Discorsi di Cristo degli ultimi giorni (Selezioni)

Contenuti

Selezione tratta da “I quattro brani della parola di Dio” in “La verità intrinseca dell’opera di conquista”

1. L’uomo, profondamente corrotto da Satana, ignora l’esistenza di un Dio e ha smesso di adorarLo. In principio, quando Adamo ed Eva vennero creati, la gloria e la testimonianza di Jahvè erano onnipresenti. Tuttavia, dopo essere stato traviato, l’uomo perse l’una e l’altra, poiché tutti si ribellarono a Dio e smisero recisamente di venerarLo. L’odierna opera di conquista mira a riottenere la testimonianza e la gloria e a far sì che tutti gli uomini adorino Dio, affinché vi sia testimonianza nel creato. Ciò è quanto deve essere compiuto in questa fase dell’opera. In che modo esattamente si deve conquistare l’uomo? Con il lavoro delle parole, per convincerlo appieno; tramite la rivelazione, il giudizio, la punizione e la maledizione impietosa, per sottometterlo completamente; e rivelandone l’insubordinazione e giudicando la resistenza che l’uomo oppone a Dio, affinché egli possa conoscere l’iniquità e la lordura dell’umanità, che verranno usate per rimarcare l’indole retta di Dio. Soprattutto, si utilizzeranno le parole che conquistano l’uomo e lo convincono appieno. Le parole sono lo strumento per della conquista definitiva dell’umanità, e tutti coloro che accettano la conquista devono sopportare il colpo e il giudizio inferti dalle parole. L’attuale processo della parola è il processo di conquista. In che modo esattamente le persone dovrebbero collaborare? Nutrendosi e dissetandosi con efficacia di queste parole e comprendendole. La gente non può conquistarsi da sé: nutrendosi e dissetandosi di queste parole, impara a conoscere la propria corruzione e lordura, la propria ribellione e iniquità, e impara a inginocchiarsi dinanzi a Dio. Se puoi riuscire a comprendere la volontà di Dio e quindi a metterla in pratica e ad avere anche la visione, e se riesci a obbedire fedelmente a queste parole senza esercitare nessuna delle tue scelte, allora sarai stato conquistato. E saranno queste parole ad averti conquistato. Perché l’umanità ha perduto la testimonianza? Perché nessuno ha più fede in Dio né custodisce Dio nel proprio cuore. Conquistare l’umanità significa far sì che la gente ritrovi questa fede. Le persone tendono sempre verso il mondo, nutrendo eccessive speranze e desideri esagerati per il proprio futuro e con troppe richieste stravaganti. Pensano sempre alla carne e fanno dei piani al riguardo, e non sono mai interessate a cercare la via della fede in Dio. I loro cuori sono stati catturati da Satana ed esse hanno perso la devozione per Dio e volgono il cuore al Maligno. Eppure l’uomo è stato creato da Dio. Pertanto, egli ha perduto la testimonianza, ossia ha perduto la gloria di Dio. Lo scopo della conquista dell’umanità è di acquisire nuovamente la gloria della devozione dell’uomo per Dio.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

2. L’opera di conquista attuale intende manifestare quale sarà la fine dell’uomo. Perché affermo che la punizione e il giudizio odierni sono il giudizio dinanzi al grande bianco trono degli ultimi giorni? Non lo capisci? Perché il lavoro di conquista è l’ultima fase? Non è precisamente per rendere manifesto come ogni classe umana finirà? Non è per consentire a ciascuno, durante il lavoro di conquista della punizione e del giudizio, di mostrare la sua vera natura ed essere quindi classificato per tipo? Piuttosto che sostenere che questa è la conquista dell’umanità, sarebbe meglio dire che si tratta di mostrare la fine di ogni classe umana, ossia si tratta di giudicare i peccati degli uomini e presentarne le varie classi, dunque decidere se essi sono giusti o malvagi. Al lavoro di conquista segue l’opera di ricompensa dei buoni e di punizione dei malvagi: coloro che obbediscono completamente, ossia quelli che sono conquistati completamente, passeranno alla fase successiva della diffusione del lavoro all’intero universo; coloro che non sono conquistati si ritroveranno nell’oscurità e affronteranno la calamità. Pertanto, l’uomo sarà classificato secondo il tipo: i servitori del male saranno raggruppati con i cattivi per non vedere mai più la luce del sole; e i giusti saranno raggruppati con i buoni per ricevere la luce e vivere per sempre in essa. La fine è prossima per tutte le cose, la fine dell’uomo è stata chiaramente mostrata ai suoi occhi e tutte le cose saranno classificate per tipo. Dunque, le persone come possono fuggire il patimento di tale classificazione? La rivelazione del destino di ogni classe umana avviene quando la fine è vicina per tutte le cose e si compie durante il lavoro di conquista dell’intero universo (incluso tutto il lavoro di conquista che inizia con l’opera attuale). La rivelazione della fine di tutta l’umanità avviene dinanzi allo scranno del giudizio, durante la punizione e il lavoro di conquista degli ultimi giorni.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

3. La fine dell’uomo non è predestinata sin dalla creazione del mondo. Ciò accade perché in principio esisteva soltanto una classe, che era collettivamente denominata “umanità”, e perché all’inizio l’uomo non era corrotto da Satana e tutti vivevano nella luce di Dio, senza che alcuna oscurità cadesse su di loro. Eppure, dopo che l’uomo fu corrotto dal Maligno, si diffuse nel mondo ogni tipo e genere di persone – ogni tipo e genere derivato dalla famiglia collettivamente denominata “umanità” che era formata da maschi e femmine. Essi furono indotti dai loro antenati a discostarsi dagli progenitori più antichi – il genere umano che consisteva di maschi e femmine (ossia, in origine, Adamo ed Eva, i loro antenati più lontani). All’epoca, l’unico popolo guidato da Jahvè che vivesse sulla terra erano gli Israeliti. I diversi generi di persone che emersero da Israele (ossia dal clan famigliare originario) persero quindi la guida di Jahvè. Questi primi individui, completamente ignoranti delle questioni del mondo umano, convennero con i propri antenati di vivere nei territori che rivendicavano, fino a oggi. Pertanto, essi sono ancora all’oscuro di come si allontanarono da Jahvè e di come hanno finito per essere corrotti, ancora oggi, da ogni genere di lurido demone e spirito maligno. Quelli che finora sono stati più profondamente corrotti e avvelenati, in particolare quelli che non potranno essere salvati, non avranno altra scelta se non andare con i propri antenati — gli sporchi demoni che li corruppero. Quelli che potranno essere salvati giungeranno al giusto destino dell’umanità, ossia all’epilogo riservato ai salvati e ai conquistati. Verrà fatto tutto il possibile per salvare coloro che possono essere salvati, ma quelli insensibili e incurabili avranno come unica scelta di seguire i loro antenati nel pozzo senza fondo della punizione. Non credere che la tua fine fosse predestinata in principio e che solo adesso ti sia stata rivelata. Se questo è ciò che pensi, allora forse hai dimenticato che durante la creazione iniziale dell’umanità non fu generata alcuna classe satanica separata? Hai scordato che venne creato solo un genere umano formato da Adamo ed Eva (ossia solo maschio e femmina)? Se in principio fossi stato discendente di Satana, ciò non avrebbe comportato che Jahvè includesse un gruppo satanico quando creò l’uomo? Avrebbe potuto fare qualcosa di simile? Egli creò l’uomo per la Sua testimonianza; Egli creò l’uomo per la Sua gloria. Perché avrebbe creato di proposito una classe di posteri del Maligno per resisterGli in maniera deliberata? Jahvè avrebbe potuto fare una cosa del genere? Se sì, chi potrebbe affermare che Egli sia un Dio giusto? Quando adesso sostengo che alcuni di voi alla fine andranno con Satana, non significa che tu fossi con Satana dall’inizio; piuttosto, significa che sei sprofondato così in basso che, sebbene Dio abbia tentato di salvarti, non sei ancora riuscito a conquistare la salvezza. Non vi è altra scelta che classificarti con il Maligno. Ciò accade solo perché non puoi essere salvato, non perché Dio sia iniquo verso di te, ossia non perché Dio abbia determinato intenzionalmente la tua sorte come incarnazione di Satana e quindi ti classifichi con Satana e desideri di proposito che tu soffra. Non è questa la verità interiore del lavoro di conquista. Se questo è ciò che credi, la tua comprensione è molto parziale!

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

4. La fase finale della conquista mira a salvare le persone e anche a rivelarne la fine. Essa si prefigge di svelare la degenerazione umana attraverso il giudizio, quindi di far sì che la gente si penta, si elevi e persegua la vita e il giusto cammino dell’esistenza umana. Si prefigge di svegliare i cuori degli individui intorpiditi e ottusi e mostrarne, tramite il giudizio, la ribellione interiore. Tuttavia, se le persone non sono ancora capaci di pentirsi, non sono ancora capaci di perseguire il giusto cammino della vita umana e di liberarsi di queste corruzioni, allora non potranno essere salvate e Satana le fagociterà. Questo è il significato della conquista: salvare gli individui nonché mostrarne la fine. Una bella fine, una brutta fine... vengono tutte rivelate dal lavoro di conquista. Il fatto che le persone siano salvate o maledette sarà svelato nel corso di tale lavoro.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

5. Gli ultimi giorni arriveranno quando tutte le cose saranno classificate secondo il genere attraverso la conquista. La conquista è l’opera da svolgere negli ultimi giorni; in altre parole, giudicare i peccati di ciascuno è il lavoro degli ultimi giorni. Altrimenti come si potrebbero classificare le persone? La suddivisione compiuta in mezzo a voi è l’inizio di tale lavoro nell’intero universo. Dopodiché, anche gli individui di tutte le nazionalità in qualsiasi luogo saranno soggetti al lavoro di conquista. Questo significa che ogni persona nel creato verrà classificata secondo il tipo, presentandosi dinanzi allo scranno del giudizio per essere giudicata. Niente e nessuno può sfuggire al patimento di questa punizione e di questo giudizio, e niente e nessuno può evitare la classificazione per tipo; saranno tutti divisi in classi. Ciò accade perché la fine è prossima per tutte le cose e tutti i cieli e la terra giungono alla loro conclusione. Come può l’uomo sfuggire alla fine della sua esistenza?

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

6. Proprio adesso sto compiendo il lavoro su queste persone in Cina per svelarne l’indole ribelle e smascherarne la laidezza. Questo è il presupposto per dire tutto quello che devo dire. Dopodiché compirò il passo successivo dell’opera di conquista dell’intero universo. Impiegherò il Mio giudizio su di voi per giudicare l’iniquità di ciascuno in tutto l’universo, poiché voi siete i rappresentanti dei ribelli in mezzo agli uomini. Quelli che non possono elevarsi diverranno soltanto dei contrasti e degli oggetti fatti per servire, mentre quelli che possono farlo saranno utilizzati. Perché affermo che quelli che non possono elevarsi serviranno solo da contrasti che metteranno in evidenza la Mia opera? Perché le Mie parole e il Mio lavoro attuali mirano alle vostre origini e siete diventati i rappresentanti e l’epitome dei ribelli in mezzo agli uomini. In seguito porterò queste parole che vi sottomettono nei paesi stranieri e le utilizzerò per conquistarne la gente, anche se voi non le avrete acquisite. Questo non farebbe di te un fallimento? L’indole corrotta del genere umano, gli atti ribelli dell’uomo, le sue immagini e i suoi volti sgradevoli oggi sono tutti documentati nelle parole impiegate per conquistarvi. Dunque userò queste parole per conquistare la gente di ogni nazione e di ogni denominazione perché voi siete il modello, il precedente. Tuttavia, non mi sono prefisso di abbandonarvi di proposito: se non riesci a fare bene nella tua ricerca e pertanto ti dimostri incurabile, non fungeresti semplicemente da contrasto e non saresti un oggetto fatto per servire?

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

7. Oggi è la fede che ti permette di essere conquistato, ed essere conquistato ti permette di credere in ogni atto di Jahvè. È solo grazie alla fede che ricevi questo genere di punizione e di giudizio ed è attraverso di essi che vieni conquistato e perfezionato. Senza il genere di punizione e di giudizio che ricevi oggi, la tua fede sarebbe vana. Poiché non conosci Dio, non importa quanto tu creda in Lui: la tua fede non sarà nient’altro che una vuota espressione priva di fondamento nella realtà. È solo dopo aver ricevuto questo genere di lavoro di conquista che ti rende assolutamente obbediente che la tua fede diventa vera e affidabile e il tuo cuore si volge a Dio. Sebbene tu sia fortemente giudicato o maledetto a causa della parola “fede”, possiedi la vera fede e ricevi la cosa più vera, la più reale e la più preziosa. Ciò accade perché è solo durante il giudizio che conosci la destinazione finale delle creature di Dio; è in questo giudizio che apprendi che il Creatore deve essere amato; è in un tale lavoro di conquista che vedi il braccio di Dio; è in questa conquista che impari a comprendere appieno la vita umana; è in questa conquista che acquisisci il giusto cammino dell’esistenza umana e impari a capire il vero significato della parola “uomo”; è solo in questa conquista che conosci l’indole retta dell’Onnipotente e il Suo volto bello e glorioso; è in questo lavoro di conquista che apprendi l’origine dell’uomo e comprendi la “storia immortale” di tutta l’umanità; è in questa conquista che impari a capire gli antenati dell’uomo e l’origine della corruzione dell’umanità; è in questa conquista che ricevi gioia e conforto nonché infinito castigo, disciplina e parole di biasimo del Creatore all’uomo che Egli ha creato; in questo lavoro di conquista ricevi benedizioni e ricevi le calamità che l’uomo dovrebbe subire. … Tutto questo non è forse dovuto a quel poco di fede? La tua fede non è cresciuta dopo aver conquistato queste cose? Non hai ottenuto un enorme guadagno?

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

8. Forse diresti che, se non avessi fede, non patiresti questo genere di punizione o questo genere di giudizio. Eppure dovresti sapere che, senza fede, non solo saresti incapace di ricevere questo tipo di punizione o di cura dall’Onnipotente, ma perderesti per sempre l’opportunità di vedere il Creatore. Non conosceresti mai l’origine dell’umanità e non capiresti mai il significato della vita umana. Anche se il tuo corpo muore e l’anima si diparte, continueresti a non comprendere tutti gli atti del Creatore. Tantomeno sapresti che il Creatore ha compiuto un’opera davvero grande sulla terra dopo aver creato l’umanità. Come essere che appartiene all’umanità creata da Dio, sei disposto a precipitare così incomprensibilmente nell’oscurità e a patire il castigo eterno? Se ti dissoci dalla punizione e dal giudizio odierni, in che cosa ti imbatterai? Pensi che, una volta disgiunto dal giudizio attuale, sarai capace di fuggire da questa vita difficile? Non è forse vero che, se lasci “questo luogo”, andrai incontro al tormento doloroso o alle atroci ferite inflitte dal diavolo? Potresti affrontare giorni e notti insostenibili? Credi che, solo perché oggi sfuggi a questo giudizio, potrai scampare per sempre alla tortura futura? Che cosa ti colpirà lungo la via? Speri davvero in Shangri-La? Pensi di poter fuggire la punizione eterna successiva semplicemente sottraendoti alla realtà così come stai facendo? Dopo oggi, saprai mai ritrovare questo genere di opportunità e di benedizione? Saprai trovarle quando il disastro si abbatterà su di te? Saprai trovarle quando tutta l’umanità entrerà nel riposo? La tua attuale vita felice e la tua famigliola armoniosa possono sostituirsi alla tua futura destinazione eterna? Se possiedi la vera fede, e se acquisisci tanto in virtù della tua fede, allora questo è quello che tu (un essere del creato) dovresti acquisire e anche quello che avresti dovuto avere. Questo genere di conquista è il più vantaggioso per la tua fede e il più vantaggioso per la tua vita.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (1)” in La Parola Appare Nella Carne

9. Oggi dovresti essere consapevole di come poter essere conquistato e di come le persone si comportino dopo essere state conquistate. Puoi dire di essere stato conquistato, ma sei in grado di obbedire fino alla morte? È necessario che diventi capace di seguire Dio fino alla fine, indipendentemente dalle prospettive che ti si possono presentare davanti, e di non perdere la fede in Dio, a prescindere dalle situazioni. Infine, dovresti raggiungere due obiettivi nella tua testimonianza: la testimonianza di Giobbe, ovvero l’obbedienza fino alla morte e la testimonianza di Pietro, ossia l’amore supremo verso Dio. Da un lato, dunque, devi essere come Giobbe: egli non possedeva beni materiali e fu afflitto dal dolore della carne, eppure non abbandonò il nome di Jahvè. Questa fu la testimonianza di Giobbe. Pietro invece fu in grado di amare Dio fino alla morte. Anche quando era in punto di morte, quando fu messo in croce, egli non smise di amare Dio; Pietro non pensava alle sue aspettative personali o a seguire le sue gloriose speranze o i suoi pensieri stravaganti, ma cercava soltanto di amare Dio e di obbedire alle Sue disposizioni. Questo è lo standard che dovresti raggiungere prima di poter dare testimonianza a Dio, prima di diventare qualcuno che è stato reso perfetto e conquistato da Lui. Al giorno d’oggi, se la gente conoscesse veramente la propria sostanza e la propria condizione, cercherebbe ancora di perseguire le proprie aspettative e le proprie speranze? Quello che dovresti sapere è questo: indipendentemente dal fatto che Dio mi renda perfetto o meno, Lo devo seguire; infatti, tutto ciò che Egli fa è cosa buona ed è unicamente per il nostro bene, in modo che la nostra indole possa cambiare e possiamo liberarci dall’influenza di Satana, per vivere sulla terra immonda e abbandonare ogni impurità, sbarazzarci della sporcizia e del giogo di Satana.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (2)” in La Parola Appare Nella Carne

10. In effetti la perfezione si realizza nello stesso momento della conquista: quando vieni conquistato da Dio raggiungi anche i primi effetti dell’essere reso perfetto. La differenza tra l’essere conquistato e l’essere perfezionato si basa sul grado di cambiamento nelle persone. Essere conquistato è il primo passo per essere reso perfetto, ma non significa che gli uomini siano stati completamente perfezionati, né dimostra che siano stati interamente guadagnati da Dio. Dopo che le persone vengono conquistate, accadono alcuni cambiamenti nella loro indole, ma mutamenti simili non si avvicinano lontanamente a quelli di coloro che sono stati del tutto guadagnati da Dio. L’opera che viene svolta oggi da Dio rappresenta l’inizio del perfezionamento delle persone, la conquista e, se non sei in grado di lasciarti conquistare, allora non avrai modo di essere reso perfetto e di essere totalmente guadagnato da Dio. Riceverai soltanto qualche parola di castigo e di giudizio, ma esse non saranno in grado di trasformare per intero il tuo cuore. Perciò farai parte di coloro che saranno eliminati; sarà come guardare un sontuoso banchetto disposto su un tavolo, senza poterlo mangiare. Non è drammatico? È quindi necessario che cerchi di cambiare: che si tratti della conquista o del perfezionamento, nessuno di essi può avvenire se non ci sono cambiamenti dentro di te e se non sei obbediente a Dio; ciò determina anche se potrai o meno essere guadagnato da Lui. Sappi, quindi, che “essere conquistato” ed “essere reso perfetto” sono due condizioni che si basano solamente sulla portata del tuo cambiamento e della tua obbedienza, oltre che sul livello di purezza del tuo amore verso Dio. Attualmente è necessario che tu sia totalmente perfezionato, ma prima devi essere conquistato, devi avere una conoscenza sufficiente del castigo e del giudizio di Dio, devi possedere la fede necessaria per seguirLo e devi ricercare veramente il cambiamento e i suoi effetti. Solo allora diventerai qualcuno che desidera essere perfezionato. Voi dovreste capire che nel processo di perfezionamento sarete conquistati e nel cammino della conquista verrete resi perfetti. Al giorno d’oggi puoi cercare di essere perfezionato, di modificare la tua umanità esteriore o di migliorare la tua levatura, ma ciò che è di fondamentale importanza è che tu capisca che ogni cosa che Dio compie attualmente ha un significato e un beneficio per l’uomo: Egli ti permette di vivere su una terra immonda, sfuggendo alla sporcizia e liberandotene, ti offre la possibilità di vincere l’influenza di Satana e di lasciarti alle spalle il suo potere oscuro; concentrandoti su queste cose, sarai protetto anche se vivi in questa terra sudicia. In definitiva, quale testimonianza ti viene richiesta? Tu vivi in una terra perversa, ma sei in grado di diventare santo e di non essere più sporco e impuro, vivi sotto il dominio di Satana, ma sei in grado di liberarti dalla sua influenza e di non essere più posseduto e sfruttato da lui, vivendo nelle mani dell’Onnipotente. Questa è la testimonianza, la prova della vittoria nella battaglia contro Satana. Tu sei in grado di abbandonare Satana per far sì che quello che esprimerai con la tua vita non rappresenti più lui ma, bensì, ciò che Dio aveva previsto che l’uomo realizzasse quando lo creò: l’umanità normale, la razionalità coerente, la consueta introspezione, la solita determinazione nell’amare Dio e la fedeltà nei Suoi confronti: questa è la testimonianza resa da una creatura di Dio.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (2)” in La Parola Appare Nella Carne

11. L’opera degli ultimi giorni non segue nessuna delle regole precedenti e, che tu sia stato maledetto o condannato, se collabori con la Mia opera e sei d’aiuto all’opera odierna di conquista, sia che tu sia un discendente di Moab o che faccia parte della progenie del gran dragone rosso, se esegui il dovere di una creatura di Dio in questa fase e collabori meglio che puoi, allora i risultati desiderati verranno raggiunti. Tu fai parte della stirpe del gran dragone rosso e sei un discendente di Moab; in sostanza, tutti coloro che sono fatti di carne e sangue sono creature di Dio e vennero generati dal Creatore. Essendo anche tu una creatura di Dio, non hai scelta, questo è il tuo dovere. Ovviamente l’opera odierna del Creatore si rivolge a tutto l’universo. Indipendentemente da chi siano i vostri progenitori, voi siete innanzitutto creature di Dio; voi, i discendenti di Moab, fate parte di queste creature, semplicemente il vostro valore è inferiore. Siccome oggi l’opera di Dio si svolge fra tutte le creature ed è rivolta all’intero universo, il Creatore è libero di scegliere qualsiasi popolo, strumento o cosa, al fine di portare a compimento la Sua opera. A Dio non importa chi siano i tuoi progenitori, se sei una delle Sue creature e sei utile alla Sua opera di conquista e di testimonianza, Egli opererà dentro di te, senza scrupoli. Questo sconvolge le concezioni tradizionali delle persone, le quali sono convinte che Dio non opererà mai tra i Gentili, in particolare tra coloro che sono stati maledetti e sono insignificanti; esse credono che anche le generazioni successive di coloro che un tempo furono maledetti dovranno portare il peso di tali maledizioni, non avendo così possibilità di salvarsi, e che Dio non scenderà e opererà mai nella terra dei Gentili e non metterà mai piede su un suolo impuro, perché Egli è santo. Sappi che Egli è il Dio di tutte le creature, Egli detiene l’autorità sui cieli, sulla terra e su tutte le cose create, non soltanto sul popolo d’Israele. L’opera che si sta svolgendo in Cina è della massima importanza, non credi quindi che debba essere diffusa fra tutte le nazioni? La grande testimonianza del futuro, infatti, non sarà limitata soltanto alla Cina; se Dio conquistasse soltanto voi, potrebbe forse convincere i demoni? Essi non comprendono l’atto di essere conquistati o la grande potenza di Dio per cui, solo quando il popolo scelto da Dio in tutto l’universo ammirerà gli effetti conclusivi di quest’opera, tutte le creature saranno conquistate. Nessuno è più arretrato o corrotto dei discendenti di Moab. Solo se queste persone, che sono le più corrotte e non riconoscono Dio o non credono che esista, potranno essere conquistate e riconoscerLo, lodarLo e amarLo, sarà possibile testimoniare la conquista da parte di Dio. Anche se non siete Pietro, voi vivete nella sua immagine e siete in grado di portare la sua testimonianza e quella di Giobbe, ovvero la più grande delle testimonianze.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (2)” in La Parola Appare Nella Carne

12. Il risultato a cui ambisce l’opera di conquista è soprattutto far sì che la carne umana smetta di ribellarsi, ossia che la mente dell’uomo acquisisca una nuova comprensione di Dio, che il suo cuore Gli obbedisca completamente e che l’uomo decida di darsi a Lui. Il modo in cui il temperamento o la carne di una persona cambia non determina il fatto che sia stata conquistata oppure no. Piuttosto, quando il tuo pensiero, la tua coscienza e i tuoi sensi si trasformano (ossia, quando tutto il tuo atteggiamento mentale cambia), significa che sei stato conquistato da Dio. Quando ti decidi a obbedire e adotti una nuova mentalità, quando non includi più alcuna delle tue nozioni o intenzioni personali nelle parole e nel lavoro di Dio, e quando la tua mente può pensare in modo normale, ossia quando puoi adoperarti per Dio con tutto il tuo cuore, ecco che questo tipo di persona è stato completamente conquistato.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (3)” in La Parola Appare Nella Carne

13. Nel regno della religione, molti patiscono in misura significativa per tutta la vita sottomettendo il corpo o portando la croce, addirittura soffrendo e sopportando fino all’ultimo respiro! Alcuni continuano a digiunare fino al mattino della loro morte. Per tutta la vita si privano di cibo gradevole e bei vestiti, sottolineando solo il patimento. Sono capaci di sottomettere il corpo e di rinunciare alla carne. Il loro spirito è encomiabile perché accetta la sofferenza; tuttavia, il loro pensiero, le loro nozioni, il loro atteggiamento mentale e invero la loro vecchia natura, nessuno di questi aspetti è stato affrontato in alcun modo. Essi non hanno una vera comprensione di se stessi. La loro immagine mentale di Dio è quella tradizionale di un Dio astratto, vago. La loro determinazione a soffrire per Dio deriva dal loro zelo e dalla loro natura positiva. Sebbene credano in Dio, non Lo comprendono né conoscono la Sua volontà. Si limitano a lavorare ciecamente e a soffrire ciecamente per Dio. Non attribuiscono alcun valore al discernimento e poco si curano di come assicurare che il loro servizio soddisfi effettivamente la volontà di Dio; tantomeno sanno come raggiungere una comprensione di Dio. Il Dio che servono non è Dio nella Sua immagine originale, bensì un Dio che essi stessi hanno evocato, un Dio di cui hanno sentito parlare o un Dio leggendario trovato negli scritti. Essi sfruttano quindi la loro vivida immaginazione e il loro cuore devoto per soffrire per Dio e per farsi carico per Lui del lavoro che Egli desidera compiere. Il loro servizio è assai impreciso, al punto che non esiste praticamente nessuno che serva davvero Dio in maniera tale da soddisfare la Sua volontà. A prescindere da quanto desiderino soffrire, la loro prospettiva originale del servizio e la loro immagine mentale di Dio restano immutate, poiché non sono stati sottoposti al giudizio e al castigo di Dio e al Suo affinamento e alla Sua perfezione e poiché nessuno li ha guidati con la verità. Sebbene credano in Gesù Salvatore, nessuno di loro ha mai visto il Salvatore e Lo conoscono solo attraverso la leggenda e per sentito dire. Pertanto il loro servizio non equivale ad altro che servire in modo casuale con gli occhi chiusi, come un cieco che serve suo padre. In definitiva, che cosa si può ottenere con questo genere di servizio? E chi lo approverebbe? Dal principio alla fine, il loro servizio resta completamente immutato. Essi ricevono solo le lezioni create dall’uomo e fondano il servizio sulla loro naturalezza e su ciò che essi stessi amano. Così facendo, quale ricompensa si potrebbe ottenere? Nemmeno Pietro, che vide Gesù, sapeva come servire in un modo che fosse soddisfacente per la volontà di Dio. Solo alla fine, in tarda età, imparò a comprendere. Questo che cosa dice degli uomini ciechi che non hanno ricevuto alcuna cura o mondatura e che non hanno avuto nessuno che lo guidasse? Gran parte del vostro servizio odierno non è forse simile a quello dei ciechi? Tutti quelli che non hanno ricevuto il giudizio, né la cura e la mondatura e non sono cambiati, non sono forse conquistati in maniera incompleta? Di che utilità sono tali individui? Se il tuo pensiero, la tua comprensione della vita e la tua comprensione di Dio non mostrano alcun nuovo cambiamento e non portano nemmeno a una piccola vera conquista, non conseguirai mai alcunché di rimarchevole nel tuo servizio! Senza una visione e senza una nuova comprensione del lavoro di Dio, non puoi essere conquistato. Il tuo modo di seguire Dio somiglierà dunque a quello di coloro che patiscono e digiunano, ossia sarà di scarso valore! È proprio perché il loro operato include una scarsa testimonianza che affermo che il loro servizio è futile! Per tutte la loro vita soffrono, trascorrono del tempo in prigione e in ogni momento sopportano, sottolineano l’amore e la mitezza e portano la croce. Sono calunniati e rifiutati dal mondo e hanno sperimentato ogni avversità. Obbediscono sino alla fine, eppure non sono ancora stati conquistati e non possono offrire alcuna testimonianza dell’essere conquistati. Hanno sofferto non poco, ma dentro di loro non conoscono affatto Dio. Nulla dei loro vecchi pensieri, delle vecchie nozioni, delle pratiche religiose, delle cognizioni create dall’uomo e delle idee umane è stato affrontato. In loro non vi è alcuna nuova comprensione. La loro comprensione di Dio non è affatto vera o accurata. Essi hanno frainteso la volontà di Dio. Si può forse considerare ciò servire Dio? Per quanto tu abbia capito Dio in passato, prova a supporre di affermarlo oggi e di continuare a basare la tua comprensione sulle tue nozioni e sulle tue idee personali a prescindere dall’operato di Dio. Ossia, prova a supporre di non possedere alcuna nuova, vera comprensione di Dio e di non riuscire a conoscere la Sua vera immagine e la Sua vera indole. Prova a supporre che la tua comprensione di Dio sia ancora guidata da un pensiero feudale e superstizioso e che nasca ancora da fantasie e nozioni umane. Se è così, allora non sei stato conquistato. Il mio obiettivo nel dirti adesso queste parole è permetterti di capire e sfruttare questa conoscenza per guidarti a una nuova e accurata comprensione. Le Mie parole mirano, inoltre, a liberarti dalle vecchie nozioni e dalla vecchia conoscenza che porti in te, affinché tu possa avere una nuova comprensione. Se davvero ti nutri e ti disseti con le Mie parole, la tua comprensione cambierà considerevolmente. Finché conserverai un cuore obbediente mentre mangi e bevi le parole di Dio, la tua prospettiva rinverrà. Finché sarai capace di accettare le ripetute punizioni, la tua vecchia mentalità cambierà in modo graduale. Se la tua vecchia mentalità sarà completamente sostituita dalla nuova, la tua pratica cambierà di conseguenza. Così facendo, il tuo servizio diverrà sempre più mirato, sempre più capace di soddisfare la volontà di Dio. Se riesci a trasformare la tua vita, la tua comprensione dell’esistenza e le tue diverse nozioni su Dio, la tua naturalezza diminuirà in modo graduale. Questo, e nient’altro che questo, è il risultato che segue alla conquista dell’uomo da parte di Dio; questo è il cambiamento che si osserverà nell’uomo. Se, nel credere in Dio, tutto quello che sai riguarda la sottomissione del corpo e la sopportazione e il patimento, e non ti è chiaro se ciò che stai facendo è giusto o sbagliato, tantomeno per chi lo stai facendo, come può questo genere di pratica condurre al cambiamento?

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (3)” in La Parola Appare Nella Carne

14. Dovreste comprendere che non pretendo da voi che il vostro corpo sia tenuto legato o che il vostro cervello sia controllato e gli sia impedito di concepire pensieri arbitrari. Questo non è l’obiettivo del lavoro né il lavoro da compiersi subito. … Dovete capire il lavoro di Dio e riconoscere la vostra natura, la vostra sostanza e la vostra vecchia vita. In particolare, dovete riconoscere quelle vostre erronee pratiche e atti umani del passato. Per cambiare, dovete iniziare a trasformare il vostro pensiero. Sostituite dapprima il vostro vecchio modo di pensare con quello nuovo e lasciate che questo governi le vostre parole, le vostre azioni e la vostra vita. È quanto si chiede adesso a ciascuno di voi. Non praticate ciecamente né seguite ciecamente. Dovreste avere una base e un obiettivo. Non prendete in giro voi stessi. Dovreste conoscere l’esatta finalità della vostra fede in Dio, ciò che si dovrebbe acquisire da essa e ciò a cui dovreste aderire esattamente in questo momento. È imperativo che tu sappia tutto questo.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (3)” in La Parola Appare Nella Carne

15. Quando la tua comprensione degli atti di Dio cambierà, quando avrai una nuova comprensione della verità di tutto ciò che Dio dice, e quando la tua comprensione interiore sarà elevata, la tua vita migliorerà. Tutto quello che la gente fa e dice adesso è reale. Queste non sono dottrine, ma piuttosto ciò che è necessario alle persone per la loro vita e ciò che dovrebbero possedere. Questo è il cambiamento che avviene nell’uomo durante il lavoro di conquista, il cambiamento che questi dovrebbe sperimentare, ed è il risultato che deriva dalla conquista dell’uomo. Una volta modificato il tuo modo di pensare, adottato un nuovo atteggiamento mentale, capovolte le tue nozioni, le tue intenzioni e i tuoi ragionamenti logici passati, eliminato quanto era profondamente radicato in te e conquistata una nuova comprensione della fede in Dio, le testimonianze che dai saranno elevate e tutto il tuo essere sarà davvero cambiato. Tutti questi elementi sono i più pratici, i più realistici e i più fondamentali – ciò che le persone trovavano difficile toccare in passato e quello con cui non potevano entrare in contatto. Questa è la vera opera dello Spirito.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (3)” in La Parola Appare Nella Carne

