267 Il giudizio di Dio ha reso più puro il mio cuore pieno d’amore per Lui

1 O Dio! La mia carne è disobbediente e Tu mi castighi e mi giudichi. Mi rallegro del Tuo castigo e giudizio e, anche se non mi vuoi, nel Tuo giudizio vedo la Tua indole santa e giusta. Quando mi giudichi, mostrando così agli altri con il Tuo giudizio la Tua indole giusta, mi sento contento.

2 Se può esprimere la Tua indole giusta e far sì che essa sia vista da tutte le creature, e se può rendere il mio amore per Te più puro, cosicché io possa assumere l’aspetto di una persona retta, allora il Tuo giudizio è buono, perché tale è la Tua volontà piena di grazia.

3 So che c’è ancora molto in me che è ribelle e che non sono ancora degno di venire al Tuo cospetto. Vorrei che Tu mi giudicassi ancora di più, sia per mezzo di un ambiente ostile, sia per mezzo di grandi tribolazioni; indipendentemente da come Tu mi giudichi, per me ciò è prezioso. Il Tuo amore è così profondo e io sono disposto a rimettermi alla Tua mercé senza il minimo lamento.

Pagina precedente: 266 L’amore di Pietro per Dio

Pagina successiva: 268 Sono pronto a sottostare all’opera di Dio

Sei disposto ad essere una pecora che ascolta la voce di Dio per accogliere il Suo ritorno?

Contenuti correlati

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro