749 L’atteggiamento di Giobbe verso le benedizioni di Dio

Giobbe credeva in cuor suo che tutto ciò che possedeva

fosse donato da Dio e non dalla sua propria mano.

Non vedeva le benedizioni come cose da cui trarre vantaggio

ma si tenne saldo alla via da mantenere

come guida per la sua vita.

Giobbe non è mai impazzito di gioia

per le benedizioni che Dio gli concedeva,

né ignorava la via di Dio o dimenticava la grazia di Dio

per le benedizioni di cui spesso godeva.

Giobbe apprezzava le benedizioni di Dio

e di esse ringraziava Dio,

senza amarle troppo e senza chiederne di più.

Non faceva mai nulla per amore delle benedizioni,

né si preoccupava di perderle o che Dio gliele togliesse, oh.

Giobbe non è mai impazzito di gioia

per le benedizioni che Dio gli concedeva,

né ignorava la via di Dio o dimenticava la grazia di Dio

per le benedizioni di cui spesso godeva.

Woo…

Giobbe non è mai impazzito di gioia

per le benedizioni che Dio gli concedeva,

né ignorava la via di Dio o dimenticava la grazia di Dio

per le benedizioni di cui spesso godeva. Oh.

Adattato da “L’opera di Dio, l’indole di Dio e Dio Stesso II” in “La Parola appare nella carne”

Pagina precedente: 748 L’autentica fede e obbedienza di Giobbe nei confronti di Dio

Pagina successiva: 750 Le ragioni per cui Giobbe si guadagnò la lode di Dio

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Contenuti correlati

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro