325 La fede dell'uomo in Dio è intollerabilmente mediocre

Il rapporto che l'uomo ha con Dio

è di puro interesse personale.

È il rapporto tra chi riceve

e chi concede benedizioni.

È esattamente come il rapporto

tra datore di lavoro e dipendente.

Il dipendente lavora per ricevere

ricompense dal datore di lavoro.

Quando la gente è sempre immersa

nella gioia di esser benedetta,

nessuno capisce quanto imbarazzante e orrendo

sia un rapporto con Dio come questo.


In un rapporto come questo

non c'è affetto, c'è solo un patto;

non c'è amore, ma solo pietà e carità;

non c'è comprensione, c'è solo inganno.

Non c'è intimità, c'è solo un divario.

Chi può invertire la rotta che si è spinta tanto oltre?

Quanti possono davvero capire

che rapporto orrendo sia questo?

Quando la gente è sempre immersa

nella gioia di esser benedetta,

nessuno capisce quanto imbarazzante e orrendo

sia un rapporto con Dio come questo.

Quando la gente è sempre immersa

nella gioia di esser benedetta,

nessuno capisce quanto imbarazzante e orrendo

sia un rapporto con Dio come questo.


Adattato da "L'uomo può essere salvato solamente nell'ambito della gestione di Dio"in "La Parola appare nella carne"

Pagina precedente: 324 Le spregevoli mire celate dietro la fede dell'uomo in Dio

Pagina successiva: 326 La cosa più triste riguardo la fede dell'umanità in Dio

Desideravi che il Salvatore venisse per la seconda volta a salvare completamente l’umanità? Il Signore è arrivato ormai da tempo per esprimere la verità e purificare e salvare l’uomo. Se vuoi saperne di più, mettiti in contatto con noi tramite Whatsapp.
Contattaci su Messenger
Contattaci su WhatsApp

Contenuti correlati

475 La vita più significativa

ⅠPoiché sei un essere creato, dovresti adorare Dio.Poiché sei un essere creato, dovresti dedicarti alla vita più significativa.Siete gente...

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro