L’App della Chiesa di Dio Onnipotente

Ascolta la voce di Dio e accogli il ritorno del Signore Gesù!

Invitiamo tutti i ricercatori di verità a mettersi in contatto con noi

Le pecore di Dio ascoltano la voce di Dio

Colori a tinta unita

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Linea Spazio

Larghezza pagina

Risultato della ricerca 0

La ricerca non ha prodotto risultati

`

Capitolo 6 Diverse forme di differenziazione che devi possedere nella tua fede in Dio

4. Come puoi riconoscere la differenza tra le vere vie e le false vie, e tra le vere chiese e le false chiese?

Parole di Dio attinenti:

Qual è il principio fondamentale nella ricerca della vera via? Devi guardare se ci sia l’opera dello Spirito Santo oppure no, se queste parole siano l’espressione della verità oppure no, a chi venga resa testimonianza e cosa essa possa portarti. Distinguere tra la via vera e quella falsa richiede diversi aspetti della conoscenza fondamentale, il più importante dei quali è dire se ci sia l’opera dello Spirito Santo oppure no. Perché la sostanza della fede dell’uomo in Dio è la fede nel Suo Spirito, e anche questa fede in Dio incarnato si deve al fatto che questa carne è l’incarnazione del Suo Spirito, pertanto tale fede è ancora fede nello Spirito. Esistono delle differenze tra lo Spirito e la carne ma, poiché questa carne viene dallo Spirito ed è la Parola fattaSi carne, ciò in cui l’uomo crede è ancora l’essenza intrinseca di Dio. Così, distinguendo se sia la vera via oppure no, devi guardare soprattutto se ci sia o no l’opera dello Spirito Santo, dopo di che devi guardare se ci sia o no la verità in questa via. Questa verità è l’indole della vita dell’umanità normale, ossia ciò che fu richiesto all’uomo quando Dio lo creò in principio, vale a dire tutta l’umanità normale (compresi il senno umano, l’intuito, la saggezza e la conoscenza basilare di essere uomo). In altre parole, devi guardare se questa via conduca l’uomo verso una vita di umanità normale oppure no, se la verità di cui si parla sia necessaria in base alla realtà dell’umanità normale oppure no, se essa sia pratica e reale oppure no, e se sia tempestiva oppure no. Se c’è la verità, essa è in grado di portare l’uomo verso esperienze normali e reali; egli, inoltre, diventa sempre più normale, il suo senno umano sempre più completo, la sua vita nella carne e la vita spirituale sempre più ordinate, e le sue emozioni sempre più normali. Questo è il secondo principio. Ce n’è un altro, ossia stabilire se l’uomo abbia una conoscenza sempre maggiore di Dio oppure no, se sperimentare tale opera e tale verità possa ispirargli l’amore per Dio e avvicinarlo ancora di più a Lui oppure no. Così si può valutare se sia la vera via oppure no. L’elemento essenziale è se essa sia realistica anziché soprannaturale e se sia in grado di fornire la vita dell’uomo oppure no. Se è conforme a questi principi, si può trarre la conclusione che è la vera via. […] Se è l’opera dello Spirito Santo, l’uomo diventa ancora più normale, e così la sua umanità. Egli ha una conoscenza sempre maggiore della propria indole, che è stata corrotta da Satana, e dell’essenza dell’uomo, e ha un desiderio di verità ancora più grande. Vale a dire, la vita dell’uomo cresce sempre di più e la sua indole corrotta diventa capace di cambiamenti sempre più numerosi, e tutto questo è il significato di Dio che diventa la vita dell’uomo. Se una via è incapace di rivelare le cose che sono l’essenza dell’uomo, di cambiare la sua indole e inoltre di portarlo dinanzi a Lui o di donargli una vera comprensione di Dio, e addirittura fa sì che la sua umanità diventi sempre più abietta e il suo senno sempre più anormale, allora questa via non può essere quella vera, e potrebbe essere l’opera di uno spirito malvagio, oppure la vecchia via. In breve, non può essere l’opera attuale dello Spirito Santo. Avete creduto in Dio per tutti questi anni, eppure non avete la minima idea dei principi per distinguere la via vera da quella falsa o per cercare quella vera. La maggior parte delle persone non è nemmeno interessata a queste questioni; segue semplicemente la maggioranza e ripete ciò che essa dice. Una persona di questo tipo come può cercare la vera via? E come possono tali individui trovarla? Se comprendi questi principi chiave non ti lascerai ingannare, qualunque cosa accada.

da “Solo coloro che conoscono Dio e la Sua opera possono soddisfarLo” in La Parola appare nella carne

Tutti coloro che sono nella corrente dello Spirito Santo sono posseduti dalla presenza e dalla disciplina dello Spirito Santo, mentre coloro che non sono nella corrente dello Spirito Santo sono sotto il dominio di Satana e privi di qualsiasi opera dello Spirito Santo. Le persone che sono nella corrente dello Spirito Santo sono coloro che accettano la nuova opera di Dio e vi collaborano. Se coloro che sono in questa corrente sono incapaci di collaborare e di mettere in pratica la verità richiesta da Dio in questo periodo di tempo, allora saranno disciplinati e, nel peggiore dei casi, abbandonati dallo Spirito Santo. Coloro che accettano la nuova opera dello Spirito Santo, vivranno nella Sua corrente, riceveranno la cura e la protezione dello Spirito Santo. Coloro che sono disposti a mettere la verità in pratica sono illuminati dallo Spirito Santo, mentre coloro che non sono disposti a mettere la verità in pratica vengono disciplinati dallo Spirito Santo e possono persino venire puniti. Indipendentemente da quale tipo di persone siano, purché siano nella corrente dello Spirito Santo, Dio Si assumerà la responsabilità di coloro che accettano la Sua nuova opera per amore del Suo nome. Coloro che glorificano il Suo nome e sono disposti a mettere in pratica la Sua parola riceveranno le Sue benedizioni; coloro che Gli disobbediscono e non mettono in pratica la Sua parola subiranno la Sua punizione. […] Non è così per coloro che non accettano la nuova opera: essi sono fuori della corrente dello Spirito Santo e la disciplina e il rimprovero dello Spirito Santo non si applicano a loro. Tutto il giorno, costoro vivono nella carne e nelle loro menti, e tutto ciò che fanno è secondo la dottrina prodotta dall’analisi e dalla ricerca dei loro cervelli. Non sono queste le richieste della nuova opera dello Spirito Santo, né tanto meno è collaborazione con Dio. Coloro che non accettano la nuova opera di Dio sono privi della Sua presenza e, per di più, sprovvisti delle benedizioni e della protezione di Dio. La maggior parte delle loro parole e azioni si attiene alle passate richieste dell’opera dello Spirito Santo, che sono dottrina, non verità. Tale dottrina e regola sono sufficienti a provare che la sola cosa che li accomuna è la religione; non sono i prescelti, né l’oggetto dell’opera di Dio. L’assemblea di tutti loro può chiamarsi soltanto grande congresso religioso, non una Chiesa. Questo è un fatto inalterabile.

da “L’opera di Dio e la pratica dell’uomo” in La Parola appare nella carne

Perché si dice che la pratica di quelli che frequentano le chiese religiose è obsoleta? Perché ciò che essi mettono in pratica è separato dall’opera attuale. Nell’Età della Grazia, ciò che essi mettevano in pratica era giusto, ma dal momento che quell’età è ormai trascorsa e l’opera di Dio è cambiata, la loro pratica è gradualmente divenuta obsoleta. È stata sorpassata dalla nuova opera e dalla nuova luce. In base al proprio originario fondamento, l’opera dello Spirito Santo ha compiuto diversi passi in direzione di una maggiore profondità. Tuttavia, quelle persone sono ancora ferme alla fase originaria dell’opera di Dio e ancora aderiscono alle vecchie pratiche e alla vecchia luce. L’opera di Dio può cambiare enormemente in tre o cinque anni; non è logico quindi che trasformazioni ancor più grandi si verifichino nel corso di 2.000 anni? Se l’uomo non ha nuova luce o nuova pratica, significa che non ha tenuto il passo con l’opera dello Spirito Santo. Questo rappresenta il fallimento dell’uomo; l’esistenza della nuova opera di Dio non può essere negata, perché, oggi, coloro che hanno sperimentato l’opera originaria dello Spirito Santo si attengono tuttora a pratiche obsolete. L’opera dello Spirito Santo è in continua progressione, e tutti quelli che sono nella corrente dello Spirito Santo dovrebbero a loro volta progredire in profondità e cambiare, passo dopo passo. Non si dovrebbero fermare a una singola fase. Solo coloro che non conoscono l’opera dello Spirito Santo si fermerebbero alla Sua opera originaria e non accetterebbero la nuova opera dello Spirito Santo. Solo coloro che disobbediscono sarebbero incapaci di ottenere l’opera dello Spirito Santo. Se la pratica dell’uomo non tiene il passo con la nuova opera dello Spirito Santo, allora la pratica dell’uomo si separa inevitabilmente e risulta incompatibile con l’opera attuale. Persone obsolete come queste sono semplicemente incapaci di compiere la volontà di Dio, tanto meno potrebbero essere tra coloro che alla fine dei tempi si leveranno a rendere testimonianza a Dio. Inoltre, l’intera opera di gestione non potrebbe essere portata a conclusione in mezzo a un tale gruppo di persone. Poiché, se coloro che un tempo si sono attenuti alla legge di Jahvè e coloro che un tempo hanno sofferto per la croce, non sono in grado di accettare la fase dell’opera degli ultimi giorni, tutto ciò che hanno fatto è stato invano, e di nessuna utilità. […] Se l’uomo resta fermo in una fase, ciò prova che è incapace di tenere il passo con l’opera di Dio e la nuova luce; ciò non prova che il piano di gestione di Dio non sia cambiato. Coloro che sono al di fuori della corrente dello Spirito Santo pensano sempre di essere nel giusto ma, di fatto, in loro l’opera di Dio è cessata da tempo e l’opera dello Spirito Santo è completamente assente. L’opera di Dio è stata da lungo tempo trasferita a un altro gruppo di persone, un gruppo sul quale Egli intende portare a compimento la Propria nuova opera. Poiché coloro che appartengono alla religione sono incapaci di accettare la nuova opera di Dio e si attengono solamente alla vecchia opera del passato, Dio ha abbandonato tali persone e compie la Sua nuova opera sulle persone che la accettano. Queste sono persone che collaborano alla Sua nuova opera e solo in questo modo la Sua gestione può essere portata a compimento. La gestione di Dio progredisce in continuazione e la pratica dell’uomo ascende sempre più in alto. Dio è sempre all’opera e l’uomo è sempre nel bisogno, così che entrambi raggiungano il proprio zenit, e Dio e l’uomo siano in completa unione. Questa è l’espressione del compimento dell’opera di Dio, nonché l’esito finale dell’intera gestione di Dio.

da “L’opera di Dio e la pratica dell’uomo” in La Parola appare nella carne

La condivisione dell’uomo:

La vera via è il percorso che può salvare le persone, cambiarle e metterle in grado di ottenere l’approvazione di Dio e di accedere all’autentica destinazione. Solo questa è la vera via. Se le persone ritengono di credere nella vera via, eppure questi scopi ed effetti non vengono conseguiti, si può affermare che la loro è una falsa via, non la vera via. Alcuni dicono: “Come posso distinguere tra positivo e negativo?” Ciò è possibile seguendo le parole date da Dio. Tutto ciò che è approvato da Dio, tutto ciò che Egli chiede all’uomo di possedere e tutto ciò che a Dio piace che l’uomo faccia, è positivo; tutto ciò che Dio chiede all’uomo di respingere e di rinnegare e tutto ciò che Dio condanna, è negativo. La valutazione di positivo e negativo è effettuata così, secondo la parola di Dio; la parola di Dio è la pietra di paragone in base alla quale verificare se una cosa, qualunque essa sia, è vera o falsa, ed è il solo criterio per decidere se una cosa è vera o falsa. Come fai a stabilire quale via è vera e quale falsa? La via che è in grado di condurti alla vita autentica, che può farti vedere la luce, che ti permette di liberarti dalla corruzione e dall’influenza di Satana e che ti permette di ottenere l’approvazione e la benedizione di Dio è la vera via. Non è giusto? A che cosa ci hanno portato il giudizio e il castigo di Dio? Ci hanno portato tutte le verità che il genere umano corrotto deve possedere per ottenere la salvezza, ci hanno portato la vera via della vita, ci hanno permesso di vedere la luce della vita, ci hanno dato la più grande salvezza, la salvezza autentica, che ci è stata predestinata da Dio al momento della creazione del mondo, e ci hanno trasformato da persone corrotte da Satana e di proprietà di Satana in persone reali, che sono state davvero purificate da Dio e che sono entrate in possesso della verità e dell’umanità. Questi sono tutti gli effetti ottenuti dal giudizio e dal castigo di Dio, dall’opera di Dio degli ultimi giorni. Senza il giudizio e il castigo di Dio, non saremmo in grado di conseguire la verità, la nostra corruzione resterebbe irrisolta, non saremmo in grado di vedere la luce della vita, e non otterremmo mai l’approvazione di Dio. Pertanto, tutte le benedizioni che oggi abbiamo ricevuto sono il risultato dell’esperienza e dell’obbedienza al giudizio e al castigo di Dio.

