501 La pratica della rinuncia alla carne

Se accade qualcosa che ti chiede di sopportare le avversità,

capisci e segui in quel momento la volontà di Dio.

Non soddisfare te stesso, fatti da parte.

Niente è più abietto della carne.

Devi cercare e soddisfare Dio e compiere il tuo dovere.

Con tali pensieri Dio ti porterà in questo

una speciale rivelazione

e il tuo cuore troverà conforto.

Quando qualcosa ti accade,

grande o piccola, metti da parte te stesso,

considera la carne la cosa più bassa di tutte.

La carne ha sempre desideri stravaganti,

più soddisfi la carne,

più essa chiede, più libertà si prende,

aumentano i desideri, aumenta la depravazione.

Finché la carne non alimenterà

concezioni assai più profonde,

disobbedisce a Dio, esalta se stessa, dubita dell’opera di Dio.

La carne dell’uomo è come un serpente, nuoce alla vita.

E quando raggiunge lo scopo

la tua vita è perduta per sempre.

La carne appartiene a Satana.

È un’egoista con desideri stravaganti,

vuole agi, riposo, facilità e ozio.

Raggiunto un certo punto di soddisfazione,

la carne alla fine ti divorerà.

Finché la carne non alimenterà

concezioni assai più profonde,

disobbedisce a Dio, esalta se stessa, dubita dell’opera di Dio.

Se accade qualcosa che ti chiede di sopportare le avversità,

capisci e segui in quel momento la volontà di Dio.

Non soddisfare te stesso, fatti da parte.

Niente è più abietto della carne.

Devi cercare e soddisfare Dio.

Adattato da “Solo amare Dio vuol dire credere veramente in Dio” in “La Parola appare nella carne”

Pagina precedente: 500 Abbandonare la carne è mettere in pratica la verità

Pagina successiva: 502 Il significato di abbandonare la carne

Il Signore promise: “Ecco, Io vengo tosto”. Desiderate accogliere il ritorno del Signore il prima possibile?

Contenuti correlati

Impostazioni

  • Testo
  • Temi

Colori omogenei

Temi

Carattere

Dimensioni carattere

Interlinea

Interlinea

Larghezza pagina

Indice

Cerca

  • Cerca in questo testo
  • Cerca in questo libro