Le pecore di Dio ascoltano la voce di Dio (Elementi essenziali per il nuovo credente)

Contenuti

Capitolo 6 Diverse forme di differenziazione che devi possedere nella tua fede in Dio

3. Come è possibile stabilire la differenza tra il vero Cristo e i falsi cristi?

Parole di Dio attinenti:

Dio fatto carne viene chiamato Cristo e così il Cristo che fornisce la verità alle persone viene chiamato Dio. Non c’è nulla di eccessivo in questo, poiché Egli possiede la sostanza di Dio e l’indole di Dio e la saggezza nella Sua opera, che sono irraggiungibili dall’uomo. Coloro che chiamano se stessi Cristo, e tuttavia non riescono a svolgere l’opera di Dio, sono impostori. Cristo non è unicamente la manifestazione di Dio sulla terra, ma bensì la carne particolare assunta da Dio mentre Egli svolge e completa la Sua opera fra gli uomini. Questa carne non può essere sostituita da qualsiasi uomo, ma da uno che possa adeguatamente farsi carico dell’opera di Dio sulla terra, esprimere l’indole di Dio, rappresentare bene Dio e dare all’uomo la vita. Prima o poi quei falsi cristi cadranno tutti perché, nonostante dichiarino di essere Cristo, non possiedono alcuna sostanza di Cristo. E allora Io dico che l’autenticità di Cristo non può essere stabilita dall’uomo, ma viene risolta e decisa da Dio Stesso.

da “Soltanto il Cristo degli ultimi giorni può dare all’uomo la via per la vita eterna” in La Parola appare nella carne

Colui che è l’incarnazione di Dio deve avere la Sua sostanza e Colui che è l’incarnazione di Dio deve avere la Sua espressione. Poiché Dio Si trasforma in carne, compirà l’opera che deve realizzare, e dal momento che Dio Si trasforma in carne, esprimerà ciò che Egli è e sarà in grado di portare la verità all’uomo, dargli la vita e mostrargli la via. La carne che non contiene l’essenza di Dio non rappresenta certamente Dio incarnato: non c’è dubbio. Per esaminare se si tratta dell’incarnazione di Dio, l’uomo deve valutare l’indole che Egli esprime e le parole che pronuncia. Vale a dire che il fatto che sia o non sia Dio in carne, e che sia o non sia la vera via, questo deve essere giudicato dalla Sua essenza. E così, nello stabilire se si tratta[a] di Dio in carne, il punto è prestare attenzione alla Sua sostanza (la Sua opera, le Sue parole, la Sua indole e molto altro), anziché all’apparenza esteriore. Se l’uomo vede soltanto la Sua apparenza esteriore, e trascura la Sua essenza, ciò dimostra l’ignoranza e l’ingenuità dell’uomo.

da Introduzione in La Parola appare nella carne

Il Dio che Si è fatto carne Si chiama Cristo e Cristo è la carne indossata dallo Spirito di Dio. Questa carne è diversa da qualsiasi uomo che è di carne. Questa differenza è perché Cristo non è fatto di carne e di sangue, ma è l’incarnazione dello Spirito. Egli ha sia una normale umanità e sia una completa divinità. La Sua divinità non è posseduta da nessun uomo. La Sua normale umanità sopporta tutte le normali attività della carne, mentre la Sua divinità svolge l’opera di Dio Stesso. Che si tratti della Sua umanità o della Sua divinità, entrambe sono obbedienti alla volontà del Padre celeste. L’essenza di Cristo è lo Spirito, che è la divinità. Pertanto, la Sua essenza è quella di Dio Stesso; questa essenza non interrompe la Propria opera e non potrebbe fare niente per distruggerla, nemmeno mai pronuncerebbe nessuna parola che vada contro la Propria volontà. …

…………

Anche se Cristo rappresenta Dio Stesso nella carne e svolge in persona l’opera che Dio Stesso deve fare, non nega l’esistenza di Dio in cielo, né proclama freneticamente le Proprie azioni. Invece, Egli rimane umilmente nascosto all’interno della Sua carne. Eccetto Cristo, coloro che affermano falsamente di essere Cristo non hanno le Sue qualità. Quando si confronta l’indole arrogante e l’auto-esaltazione di quei falsi cristi, diventa chiaro quale genere di carne è veramente Cristo. Più falsi sono, più tali falsi cristi fanno mostra di sé, più sono capaci di usare segni e prodigi per ingannare l’uomo. I falsi cristi non hanno le qualità di Dio; Cristo non è contaminato da nessun elemento appartenente ai falsi cristi. Dio Si fa carne solo per completare l’opera della carne, non solo per consentire a tutti gli uomini di vederLo. Piuttosto, Egli permette alla Sua opera di affermare la Sua identità e può attraverso ciò che rivela confermare la Sua essenza. La Sua essenza non è priva di fondamento; la Sua identità non si è affermata con la Sua mano; si è stabilita con la Sua opera e la Sua essenza. …

L’opera e la manifestazione di Cristo determina la Sua essenza. Egli è in grado di completare con un cuore sincero quello che Gli è stato affidato. Egli è in grado di adorare Dio in cielo con un cuore sincero che cerca la volontà di Dio Padre. Tutto questo è determinato dalla Sua essenza. E anche così è la Sua rivelazione naturale determinata dalla Sua essenza; la ragione per cui la Sua rivelazione naturale è così chiamata è perché la Sua manifestazione non è un’imitazione, o il risultato dell’educazione dell’uomo, o il risultato di molti anni di coltivazione da parte dell’uomo. Egli non l’ha imparata o Si adorna di essa; piuttosto, è insita dentro di Lui.

da “L’essenza di Cristo è di obbedire alla volontà del Padre celeste” in La Parola appare nella carne

Se, ai giorni nostri, dovesse emergere qualcuno che sappia fare meraviglie e prodigi, e che possa cacciare i demoni, sanare e compiere molti miracoli, e se questi affermasse che ciò proviene da Gesù, allora si tratterebbe di una contraffazione degli spiriti maligni e della loro imitazione di Gesù. Ricordatevelo! Dio non reitera la medesima opera. La fase dell’opera di Gesù è già stata completata e l’Onnipotente non la intraprenderà mai più. La Sua opera è inconciliabile con le concezioni dell’uomo; per esempio, il Vecchio Testamento predisse la venuta di un Messia, ma poiché è venuto Gesù, sarebbe sbagliato che giungesse un altro Messia. La venuta di Gesù si è già compiuta e il Suo ritorno sarebbe fallace. A ogni età corrisponde un nome, e ogni nome è caratterizzato dall’età. L’uomo crede che Dio debba sempre fare meraviglie e prodigi, debba sempre sanare e cacciare i demoni ed essere sempre proprio come Gesù, eppure stavolta non è affatto così. Se, durante gli ultimi giorni, Dio compisse ancora meraviglie e prodigi, e di nuovo cacciasse i demoni e guarisse – se agisse esattamente come Gesù –, allora reitererebbe la medesima opera, e l’opera di Gesù non avrebbe alcun significato o valore. Pertanto, Dio realizza una fase dell’opera in ogni epoca. Una volta che una fase delle Sua opera viene completata, è ben presto imitata dagli spiriti maligni, e quando Satana inizia a emulare Dio, Dio cambia metodo; una volta che ha completato una fase della Sua opera, questa è imitata dagli spiriti maligni. Dovete avere le idee chiare su queste cose.