…………

Alcuni dicono: “Ehi, se questa è la vera via, perché sono così poche le persone che la intraprendono? Dal momento che è la vera via, non dovrebbe avere molti più credenti? Non dovrebbe essere una cosa in cui tutto il genere umano deve credere?” Quelli che dicono simili cose non comprendono la verità, sono persone estremamente miopi. La corruzione dell’intero genere umano ha raggiunto un certo punto; sono sempre meno le persone che amano la verità, e sempre di più coloro che perseguono i propri interessi e che, indipendentemente da quale fede abbracceranno, considerano in primo luogo se ciò sia di qualche vantaggio per loro – il che significa che quanti credono nella vera via sono inevitabilmente pochi, mentre coloro che credono in false vie e in vie che offrono grazie e benefici sono inevitabilmente molti. Dopo aver ascoltato la mia spiegazione, sarai in grado di cogliere il nocciolo della questione. La via in cui crediamo non guarisce le persone, né riempie il loro stomaco di pane, né elargisce loro grazia, né esorcizza i loro demoni. Ma se aggiungessimo una cosa ancora alla via in cui crediamo – che i suoi fedeli non muoiano qualora una qualsiasi catastrofe dovesse colpirli –, allora, tutte le genti del mondo vi crederebbero. Oggi, ciò non fa parte nella nostra via. Dio non ha detto: “Garantisco che tutti coloro che credono nel nome di Dio Onnipotente non conosceranno la morte”. Pertanto, quando diffondete il Vangelo, dovete essere cauti. La gente chiede: “Allora io non morirò, se credo nel Dio Onnipotente?” “Non lo so”. “Se Egli non può impedire che io muoia, non c’è ragione di credere in Lui”. La gente chiederà anche: “Che cosa ci guadagno credendo in Dio Onnipotente?” “Puoi conseguire la verità”. “E conseguire la verità di quale utilità potrebbe mai essermi?” “Sopravvivrai”. “Chi l’ha visto? Chi può garantirmelo? Che cosa significa conseguire la verità?” “Non lo so”. “Allora non c’è alcuna possibilità che io ci creda”. Così, ci è difficile testimonianza a Dio Onnipotente e diffondere il Vangelo, poiché coloro che amano la verità sono estremamente pochi. Questo è un dato di fatto. Eppure, dopo avere accettato l’opera di Dio Onnipotente, più crediamo, più sentiamo che è reale e più forte diventa la nostra fede. Perché? Questo è l’effetto della comprensione della verità. Più si comprende la verità, più si sente che è la vera via e l’opera di Dio. Più gli uomini comprendono la verità, più dicono a se stessi: “Oh, la salvezza dell’uomo per opera di Dio in questo modo è così reale, la comprensione della verità davvero mi può salvare, genera dei cambiamenti nella mia indole, mi rende un autentico essere umano e mi permette di condurre una vita reale di normale umanità – e, pertanto, questa via ha significato”. Essi sentono che conseguire la verità è più significativo, degno e prezioso di qualsiasi profitto, o della guarigione dei malati, o di sfamare la gente. Di conseguenza, coloro che credono in Dio Onnipotente da diversi anni sentono che non c’è niente di prezioso in qualsivoglia grazia possa essere accordata loro, e che solo ottenere la verità è prezioso – e in questo hanno visto la vera via. Prova a pensarci: fra coloro che credono in Dio Onnipotente c’è forse qualcuno che è fuggito via? Se, pur non perseguendo la verità, la gente ha ascoltato la predicazione anche solo per pochi anni, c’è forse qualcuno che desidererebbe tornare indietro? Non lo farebbe nessuno. E perché no? Ciò che sanno è che “Questa è la vera via. Purché io lavori duramente e compia bene il mio dovere, è molto probabile che io sopravviva, che la mia fine non sia la morte. Non morire è estremamente prezioso”. Oggi le persone non sanno che cosa è necessario per evitare la morte. Se solo lo sapessero, diventerebbero tutte immediatamente credenti, e la loro fede sarebbe salda.

dalla condivisione del Fratello

Se tutta la comunità religiosa non fosse ostile e non vi si opponesse, questa non sarebbe la vera via. Ricorda: la vera via deve essere osteggiata dalla maggioranza delle persone e persino dal mondo intero. Quando il Signore Gesù venne per la prima volta a lavorare e a predicare, non incontrò l’opposizione di tutto il giudaismo? Ogni volta che Dio intraprende un nuovo lavoro, l’umanità corrotta trova enorme difficoltà nell’accettarlo, poiché l’opera di Dio è in contrasto e rifiuta le convinzioni della gente; le persone sono prive della capacità di comprendere, sono incapaci di penetrare nel regno spirituale e, se non fosse per l’opera dello Spirito Santo, non sarebbero in grado di accettare la vera via. Se fosse considerata l’opera di Dio, ma non trovasse opposizione da parte della comunità religiosa e non fosse avversata e osteggiata dal mondo, ciò proverebbe che questa opera di Dio è falsa. Perché il genere umano è incapace di accettare la verità? In primo luogo, l’uomo è fatto di carne, di una sostanza fisica. Le cose fisiche non sono in grado di accedere al regno spirituale. Che cosa significa “non essere in grado di accedere al regno spirituale”? Significa non essere in grado di vedere gli spiriti, le attività degli spiriti e il regno dello spirito, essere ciechi a ciò che Dio compie e dice. In questo regno, le persone sarebbero cieche. Se chiudi gli occhi nel mondo fisico, non vedi nulla. Quando li apri, cosa vedi? Il mondo fisico. Riesci a vedere quale spirito compie quale lavoro nelle persone? Riesci a vedere che cosa è venuto a fare e a dire lo Spirito di Dio? No. Talvolta puoi sentire la Sua voce e leggere la parola di Dio scritta in un libro, e tuttavia non sai come o quando Dio abbia pronunciato queste parole. Puoi udire la Sua voce, ma non sai da dove venga; vedi le parole di Dio stampate sulla pagina, ma non sai che cosa significhino. La gente non è in grado di penetrare nel regno spirituale o di cogliere la fonte della parola di Dio e, pertanto, necessita della rivelazione e dell’illuminazione dello Spirito Santo e dell’opera dello Spirito Santo, al fine di riuscirci. In secondo luogo, il genere umano è stato profondamente corrotto e colmato al suo interno di una miriade di veleni e di conoscenze di origine satanica; se l’uomo valutasse ogni cosa utilizzando le diverse filosofie e conoscenze sataniche, non sarebbe mai in grado di stabilire che cosa sia la verità. Senza la rivelazione e l’illuminazione dello Spirito Santo, l’uomo non sarebbe in grado di comprendere la verità. Il genere umano corrotto dall’istinto non sarebbe in grado di penetrare nel regno dello spirito. L’uomo è stato riempito di filosofie e di conoscenze sataniche e, pertanto, è incapace di riconoscere la verità. Così, la vera via è inevitabilmente soggetta a persecuzione e a rifiuto da parte dell’uomo. Perché è facile per le persone accettare la conoscenza e le filosofie di Satana? In primo luogo, ciò è in linea con le loro concezioni e con gli interessi della loro carne e torna a vantaggio delle cose della carne. Esse dicono tra sé: “Accettare una simile conoscenza mi torna utile: mi farà conseguire una promozione, mi farà avere successo e mi permetterà di ottenere delle cose. Con una conoscenza di questo genere, la gente mi guarderà con considerazione”. Vedi in che modo ciò che torna di vantaggio alla gente è in linea con le loro concezioni. […] Essendo stati corrotti a tal punto e non essendo in grado di penetrare nel regno spirituale, gli uomini possono solo opporsi a Dio e, pertanto, il sopraggiungere dell’opera di Dio ha incontrato rifiuto, opposizione e condanna, da parte dell’uomo. Non c’è da aspettarselo? Se il sopraggiungere dell’opera di Dio non incontrasse la condanna e l’opposizione del mondo e del genere umano, ciò proverebbe che non si tratta della verità. Se tutto ciò che è stato detto da Dio fosse in linea con le loro concezioni, le persone lo condannerebbero? Vi si opporrebbero? Certo che no.

da “Condivisione e predicazione dal sopra riguardo alla diffusione del Vangelo”

Solo una chiesa che è in possesso dell’opera dello Spirito Santo è una chiesa di Dio, e solo se al suo interno ci sono delle persone che effettivamente perseguono la verità e obbediscono all’opera di Dio, una chiesa può essere oggetto dell’opera dello Spirito Santo; Dio riconosce le chiese che possiedono l’opera dello Spirito Santo, ma non quelle che ne sono prive. Questo dovrebbe essere compreso dagli eletti di Dio.

…………

Una vera chiesa è composta da coloro che effettivamente credono in Dio e che amano la verità, ed è una congregazione di tutti i timorati di Dio. Solo in tal caso può essere chiamata chiesa. […] Solo una congregazione di coloro che sono stati predestinati e prescelti da Dio e sono in possesso dell’opera dello Spirito Santo è una chiesa.

da “Come affrontare e risolvere il disordine tra le chiese locali” in Annali delle riunioni e disposizioni per l’attività della Chiesa (II)

Una chiesa è composta da coloro che sono stati effettivamente predestinati e scelti da Dio – è composta da coloro che amano la verità, perseguono la verità e possiedono l’opera dello Spirito Santo. Solo quando queste persone si riuniscono per nutrirsi della parola di Dio, conducono la vita della chiesa, sperimentano l’opera di Dio e compiono il proprio dovere di creature di Dio, possono essere una chiesa. Se un’accozzaglia di persone dice di credere davvero in Dio, ma non ama e non persegue la verità, è priva dell’opera dello Spirito Santo, anche se compie cerimonie religiose, prega e legge la parola di Dio, non si tratta di una chiesa. Più precisamente, le chiese senza l’opera dello Spirito Santo non sono chiese; non sono che associazioni religiose e di persone che compiono cerimonie religiose. Non sono persone che effettivamente obbediscono a Dio e sperimentano l’opera di Dio.

