontavano solo cose vecchie di cui si parlava da tutti quegli anni. Non c’era alcuna nuova illuminazione, nessuna nuova rivelazione, non avevano assolutamente nulla con cui sostentarci, né potevano risolvere il problema dei nostri spiriti che si stavano inaridendo e non potevano certamente risolvere la questione dello stato di desolazione in cui versava la Chiesa. Ciò comportava che i fratelli e le sorelle agissero meccanicamente, quando partecipavano agli incontri. Durante gli incontri, alcuni parlavano, altri sonnecchiavano, altri giocavano con il telefono… Vivevo in questo genere di Chiesa oscura e desolata, ma non sapevo come cercare la volontà di Dio, né sapevo come cercare l’opera dello Spirito Santo. Evidentemente, non ero una persona che cercava la verità o che credeva davvero in Dio. Dio Onnipotente afferma: “Tutti coloro che non stimano la verità sono infedeli”. “Dio non appartiene al mondo o a una qualsiasi persona, ma a tutti coloro che veramente credono in Lui, a tutti coloro che Lo adorano”. Quelle parole erano così reali e mi fecero pensare all’improvviso alle parole del Signore Gesù: “Io son la via, la verità e la vita” (Giovanni 14:6). Capii: “Dio è la verità, Dio svolge la Sua opera per donare all’uomo la verità, la via e la vita, e le persone che credono davvero in Dio prestano attenzione alla ricerca della verità e al raggiungimento della stessa. Come credente in Dio, io non prestavo attenzione nel ricercare la verità; quindi, non mi stavo forse comportando da sciocco, nella mia fede? Se quello era il modo in cui credevo in Dio, allora come potevo ottenere la Sua approvazione?” Le parole di Dio Onnipotente mi edificarono e mi giovarono così tanto! Più leggevo la parola di Dio, più sentivo di avere delle lacune sotto molti aspetti. Di conseguenza, tranne quando dovevo lavorare, trascorrevo tutto mio tempo libero leggendo la parola di Dio Onnipotente. In cuor mio, ero sicuro che quella fosse la vera via. Eppure, ero ancora perplesso a causa di queste parole pronunciate dal Signore Gesù: “Allora, se alcuno vi dice: ‘Il Cristo eccolo qui, eccolo là’, non lo credete; perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno gran segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti” (Matteo 24:23-24). Non sapevo quale fosse il loro significato; perciò, decisi di cercarlo quando sorella Zhu e gli altri fossero tornati.

Sorella Zhu e gli altri vennero a casa mia il giorno che avevamo stabilito e io dissi a sorella Zhang: “Negli ultimi giorni ho letto molto della parola di Dio Onnipotente e sento che ogni frase è la verità e che ciò è davvero quello di cui ho bisogno. In precedenza, sorella Zhu ha cercato ripetutamente di invitarmi a esaminare l’opera di Dio Onnipotente ma, poiché i pastori avevano predicato su come i falsi cristi sarebbero apparsi negli ultimi giorni per ingannare le persone, mi sono rifiutato di esaminare la vera via e ora rimpiango davvero di essermi sentito così. Tuttavia, la confusione che ho in testa non si è ancora risolta; quindi, desidero una spiegazione da voi. Il Signore Gesù disse: ‘Allora, se alcuno vi dice: ‘Il Cristo eccolo qui, eccolo là’, non lo credete; perché sorgeranno falsi cristi e falsi profeti, e faranno gran segni e prodigi da sedurre, se fosse possibile, anche gli eletti’ (Matteo 24:23-24). In che modo interpretate queste parole?”

Sorella Zhang disse: “Grazie a Dio! Che Dio ci guidi in questo incontro! Riguardo alla questione che il nostro fratello ha sollevato, per prima cosa dobbiamo comprendere quale scopo e quale intenzione avesse il Signore Gesù, quando pronunciò quelle parole. Il Signore Gesù ci disse che al Suo ritorno Si sarebbe reincarnato di nuovo come Cristo, come il Figlio dell’uomo, e in quel passaggio il Signore disse che anche i falsi cristi avrebbero fatto la loro apparizione, mostrando segni e miracoli per ingannare le persone. Ovvero, la prossima volta che Dio Si reincarnerà, appariranno anche quei falsi cristi. Da ciò possiamo vedere che il Signore pronunciò quelle parole per dirci che dobbiamo distinguere tali falsi cristi, per non venirne ingannati, e non per dirci di chiudere sempre le nostre porte e di rifiutarci di ascoltare chiunque predichi la buona notizia dell’arrivo del Signore. Sarebbe un errore comportarsi così e sarebbe un totale fraintendimento dell’intenzione del Signore. Il Signore Gesù già profetizzò: ‘E sulla mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, uscitegli incontro!’ (Matteo 25:6). ‘Ecco, io sto alla porta e picchio: se uno ode la mia voce ed apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli meco’ (Apocalisse 3:20). ‘Le mie pecore ascoltano la mia voce, e io le conosco, ed esse mi seguono’ (Giovanni 10:27). Le parole del Signore rendono manifesto che, quando il Signore ritornerà, userà la Sua voce per chiamare le pecorelle di Dio e queste, tramite la Sua voce, Lo riconosceranno e ritorneranno a Lui. Ovvero, la nostra capacità di incontrare il Signore al Suo ritorno dipende dalla nostra capacità, o meno, di riconoscere la voce di Dio. Se non facessimo uno sforzo per ascoltare la voce di Dio e rifiutassimo costantemente coloro che predicano il Vangelo del ritorno del Signore, non chiuderemmo forse facilmente la porta in faccia al Signore, lasciandoLo fuori? Dalle parole del Signore capiamo che la caratteristica specifica dei falsi cristi è quella di mostrare segni e compiere miracoli. Emulando l’opera che il Signore Gesù ha svolto in passato, essi mostrano segni e prodigi, come il guarire i malati e lo scacciare i demoni, per ingannare l’uomo. Tuttavia, i falsi cristi sono la personificazione degli spiriti maligni; quindi, indipendentemente da quale tipo di segni mostrino, non sono in grado di esprimere alcuna verità. Questo è un fatto. Le parole di Dio Onnipotente rendono più che evidenti le espressioni e la sostanza dei falsi cristi. Diamo un’occhiata a diversi passaggi della parola di Dio Onnipotente e capirai. Dio Onnipotente disse: ‘Se negli ultimi giorni comparisse un ‘Dio’ uguale a Gesù, uno che guarisse gli infermi, scacciasse i demoni e che fosse crocifisso per l’uomo, quel ‘Dio’, sebbene identico alla descrizione di Dio nella Bibbia e facile per l’uomo da accettare, non sarebbe, nella sua essenza, la carne indossata dallo Spirito di Dio, ma da uno spirito maligno. Poiché è legge dell’opera di Dio non ripetere mai ciò che Egli ha già portato a termine. E quindi, l’opera della seconda incarnazione di Dio è diversa da quella della prima’ (‘L’essenza della carne abitata da Dio’ in La Parola appare nella carne). ‘Se, ai giorni nostri, dovesse emergere qualcuno che sia in grado di mostrare segni e prodigi, e che sappia cacciare i demoni, sanare i malati e compiere molti miracoli, e se questi sostenesse di essere la venuta di Gesù, allora si tratterebbe di una contraffazione degli spiriti maligni e della loro imitazione di Gesù. Ricordatelo! Dio non ripete la medesima opera. La fase dell’opera di Gesù è già stata completata e Dio non la intraprenderà mai più. […] Se, durante gli ultimi giorni, Dio mostrasse ancora segni e prodigi, e di nuovo cacciasse i demoni e guarisse i malati – se agisse esattamente come Gesù –, allora ripeterebbe la medesima opera, e quella di Gesù non avrebbe alcun significato o valore. Pertanto, Dio realizza una fase dell’opera in ogni epoca. Una volta che una fase della Sua opera è completata, viene presto imitata dagli spiriti maligni, e quando Satana inizia a emulare Dio, Egli cambia metodo; una volta completata una fase della Sua opera, questa è imitata dagli spiriti maligni. Dovete avere le idee chiare su queste cose’ (‘Conoscere l’opera di Dio oggi’ in La Parola appare nella carne). Dalle parole di Dio Onnipotente risulta evidente che i falsi cristi sono tutti spiriti maligni che imitano Cristo. Sebbene chiamino se stessi ‘Dio’, non possiedono un briciolo di verità e certamente non possono svolgere l’opera di Dio, poiché non possiedono la sostanza di Cristo. Sono soltanto in grado di seguire a ruota Dio, per imitare l’opera che il Signore Gesù ha già svolto, allo scopo di ingannare le persone. I falsi cristi non saranno mai in grado di portare alle persone la verità o un nuovo sentiero di pratica. Tutti sanno che tutti i prodotti contraffatti di questo mondo sono fabbricati copiando i prodotti reali. I falsi cristi sono esattamente la stessa cosa: curano i malati e scacciano i demoni, compiono alcuni semplici miracoli per ingannare le persone, copiando l’opera svolta dal Signore Gesù, ma non vi è modo per i falsi cristi di compiere miracoli come resuscitare i morti o sfamare cinquemila persone con cinque pani e due pesci. Quindi, chiunque chiami se stesso ‘Cristo’, dica di essere il Signore Gesù ritornato, mostri segni e miracoli, curi i malati e scacci i demoni è al cento per cento un falso cristo che inganna la gente. Tuttavia, Cristo è l’incarnazione di Dio Stesso, è lo Spirito di Dio fatto carne, è dotato di una normale umanità e di una completa divinità ed è assolutamente Dio Medesimo. Dio Onnipotente disse: ‘Dio incarnato è chiamato Cristo, e così il Cristo che può offrire agli esseri umani la verità è chiamato Dio. Non vi è nulla di eccessivo in questo, poiché Egli possiede la sostanza di Dio e possiede l’indole di Dio e la sapienza della Sua opera, che sono irraggiungibili per l’uomo. Coloro che si proclamano Cristo ma non sanno eseguire l’opera di Dio sono degli impostori. Cristo non è solamente la manifestazione di Dio in terra, ma è invece la carne particolare assunta da Dio nell’eseguire e nel portare a termine la Sua opera fra gli uomini. Questa carne non può essere sostituita da un uomo qualunque, ma può svolgere adeguatamente l’opera di Dio in terra, esprimere la Sua indole, ben rappresentarLo e fornire la vita all’uomo. Presto o tardi, i falsi cristi cadranno tutti, poiché, anche se affermano di essere Cristo, non possiedono nulla della Sua sostanza. E così, dico che l’autenticità di Cristo non può essere definita dall’uomo, ma la risposta e la decisione provengono da Dio Stesso’ (‘Solo il Cristo degli ultimi giorni può offrire all’uomo la via della vita eterna’ in La Parola appare nella carne). Quindi, solo Cristo può svolgere l’opera propria di Dio, esprimere la verità, esprimere l’indole di Dio, sostentare l’uomo e pascerlo. E solo Cristo può svolgere l’opera di redenzione e di salvezza dell’umanità, solo Egli può porre fine all’era antica e inaugurarne una nuova. Inoltre, l’opera di Dio è sempre nuova e mai vecchia, e Dio non ripete mai la stessa opera; perciò, ogni volta che Cristo verrà a svolgere l’opera, porterà sempre un’opera nuova, esprimendo l’indole di Dio e ciò che Egli ha ed è. Proprio come quando il Signore Gesù venne a svolgere l’opera, mise fine all’Età della Legge e inaugurò l’Età della Grazia e fornì i sermoni che permisero alle persone di confessare i propri peccati e pentirsi, insegnò alle persone ad amare i loro nemici e, tra le altre cose, a essere umili, pazienti e a perdonare gli altri. Il Signore Gesù rivelò all’uomo l’indole amorevole e misericordiosa di Dio. Dio Onnipotente è giunto negli ultimi giorni e, allo stesso modo, ha messo fine all’Età della Grazia e ha inaugurato l’Età del Regno. Egli sta svolgendo l’opera di giudizio e di salvezza dell’uomo con le Sue parole, sulla base dell’opera di redenzione del Signore Gesù, donandoci tutte le verità di cui abbiamo bisogno per essere purificati e ottenere la salvezza, dandoci il sentiero che ci mostra come liberarci dal peccato e conseguire la salvezza ed esprimendo l’indole giusta, maestosa e irata di Dio. Attraverso l’opera e le parole di Dio Onnipotente, siamo assolutamente in grado di riconoscere che Dio Onnipotente è Dio incarnato e che Egli è Dio Stesso che appare tra gli uomini negli ultimi giorni”.

Dopo aver ascoltato le parole di Dio e la spiegazione della sorella, mi sentii come se mi fossi risvegliato da un sogno e capii di aver finalmente compreso come distinguere tra il vero Cristo e i falsi cristi. Ciò mi fece sentire felice e vergognare allo stesso tempo; vidi la mia pietosa condizione di persona senza la verità. Pensai al perché avevo ripetutamente rifiutato l’opera di Dio degli ultimi giorni. Si doveva al fatto che temevo di poter essere ingannato dai falsi cristi, con la conseguenza che avevo rifiutato il vero Cristo, come uno che non mangia per paura di strozzarsi. Quando il Signore era ritornato e aveva bussato alla mia porta, mi ero rifiutato di ascoltare la voce di Dio. Avevo chiuso ripetutamente la porta, lasciando fuori il Signore. Ma Dio non mi aveva trattato in base alle mie violazioni, non aveva rinunciato a salvarmi, ma, al contrario, aveva fatto in modo che i fratelli e le sorelle venissero a casa mia a predicare il Vangelo. Dio in realtà non mi aveva mai abbandonato: l’amore di Dio era davvero straordinario! Quando pensai a come avessi deciso che tutti coloro che testimoniavano il ritorno del Signore stessero predicando un falso Cristo, a causa delle parole dei pastori a cui credevo, a come avessi frainteso la parola del Signore, a come avessi abbandonato, condannato Dio Onnipotente e opposto resistenza a Lui, credendo che le concezioni cui mi aggrappavo fossero giuste, ebbi la sensazione di essere stato davvero ridicolo! Se non avessi letto la parola di Dio Onnipotente e ascoltato le spiegazioni dei fratelli e delle sorelle su come distinguere il vero Cristo dai falsi cristi, non sarai mai stato in grado di distinguere tra il vero Cristo e i falsi cristi e sarei stato soltanto ingannato dalle parole dei pastori e degli anziani e li avrei seguiti nella loro resistenza a Dio e nel loro rifiuto di Dio, perdendo così quell’opportunità estremamente rara di conseguire la Sua salvezza. Mentre ci pensavo, dissi a sorella Zhu e agli altri: “Dopo aver ascoltato la parola di Dio Onnipotente e le vostre spiegazioni, sono in grado di distinguere tra il vero Cristo e i falsi cristi. Ora sono convinto che Dio Onnipotente è il ritorno del Signore Gesù e sono disposto a ricevere l’opera di Dio Onnipotente degli ultimi giorni”.