16. Al termine del lavoro di conquista, è indispensabile che capiate che Dio non è soltanto il Dio degli Israeliti, ma piuttosto il Dio di tutto il creato. Egli ha creato l’umanità intera, non solo gli Israeliti. Se affermi che Dio è soltanto il Dio degli Israeliti o che è impossibile che Dio Si incarni in qualsiasi nazione al di fuori di Israele, allora non sei ancora pervenuto ad alcuna comprensione durante il lavoro di conquista e non riconosci affatto che Dio è il tuo Dio. Tutto ciò che riconosci è che Dio Si è spostato da Israele in Cina ed è costretto a essere il tuo Dio. Se questo è ancora il tuo punto di vista, allora il lavoro che ho compiuto in te è stato vano e non hai compreso alcunché di ciò che ho detto. Alla fine, se anche tu come Matteo scrivi una nuova genealogia per Me, individui un “antenato” adatto a Me e Mi trovi una radice appropriata – cosicché Dio ha due genealogie per queste Sue due incarnazioni – non sarà dunque il più grande scherzo del mondo? Tu, questa “persona ben intenzionata” che Mi ha trovato una genealogia, non sarai diventato qualcuno che hai diviso Dio? Sei in grado di farti carico del fardello di questo peccato? Dopo tutto questo lavoro di conquista, se ancora non credi che Dio è il Dio di tutto il creato, se ancora pensi che Dio è soltanto il Dio degli Israeliti, non sei forse qualcuno che Gli si oppone apertamente? Lo scopo di conquistarti oggi è far sì che tu riconosca che Dio è il tuo Dio e il Dio altrui e, aspetto più importante, il Dio di tutti quelli che Lo amano e il Dio di tutto il creato. Egli è il Dio degli Israeliti e il Dio del popolo d’Egitto. Egli è il Dio dei Britannici e il Dio degli Americani. Egli non è solo il Dio di Adamo ed Eva, ma anche il Dio di tutti i discendenti di Adamo ed Eva. Egli è il Dio di tutte le cose nei cieli e di tutte le cose in terra.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (3)” in La Parola Appare Nella Carne

17. La famiglia israelita e allo stesso modo tutte le famiglie dei Gentili sono nelle mani di un unico Dio. Non solo Egli lavorò in Israele per molti millenni e un tempo nacque in Giudea, ma oggi discende in Cina, il luogo dove il grande dragone rosso giace attorcigliato. Se l’essere nato in Giudea ne fa il Re dei Giudei, discendere oggi in mezzo a voi non Lo rende forse il vostro Dio? Egli guidò gli Israeliti e nacque in Giudea, ed è altresì nato in una terra dei Gentili. Tutto il Suo lavoro non è forse per l’umanità che Egli ha creato? Egli ama gli Israeliti cento volte e odia i Gentili mille volte? Non è questa la vostra nozione? Siete voi che non riconoscete Dio; non è che Dio non sia mai il vostro Dio. Siete voi che rifiutate Dio; non è che Dio non intenda essere il vostro Dio. Chi fra coloro che sono stati creati non è nelle mani dell’Onnipotente? L’obiettivo del conquistarvi oggi non è forse farvi riconoscere che Dio non è altri che il vostro Dio? Se ancora affermate che Dio è soltanto il Dio degli Israeliti e ancora asserite che la casa di David in Israele è l’origine della nascita di Dio, e nessuna nazione tranne Israele è qualificata per “produrre” Dio, e tantomeno le famiglie gentili sono in grado di ricevere personalmente l’opera di Jahvè – se il tuo modo di pensare è ancora questo, non ti rende forse un ostinato irriducibile? Non fissarti sempre su Israele. Dio è in mezzo a voi proprio in questo momento. Non continuare a rivolgere lo sguardo al cielo. Smetti di anelare al tuo Dio in cielo! Dio Si è unito a te, dunque come può essere in cielo? Non credi in Lui da molto tempo, eppure hai innumerevoli nozioni al riguardo, al punto che non osi nemmeno per un secondo pensare che il Dio degli Israeliti Si degnerebbe di “onorarvi” della Sua presenza. Tantomeno osate pensare a come potreste vedere Dio che compie un’apparizione personale, visto quanto siete intollerabilmente lordi. Non avete neppure mai pensato a come Dio potrebbe discendere di persona in una terra di Gentile. Egli dovrebbe discendere sul Monte Sinai o sul Monte degli Ulivi e apparire agli Israeliti. I Gentili (ossia, la gente nata fuori da Israele) non sono forse tutti oggetto della Sua avversione? Come potrebbe Egli lavorare di persona in mezzo a loro? Tutte queste sono le nozioni profondamente radicate che avete sviluppato nel corso di molti anni. Lo scopo del conquistarvi oggi è distruggere queste vostre nozioni. Dunque avete visto Dio apparire di persona in mezzo a voi – non sul Monte Sinai o sul Monte degli Ulivi, ma in mezzo a gente che Egli non ha mai guidato in passato.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (3)” in La Parola Appare Nella Carne

18. Dopo che Dio ebbe compiuto le Sue due fasi del lavoro in Israele, gli Israeliti e così tutti i Gentili impararono ad accogliere questa nozione: sebbene sia vero che Dio abbia creato tutte le cose, Egli intende essere soltanto il Dio degli Israeliti, non il Dio dei Gentili. Gli Israeliti credono quanto segue: Dio può essere soltanto il nostro Dio, non il Dio di voi Gentili, e poiché non venerate Jahvè, Jahvè – il nostro Dio – vi odia. I Giudei credono anche questo: il Signore Gesù assunse l’immagine di noi popolo ebraico ed è un Dio che porta il marchio del popolo ebraico. Dio opera in mezzo a noi. L’immagine di Dio e la nostra immagine sono simili; la nostra immagine si avvicina a quella di Dio. Il Signore Gesù è il Re di noi Giudei; i Gentili non sono qualificati per ricevere una salvezza tanto grande. Il Signore Gesù è il sacrificio offerto per espiare il peccato per noi Giudei. È soltanto sulla base di queste due fasi di lavoro che gli Israeliti e il popolo ebraico formarono queste numerose nozioni. Essi rivendicano prepotentemente Dio per se stessi, non permettendo che Dio fosse anche il Dio dei Gentili. In questo modo, Dio divenne un vuoto nei cuori dei Gentili. Ciò accade perché tutti arrivarono a credere che Dio non desidera essere il Dio dei Gentili e che ama solo gli Israeliti – il Suo popolo eletto – e ama i Giudei, in particolare i discepoli che Lo seguirono. Non sai che il lavoro compiuto da Jahvè e Gesù mirava alla sopravvivenza di tutta l’umanità? Adesso riconosci che Dio è il Dio di tutti voi nati fuori da Israele? Oggi Dio non è forse proprio qui, in mezzo a voi? Questo non può essere un sogno, vero? Non accettate questa realtà? Non osate crederci né pensarci. A prescindere dal vostro punto di vista, Dio non è proprio qui in mezzo a voi? Temete ancora di credere a queste parole? D’ora in avanti, non siete tutti delle persone che Egli ha conquistato e che desiderano essere seguaci di Dio, il popolo eletto di Dio? Tutti voi, che oggi siete dei seguaci, non siete il popolo eletto fuori da Israele? Il vostro stato non è lo stesso degli Israeliti? Quello che dovreste riconoscere non è forse tutto questo? Non è forse l’obiettivo dell’opera di conquista che vi riguarda? Poiché potete vedere Dio, Egli sarà il vostro Dio per sempre, fin d’ora e per il futuro. Egli non vi abbandonerà, fino a quando tutti voi intendete seguirLo ed essere creature fedeli e obbedienti a Lui.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (3)” in La Parola Appare Nella Carne

19. Che cosa significa essere perfezionato? Che cosa significa essere conquistato? Quali criteri si devono soddisfare per essere conquistato? E quali criteri si devono soddisfare per essere perfezionato? Conquista e perfezionamento sono entrambi finalizzati al lavoro compiuto sull’uomo affinché questi possa ritrovare la sua somiglianza originale ed essere libero dalla sua indole satanica corrotta e dall’influenza di Satana. La conquista avviene all’inizio del processo di lavoro sull’uomo, ossia è la prima fase dell’opera. Il perfezionamento è la seconda fase, o il lavoro conclusivo. Ogni essere umano deve attraversare il processo di conquista, altrimenti non potrebbe conoscere Dio e non saprebbe che esiste un Dio, ossia non sarebbe in grado di riconoscerLo. E se una persona non riconosce Dio, non potrebbe essere resa completa da Dio perché non soddisferebbe i criteri per questo completamento. Se non riconosci nemmeno Dio, come potresti conoscerLo? E come Lo cercheresti? Saresti altresì incapace di testimoniarLo, tantomeno di avere la fede per soddisfarLo. Pertanto, per chiunque desideri essere reso completo, il primo passo è sottoporsi al lavoro di conquista. Questa è la prima condizione. Tuttavia, che si tratti di conquista o perfezionamento, ciascuna opera mira a forgiare l’uomo e a cambiarlo e ciascuna opera è un elemento nel lavoro di gestione dell’uomo. Queste due fasi sono necessarie per trasformare un individuo in una persona completa; nessuna fase può essere tralasciata. È vero che “essere conquistato” non sembra molto gradevole, ma il processo di conquista è, precisamente, un processo di trasformazione. Una volta conquistato, potresti non esserti affatto liberato dalla tua indole corrotta, ma, quantomeno, l’avrai conosciuta. Attraverso l’opera di conquista imparerai a comprendere la tua scarsa umanità nonché la tua grande disubbidienza; anche se sarai incapace di eliminarle o di modificarle nel breve periodo di tale opera, imparerai a conoscerle. Questo getta le fondamenta della tua perfezione. Pertanto la conquista e il perfezionamento sono entrambi compiuti per cambiare l’uomo, per liberarlo dalla sua indole satanica corrotta affinché egli possa donarsi pienamente a Dio. L’essere conquistato è solo il primo gradino per la trasformazione dell’indole umana, nonché per l’uomo che si dona pienamente a Dio, un gradino che è inferiore all’essere perfezionato. L’indole vitale di una persona conquistata subisce meno cambiamenti di quella di una persona perfezionata. L’essere conquistato e l’essere perfezionato sono concettualmente diversi poiché sono fasi differenti dell’opera divina e impongono dei modelli diversi alle persone, laddove la conquista ne comporta di inferiori e la perfezione, invece, di superiori. I perfezionati sono i giusti, le persone rese sante e pure; sono cristallizzazioni del lavoro di gestione dell’umanità o prodotti finali. Sebbene non siano degli esseri umani irreprensibili, sono pur sempre degli individui che cercano di vivere esistenze significative. E per quanto riguarda i conquistati? Essi riconoscono solo a parole che Dio esiste; riconoscono che Dio Si è incarnato, che la Parola appare nella carne e che Dio è venuto sulla terra per compiere il lavoro di giudizio e punizione. Essi riconoscono, inoltre, che il giudizio e il castigo di Dio nonché la Sua punizione e il Suo affinamento sono utili all’uomo, ossia stanno appena cominciando ad avere una sembianza umana e hanno una certa comprensione della vita, ma sono ancora confusi in proposito. In altre parole, stanno appena iniziando a possedere l’umanità. Questi sono i risultati dell’essere conquistato. Quando le persone intraprendono il cammino della perfezione, la loro vecchia indole può essere modificata. Inoltre, le loro vite continuano a crescere e mano a mano entrano più profondamente nella verità. Sono capaci di detestare il mondo e tutti quelli che non cercano la verità; in particolare, provano avversione per se stessi, ma, soprattutto, conoscono chiaramente se stessi. Sono disposti a vivere secondo la verità e fanno della ricerca della verità il loro obiettivo. Sono riluttanti a vivere nell’ambito dei pensieri generati dalla loro mente e provano disgusto per la presunzione, la superbia e l’orgoglio dell’uomo. Parlano con grande senso del decoro, gestiscono le cose con discernimento, possiedono una grande saggezza e obbediscono fedelmente a Dio. Se fanno esperienza della punizione e del giudizio, non solo non diventano passivi o deboli, ma ne sono anche grati. Non sanno fare a meno della punizione e del giudizio di Dio; e anzi, attraverso di essi, possono ricevere la Sua protezione. Non perseguono una fede di pace, la gioia e la ricerca del pane per placare la fame. Né cercano i piaceri effimeri della carne. Questo è ciò che possiedono gli uomini portati a perfezione.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (4)” in La Parola Appare Nella Carne

20. Sostieni di riconoscere il Dio incarnato e riconosci che La Parola appare nella carne, eppure fai delle cose a Sua insaputa e non agisci nel modo che Egli desidera e non Lo temi. Questo è riconoscere Dio? Riconosci quello che dice, ma rifiuti di mettere in pratica anche ciò di cui sei capace e non segui la Sua via. Questo è riconoscerLo? Tu Lo riconosci, ma il tuo unico atteggiamento è di difenderti da Lui, mai di venerarLo. Se anche hai visto e riconosciuto il Suo lavoro e sai che Egli è Dio, nondimeno rimani tiepido e del tutto immutato, non sei ancora una persona conquistata.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (4)” in La Parola Appare Nella Carne

21. Una persona che è stata conquistata deve fare tutto quello che può; desidera addentrarsi e raggiungere le verità più elevate sebbene non sia ancora in grado di farlo. Le sue pratiche sono circoscritte e limitate solo perché ella è limitata in ciò che può accogliere. Eppure deve quantomeno agire nel limite delle sue possibilità. Se riesci a fare queste cose, sarà in virtù dell’opera di conquista. Supponiamo che tu dica: “Dato che Egli può proferire così tante parole che l’uomo non è in grado di pronunciare, se non è Dio chi è?” Avere questo genere di pensieri non significa riconoscere Dio. Se riconosci Dio, devi mostrarlo attraverso le tue azioni. Guidare una chiesa ma essere incapace di fare ciò che è giusto, bramare il denaro e incanalare sempre in segreto i soldi della chiesa nelle tue tasche è riconoscere l’esistenza di un Dio? Dio è onnipotente e deve essere temuto. Come puoi non avere paura se davvero riconosci che esiste un Dio? Come puoi aver fatto cose tanto deprecabili? Questo è forse credere? Riconosci davvero Dio? È Dio ciò in cui credi? Quello in cui credi è un Dio vago; per questo non Lo temi! Tutti quelli che davvero riconoscono e conoscono Dio ne hanno timore e paventano di fare qualsiasi cosa si opponga a Lui o vada contro la loro coscienza; in particolare, temono di compiere qualsiasi atto che sanno contrario al volere di Dio. Solo questo può essere considerato il riconoscimento dell’esistenza di Dio. Che cosa dovresti fare quando i tuoi genitori ti dissuadono dal credere in Dio? Come dovresti amare Dio quando tuo marito miscredente ti tratta bene? E come dovresti amare Dio quando i fratelli e le sorelle ti detestano? Se riconosci Dio, agirai in modo appropriato e metterai in pratica la realtà in tutte queste situazioni. Se non riesci ad agire concretamente ma ti limiti ad affermare che riconosci l’esistenza di Dio, allora sei solo un parolaio! Dici di credere in Lui e di riconoscerLo. Tuttavia, in che modo Lo riconosci? In che modo credi in Lui? Lo temi? Lo veneri? Lo ami profondamente nel tuo cuore? Quando sei angustiato e non hai nessuno a cui appoggiarti, pensi che Dio debba essere amato, ma poi ti dimentichi di tutto al riguardo. Questo non è amare Dio o credere in Dio! In definitiva, Dio che cosa desidera che l’uomo consegua? Tutti gli stati che ho menzionato – come pensare di essere una persona importante, sentire di essere veloce nel cogliere le cose, controllare gli altri, guardarli dall’alto in basso, giudicare le persone dal loro aspetto, vessare la gente onesta, bramare il denaro della chiesa, eccetera – ebbene, essere liberato da una parte di queste forme di indole satanica corrotta è quello che si dovrebbe vedere in te una volta che sei stato conquistato.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (4)” in La Parola Appare Nella Carne

22. L’opera di conquista compiuta su di voi ha un significato estremamente profondo. Da un lato, ha lo scopo di perfezionare un gruppo di individui, ossia perfezionarli trasformandoli in un gruppo di vincitori, come il primo gruppo di persone che sono state rese complete, ossia le primizie. Dall’altro lato, si prefigge di permettere agli esseri creati di godere dell’amore di Dio, di ricevere la salvezza più grande di Dio, la Sua salvezza assoluta, e di consentire all’uomo di godere non solo del perdono e della misericordia ma, e ciò che è più importante, della punizione e del giudizio. Dalla creazione del mondo fino a oggi, tutto quello che Dio ha compiuto nella Sua opera è amore, senza alcun odio per l’uomo. Anche la punizione e il giudizio che hai visto sono amore, un amore più vero e più reale, un amore che conduce l’uomo al giusto cammino della vita umana. Da un altro lato ancora, è testimoniare dinanzi a Satana. E ancora, è gettare le fondamenta per diffondere l’opera di evangelizzazione futura. Tutto il lavoro compiuto da Dio ha lo scopo di condurre le persone lungo il giusto cammino della vita umana, cosicché possiedano la vita normale dell’umanità, poiché l’uomo non sa come condurre la propria esistenza. Senza tale guida, saresti capace soltanto di vivere una vita vuota, di vivere una vita senza valore né significato, e non sapresti affatto essere una persona normale. Questo è il significato più profondo della conquista dell’uomo.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (4)” in La Parola Appare Nella Carne

23. Tutti voi vivete in un luogo peccaminoso e lascivo; siete tutti lascivi e peccatori. Oggi non solo potete vedere Dio ma, ed è questo un aspetto più importante, avete ricevuto il castigo e il giudizio, avete ricevuto la salvezza più profonda, ossia l’amore grandissimo di Dio. Tutte le Sue azioni sono amore vero per voi; Egli non ha alcuna cattiva intenzione. È per i vostri peccati che vi giudica, cosicché esaminiate voi stessi e riceviate questa meravigliosa salvezza. Tutto questo è fatto per forgiare l’uomo. Dal principio alla fine, Dio Si adopera al massimo per salvare l’uomo e, di certo, non è disposto a distruggere completamente gli uomini che ha creato con le Sue Stesse mani. Adesso che è venuto in mezzo a voi per compiere la Sua opera, non è forse questa una salvezza addirittura più grande? Se vi odiasse, compirebbe ancora un’opera di tale grandezza per guidarvi personalmente? Perché dovrebbe soffrire così? Dio non vi odia né ha alcuna cattiva intenzione verso di voi. Dovreste sapere che l’amore di Dio è l’amore più vero. È solo per la disobbedienza della gente che Egli deve salvare le persone attraverso il giudizio; altrimenti, non verrebbero salvate. Poiché non sapete condurre una vita o vivere, e vivete in questo luogo dissoluto e peccaminoso e siete dei demoni lordi e lascivi, Egli non ha il cuore di lasciarvi diventare ancora più depravati; né ha il cuore di vedervi vivere in un luogo sozzo come questo, calpestati da Satana a suo piacimento, né ha il cuore di lasciarvi precipitare nell’Ade. Egli desidera solo conquistare il vostro gruppo e salvarvi integralmente. Questo è lo scopo primario dell’opera di conquista che Egli compie su di voi: è unicamente ai fini della salvezza.

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (4)” in La Parola Appare Nella Carne

24. Se non riesci a comprendere che tutto quello che viene fatto su di te è amore e salvezza, se pensi che sia solo un metodo, un modo per tormentare l’uomo, un qualcosa di inattendibile, allora potresti anche tornare al tuo mondo per patire il dolore e le avversità! Se sei disposto a trovarti in questo flusso e godere di questo giudizio e di questa immensa salvezza, e godere di questo amore e di tutta questa benedizione che non si trova altrove nel mondo degli uomini, allora è bene che rimani con umiltà nel flusso per accettare l’opera di conquista cosicché tu possa essere perfezionato. Sebbene tu adesso stia patendo il dolore e l’affinamento a causa del giudizio, questa sofferenza ha senso e valore. Sebbene la punizione e il giudizio siano degli affinamenti e delle rivelazioni spietate che vengono all’uomo, gli uni e gli altri destinati a punirne i peccati e la carne, nulla di questo lavoro mira a condannare e a estinguere la carne umana. Le severe rivelazioni della Parola sono intese per condurti sul giusto cammino. Avete sperimentato di persona così tanto di quest’opera e, con tutta evidenza, non vi ha condotto su un sentiero perverso! Tutto questo mira a permetterti di realizzare un’umanità normale: tutto questo è qualcosa che la tua normale umanità può conseguire. Ogni fase del lavoro è compiuta in base alle tue esigenze, secondo le tue debolezze e la tua statura morale attuale, e non siete gravati da alcun fardello intollerabile. Sebbene adesso tu sia incapace di capirlo con chiarezza e ritenga che Io sia duro con te, sebbene continui a pensare che il motivo per cui ti punisco, ti giudico e ti rimprovero ogni giorno sia perché ti odio, e sebbene quello che ricevi siano punizione e giudizio, in realtà è tutto amore per te nonché una grande protezione nei tuoi confronti. Se non riesci a cogliere il significato più profondo di questo lavoro, allora semplicemente non esiste alcuna possibilità che tu prosegua la tua esperienza. Dovresti trarre conforto da una simile salvezza. Non rifiutare di essere ragionevole. Essendoti spinto così lontano, dovresti cogliere chiaramente il significato dell’opera di conquista. Non dovresti più essere indeciso!

da “La verità intrinseca dell’opera di conquista (4)” in La Parola Appare Nella Carne