…………

Una chiesa è un riunirsi di persone che effettivamente credono in Dio e perseguono la verità, e non ospita i malvagi – essi non appartengono alla chiesa. Se un gruppo di persone riunendosi insieme non persegue la verità e non fa nulla per metterla in pratica, come potrebbe essere una chiesa? Che cosa sarebbe? Sarebbe un’associazione religiosa o un’accozzaglia di persone. Una chiesa deve essere composta di persone che effettivamente credono in Dio e perseguono la verità, che si nutrono della parola di Dio e adorano Dio, che compiono il proprio dovere e sperimentano l’opera di Dio, e che hanno fatto propria l’opera dello Spirito Santo. Solo questa è una chiesa. Pertanto, quando valuti una chiesa, devi prima di tutto guardare che tipo di persone si trovano al suo interno. In secondo luogo, devi guardare se sia o meno in possesso dell’opera dello Spirito Santo; se la loro riunione è priva dell’opera dello Spirito Santo, non è una chiesa, e se non è un insieme di individui che effettivamente perseguono la verità, non è una chiesa. Se una chiesa non ha nessuno che effettivamente persegua la verità ed è del tutto priva dell’opera dello Spirito Santo, e se c’è in essa una persona che desideri perseguire la verità rimanendo in tale chiesa, potrebbe questa persona essere salvata? No, e, anzi, dovrebbe lasciare tale accozzaglia di persone e cercare una chiesa il più presto possibile. Se, all’interno di una chiesa, ci sono tre o cinque persone che perseguono la verità e 30 o 50 persone che non sono che un’accozzaglia, allora quelle tre o cinque persone, che davvero credono in Dio e perseguono la verità, dovrebbero riunirsi insieme; se si riuniscono insieme, formano ancora una chiesa, una chiesa con meno membri, ma pura.

dalla condivisione del Fratello

Molte persone credono in Dio ma praticano il culto in cattedrali e si affidano ciecamente a dei pastori – con il risultato che, dopo aver creduto in Dio per molti anni, non hanno ancora compreso la verità e non sono ancora entrati nella realtà, hanno avuto guadagnato solo ad alcune dottrine religiose e a cerimonie e pratiche religiose, ma non hanno davvero conosciuto Dio. Di conseguenza, non c’è il benché minimo cambiamento nella loro indole di vita. Non stupisce, pertanto, che quei capi religiosi e pastori spendano tutta la vita credendo in Dio e predicando, senza che uno solo di loro conosca effettivamente Dio o abbia un cuore timorato di Dio; sono come i Farisei dei tempi antichi, che facevano del loro meglio per opporsi a Cristo, condannare la vera via e irretire e controllare gli eletti di Dio a vantaggio della loro condizione sociale e della loro sussistenza. La ragione per cui si mostrano tanto amabili e interessati alla cura del gregge di Dio è interamente legata al loro scopo di proteggere i propri mezzi di sussistenza, come un uomo d’affari che tratta i propri clienti come divinità per fare soldi e arricchirsi. Tutto ciò che la comunità religiosa compie è una manifestazione della propria opposizione a Dio; non è null’altro che una cerimonia religiosa, e non contiene la benché minima traccia di verità né, tantomeno, la benché minima traccia dell’opera dello Spirito Santo. Chiaramente, la comunità religiosa non venera il vero Dio, bensì un Dio vago e immaginario. Predica dottrine religiose e la conoscenza letterale della Bibbia, ed è del tutto priva della rivelazione e dell’illuminazione dello Spirito Santo. Pertanto, la comunità religiosa è fondamentalmente incapace di condurre le persone al cospetto di Dio, non è in grado di guidarle sul retto sentiero della fede in Dio e, inoltre, non è in grado di portarle nella realtà della verità o di aiutarle a essere salvate. Ciò, perché le sue guide e i suoi pastori non sono stati portati a perfezione né edificati dallo Spirito Santo mentre facevano esperienza dell’opera di Dio, bensì sono divenuti guide e pastori nella comunità religiosa dopo aver frequentato un seminario e avere conseguito un diploma. Mancano loro l’azione e la conferma dello Spirito Santo, non hanno la benché minima vera conoscenza di Dio, e le loro bocche non sanno parlare d’altro che di conoscenze teologiche e di teorie. Non hanno effettiva esperienza di nulla. Tali persone sono del tutto prive di qualsivoglia qualifica che possa esser utile a Dio; come potrebbero condurre l’uomo al cospetto di Dio? Sbandierano con arroganza il titolo di studio ottenuto dal seminario come prova della loro qualifica, fanno tutto ciò che è in loro potere per ostentare la propria conoscenza della Bibbia, sono insopportabilmente arroganti – e, a causa di ciò, sono condannati e odiati da Dio, e hanno perso l’opera dello Spirito Santo. Di questo non c’è alcun dubbio. Perché la comunità religiosa sia divenuta nemica mortale di Cristo, è una domanda che stimola notevolmente la riflessione. Che cosa ci mostra il fatto che, nell’Età della Grazia, il giudaismo ha inchiodato Gesù Cristo sulla croce? Nell’Età del Regno degli ultimi giorni, la comunità religiosa ha unificato e dedicato tutti i propri sforzi a opporsi e a giudicare l’opera di Dio degli ultimi giorni, nega e rifiuta il Cristo incarnato degli ultimi giorni, ha fabbricato diversi pettegolezzi al Suo riguardo e ha attaccato, vilipeso e bestemmiato il Dio incarnato e la chiesa di Dio, e ha da tempo inchiodato Gesù ritornato sulla terra, il Cristo degli ultimi giorni, alla croce. Ciò prova che la comunità religiosa è da tempo degenerata, al punto di a entrare tra le forze di Satana che si oppongono e che si ribellano a Dio. La comunità religiosa non è governata da Dio, né, tantomeno, è governata dalla verità; è totalmente governata da un’umanità corrotta e, ancor più, da degli anticristi.

Quando le persone credono in Dio in una associazione religiosa come questa – che appartiene a Satana ed è governata e controllata da demoni e anticristi –, esse sono capaci di comprendere solo dottrine religiose, possono seguire solo cerimonie e regole religiose, e non comprenderanno mai la verità, non faranno mai esperienza dell’opera di Dio e sono del tutto incapaci di essere salvate. Ciò è inconfutabile. Questo, perché non c’è nulla dell’opera dello Spirito Santo nei luoghi di incontro religiosi ed essi disgustano Dio, sono in odio a Dio, e sono da Lui condannati e maledetti. Dio non ha mai riconosciuto, né tantomeno lodato, alcuna religione e, dal tempo di Gesù, la comunità religiosa è stata condannata da Dio. Pertanto, quando credi in Dio devi trovare dei luoghi che contengano l’opera dello Spirito Santo; solo queste sono chiese autentiche, e solo in chiese vere sarai in grado di sentire la voce di Dio e di scoprire le tracce della Sua opera. Tali sono i mezzi con cui Dio deve essere cercato.

da “Gli effetti dell’autentica comprensione della verità” in Raccolta di sermoni – Provvista per la vita

Pagina precedente:Come è possibile stabilire la differenza tra il vero Cristo e i falsi cristi?

Pagina successiva:La differenza tra seguire Dio e seguire la gente.

Potrebbero interessarti anche