da “Conoscere l’opera di Dio oggi” in La Parola appare nella carne

Ci sono alcune persone che sono possedute da spiriti maligni e si ostinano a dichiarare: “Io sono Dio!”. Queste persone non possono sussistere in nessun modo perché agiscono in nome di esseri malvagi. Esse rappresentano Satana, e lo Spirito Santo non presta loro alcuna attenzione. Del resto, per quanto tu possa esaltare te stesso o gridare forte, sei sempre e comunque un essere creato e appartieni a Satana. Io non dico mai: “Io sono Dio, Io sono il Figlio prediletto di Dio!” Ma il lavoro che faccio è opera di Dio. Ho bisogno di gridarlo? Non vi è alcuna necessità di rimarcarlo. Dio compie la Sua opera e non ha bisogno che l’uomo Gli conferisca uno status o un titolo onorifico, la Sua opera è sufficiente a rappresentare la Sua identità e il Suo status. Prima del battesimo, Gesù non era forse Dio Stesso? Non era forse l’incarnazione di Dio? Sicuramente non si può dire che sia diventato l’unigenito Figlio di Dio solo dopo essere stato dichiarato tale! Non c’era forse un uomo di nome Gesù molto prima che Egli iniziasse la Sua opera? Tu non puoi creare nuovi percorsi o rappresentare lo Spirito. Non puoi esprimere l’opera dello Spirito o le Sue parole. Non puoi compiere il lavoro di Dio Stesso o quello dello Spirito. Non puoi esprimere la saggezza, la meraviglia, e l’imperscrutabilità di Dio o tutta l’indole con cui Egli castiga l’uomo. Per cui le tue continue affermazioni di essere Dio non contano; possiedi un nome, ma nessuna reale sostanza. Dio Stesso è venuto, ma nessuno Lo ha riconosciuto, eppure Egli continua nel Suo lavoro e lo fa nella rappresentazione dello Spirito. Sia che Lo chiami uomo oppure Dio, che Lo chiami il Signore o il Cristo o sorella, è indifferente. Ma l’opera che Egli compie è quella dello Spirito e rappresenta l’opera di Dio Stesso. Egli non Si preoccupa del nome con cui l’uomo Lo chiama. Può forse quel nome determinare la Sua opera? Indipendentemente da come viene chiamato, dal punto di vista di Dio, Egli è l’incarnazione dello Spirito di Dio; Egli rappresenta lo Spirito e lo Spirito Lo approva. Tu non puoi inaugurare una nuova era, non puoi porre fine a quella giunta al termine e annunciarne una nuova, o fare un’opera nuova. Pertanto, non puoi essere chiamato Dio!

da “Il mistero dell’incarnazione (1)” in La Parola appare nella carne

Se un uomo si definisce Dio, ma ancora non è in grado di esprimere l’essere della divinità, di compiere l’opera di Dio Stesso o di rappresentare Dio, senza dubbio non è Dio, perché non ha l’essenza di Dio, e ciò che Dio può intrinsecamente raggiungere non esiste in lui.

da “La differenza tra il ministero del Dio incarnato e il dovere dell’uomo” in La Parola appare nella carne

Tra i falsi cristi, i falsi profeti e gli ingannatori, non c’è forse anche chi viene chiamato Dio? E perché non è Dio? Perché non è in grado di svolgere l’opera di Dio. Si tratta di uomini, di genere che inganna il prossimo, non di Dio e, dunque, non possiedono la Sua identità.

da “Riguardo all’appellativo e all’identità” in La Parola appare nella carne

La condivisione dell’uomo:

Noi che abbiamo sperimentato l’opera di Dio degli ultimi giorni abbiamo tutti chiaramente visto un fatto: ogni volta che Dio compie un nuovo stadio della Sua opera, Satana e diversi spiriti maligni Gli stanno alle calcagna, imitando e falsificando il Suo lavoro al fine di ingannare le persone. Gesù ha guarito e scacciato i demoni e, così, anche Satana e gli spiriti maligni guariscono e scacciano i demoni; il Santo Spirito ha dato all’uomo il dono delle lingue e, così, anche gli spiriti maligni fanno parlare alle persone “lingue” che nessuno comprende. Eppure, sebbene gli spiriti maligni facciano diverse cose che assecondano le esigenze dell’uomo, e compiono alcuni atti soprannaturali per ingannarlo, poiché né Satana né questi spiriti maligni sono in possesso della benché minima verità, non saranno mai in grado di dare all’uomo la verità. Solo da questo punto di vista è possibile distinguere il vero Cristo dai falsi cristi.

… EssendoSi realizzato nella carne, lo Spirito di Dio lavora in modo umile e in segreto, e sperimenta tutti gli aspetti della sofferenza dell’uomo senza la minima recriminazione. Nella persona di Cristo, Dio non ha mai ostentato Se Stesso, né Si è vantato, né tantomeno ha assunto la Sua posizione, né è stato presuntuoso, e ciò fa risplendere completamente l’onorabilità e la santità di Dio. Ciò dimostra la sostanza supremamente onorevole della vita di Dio, e mostra che Egli è la personificazione dell’amore. L’azione dei falsi cristi e degli spiriti maligni è esattamente l’opposto dell’azione di Cristo: prima di qualsiasi altra cosa, gli spiriti maligni gridano costantemente di essere il Cristo e dicono che, se non presti loro ascolto, non puoi entrare nel regno. Fanno tutto il possibile per far sì che la gente li incontri, ostentano se stessi, si mettono in mostra, si vantano o, quantomeno, danno dei segni e compiono dei miracoli al fine di ingannare le persone – e queste persone, dopo essere state ingannate e avere accettato la loro azione, cedono senza fiatare, perché è passato troppo tempo da quando è stata data loro la verità. Ci sono molti, innumerevoli esempi al riguardo. Poiché i falsi cristi non sono la verità, la via e la vita, non hanno alcun percorso e, presto o tardi, coloro che li seguono saranno umiliati – ma allora sarà troppo tardi per tornare indietro. Pertanto, la cosa più importante da riconoscere è che solo Cristo è la verità, la via e la vita. I falsi cristi e gli spiriti maligni sono sicuramente privi di verità; indipendentemente da quante cose possano dire o da quanti libri possano scrivere, non è possibile trovare in essi la benché minima verità. Ciò è assolutamente certo. Solo Cristo è in grado di esprimere la verità, e questa è la chiave per individuare la differenza tra il vero Cristo e i falsi cristi. Per di più, Cristo non ha mai obbligato le persone ad accettarLo o a riconoscerLo. Per coloro che credono in Lui, la verità diventa sempre più chiara e il cammino che essi percorrono si fa sempre più luminoso, il che prova che solo Cristo è in grado di salvare le persone, poiché Cristo è la verità. I falsi cristi possono solo imitare un numero limitato di parole, o dire cose che confondo il nero con il bianco. Essi sono privi della verità e possono solo condurre le persone verso le tenebre, la distruzione e l’azione degli spiriti maligni.

da Prefazione alla dissezione di casi di inganno operati dai falsi cristi e anticristo

Come è possibile individuare un falso cristo? È molto semplice. Prova a dire loro: “Avanti, parla. Che cosa fa di te il Cristo? Di’ qualcosa a proposito di ciò che Dio ha ed è e, se non sei in grado di farlo, puoi anche metterlo per iscritto. Scrivi alcune delle parole pronunciate dalla divinità – avanti, scrivi qualcosa per me. Non hai alcun problema ad imitare qualche parola dell’umanità. Di’ qualcosa di più, parla per tre ore e vedi se sei in grado di farlo. Condividi con me la verità per tre ore, parla di ciò che Dio è e di questo stadio della Sua opera, parlane chiaramente con me, prova e vediamo. E se non sei in grado di parlarne, allora sei falso e sei uno spirito maligno. Il vero Cristo può parlare per giorni, senza nessun problema, il vero Cristo ha pronunciato più di un milione di parole – e ancora non ha finito. Non c’è limite a quanto Egli può dire, Egli può parlare in qualsiasi momento o in qualsiasi posto, e le Sue parole non possono essere scritte da alcun essere umano al mondo. Potrebbero essere scritte da qualcuno che non sia divino? Potrebbe una persona simile pronunciare tali parole? Tu, falso cristo, sei privo di divinità e lo Spirito di Dio non è dentro di te. Come potresti essere in grado di pronunciare le parole di Dio? Puoi imitare qualcuna delle parole di Dio, ma per quanto tempo potresti continuare? Chiunque sia dotato di memoria, può memorizzare qualche parola; così, parlami per un’ora, condividi la verità per due ore – prova e vediamo”. Se insisti con loro in questo modo, essi verranno smascherati, resteranno interdetti e fuggiranno via a gambe levate. Non è forse così? Che ne dite? Non è così? Dite loro questo: “Cristo è la verità, la via e la vita, pertanto esprimi le verità di Cristo per me, perché io le senta o le legga. Se sei in grado di farlo, allora tu sei il Cristo, se invece non ci riesci, allora sei uno spirito maligno!” È facile individuare la differenza tra il vero Cristo e i falsi cristi. I falsi cristi e gli anticristi sono privi della verità; chiunque sia in possesso della verità è Cristo, e chiunque sia privo della verità non lo è. Non è forse così? Di’ loro: “Se non sei in grado di esprimere ciò che Cristo è, o ciò che Dio è, eppure dici di essere il Cristo, allora stai mentendo. Cristo è la verità – vediamo quante parole di verità sei in grado di esprimere. Se ti limiti a un paio di frasi, significa che non sei tu ad esserne l’autore, le stai semplicemente copiando. Le hai rubate, sono un’imitazione”. Ecco: questo è tutto quel che ci vuole per individuare un falso cristo. … Parliamo di un fatto: di come Dio è apparso quando è apparso. Quando Dio ha cominciato ad operare, non ha detto di essere Dio, non ha detto questo. Dio Si è espresso con molte parole, e dopo averne pronunciate centinaia di migliaia, ancora non aveva detto che Egli era Dio. Centinaia di migliaia di parole – un intero libro di tre o quattrocento pagine – e ancora non aveva detto di essere Dio. Dopo essere state ispirate e illuminate dallo Spirito Santo, alcune persone hanno detto: “Oh, queste sono le parole di Dio, questa è la voce dello Spirito Santo!” All’inizio, credevano che si trattasse della voce dello Spirito Santo; in seguito, hanno detto che era la voce dei sette Spiriti, del settiforme Spirito. L’hanno chiamata la “voce dei sette Spiriti” o “le pronunciazioni dello Spirito Santo”. Questo è ciò che credevano all’inizio. Solo in seguito, dopo che Dio ebbe pronunciato molte parole centinaia di migliaia di parole, Egli ha cominciato a rendere testimonianza dell’incarnazione e della manifestazione della parola nella carne – e solo allora le persone ha iniziato a conoscere, dicendo: “Oh! Dio Si è fatto carne! È l’incarnazione di Dio che ci parla!” Vedi quanto nascosto e umile è il lavoro di Dio. Infine, dopo che Dio ebbe terminato di pronunciare tutte le parole che doveva proferire, ancora non aveva mai detto di essere Dio; quando lavorava e predicava, ancora non aveva mai detto: “Sono Dio! Dovete prestarMi ascolto”. Non ha mai parlato così. Eppure i falsi cristi dicono di essere Cristo prima ancora di avere pronunciato poche altre parole. Non sono falsi? Il vero Dio è nascosto e umile e non ostenta mai Se Stesso; Satana e gli spiriti maligni, invece, amano ostentarsi, e questo è un altro modo di riconoscerli per ciò che sono.

da “Risposte alle domande” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita (I)

Ora, se la gente tenta di ingannarvi, guardate se sono in grado di esprimere la voce di Dio. Ciò confermerà se sono in possesso o meno della divina sostanza. Se non sono in grado di parlare di ciò che Dio ha ed è, e se non sono in grado di esprimere le cose e la voce di Dio, allora sono sicuramente privi della sostanza di Dio e pertanto sono falsi. Ci sono alcuni che dicono: “Abbiamo visto delle persone pronunciare parole che nessun uomo sarebbe in grado di dire. Sono anche in grado di fare profezie e parlano senza alcuna reticenza di cose che nessuno potrebbe conoscere o vedere – sono pertanto Dio?” Come potete fare una distinzione davanti a persone come queste? Come è stato appena detto, se esse sono Dio, devono essere in grado di parlare di ciò che Dio ha ed è ed anche dei misteri del Suo regno; solo qualcuno in grado di fare ciò può essere riconosciuto come l’incarnazione di Dio. Se ci fossero persone in grado di parlare di cose che gli altri non sanno, persone in grado di prevedere il loro futuro e di dire che cosa accadrà alle nazioni, ebbene, queste non sono necessariamente parole di Dio; anche gli spiriti maligni sono capaci di tali cose. Per esempio, se oggi tu dicessi loro: “Che cosa mi accadrà in futuro?” essi ti direbbero che tipo di catastrofe ti colpirà o quando morirai, o che cosa accadrà alla tua famiglia. In molti casi, queste cose si avverano. Ma essere in grado di parlare di tali cose non è ciò che Dio è, né rientra nella Sua opera. Questo punto deve esserti chiaro. Si tratta di questioni di poco conto in cui gli spiriti maligni eccellono; Dio non Si occupa di tali cose. Guarda il lavoro che Dio ha compiuto ogni volta che si è fatto carne. Dio svolge l’opera di salvare il genere umano, Egli non predice che cosa avverrà alle persone, quanto vivranno, quanti figli avranno, o quando saranno colpite da una calamità. Ha Dio mai predetto tali cose? Mai. Ora, cosa ne dite, Dio conosce tali cose? Certo che sì, poiché Egli ha creato i cieli e la terra e tutte le cose. Solo Dio le conosce perfettamente, mentre ci sono limiti a ciò che gli spiriti maligni conoscono. Che cosa sono in grado di conoscere gli spiriti maligni? Gli spiriti maligni conoscono il destino di una persona, o di un paese, o di una nazione. Ma non sanno nulla della gestione di Dio, non sanno quale sia la fine del genere umano, o quale sia l’autentica destinazione del genere umano e, ancor meno, sanno quando il mondo avrà fine e giungerà il regno di Dio, o che aspetto avranno i magnifici scenari del regno. Non sanno nulla di tutto ciò, nessuno di loro lo sa. Solo Dio conosce tali questioni e, pertanto, Dio è onnisciente, mentre ciò che gli spiriti maligni sanno è estremamente limitato. Sappiamo che i più grandi profeti del mondo hanno parlato di ciò che avverrà negli ultimi giorni e oggi le loro parole si sono avverate – ma essi non sapevano quale lavoro Dio compie negli ultimi giorni e, ancor meno, sapevano che cosa Dio intendesse ottenere con la Sua venuta o come il Regno Millenario verrà realizzato o chi avrà accesso al regno e sopravvivrà. E, men che meno, essi sapevano qualcosa di ciò che avverrà in seguito, nel regno di Dio. Nessuno spirito maligno conosce tali questioni: solo Dio Stesso le conosce e, pertanto, gli spiriti maligni sono totalmente incapaci di conoscere qualsiasi cosa abbia a che fare con il piano di gestione di Dio. Se chiedi loro: “Qual è il mio destino? Che cosa accadrà alla mia famiglia?”, alcuni spiriti maligni saranno in grado di darti una risposta chiara. Ma se chiedi loro: “In futuro, giungerò a destinazione, nella mia fede in Dio? Sopravvivrò?”, essi non lo sanno. Gli spiriti maligni sono estremamente limitati riguardo alle loro conoscenze. Se uno spirito maligno può dire solo un certo limitato numero di cose, come potrebbe essere Dio? Non può: è uno spirito maligno. Quando uno spirito maligno è in grado di dire cose che le persone non sanno, quando parla del loro futuro e dice loro persino come erano in passato e le cose che hanno fatto, se ci sono persone che pensano che ciò sia effettivamente divino, costoro non si coprono di ridicolo? Ciò prova che sei del tutto ignorante riguardo a Dio. Consideri divine le insignificanti capacità degli spiriti maligni e li tratti come fossero Dio. Non sai nulla dell’onnipotenza di Dio? Pertanto, se oggi abbiamo una qualche conoscenza dell’onnipotenza e dell’opera di Dio, nessuno spirito maligno, indipendentemente da quali segni o miracoli sia in grado di compiere, ci può ingannare, poiché, come minimo, c’è una cosa di cui possiamo essere sicuri: gli spiriti maligni non sono la verità, non sono in grado di compiere l’opera di Dio, non sono il Creatore, non sono in grado di salvare il genere umano e sono solo capaci di corromperlo.

da “Differenza tra il lavoro di Dio e il lavoro dell’uomo” in Sermoni e comunicazioni sull’ingresso nella vita (II)

Note a piè di pagina:

a. Il testo originale indica “quanto a”.