tanti cristiani condividono la Parola di Dio

Dopo aver partecipato alla vita della Chiesa, capii che i fratelli e le sorelle comprendevano molte verità e che io avevo molte lacune, al confronto. Pensai tra me e me: “Devo fare in modo che sorella Zhu e gli altri mi spieghino di più la parola di Dio e mi aiutino, cosicché potrò comprendere più velocemente la verità”. Di conseguenza, discussi di questa cosa con sorella Zhu, chiedendole se potevamo organizzare degli incontri a casa mia, e lei acconsentì subito. In seguito, ci riunimmo ogni settimana per leggere la parola di Dio e confrontarci sulla verità. Giunsi gradualmente ad avere una conoscenza sempre maggiore delle parole di Dio e a comprendere sempre più verità. Nel mio cuore, potevo sentire che tali parole erano l’espressione della verità. In quel momento, pensai alle parole che il Signore Gesù aveva pronunciato: “Molte cose ho ancora da dirvi; ma non sono per ora alla vostra portata; ma quando sia venuto lui, lo Spirito della verità, egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annunzierà le cose a venire” (Giovanni 16:12-13). Mi emozionai al massimo e vidi che quelle parole del Signore si erano avverate, come predetto. La parola di Dio Onnipotente è “ciò che lo Spirito dice alle chiese”. Dio Onnipotente è nella fase di guidare l’uomo a comprendere e ad avere accesso a tutta la verità. Solo accettando l’opera di Dio degli ultimi giorni e solo accettando le verità da Lui espresse si può essere purificati, conseguire la salvezza e diventare una persona alla ricerca del cuore di Dio. Fu la parola di Dio Onnipotente che mi riportò nella casa di Dio e che mi portò innanzi al Suo trono. Ora, ogni giorno ho le parole di Dio a sostentarmi, guidarmi, darmi pace e felicità e farmi sentire incrollabile e illuminato. Sono disposto a fare tutto ciò che è nelle mie possibilità per perseguire la verità e seguire Dio Onnipotente fino alla fine. Gloria a Dio Onnipotente!

Pagina precedente:Ho trovato la vera felicità

Pagina successiva:La tempesta scatenata a casa dal caso del 28 maggio a Zhaoyuan

Potrebbero interessarti anche